Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: 2 gennaio: memoria dei santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno

  1. #1
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    43
    Messaggi
    5,837
    Ringraziato
    490

    Premi

    2 gennaio: memoria dei santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno

    una curiosità, forse è già stata chiesta... oggi, essendo memoria dei Santi Basilio e Gregorio, occorre usare la colletta propria, quindi quella propria del 2 gennaio quando si usa?
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,080
    Ringraziato
    2614
    Citazione Originariamente Scritto da PaoVac Visualizza Messaggio
    una curiosità, forse è già stata chiesta... oggi, essendo memoria dei Santi Basilio e Gregorio, occorre usare la colletta propria, quindi quella propria del 2 gennaio quando si usa?
    Si tratta di un'incongruenza presente nella traduzione italiana della II edizione tipica del Messale. Infatti nell'originale latino le ferie prima e dopo l'Epifania, a differenza dei giorni fra l'Ottava di Natale, non sono ordinate sencondo il giorno di calendario (2, 3, 4 gennaio etc...), bensì secondo il giorno della settimana (lunedì, martedì...).

    Pertanto quelle che nel Messale italiano sono le orazioni del "2 gennaio" nella typica sono quelle della feria secunda, cioè il lunedì, quelle del 3 gennaio sono della feria tertia (martedì) e via dicendo.

    Vedremo se, nella traduzione prossima ventura, verrà sistemata questa incongruenza oppure no.
    Oboedientia et Pax

  3. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    PaoVac (03-01-2018), SantoSubito (02-01-2018)

  4. #3
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Cosenza
    Età
    26
    Messaggi
    1,885
    Ringraziato
    86

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Si tratta di un'incongruenza presente nella traduzione italiana della II edizione tipica del Messale. Infatti nell'originale latino le ferie prima e dopo l'Epifania, a differenza dei giorni fra l'Ottava di Natale, non sono ordinate sencondo il giorno di calendario (2, 3, 4 gennaio etc...), bensì secondo il giorno della settimana (lunedì, martedì...).

    Pertanto quelle che nel Messale italiano sono le orazioni del "2 gennaio" nella typica sono quelle della feria secunda, cioè il lunedì, quelle del 3 gennaio sono della feria tertia (martedì) e via dicendo.

    Vedremo se, nella traduzione prossima ventura, verrà sistemata questa incongruenza oppure no.
    Eppure io la vedrei diversamente: pur essendo memoria, nel Breviario è concesso pregare secondo il giorno del salterio e con il proprio del Tempo, quasi a permettere di fare quello che in Quaresima è codificato come "commemorazione" oppure semplicemente sottolineare il mistero del Natale. É una idea un po' tirata, lo so, vista la memoria obbligatoria, ma tant'è.
    Domine, munda cor meum. Volo sequi te usque ad crucem!

  5. #4
    Campione di Passaparola di Cattolici Romani L'avatar di Gerensis
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Casa
    Età
    46
    Messaggi
    6,310
    Ringraziato
    594

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio
    Eppure io la vedrei diversamente: pur essendo memoria, nel Breviario è concesso pregare secondo il giorno del salterio e con il proprio del Tempo, quasi a permettere di fare quello che in Quaresima è codificato come "commemorazione" oppure semplicemente sottolineare il mistero del Natale. É una idea un po' tirata, lo so, vista la memoria obbligatoria, ma tant'è.
    Sì. L'idea è molto tirata.
    Il Breviario (sia latino che italiano) segue i giorni del mese, probabilmente, per garantire la sequenzialità alle letture dell'Ufficio, come fanno anche l'Ordo Lectionum Missae e il Lezionario.
    Inoltre, per la memoria di oggi, il Messale ha solo la colletta propria e il Breviario solo la seconda lettura, le antifone ai cantici evangelici e l'orazione; le altre parti, a norma di OGMR e PNLO, si possono convenientemente prendere dal proprio del Tempo.

  6. Il seguente utente ringrazia Gerensis per questo messaggio:

    SantoSubito (02-01-2018)

  7. #5
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Cosenza
    Età
    26
    Messaggi
    1,885
    Ringraziato
    86

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Gerensis Visualizza Messaggio
    Sì. L'idea è molto tirata.
    Il Breviario (sia latino che italiano) segue i giorni del mese, probabilmente, per garantire la sequenzialità alle letture dell'Ufficio, come fanno anche l'Ordo Lectionum Missae e il Lezionario.
    Inoltre, per la memoria di oggi, il Messale ha solo la colletta propria e il Breviario solo la seconda lettura, le antifone ai cantici evangelici e l'orazione; le altre parti, a norma di OGMR e PNLO, si possono convenientemente prendere dal proprio del Tempo.
    Sai meglio di me, però, che l'incongruenza è data dal fatto che di solito le altre parti si prendono dal Comune e non dal Salterio o dal proprio del Tempo. Io, oggi, in pratica, ho detto l'Ufficio di Natale, tranne per la II Lettura dell'Ufficio, le Antifone ai cantici evangelici e l'Orazione. Di fatto, al 2 Gennaio viene riportata comunque una lettura di San Basilio, anche se non si celebra la Memoria.
    Domine, munda cor meum. Volo sequi te usque ad crucem!

  8. #6
    Moderatore L'avatar di pongo
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    🏡☝🛐
    Età
    31
    Messaggi
    5,093
    Ringraziato
    1532
    Citazione Originariamente Scritto da Gerensis Visualizza Messaggio
    Inoltre, per la memoria di oggi, il Messale ha solo la colletta propria e il Breviario solo la seconda lettura, le antifone ai cantici evangelici e l'orazione; le altre parti, a norma di OGMR e PNLO, si possono convenientemente prendere dal proprio del Tempo.
    Segnalo, per curiosità, che la Liturgia Monastica delle Ore ha, oltre a quanto detto*, anche un inno per Lodi e Vespri: Quos Dei vivax pénitus revínxit. Per il giorno 2 gennaio il lezionario biennale L’Ora dell’Ascolto aggiunge, nel ciclo pari, la prima lettura dal Cantico dei Cantici (Ct 4,1-5,1 «Cristo desidera l’amore della Chiesa sua sposa») e la seconda dai Discorsi sul Cantico dei Cantici di san Bernardo, abate (Disc. 15,4-6 «Gesù è miele alla bocca, melodia all’orecchio, giubilo al cuore»).


    *L’antifona al Magnificat è diversa e tratta da Ger 3,14-15:
    Io stesso, il Signore, vi condurrò in Sion,
    e vi darò pastori secondo il mio cuore:
    essi vi guideranno con saggezza e intelligenza.
    «Il fare degli uomini fece quasi dimenticare la presenza di Dio. In una tale situazione divenne sempre più chiaro che l’esistenza della Chiesa vive della giusta celebrazione della liturgia e che la Chiesa è in pericolo quando il primato di Dio non appare più nella liturgia e così nella vita. La causa più profonda della crisi che ha sconvolto la Chiesa risiede nell’oscuramento della priorità di Dio nella liturgia»
    (Benedetto XVI, Prefazione all'edizione russa del volume XI dell'Opera omnia)

  9. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Gerensis (02-01-2018), SantoSubito (02-01-2018)

  10. #7
    Campione di Passaparola di Cattolici Romani L'avatar di Gerensis
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Casa
    Età
    46
    Messaggi
    6,310
    Ringraziato
    594

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio
    Sai meglio di me, però, che l'incongruenza è data dal fatto che di solito le altre parti si prendono dal Comune e non dal Salterio o dal proprio del Tempo.
    Più che di solito, direi di comodo (è una mia osservazione generale, non un appunto a te ).
    C'è un'incongruenza tra PNLO e l'Ordinario, da una parte, che consentono di attingere al Proprio del Tempo o al Salterio, e il Proprio dei Santi, dall'altra, che nelle memorie dice "Dal Comune [...] con salmodia del giorno del Salterio".

    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio
    Io, oggi, in pratica, ho detto l'Ufficio di Natale, tranne per la II Lettura dell'Ufficio, le Antifone ai cantici evangelici e l'Orazione.
    Hai fatto benissimo. Io faccio così per tutte le memorie, quando mancano parti proprie (dal Comune prendo l'inno e le antifone per Ben. e Magn.)

    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio
    Di fatto, al 2 Gennaio viene riportata comunque una lettura di San Basilio, anche se non si celebra la Memoria.
    Quella serve quando il 2 gennaio si celebra la II Domenica dopo Natale.

  11. Il seguente utente ringrazia Gerensis per questo messaggio:

    SantoSubito (02-01-2018)

  12. #8
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Cosenza
    Età
    26
    Messaggi
    1,885
    Ringraziato
    86

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Gerensis Visualizza Messaggio
    Più che di solito, direi di comodo (è una mia osservazione generale, non un appunto a te ).
    C'è un'incongruenza tra PNLO e l'Ordinario, da una parte, che consentono di attingere al Proprio del Tempo o al Salterio, e il Proprio dei Santi, dall'altra, che nelle memorie dice "Dal Comune [...] con salmodia del giorno del Salterio".
    Concordo per il comodo

    Hai fatto benissimo. Io faccio così per tutte le memorie, quando mancano parti proprie (dal Comune prendo l'inno e le antifone per Ben. e Magn.)
    Molto spesso faccio anche io così. Anzi, spesso, per mia pia devozione, soprattutto quando la II lettura dell'Ufficio "feriale" porta commenti di Agostino, faccio 3 letture

    Quella serve quando il 2 gennaio si celebra la II Domenica dopo Natale.
    So bene, riportavo semplicemente idee a favore della mia tesi assurda
    Domine, munda cor meum. Volo sequi te usque ad crucem!

  13. Il seguente utente ringrazia SantoSubito per questo messaggio:

    Gerensis (02-01-2018)

  14. #9
    Cronista di CR L'avatar di PaoVac
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Archidioecesis Taurinensis
    Età
    43
    Messaggi
    5,837
    Ringraziato
    490

    Premi

    grazie a tutti per l'interessante discussione, io mi riferivo alla colletta della Messa, non avevo pensato alla Liturgia delle Ore
    Quid quaeritis viventem cum mortuis? (Lc 24, 5)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •