Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34

Discussione: Aldilà o resurrezione

  1. #1
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Milano
    Età
    30
    Messaggi
    501
    Ringraziato
    148

    Aldilà o resurrezione

    Nei Vangeli e nelle lettere apostoliche, si parla, per quanto concerne il post-mortem, più di resurrezione che di eternità dell'anima, mi aiutate a capire meglio?

  2. #2
    Partecipante a CR L'avatar di Brocabruno
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    886
    Ringraziato
    158
    In rapidità, poi ti spiegherà meglio qualcuno che può citare bene tutti i passaggi.
    Alcuni, come i testimoni di Geova, credono nel sonno dell'anima, nel senso che per loro infatti ci sarà la resurrezione dei corpi alla fine dei tempi, ma nel frattempo non c'è alcuna vita dopo la morte. Ci sono stati diversi studi sui testi, e ormai possiamo affermare con soddisfacente sicurezza che gli apostoli e i padri credevano anche in una vita dopo la morte, se qualcuno credeva nel sonno dell'anima era in minoranza.
    Se l'anima è la forma, essa di certo non può essere correttamente intesa come un fantasma che esce dal corpo e continua a ragionare e percepire il mondo in modo assolutamente autonomo tramite sconosciuti mezzi differenti da quelli che aveva nel corpo. Questo non vuol dire però che l'anima venga distrutta. Vi è vita dopo la morte, ma pure vita dopo la vita, perché le due cose non sono in contraddizione: tra la morte e la risurrezione l'anima rimane, non viene distrutta; e poi c'è anche la risurrezione dei corpi.

  3. Il seguente utente ringrazia Brocabruno per questo messaggio:

    Efesino (05-12-2017)

  4. #3
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Milano
    Età
    30
    Messaggi
    501
    Ringraziato
    148
    come rispondere ai TdG i quali sostengono che l'immortalità dell'anima è un influsso della filosofia ellenistica?

  5. #4
    Moderatore tomista L'avatar di Deoiuvante
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Vicenza
    Età
    27
    Messaggi
    10,400
    Ringraziato
    1368
    Nell'apposita discussione sui TdG in Ecumenismo & Dialogo puoi trovare - con un po' di pazienza - la risposta al tuo quesito.
    Ipsam sequens non devias, Ipsam rogans non desperas, Ipsam cogitans non erras

  6. #5
    Iscritto L'avatar di Maria09
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    132
    Ringraziato
    3

    L'anima conserva uma sua indiviualita'

    Ho provatonad effettuarenuna ricerca ma non sono riuscita, forse sbaglio qualche passaggio. Vogliate perdonarmi se scrivo in questa sezione la mia domanda. Ho letto che l'anima non avra' piu' mezzi o sensi per distinguere cio' che la circonda. Mi chiedo allora se conservi una sua individualita', dei ricordi, insomma cos'e' l'anima se non possiede alcuna facolta' di percezione?

  7. #6
    Moderatore tomista L'avatar di Deoiuvante
    Data Registrazione
    Aug 2013
    Località
    Vicenza
    Età
    27
    Messaggi
    10,400
    Ringraziato
    1368
    https://www.amicidomenicani.it/leggi...te.php?id=4050

    Diverso è il caso delle anime dannate, giacché non godono della visione beatifica. Comunque esse non perdono la propria individualità e non si dissolvono ma scontano individualmente la propria pena.
    Ipsam sequens non devias, Ipsam rogans non desperas, Ipsam cogitans non erras

  8. #7
    Alexander Severus
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Efesino Visualizza Messaggio
    come rispondere ai TdG i quali sostengono che l'immortalità dell'anima è un influsso della filosofia ellenistica?
    Semplicemente io risponderei "E quindi?".

  9. #8
    Cronista di CR L'avatar di Fone
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Località
    Bologna
    Età
    26
    Messaggi
    296
    Ringraziato
    52
    Il "corpo spirituale" della resurrezione è diverso dal corpo di questa vita, così come Gesù risorto non era legato alle dimensioni di spazio e tempo del corpo fisico così noi una volta risorti saremo liberi da ogni forma di peccato quindi liberi dalla morte e liberi dalle dipendenze di spazio e tempo che conosciamo in questo mondo.
    Matteo Così, non siete stati capaci di vegliare con me un'ora sola? Vegliate e pregate, affinché non cadiate in tentazione; lo spirito è pronto, ma la carne è debole

  10. Il seguente utente ringrazia Fone per questo messaggio:

    teophilius (11-12-2017)

  11. #9
    Partecipante a CR L'avatar di Brocabruno
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    886
    Ringraziato
    158
    Citazione Originariamente Scritto da Efesino Visualizza Messaggio
    come rispondere ai TdG i quali sostengono che l'immortalità dell'anima è un influsso della filosofia ellenistica?
    - è necessario dimostrare l'esistenza di tale influsso per tale argomento;
    - anche nel caso fosse dimostrato, sarebbe una fallacia genetica considerarla sbagliata per questo: bisogna dimostrare separatamente il suo essere in contraddizione con i testi.

    Citazione Originariamente Scritto da Maria09 Visualizza Messaggio
    Ho provatonad effettuarenuna ricerca ma non sono riuscita, forse sbaglio qualche passaggio. Vogliate perdonarmi se scrivo in questa sezione la mia domanda. Ho letto che l'anima non avra' piu' mezzi o sensi per distinguere cio' che la circonda. Mi chiedo allora se conservi una sua individualita', dei ricordi, insomma cos'e' l'anima se non possiede alcuna facolta' di percezione?
    Il contenuto della tua coscienza, attualmente, è dato dal cervello: ricordi, ragioni, percepisci, tramite esso e i tuoi organi di senso. Questo non vuol dire che Dio non abbia modo di darti un'esistenza diversa anche a prescindere da tali organi. Quale sia l'esatto modo in cui ciò sia possibile, be', direi che è chiedere un po' troppo (ma puoi chiedere: "guardando" Dio, cosa pensi di vederci?), anche perché ci è difficile immaginare, noi esseri temporali, una esistenza atemporale. In ogni caso l'uguaglianza anima=mente è sbagliata, e la maggior parte degli argomenti degli atei si basa proprio su questa falsa uguaglianza, e così dicendo "la coscienza dipende dal cervello, quindi non c'è anima" credono di dire chissà che, quando anche un cavernicolo poteva notare che chiudendo gli occhi non vedeva più.

  12. #10
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,992
    Ringraziato
    356
    Citazione Originariamente Scritto da Brocabruno Visualizza Messaggio
    - . In ogni caso l'uguaglianza anima=mente è sbagliata, e la maggior parte degli argomenti degli atei si basa proprio su questa falsa uguaglianza, e così dicendo "la coscienza dipende dal cervello, quindi non c'è anima" credono di dire chissà che, quando anche un cavernicolo poteva notare che chiudendo gli occhi non vedeva più.
    Cosa me ne faccio di un'anima slegata dalle mie esperienze ? Prima o dopo ci sarà la resurrezione dei corpi con i ricordi immagazzinati dalla propria mente..
    A cosa servirebbe il vivere se la nostra anima non viene influenzata dalla nostra mente ? Oppure per essere più drastici a cosa servirebbe avere una mente ?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •