Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 6 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 55

Discussione: Il tomismo è ancora attuale?

  1. #11
    CierRino d'oro L'avatar di Stefano79
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    10,765
    Ringraziato
    553
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Peccato che alcuni su questo forum concordino con Kant che ha ricondotto le famose 5 prove alla prova ontologica.
    Non sono un filosofo e ho provato a capire i passaggi "logici" di Kant che ha confutato ( dicono ) le prove dell'esistenza di Dio di S.Tommaso.
    Non ci sono riuscito.. o meglio ritengo che il metodo usato da Kant per confutare S. Tommaso necessiti di essere d'accordo con lui in alcune premesse .. cioè che nessuno potrà mai conoscere la realtà perché tutto quello che possiamo sapere passa dai sensi fisici filtrati dalla sensibilità ed elaborati dalla propria razionalità..
    Tutto il castello filosofico che Kant ha elaborato si basa su una realtà non "reale" ma filtrata.
    Dunque studiare Kant non so cosa possa servire ... Forse mi merito le critiche degli esperti...
    Con le premesse che Kant ha posto (dal che la filosofia si è trasformata in una teoria della conoscenza), qualunque conoscenza per essere vera e raggiungere il vero ha bisogno del fenomeno empirico e di forme a priori dell'intelletto. Per questo la metafisica viene bollata come inconoscibile. Kant non dice che la metafisica (l'insieme delle conoscenze dell'essere e dei principi primi che sta "dietro" alle cose, che non è visibile, per così dire) ha oggetti impossibili, dice solo che arriva a delle antinomie, perchè studia cose che non hanno un supporto empiricamente testabile (cfr. Kant, Critica della Ragion Pura, I, 2, cap. 2: “L’antinomia della ragion pura”). Il risultato è questo, secondo me, che si torna a Tommaso d'Aquino, che propone invece una conoscenza diversa, che soprattutto non limita la conoscenza umana alla sola fisica o a modi fisici di conoscere, ma la estende alla metafisica. Infatti, Tommaso è capace di individuare la logica sostanziale, non solo formale e di conoscere le cose che l'uomo non vede a partire semplicemente dal ragionamento. Io non so chi in questo forum preferisce Kant, tuttavia devo dire che quando la filosofia mette un suo particolare elemento a fondamento del tutto, finisce per limitarsi da sola. Con San Tommaso abbiamo una concezione che mette Dio a base di tutte le cose, quindi una metafisica completa e totale, che analizza tutta la realtà. Da qui anche, secondo me, il carattere "monumentale" delle sue opere, che sono analisi dettagliate di tutta la realtà umana, dalla morale alla fisica, dalla conoscenza alle virtù. Invece, con Kant assistiamo ad un nuovo modo di fondare la filosofia, che la limita. Il principio assoluto di tutto non è più Dio, ma l'Io conoscente; per questo egli arriva all'agnosticismo metafisico. E poi limita il sapere umano a pochi settori, perchè se metti il trascendentale del Vero a base di tutto, escludi gli altri e riduci l'oggetto di studio a poche cose che riguardano la conoscenza e nulla di più.
    "E' morto fra Tommaso d'Aquino, figlio mio in Cristo, luce della Chiesa"

  2. Il seguente utente ringrazia Stefano79 per questo messaggio:

    aldo12 (16-03-2017)

  3. #12
    Fedelissimo di CR L'avatar di teophilius
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Torino
    Età
    52
    Messaggi
    4,023
    Ringraziato
    936

    semi-ot

    Perdonate il semi-ot, è solo per informarvi che ho iniziato una discussione in Ecumenismo & Dialogo sulla teleologia. Lo spunto è una bella dispensa di un filosofo Aristotelico-Tomista, mi sembra una testimonianza dell'attualità e della validità del Tomismo.
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, nè lutto, nè lamento, nè affanno, perché le cose di prima sono passate \[T]/

  4. #13
    Iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Trani
    Età
    32
    Messaggi
    61
    Ringraziato
    8
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Peccato che alcuni su questo forum concordino con Kant che ha ricondotto le famose 5 prove alla prova ontologica.
    Non sono un filosofo e ho provato a capire i passaggi "logici" di Kant che ha confutato ( dicono ) le prove dell'esistenza di Dio di S.Tommaso.
    Non ci sono riuscito.. o meglio ritengo che il metodo usato da Kant per confutare S. Tommaso necessiti di essere d'accordo con lui in alcune premesse .. cioè che nessuno potrà mai conoscere la realtà perché tutto quello che possiamo sapere passa dai sensi fisici filtrati dalla sensibilità ed elaborati dalla propria razionalità..
    Tutto il castello filosofico che Kant ha elaborato si basa su una realtà non "reale" ma filtrata.
    Dunque studiare Kant non so cosa possa servire ... Forse mi merito le critiche degli esperti...
    Non si ricorda mai, purtroppo, che le critiche di Kant sono state confutate dalla filosofia successiva...

  5. #14
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,982
    Ringraziato
    354
    Citazione Originariamente Scritto da CCS Visualizza Messaggio
    Non si ricorda mai, purtroppo, che le critiche di Kant sono state confutate dalla filosofia successiva...

    Mi sono fermato a Kant.

    Se mi fai una sintesi della confutazione successiva alla "critica di Kant" te ne sarei grato.

    E vorrei anche dire che tutta la filosofia successiva a quella di Aristotele e Platone è poco più che dettaglio..

    Ma sono curioso LO STESSO di conoscere chi ha confutato successivamente Kant.

    La filosofia non è come la scienza che si evolve con le nuove scoperte.... e le vette del pensiero sono stata toccate dai Greci 2500 anni orsono... il modo di pensare di elaborare concetti non è differente di quello degli antichi filosofi Greci
    So che le mie sono considerazioni possono far storcere il naso.. e meritarsi anche di peggio..

    Per me la filosofia degli ultimi secoli sta alla filosofia degli antichi Greci come uno scarabocchio di Modigliani sta alla scuola di Atene di Raffaello..

    Da quello che ho capito io IL TOMISMO si basa su ARISTOTELE ( e Platone )...

    Hai voglia di elaborare ragionamenti per confutare la "verità" espressa da Aristotele.

    Aristotele non si perde in ragionamenti basati sulla impossibilità di definire cosa sia vero ed esistente ( Kant in sintesi dice che la realtà potrebbe essere pura illusione. E dimostratemi che mi sbaglio )....

    Aristotele ha osservato la realtà perché questa esiste semplicemente ed è accessibile attraverso i sensi... la natura con le sue regole ha suggerito ad Aristotele come costruire la sua Filosofia..Cosa dobbiamo pretendere di più ?

    Dar retta ai filosofi che sostengono che la realtà non si può dimostrare ?

  6. #15
    Iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Età
    56
    Messaggi
    245
    Ringraziato
    1
    Se masticate l'inglese, mi permetto di segnalarvi questi due libri, secondo me strepitosi:

    Aquinas: a beginner's guide
    Scholastic Metaphysics: a contemporary introduction

    Entrambi scritti da Edward Feser, filosofo americano (con sette figli), sono di gran lunga la migliore spiegazione del pensiero filosofico di San Tommaso che abbia mai letto. Dimostra la straordinaria attualita' di questa filosofia (motivo: è attuale perche' e' vera)

    Per pigrizia, mi limito a trascrivere qui di seguito la recensione che ho messo su Amazon:

    Davvero eccellente, un vero peccato che non sia disponibile in italiano. Premetto di essere laureato in economia, di svolgere un lavoro in tale settore, e di essere praticamente digiuno di filosofia, se non come hobby. Date queste premesse non vi stupirete se San Tommaso mi era sempre stato piuttosto ostico. Dopo aver letto il libro, ho capito cosa mi mancava: le premesse filosofiche. Questo libro le rende facilmente comprensibili ed accessibili anche ad una persona poco competente come me.

    Cio' che rende unico il lavoro di San Tommaso è che dà una spiegazione razionale della realta' che "quadra" con la realta' stessa. A differenza per esempio del materialismo,che da' una spiegazione abbastanza buona della realta' materiale ma fallisce clamorosamente nello spiegare le realta' immateriali (economia, sociologia, politica, etica, psicologia sono tutti campi in cui il materialismo fallisce e, nel fallire, produce mostri). Senza poi parlare di Dio, senza il quale manca una parte fondamentale a qualsiasi descrizione ed interpretazione della realta'.

    Edward Feser e' un filosofo che va per la maggiore nei paesi di lingua anglosassone (provate a dare una occhiata alle sue recensioni su amazon.com, per esempio), ma che e' abbastanza sconosciuto altrove (credo che i suoi libri non siano stati tradotti in nessun'altra lingua). Se volete farvi un'idea di come scrive, provate a visitare il suo blog edwardfeser punto blogspot punto it. Secondo me scrive e spiega benissimo, mai semplicistico, mai cosi' arduo da risultare incomprensibile.

  7. Il seguente utente ringrazia sedix per questo messaggio:

    teophilius (16-03-2017)

  8. #16
    Fedelissimo di CR L'avatar di teophilius
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Torino
    Età
    52
    Messaggi
    4,023
    Ringraziato
    936
    Citazione Originariamente Scritto da sedix Visualizza Messaggio
    Se masticate l'inglese, mi permetto di segnalarvi questi due libri, secondo me strepitosi:

    Aquinas: a beginner's guide
    Scholastic Metaphysics: a contemporary introduction

    Entrambi scritti da Edward Feser, filosofo americano (con sette figli), sono di gran lunga la migliore spiegazione del pensiero filosofico di San Tommaso che abbia mai letto. Dimostra la straordinaria attualita' di questa filosofia (motivo: è attuale perche' e' vera)
    Confermo! Sedix, piccolo spot su un post, in E&D ho linkato una dispensa di Teleologia del Feser
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, nè lutto, nè lamento, nè affanno, perché le cose di prima sono passate \[T]/

  9. #17
    Iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Italia
    Età
    56
    Messaggi
    245
    Ringraziato
    1
    Citazione Originariamente Scritto da teophilius Visualizza Messaggio
    Confermo! Sedix, piccolo spot su un post, in E&D ho linkato una dispensa di Teleologia del Feser
    Sì, la dispensa che hai segnalato è stata la prima pubblicazione di Feser che mi è capitato di leggere. E' stata proprio quella che mi ha fatto "innamorare" di lui come filosofo!

  10. #18
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,982
    Ringraziato
    354
    Si dice che Kant abbia confutato S. Tommaso perché ha ricondotto le 5 prove come se fosse la prova ontologica di S. Anselmo.
    Qua è stato detto che successivamente è stato confutato Kant.... Cosa si deve pensare ?

  11. #19
    Fedelissimo di CR L'avatar di teophilius
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Torino
    Età
    52
    Messaggi
    4,023
    Ringraziato
    936
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Si dice che Kant abbia confutato S. Tommaso perché ha ricondotto le 5 prove come se fosse la prova ontologica di S. Anselmo.
    Qua è stato detto che successivamente è stato confutato Kant.... Cosa si deve pensare ?
    Quello che si dice qua ;)
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, nè lutto, nè lamento, nè affanno, perché le cose di prima sono passate \[T]/

  12. #20
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,982
    Ringraziato
    354
    Citazione Originariamente Scritto da teophilius Visualizza Messaggio
    Quello che si dice qua ;)

    Anche io non concordo con Kant perché non concordo con la sua premessa,...ovvero che la realtà non si può conoscere oggettivamente perché l'uomo la può solo conoscere attraverso i propri personali sensi i quali trasmettono le informazioni che vengono mediate dalla propria sensibilità.
    Non voglio sminuire un gigante della filosofia come Kant ma non vedo nessun motivo particolare di approfondire il suo pensiero quando è chiaro fin dall'inizio che per capire Kant bisogna accettare per definizione le sue premesse.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •