Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 34

Discussione: Aldilà o resurrezione

  1. #11
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,349
    Ringraziato
    2231
    C'è la prova, scientifica, che la coscienza continua ad esistere negli attimi successivi alla morte.

    Si parla del caso di persone in arresto cardiaco ed elettroencefalogramma piatto che sono state rianimate, e ricordano cosa hanno visto, sentito udito in quegli attimi.

    C'è un dopo quindi, almeno un "subito dopo".
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

  2. #12
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Aleksej
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Località
    Cagliari
    Età
    54
    Messaggi
    2,242
    Ringraziato
    671
    Citazione Originariamente Scritto da nofear Visualizza Messaggio
    C'è la prova, scientifica, che la coscienza continua ad esistere negli attimi successivi alla morte.

    Si parla del caso di persone in arresto cardiaco ed elettroencefalogramma piatto che sono state rianimate, e ricordano cosa hanno visto, sentito udito in quegli attimi.

    C'è un dopo quindi, almeno un "subito dopo".
    Il problema è definire il confine di "morte". Non credo che queste persone fossero realmente morte, perchè da lì non si torna indietro. Evidentemente c'è uno stato profondo di premorte dal qualle in alcuni casi ci si può riprendere.

  3. #13
    Partecipante a CR L'avatar di Brocabruno
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Veneto
    Età
    24
    Messaggi
    781
    Ringraziato
    143
    Citazione Originariamente Scritto da nofear Visualizza Messaggio
    C'è la prova, scientifica, che la coscienza continua ad esistere negli attimi successivi alla morte.

    Si parla del caso di persone in arresto cardiaco ed elettroencefalogramma piatto che sono state rianimate, e ricordano cosa hanno visto, sentito udito in quegli attimi.

    C'è un dopo quindi, almeno un "subito dopo".
    Io credo che quelle visioni avvengano nel momento stesso della rianimazione, prima del risveglio. Sarebbe assurdo infatti immaginare il Signire indeciso se uno sia morto oppure no, così prima lo chiama a se e poi lo fa tornare indietro... Ovviamente potrebbe comunque essere intesa come una sorta di esperienza mistica (per le quali non serve morire), per quanto sia discutibile comunque, visto che qualcuno, nelle esperienze di premorte, ha visto pure Cristo trasformarsi in Krishna...

  4. #14
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,349
    Ringraziato
    2231
    Citazione Originariamente Scritto da Brocabruno Visualizza Messaggio
    Io credo che quelle visioni avvengano nel momento stesso della rianimazione, prima del risveglio. Sarebbe assurdo infatti immaginare il Signire indeciso se uno sia morto oppure no, così prima lo chiama a se e poi lo fa tornare indietro... Ovviamente potrebbe comunque essere intesa come una sorta di esperienza mistica (per le quali non serve morire), per quanto sia discutibile comunque, visto che qualcuno, nelle esperienze di premorte, ha visto pure Cristo trasformarsi in Krishna...
    Scienziati lo affermano in base a prove su pazienti che dicono di essersi visti dall'alto, di essere entrati in un mondo di luce e di essere stati "rimandati indietro".

    Non credo che queste persone fossero realmente morte, perchè da lì non si torna indietro
    c'è un lasso di tempo entro il quale una persona puo' essere riportata in vita.
    Tipo il ragazzo che è stato 18 minuti senza respirare e quindi senza ossigeno al cervello un paio d'anni fa in Italia o casi simili: cuore fermo ed elettroencelfalogramma piatto: quest'ultimo dato è impressionante, poiché significa che la coscienza va oltre la corporeità.
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

  5. #15
    Partecipante a CR L'avatar di Brocabruno
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Veneto
    Età
    24
    Messaggi
    781
    Ringraziato
    143
    Benché vi siano racconti aneddotici di pazienti che, in una esperienza fuori dal corpo (la quale può comunque essere indotta anche da delle droghe), paiono poter descrivere cose che altrimenti non avrebbero potuto descrivere, non si è mai riusciti a cogliere casi di questo tipo in modo controllato. Inoltre, perché non capita a tutti? C'è il rischio di presentarlo come un fenomeno naturale, senza necessità di Dio, come fa Robert Lanza con la teoria del biocentrismo, o anche come più velatamente suggerisce Penrose con il modello Orch-Or, David Staume con il suo "The Atehist Afterlife" - dove ipotizza che la coscienza rimanga, dopo la morte, in uno stato di sogno senza risveglio - e "Sex in The Afterlife" - che si commenta da solo (d'altronde, è curioso che circa il 30% degli atei creda in una vita dopo la morte: come se la giustificano?). Comunque, so che sulle NDE e sulle OBE ci sono già altri topic...

  6. #16
    Iscritto L'avatar di Maria09
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    131
    Ringraziato
    3
    Citazione Originariamente Scritto da Fone Visualizza Messaggio
    Il "corpo spirituale" della resurrezione è diverso dal corpo di questa vita, così come Gesù risorto non era legato alle dimensioni di spazio e tempo del corpo fisico così noi una volta risorti saremo liberi da ogni forma di peccato quindi liberi dalla morte e liberi dalle dipendenze di spazio e tempo che conosciamo in questo mondo.
    Mi chiedo proprio questo, nell'attesa della resurrezione, l'anima in che condizioni vive? Ma so che chiedo troppo. Scusatemi, la mia non e' curiosita' morbosa, nasce non solo dalla speranza che non finisce tutto qua, sulla Terra, ma anche perche' da quando ho perso i genitori vivo con un dolore incolmabile nel cuore. Spero un giorno di rivederli in Cielo. Tempo fa ho fatto anche un sogno sinificativo che mi ha fatto sperare....

  7. #17
    Fedelissimo di CR L'avatar di teophilius
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Torino
    Età
    52
    Messaggi
    3,719
    Ringraziato
    842
    Citazione Originariamente Scritto da Maria09 Visualizza Messaggio
    Mi chiedo proprio questo, nell'attesa della resurrezione, l'anima in che condizioni vive?
    La mia opinione è che l'anima separata dal corpo sopravviva in una condizione analoga a quella del sogno.

    Citazione Originariamente Scritto da Maria09 Visualizza Messaggio
    Ma so che chiedo troppo. Scusatemi, la mia non e' curiosita' morbosa, nasce non solo dalla speranza che non finisce tutto qua, sulla Terra, ma anche perche' da quando ho perso i genitori vivo con un dolore incolmabile nel cuore. Spero un giorno di rivederli in Cielo. Tempo fa ho fatto anche un sogno sinificativo che mi ha fatto sperare....
    Non trovo sia una curiosità morbosa. Piuttosto troverei strano che una persona non abbia a cuore il destino dei suoi cari. Tutte le mie speranze sono riposte nel Signore.
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, nè lutto, nè lamento, nè affanno, perché le cose di prima sono passate \[T]/

  8. #18
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Aleksej
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Località
    Cagliari
    Età
    54
    Messaggi
    2,242
    Ringraziato
    671
    Citazione Originariamente Scritto da teophilius Visualizza Messaggio
    La mia opinione è che l'anima separata dal corpo sopravviva in una condizione analoga a quella del sogno.
    Anche a me viene in mente spesso quest'analogia... speriamo che non assomigli ad un incubo! A volte ho pensato che il purgatorio possa esser questo, uno stato in cui l'anima soffre come in un brutto incubo.

  9. #19
    Fedelissimo di CR L'avatar di teophilius
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Torino
    Età
    52
    Messaggi
    3,719
    Ringraziato
    842
    Citazione Originariamente Scritto da Aleksej Visualizza Messaggio
    Anche a me viene in mente spesso quest'analogia... speriamo che non assomigli ad un incubo! A volte ho pensato che il purgatorio possa esser questo, uno stato in cui l'anima soffre come in un brutto incubo.
    Sono molto influenzato da un'opera considerata minore di Adrian Lyne: Jacob's Ladder. La mia opinione è che la realtà che vivremo in quella condizione sarà condizionata da come abbiamo condotto la nostra vita, se siamo stati "chiusi" all'amore il nostro sarà un sogno agitato e forse ci vedremo minacciati da demoni, nella misura in cui siamo stati "aperti" all'amore saremo aiutati dagli angeli. Se hai letto "il grande divorzio" di C.S. Lewis sai di che parlo ;)
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, nè lutto, nè lamento, nè affanno, perché le cose di prima sono passate \[T]/

  10. #20
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,349
    Ringraziato
    2231
    Citazione Originariamente Scritto da Aleksej Visualizza Messaggio
    Anche a me viene in mente spesso quest'analogia... speriamo che non assomigli ad un incubo! A volte ho pensato che il purgatorio possa esser questo, uno stato in cui l'anima soffre come in un brutto incubo.
    Io cerco di preparami anche nel caso ci fosse il bardo e poi un'altra incarnazione.
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •