Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 48

Discussione: Lo stile artistico e architettonico delle chiese nei prossimi anni

  1. #1
    Veterano di CR L'avatar di Caietanus
    Data Registrazione
    Jul 2014
    Località
    Dioecesis et civitas vetustissima Troyniensis
    Età
    19
    Messaggi
    1,798
    Ringraziato
    55

    Lo stile artistico e architettonico delle chiese nei prossimi anni

    La Chiesa fin dalle origini ha usato per la costruzione degli edifici sacri lo stile artistico che predominava in quella data epoca. E quando occorreva fare dei cambiamenti nelle chiese lo si faceva secondo lo stile del tempo anche se non era lo stile in cui era stata costruita la chiesa (possono essere citati vari esempi di interventi barocchi in chiese romaniche e gotiche come il pulpito della Cattedrale di Notre-Dame di Amiens). Capitava anche che, se per la costruzione di una chiesa passavano diversi secoli e nel frattempo lo stile del momento cambiava, alcune parti venissero fatte nel nuovo stile, in tal modo ancora oggi possiamo vedere la coabitazione di due stili nello stesso edificio di culto (ad esempio nel Duomo di Milano alcune statue esterne, cioè quelle delle guglie, sono barocche, come barocchi sono il presbiterio e gli altari, pur essendo la Cattedrale di stile gotico). Tuttavia con il cadere dello stile barocco la Chiesa non ha più fatto propri gli stili del momento, il che ha portato gli architetti a ripiegare sul passato portando alla nascita del neoromanico e del neogotico, rispettivamente un ritorno degli stili romanico e gotico. Il risultato di tutto ciò è che arrivando al Concilio Vaticano II, la Chiesa non aveva ancora trovato un nuovo stile, infatti nella Sacrosanctum Concilium i Padri conciliari ribadirono che la Chiesa non ha mai avuto uno stile suo proprio, ma che ha sempre attinto dalle forme artistiche che si andavano sviluppando nei diversi periodi storici, di conseguenza hanno consegnato alla Chiesa il procedimento usato da sempre: usare lo stile proprio dell'epoca, infatti possiamo leggere nella Costituzione Apostolica sulla Sacra Liturgia del Concilio Vaticano II:" 123. La Chiesa non ha mai avuto come proprio un particolare stile artistico, ma, secondo l'indole e le condizioni dei popoli e le esigenze dei vari riti, ha ammesso le forme artistiche di ogni epoca, creando così, nel corso dei secoli, un tesoro artistico da conservarsi con ogni cura. Anche l'arte del nostro tempo e di tutti i popoli e paesi abbia nella Chiesa libertà di espressione, purché serva con la dovuta riverenza e il dovuto onore alle esigenze degli edifici sacri e dei sacri riti. In tal modo essa potrà aggiungere la propria voce al mirabile concento di gloria che uomini eccelsi innalzarono nei secoli passati alla fede cattolica."

    E, inoltre, i Padri ordinarono che l'arte sacra fosse degna e semplice, ma nobile e bella, mai sontuosa:" 124. Nel promuovere e favorire una autentica arte sacra, gli ordinari procurino di ricercare piuttosto una nobile bellezza che una mera sontuosità. E ciò valga anche per le vesti e gli ornamenti sacri. I vescovi abbiano ogni cura di allontanare dalla casa di Dio e dagli altri luoghi sacri quelle opere d'arte, che sono contrarie alla fede, ai costumi e alla pietà cristiana; che offendono il genuino senso religioso, o perché depravate nelle forme, o perché insufficienti, mediocri o false nell'espressione artistica. Nella costruzione poi degli edifici sacri ci si preoccupi diligentemente della loro idoneità a consentire lo svolgimento delle azioni liturgiche e la partecipazione attiva dei fedeli."
    Tuttavia nel post-concilio si iniziò a costruire chiese spoglie tanto quanto, se non più, quelle protestanti. Questa, però non era la "nobile semplicità" auspicata dal Concilio, ma una vera e propria iconofobia, la quale in certi casi divenne iconclastia visto la distruzione di molti altari a muro, rimozioni di immagini e statue devozionali etc... cose mai chieste dal Vaticano II, infatti nella Sacrosanctum Concilium leggiamo:" 125. Si mantenga l'uso di esporre nelle chiese le immagini sacre alla venerazione dei fedeli. Tuttavia si espongano in numero limitato e secondo una giusta disposizione, affinché non attirino su di sé in maniera esagerata l'ammirazione del popolo cristiano e non favoriscano una devozione sregolata." Forse questi termini potrebbero sembrare duri, quindi me ne scuso fin d'ora e sottolineo, a scanso di equivoci, che li ho usati per rendere l'idea della situazione che si è venuta a creare.

    Al giorno d'oggi, quindi, da un lato vengono costruite chiese che non richiamano per nulla al sacro, mentre dall'altro si vedono certuni che costruiscono altari barocchi, ritornando indietro nelle forme artistiche ancora una volta.
    In ogni caso, nessuna delle due tendenze ci dà un nuovo stile artistico, che nei secoli futuri verrà ricordato come arte cristiana tipica del tempo.

    Quindi, cari forumisti, secondo voi quale sarà l'arte sacra del futuro?

    Ci tengo a precisare che questo non è un sondaggio di opinioni su quale sia la forma artistica migliore, ma una discussione che ha come fine quello di cercare la forma artistica più adatta ai nostri tempi tenendo conto dei fattori sociali e culturali del tempo.
    Ultima modifica di Caietanus; 26-07-2014 alle 19:08
    Mors et Vita duello conflixere mirando: Dux Vitæ mortuus, regnat vivus.

  2. #2
    Fedelissimo di CR L'avatar di Cavalier
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Italia
    Messaggi
    3,593
    Ringraziato
    465
    Questa è una chiesa cattolica progettata da uno studio londinese, la cui costruzione sarebbe dovuta partire nel 2011 a Lagos, in Nigeria.

    Articolo e foto (in inglese) da artboom.info

    DOS Architects: Catholic Church in Lagos, Nigeria

    London studio DOS Architects have won a competition to design a 2000-seat church in Lagos, Nigeria with this design featuring an undulating roof.
    The Catholic Church of the Transfiguration will be built with variously-sized arches at four-metre intervals, creating a swooping roof that dips towards the entrance in the middle.

    This steel structure will house a two-storey congregation hall with glazing at either end emphasising the hall’s height.
    Construction is expected to begin in 2011.

    Architects about their proposal:
    Even though our design proposal may seem unconventional to the untrained eye, it is actually based on traditional principles of Catholic Church design: The main congregation Hall features a Latin cross above the Organ and altar; The hall has a nave and two aisles at each side which are all coincident with the main axis of the Church; we have placed a Latin Cross on the highest point of the Church’s structure, which will become an icon for the city of Lekki and Lagos as a whole.
    The project consists of an organic skin which, in one single gesture, becomes the roof and external walls of the Church, enveloping and protecting the Congregation within. The main access is placed in the narrowest and lowest part of the building and leads into a spectacular entrance foyer, from which the visitor has views and clear access to both floors of the Church. The main staircase in the entrance foyer divides the Church into two halves which are visually linked by the large atrium that traverses the building. The funnel effect within the entrance foyer moreover reinforces the huge and spectacular scale of the main Congregation Hall and the Chapel of Perpetual Adoration to either side.
    The architectural concept and structural form are integral, with a series of arches of varying heights producing the sculptural form of the building as a whole. Arches are one of the oldest and most efficient forms of structure, utilizing the full height of the building to provide stiffness resulting in a relatively slender structure. Fabricated steel arches are positioned at 4m centres along the length of the building, with cold‐formed steel purlins spanning between the arches supporting the roof finishes and ceiling within. These arches are supported on each side of the building by a series of piled foundations taking vertical loads into the ground beneath. The horizontal thrust which results from the arching action is resisted by a reinforced concrete ground slab which ties the two bases of the arch together.

  3. #3
    Fedelissimo di CR L'avatar di Cavalier
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Italia
    Messaggi
    3,593
    Ringraziato
    465
    Stavo riflettendo.

    In alcuni paesi come Sud America o Africa avrebbero senso chiese molto grandi, da chi ci è stato ho avuto notizie di comunioni che duravano ore per la folla che c'era. Insomma, un posto grande per accogliere tutti (e magari ripararli dal sole africano, ma anche in Sud America non si scherza) potrebbe essere un idea.

    Da noi non so...Obiettivamente il numero di fedeli è calato, e quindi se rimane lo stesso numero di parrocchie avrebbero senso chiese più piccole, in quanto hanno spese di riscaldamento e costi di manutenzione contenuti (e, pensando ad un possibile futuro, verrebbero tassate di meno...). Ma è anche vero che in talune occasioni, tipo Natale e Pasqua, in cui molti si "riscoprono" cattolici e magari portano a Messa pure i parenti in trasferta per il pranzo, c'è il rischio che qualcuno rimanga più che in piedi proprio fuori dalla chiesa.
    Accorpando più parrocchie invece continuerebbero ad avere senso chiese più grandi, ma ovviamente solo una per gruppo di parrocchie.
    Ovviamente le chiese "in più" non sarebbero demolite, ma semplicemente non sarebbero più usate attivamente.

  4. #4
    Cronista di CR L'avatar di Pellegrina
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    a casa mia
    Età
    64
    Messaggi
    8,288
    Ringraziato
    1862
    Bah! Da quello che spesso si vede in giro, gli architetti che progettano le nuove chiese sono, a voler essere gentili, degli squilibrati...
    Per quelli votati al minimalismo, abbiamo chiese garage e chiese rifugio anti-atomico, per quelli più "esaltati" invece, obbrobri mastodontici, tipo la nuova basilica di San Pio a Pietralcina....
    Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla (Salmo 23)

  5. #5
    Veterano di CR L'avatar di Caietanus
    Data Registrazione
    Jul 2014
    Località
    Dioecesis et civitas vetustissima Troyniensis
    Età
    19
    Messaggi
    1,798
    Ringraziato
    55
    Citazione Originariamente Scritto da Pellegrina Visualizza Messaggio
    Bah! Da quello che spesso si vede in giro, gli architetti che progettano le nuove chiese sono, a voler essere gentili, degli squilibrati...
    Per quelli votati al minimalismo, abbiamo chiese garage e chiese rifugio anti-atomico, per quelli più "esaltati" invece, obbrobri mastodontici, tipo la nuova basilica di San Pio a Pietralcina....
    Hai sacrosanta ragione! Il minimalismo odierno non aiuta proprio nella concentrazione, nella preghiera e nella riflessione. ancor peggio sono poi quelle costruzioni colossali, come la chiesa che hai citato, per le quali si spendono un sacco di soldi, ma non si ottiene comunque un edificio che sembra una chiesa. Poi mi è stato detto che una chiesa costruita in cemento armato dura al massimo trent'anni, però mi sembra strano e chiedo conferma a forumisti del mestiere più esperti di me. Quest'anno in gita scolastica abbiamo visitato un paese, di cui non riporto il nome, pieno di opere d'arte moderna, che mi sono sembrate di uno squallore assurdo! Pensa che c'era pure una chiesa, rigorosamente in cemento armato e se non mi avessero detto che era una chiesa da solo non ci sarei mai arrivato, che è costata la bellezza di cinque miliardi delle vecchie lire e dopo qualche anno è crollata e l'hanno dovuta ricostruire! Come se ciò non bastasse l'architetto aveva avuto la bella idea di costruirla con le sembianze di una moschea! Pensate quindi una chiesa cristiana cattolica costruita con l'aspetto di una moschea musulmana!

    Quindi davanti a tanto squallore e consapevole che trovare uno stile artistico adatto al nostro tempo e alle esigenze della Chiesa è un'impresa sovrumana, ho aperto questa discussione, anche per sentire gli architetti che sono iscritti a CR e avere un loro parere, sapendo bene che probabilmente non risolveremo il problema, ma almeno troveremo qualche soluzione a singole problematiche.
    Mors et Vita duello conflixere mirando: Dux Vitæ mortuus, regnat vivus.

  6. #6
    Fedelissimo di CR L'avatar di Cavalier
    Data Registrazione
    Apr 2011
    Località
    Italia
    Messaggi
    3,593
    Ringraziato
    465
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    Vorrei ci fossero più chiese moderne con l'altare al centro di tutto
    Sinceramente non sono daccordo, non ne vedo il motivo, anzi la Messa perderebbe molto di senso per me.

  7. #7
    CierRino L'avatar di pongo
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    🏡☝🛐
    Età
    32
    Messaggi
    6,062
    Ringraziato
    2000
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    Vorrei ci fossero più chiese moderne con l'altare al centro di tutto
    Preferivo quando l’altare era così al centro che tutti venivano proiettati e attratti nella medesima e salvifica direzione.
    Ecce Agnus Dei! Ecce qui tollit peccata mundi!

  8. Il seguente utente ringrazia pongo per questo messaggio:

    nofear (02-10-2015)

  9. #8
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    6,279
    Ringraziato
    4078
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    Vorrei ci fossero più chiese moderne con l'altare al centro di tutto, come a St. Martin di Dornbirn, in Austria (link "imperituro" all'immagine: https://archive.is/k2uod ):L'esterno, neoclassico kitsch, è inguardabile. Ma l'interno estremamente funzionale...
    Non sono d'accordo, è uno stile che non mi convince nè funzionalmente nè teologicamente.

    L'altare è il luogo del Sacrificio Eucaristico, è il Calvario a cui tutti, Sacerdote e fedeli, volgono lo sguardo "a Colui che hanno trafitto". A mio avviso è bene che l'altare resti l'unico punto a cui tutti si rivolgono piuttosto che il centro di un'assemblea nella quale ci si guarda vicendevolmente in faccia, tra l'altro finendo giocoforza per distrarsi.

    A lungo andare così si finisce per togliere di mezzo sempre di più l'elemento "verticale" che invece deve essere preminente e, arrivo a dire, persino unico. La Messa non deve essere un dialogo "orizzontale" tra il Sacerdote e i fedeli ma la preghiera del popolo dei redenti in Cristo che, attraverso la mediazione del Sacerdote, si innalza verso Dio.

  10. Il seguente utente ringrazia Carbonate per questo messaggio:

    nofear (02-10-2015)

  11. #9
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,480
    Ringraziato
    2334
    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    Vorrei ci fossero più chiese moderne con l'altare al centro di tutto, come a St. Martin di Dornbirn, in Austria (link "imperituro" all'immagine: https://archive.is/k2uod ):

    L'esterno, neoclassico kitsch, è inguardabile. Ma l'interno estremamente funzionale...
    Io invece spero che in futuro di obbrobri simili ce ne siano il meno possibile e si recuperi l'architettura sacra degna di una Chiesa.
    Purtroppo credo che l'evoluzione sarà verso il minimalismo, quindi spazi vuoti e simmetrie, tipo questa:



    Bah! Da quello che spesso si vede in giro, gli architetti che progettano le nuove chiese sono, a voler essere gentili, degli squilibrati...
    Per quelli votati al minimalismo, abbiamo chiese garage e chiese rifugio anti-atomico, per quelli più "esaltati" invece, obbrobri mastodontici, tipo la nuova basilica di San Pio a Pietralcina....

    Sai perché? Perché una volta gli architetti erano Cattolici e le Chiese portavano l'impronta del loro spirito.
    Ora gli architetti delle chiese sono atei o filo massoni (vedi l'obbrobrio di San Giovanni rotondo by R. Piano...)
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

  12. Il seguente utente ringrazia nofear per questo messaggio:

    Pivialista (02-10-2015)

  13. #10
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    6,279
    Ringraziato
    4078
    Citazione Originariamente Scritto da nofear Visualizza Messaggio
    Io invece spero che in futuro di obbrobri simili ce ne siano il meno possibile e si recuperi l'architettura sacra degna di una Chiesa.
    Purtroppo credo che l'evoluzione sarà verso il minimalismo, quindi spazi vuoti e simmetrie, tipo questa:





    Sai perché? Perché una volta gli architetti erano Cattolici e le Chiese portavano l'impronta del loro spirito.
    Ora gli architetti delle chiese sono atei o filo massoni (vedi l'obbrobrio di San Giovanni rotondo by R. Piano...)
    Ma che orrore!
    Dove si trova? Siamo sicuri che non sia una chiesa protestante? E' fredda, vuota... non c'è nulla.
    Una chiesa in cui entrando anzichè pregare ti viene voglia di coprire di parolacce l'architetto che l'ha progettata...

    Tra l'altro, oltre a minimalismo, spazi vuoti e simmetrie, notiamo come l'altro ambito in cui gli architetti di chiese moderne si stanno specializzando sempre di più è il giocare a nascondere il più possibile il Tabernacolo.
    Tipo, in questa specie di esposizione da falegname (ammesso che si tratti di una chiesa cattolica).... dov'è?

  14. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    nofear (02-10-2015), Pivialista (02-10-2015)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •