Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 27 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 261

Discussione: Adamo ed Eva, peccato originale, Genesi.

  1. #1
    Veterano di CR L'avatar di GiulioG
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Marche
    Messaggi
    1,301
    Ringraziato
    1

    Adamo ed Eva, peccato originale, Genesi.

    Ci sono due possibilità:
    1) La Gensi è letterale: Adamo ed Eva sono esistiti, hanno peccato 6000 anni fa mangiando la mela
    2) la Genesi è simbolica: c'è stata l'evoluzione e la Terra ha miliardi di anni


    Nel secondo caso:
    chi sono Adamo ed Eva? Se non sono esistiti perché la Chiesa li ha dichiarati santi, ricordatiil 24 dicembre? Chi ha commesso il peccato originale? E che cos'è il peccato originale??


    Sono dubbi che non so risolvere

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    milano
    Età
    37
    Messaggi
    127
    Ringraziato
    0
    Citazione Originariamente Scritto da GiulioG Visualizza Messaggio
    Ci sono due possibilità:
    1) La Gensi è letterale: Adamo ed Eva sono esistiti, hanno peccato 6000 anni fa mangiando la mela
    2) la Genesi è simbolica: c'è stata l'evoluzione e la Terra ha miliardi di anni

    Nel secondo caso:
    chi sono Adamo ed Eva? Se non sono esistiti perché la Chiesa li ha dichiarati santi, ricordatiil 24 dicembre? Chi ha commesso il peccato originale? E che cos'è il peccato originale??

    Sono dubbi che non so risolvere

    Ti do una risposta parziale.
    Adamo (<adam) significa "uomo". Quindi dire che Dio crea Adamo significa dire che Dio crea l' uomo.

    La mela in sè è una favoletta (nella traduzione latina delle Scritture si era fatta confusione tra il termine latine per "mela" e "male"....inoltre la mela non era ancora conociuta nel bacino del Mediterraneo)

  3. #3
    Fedelissimo di CR L'avatar di ago86
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Jesi
    Età
    31
    Messaggi
    3,473
    Ringraziato
    2
    La terra ha miliardi di anni, è un dato di fatto. Ma Adamo ed Eva sono realmente esistiti, in quanto devono per forza essere esistiti il primo uomo e la prima donna. Sul peccato originale, è la rottura della loro amicizia con Dio. Cosa che mi pare del tutto possibile.
    Mea vita pro Veritate

  4. #4
    Fedelissimo di CR L'avatar di arcycapa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    U.S.
    Età
    43
    Messaggi
    4,564
    Ringraziato
    5
    Citazione Originariamente Scritto da GiulioG Visualizza Messaggio
    Ci sono due possibilità:
    1) La Gensi è letterale: Adamo ed Eva sono esistiti, hanno peccato 6000 anni fa mangiando la mela
    2) la Genesi è simbolica: c'è stata l'evoluzione e la Terra ha miliardi di anni
    C'e` una terza possibilita`, che e` quella in cui crede la Chiesa Cattolica: la genesi usa un linguaggio simbolico per descrivere alcuni fatti realmente accaduti. Adamo e` esistito e si e` ribellato contro Dio, andando contro uno dei suoi comandi.

    Il dove, come, e quando non li conosciamo.
    Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità (1 Gv 3, 18).


  5. #5
    Veterano di CR L'avatar di DINO
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    dalla città più bella città del mondo
    Messaggi
    1,931
    Ringraziato
    0
    Tratto dal C.C.C.

    375 La Chiesa, interpretando autenticamente il simbolismo del linguaggio biblico alla luce del Nuovo Testamento e della Tradizione, insegna che i nostri progenitori Adamo ed Eva sono stati costituiti in uno stato di santità e di giustizia originali. 489 La grazia della santità originale era una partecipazione alla vita divina. 490
    Ecco perchè la chiesa ritiene santi Adamo ed Eva


    379 Per il peccato dei nostri progenitori andrà perduta tutta l'armonia della giustizia originale che Dio, nel suo disegno, aveva previsto per l'uomo.
    Ecco chi ha commesso il peccato originale ,i nostri progenitori

    III. Il peccato originale
    La prova della libertà
    396 Dio ha creato l'uomo a sua immagine e l'ha costituito nella sua amicizia. Creatura spirituale, l'uomo non può vivere questa amicizia che come libera sottomissione a Dio. Questo è il significato del divieto fatto all'uomo di mangiare dell'albero della conoscenza del bene e del male, « perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti » (Gn 2,17). « L'albero della conoscenza del bene e del male » (Gn 2,17) evoca simbolicamente il limite invalicabile che l'uomo, in quanto creatura, deve liberamente riconoscere e con fiducia rispettare. L'uomo dipende dal Creatore, è sottomesso alle leggi della creazione e alle norme morali che regolano l'uso della libertà.
    Il primo peccato dell'uomo
    397 L'uomo, tentato dal diavolo, ha lasciato spegnere nel suo cuore la fiducia nei confronti del suo Creatore 516 e, abusando della propria libertà, ha disobbedito al comandamento di Dio. In ciò è consistito il primo peccato dell'uomo. 517 In seguito, ogni peccato sarà una disobbedienza a Dio e una mancanza di fiducia nella sua bontà.
    398 Con questo peccato, l'uomo ha preferito se stesso a Dio, e, perciò, ha disprezzato Dio: ha fatto la scelta di se stesso contro Dio, contro le esigenze della propria condizione di creatura e conseguentemente contro il suo proprio bene. Costituito in uno stato di santità, l'uomo era destinato ad essere pienamente « divinizzato » da Dio nella gloria. Sedotto dal diavolo, ha voluto diventare « come Dio » (Gn 3,5), ma « senza Dio e anteponendosi a Dio, non secondo Dio ». 518
    399 La Scrittura mostra le conseguenze drammatiche di questa prima disobbedienza. Adamo ed Eva perdono immediatamente la grazia della santità originale. 519 Hanno paura di quel Dio 520 di cui si sono fatti una falsa immagine, quella cioè di un Dio geloso delle proprie prerogative. 521


    Note di una vecchia bibbia
    All'inizio di una narrazione di cose tante lontane da noi,e tuttavia d'importanza fondamentale per l'uomo di tutti i tempi ,ricordiamo un criterio con cui devono essere intesi i fatti narrati:non possiamo prendere la narrazione di essi<<come una storia nel senso classico e moderno>>,ma nello stesso tempo non possiamo negare ad essi storicità vera:<<di fatto riferiscono in un linguaggio semplice e figurato, consono all'intelligenza di una umanità meno progredita,le verità fondamentali presupposte dall'economia della salute e la descrizione popolare delle origini del genere umano e del popolo eletto. Dopo aver accennato alla creazione della materia primordiale ,l'autore sacro,in forma logico-poetica,descrive la creazione delle singole cose,compendiando tutto in una settimana ,che termina con il riposo del sabato.La forma è popolare e concisa e le espressioni usate corrispondono al tempo in cui il libro fu scritto.E' evidente l'intenzione di far risaltare come tutto il creato è opera di Dio,e di inculcare il ripososettimanale,in un giorno dedicato unicamente a Dio.E' completamente fuori della prospettiva dell'autore ,il dare un insegnamento scientificosulla formazione del mondo.

    Questo sopra descritto l'ho tratto dalle note di una vecchia bibbia riferito al primo capitolo della genesi.la quale è stata scritta da un autore anonimo nel decimo secolo A.C.
    Speriamo che questo ti possa aiutare in parte a chiarire alcuni tuoi quesiti.

    Ultima modifica di DINO; 11-01-2009 alle 21:05

  6. #6
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Rimini
    Età
    42
    Messaggi
    335
    Ringraziato
    0

    Adamo ed Eva

    Citazione Originariamente Scritto da GiulioG Visualizza Messaggio
    Ci sono due possibilità:
    1) La Gensi è letterale: Adamo ed Eva sono esistiti, hanno peccato 6000 anni fa mangiando la mela
    2) la Genesi è simbolica: c'è stata l'evoluzione e la Terra ha miliardi di anni


    Nel secondo caso:
    chi sono Adamo ed Eva? Se non sono esistiti perché la Chiesa li ha dichiarati santi, ricordatiil 24 dicembre? Chi ha commesso il peccato originale? E che cos'è il peccato originale??


    Sono dubbi che non so risolvere
    l'evoluzione c'è stata, magari non come la pensano i neodarwinisti dato che in verità sicientificamente non hanno la benche minima prova delle loro argomentazioni precise, ma di certo c'è stata "l'evoluzione".
    Il culmine è l'essere umano, essere dato al consiglio di se stesso, dotato di capacità di discernere il bene dal male, e capace di Dio, posto da Dio come luogotenente di tutta la creazione, mettiamo in questo caso il mondo o pianeta, (dunque ahimè gravi responsabilità nostre se il pianeta soffre...)

    L'uomo è un mistero, (l'essere umano cioè).
    "Che cosa è l'uomo perchè Tu te ne ricordi, il figlio dell'uomo perchè Tu te ne curi?" Salmo 8

    Al culmine dell'evoluzione, nel sesto giorno; Dio creò l'uomo e la donna, maschio e femmina li creò come dice nel Genesi.
    Ma sono d'accordo con te, il racconto di Adamo ed Eva è diverso e susseguente al racconto della creazione in 6 giorni. Il settimo giorno Dio si riposò /come a voler dirci che con l'essere umano Dio aveva raggiunto il suo culmine, la sua opera veramente più perfetta ponte fra cielo e terra, fra le cose invisibili e quelle visibili, la dignità del settimo giorno di riposo è proprio questa. Il sabato fu fatto per l'uomo non l'uomo per il sabato.

    Il racconto di Adamo ed Eva a me sembra però essere come dire, fuori dal tempo, o piutosto in un altra dimensione prima del tempo. E se fosse così, allora noi siamo più antichi dell'Universo stesso. Almeno di questo universo, dato che è scientificamente possibilissimo che ve ne siano molti altri.
    Quindi,
    si potrebbe spiegare così che noi veniamo dalla casa del Padre, (al di sopra dei secoli o cieli)
    che siamo andati via dalla casa nostra, originaria, la casa del Padre, da lì siamo usciti.
    Ma come si mette insieme tutto questo con la creazione o diciamo l'evoluzione il cui culmine è questa materia che siamo noi (anche se ancora non trasfigurata ne rivelata alla creazione).
    Come la mettiamo dunque?

    Io so che non solo di pane vive l'uomo, che noi non siamo solo carne, ma forse si siamo solo carne, allora se mangiamo il Suo corpo e beviamo il Suo sangue saremo una sola carne e un solo corpo fra tutti quanti.
    ...
    Diciamo che l'anima esiste, che Dio c'è la messa in noi, che non viene dalla carne. (così come la progettazione e la matematica non è di per sè qualcosa di concreto materiale).


    Dio si è fatto materia, carne!!!!!
    Ed ha posto la Sua tenda in mezzo a noi.
    E' l'eterna sapienza divina che si è fatta uno di noi!
    cara beltà che amore lungi mi ispiri, forse sei stata tra noi nell'età dell'oro, perchè non scendi a provare gli effetti di nostra vita, io come un mendicante arido in questo suolo ti pensai, ma poichè il vero mi è tolto mi appago grandemente soltanto con l'immaginarti. In un respiro sognante e più vero che il resto dei miei ateggiamenti. Da quà da dove gli anni sono infausti e brevi questo inno da ignoto amante ricevi.
    Ma proprio questo è invece ciò che è successo, Lui ha camminato per le nostre strade!
    Gesù Cristo centro del Cosmo e della storia, il redentore dell'uomo, rivela l'uomo all'uomo stesso.
    ...

    Adamo ed Eva come la risolviamo dunque?
    Cosa dice in proposito il magistero?
    Se trovi qualcosa fammelo sapere, grazie.

    Siamo dei bambini che hanno sempre giocato che siamo usciti dalla casa di nostro Padre?

    Allora alla fine del nostro pecorso sia individuale che dell'umanità, prima o poi dobbiamo tornare a casa nostra, la vera nostra origine come figli di Dio che siamo.

    Dio è solo uno il Padre Eterno, eterno come eterna è la Sua Sapienza e la sua Forza creatrice.

    Sul fatto dei 6000 anni, non confondere io credo che sia simbolico, la nostra origine è anteriore. Il punto è che tutte le nostre civiltà o la storia che studiamo non vanno oltre a 6000 anni fa.
    Perchè?
    Io penso in proposito che il diluvio universale ci sia stato e che fu pressapoco 6000 anni fa, questa è la ragione o causa per la quale non andiamo mai oltre ai 6000 anni nello studio della storia.
    Ma Manetone diceva che c'èrano molte altre dinastie egiziane anteriori al cosidetto primo faraone Menes. E così ci sono molti reperti di civiltà che sono anteriori a quella data, ma non consideriamo storia, masimo masimo le tavolette sumere antiche ritrovate, che poi sarano di 5000 anni fa, però fanno riferimento a fatti molto, ma molto anteriori.

    La Chiesa non ha mai ingannato nessuno, almeno nel suo Magistero Supremo nel catechismo e nemmeno la Bibbia. Solo che io credo bisognerebe studiare di più e capire meglio, e usare la logica correttamente e non solo sulla base di premesse e basta, ma tenendo conto della realtà prima di tutto.
    Se anche fosse che in un domani vengono civiltà cosidette extraterrestri, ciò non sarebbe mai in contraddizione con niente del Magistero nè della Bibbia. Con ciò non ritengo affatto che la Bibbia o il Magistero parlino di questo o che debbano parlarne in qualche modo. dico questo soltanto perchè alle volte noi ci faciamo problemi ma secondo sempre le anguste logiche nostre che a volte potrebbero a noi non essere sufficienti per capire l'essenziale.
    Se per colpa del voler vedere le cose scientificamente non andiamo all'essenziale, allora chi è più *****? Io stesso invece ho scoperto che la Bibbia è forse il libro più coerente fra tutti quelli che io abbia mai letto, incredibilmente coerente da capo a piede, non vi è alcuna contraddizione. Però per vedere questo bisogna avere la chiave di lettura, conoscere, essere semplici sopratutto e ricevere, e non fermarsi alle apparenze delle parole, non capire sempre tutto per non capire niente. No, ma invece vedere che pur se ogni profeta aveva il suo modo di esprimersi, essenzialmente parlarono sempre degli stessi temi, e pure Gesù ne parla nel vangelo, e fino all'Apocalisse. Tutti libri scritti in tempi diversi, è impressionante.


    Peccato originale

    Il peccato originale consistette nel cedere al relativismo, l'inganno subdolo del serpente della lusinga e dell'insidia è precisamente ciò che oggi chiamano relativismo.
    Già Catone il censore romano lo aveva capito questo a suo modo di vedere le cose, nel letto di morte Catone pronunciò la sentenza: "quei filosofi greci relativisti profaneranno tutto il mondo, il mondo sarà molto iniquo per colpa loro!"
    Il peccato originale consistette nel mangiare una mela, ma quale?
    Esattamente si trattava del frutto dell'albero della conoscenza del bene e del male.
    (Teniamo conto di queste parole che il Genesi ci informa, perchè hanno un significato)
    Quindi ti faccio una domanda:
    il bene e il male si possono conoscere così come dire mi mangio una mela?
    Così istintivamente senza alcun discernimento?

    E anche un altra domanda: la nostra ragione può arrivare a misurarlo tutto?
    Per ragione si intende sempre misura di tutte le cose?
    Quindi se la scienza non riesce a misurare bene qualcosa significherebbe che questo qualcosa anche se fosse davanti a noi, non esisterebbe?
    Razionalità significa solo e soltanto capacità di dimostrazione o di arguire logicamente?
    solo quello?
    O non sono questi ultimi degli strumenti in mano ad un cuore più grande?
    Perchè il diavolo disse ad Adamo ed Eva, non è vero che non puoi mangiare di qualche albero, cioè non è vero che ci sia qualcosa che non si può misurare con la tua ragione. E allora tutto diventa chiuso negli orizzonti della propria testa, si vive in una prigione e il mondo cambia, diventa ostile, con dura fatica farai crescere le piante e i raccolti oppure: "ti dovrai guadagnare da vivere con il sudore dela tua fronte".
    Il peccato originale fu cosmico.
    Ma il cielo sta li a farci immaginare l'infinito. Cioè il contrario delle nostre quattro mura in cui ci chiudiamo con lo scientismo e il razionalismo (che come premesse non è dissimile dal relativismo ne meno dannoso umanamente parlando).
    Invece un cuore aperto anche ad un al di là da dove si può trovare la risposta al mio bisogno di felicità di bellezza e di verità, di amare e di essere amato, un al di là che è poi divenuto un al di quà con Cristo Gesù, l'albero della vita.
    Ultima modifica di Ireneo X; 12-01-2009 alle 00:25

  7. #7
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    218
    Ringraziato
    0

    Question Se non si conoscono le Origini, come può conoscersi lo scopo finale ..

    Bravo Ireneo, continua la tua ricerca e troverai la Verità tutta intera.

    Dino, ancora con l'evoluzionismo ? non condivido quanto hai riportato sui 7 giorni biblici e la lontananza del discorso biblico dalla Scienza! Dimmi, come può un racconto biblico inventato e costruito tutto sul contesto storico del tempo in cui è stato scritto parlare dell'origine della vita dalle acque, come può parlare delle luci del firmamento per distinguere il giorno dalla notte (visibili infatti attraverso la costituzione dell'atmosfera) dopo la formazione delle piante sulla terra (poiché l'acqua diluviana delle origini feconda la terra), come possono infine essere così contrastanti i due racconti sulle origini della terra e dell'uomo, tanto che uno afferma la formazione di esseri viventi sulla terra, prima di quella dell'uomo, mentre l'altro la posticipa, tanto che l'uomo era solo ?

    Tu, caro Dino, distingui la Scienza (quella che noi oggi concepiamo come tale e meglio sarebbe dire, razionalismo) dalla Rivelazione (la quale è SIMBOLICA, che non significa POETICA, o, peggio, contadina ..) e rifiuti di comprendere la Verità tutto intera ed unitaria che fa leva sulle profondità dell'anima umana...

    Citazione da quanto da te riportato:

    "398 Con questo peccato, l'uomo ha preferito se stesso a Dio, e, perciò, ha disprezzato Dio: ha fatto la scelta di se stesso contro Dio, contro le esigenze della propria condizione di creatura e conseguentemente contro il suo proprio bene. Costituito in uno stato di santità, l'uomo era destinato ad essere pienamente « divinizzato » da Dio nella gloria. Sedotto dal diavolo, ha voluto diventare « come Dio » (Gn 3,5), ma « senza Dio e anteponendosi a Dio, non secondo Dio ». 518"

    Sono d'accordo e lo ribadisco.

    "399 La Scrittura mostra le conseguenze drammatiche di questa prima disobbedienza. Adamo ed Eva perdono immediatamente la grazia della santità originale. 519 Hanno paura di quel Dio 520 di cui si sono fatti una falsa immagine, quella cioè di un Dio geloso delle proprie prerogative."

    Sarei grato se me ne spiegassi il significato del 399, perché se è quel che penso io a titolo della tua interpretazione, allora non siamo per niente d'accordo (ho evidenziato la parte in particolare che gradirei mi specificassi secondo la tua interpretazione)...

    A tutti gli altri invece chiedo:

    1) perché dopo aver commesso il Peccato, i nostri progenitori si nascosero gli attributi sessuali con foglie di fico ?

    2) quando Caino fu allontanato dalla sua terra, perché egli temette che chiunque lo avesse incontrato lo avrebbe ucciso (vi erano altri uomini ai tempi di Adamo ed Eva ?) ?

    3) Adamo indubbiamente è il primo Uomo ed Eva la prima Donna, a cui Dio infuse lo Spirito, tanto da poter essere nominati quali "figli di Dio" (Adamo è infatti figlio di Dio); non significa questo possedere anche la diretta "linea di sangue" di Dio ?

    P.S.: il frutto dell'Albero del Bene e del Male non è la "mela", ma meglio sarebbe -a limite- raffigurato dal fico (come rappresentato nei dipinti), ma perché, inoltre, tale albero si trovava in mezzo al giardino di Eden, insieme all'Albero della Vita (o meglio è l'Albero della Vita a trovarsi in mezzo al giardino di Eden) ? Qual è la storia biblica sul fico e il suo significato ?

    A queste domande non è possibile rispondere se non si conosce il linguaggio dei simboli ed il loro significato... così che il racconto biblico che parte da Adamo ed Eva, unitamente a Caino e Abele, non può che rimanere oscuro ed insensato (se non astraendolo ed interiorizzandolo, ma forse tutto questo non appartiene alla Tradizione della Chiesa, semplicemente perché non può appartenere ad Essa dal momento che non è stata -la Chiesa- costituita dalle Origini, ma solo da un certo punto in poi della storia -come i diversi fatti avvenuti lo richiedevano- e fino alla fine dei Tempi; i quali non si riferiscono alla fine della Terra in senso fisico)...

    Chi può rispondere almeno a queste domande ?

  8. #8
    ORAPRONOBIS
    visitatore
    perchè sono dichiarati santi, se hanno commesso un peccato gravissimo, peggiore addirittura di quello di Giuda?

  9. #9
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    457
    Ringraziato
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ko|an Visualizza Messaggio

    A tutti gli altri invece chiedo:
    1) perché dopo aver commesso il Peccato, i nostri progenitori si nascosero gli attributi sessuali con foglie di fico ?

    tento di rispondere con tutta la mia ignoranza...dopo la loro uscita dal piano naturale di Dio, avendo acquisisto la "conoscenza del bene e del male"( l'autodeterminazione sulle proprie scelte) che l'uomo fatica a "portare" senza "cadere"...si diventa tutti predatori e predati: entra in campo la concupiscenza. Ognuno vede l'altro/a non più come una persona da amare, ma come un oggetto di desiderio ...conoscendo in sè questa tendenza, automaticamente ci si sente "predati" . Da qui il senso di debolezza e , di conseguenza, la necessità di difendersi dallo sguardo invasivo e pieno di desiderio egoistico dell'altro...i figli di una simile umanità si ammazzano tra loro e, da Caino in poi, arriviamo dritti dritti a quello che succede in Terra Santa in questi giorni...


    2) quando Caino fu allontanato dalla sua terra, perché egli temette che chiunque lo avesse incontrato lo avrebbe ucciso (vi erano altri uomini ai tempi di Adamo ed Eva ?) ?

    questo mi ha sempre fatto pensare che l'idea di una coppia sola non regge...lo scopo della Bibbia non è mai stato fare la conta di quanti fossero i primi uomini sulla terra, quanto di spiegarci il senso della creazione e i valori profondi in gioco, sciupati dalla ribellione alla legge naturale di Dio, con il cedimento alle lusinghe del tentatore

    3) Adamo indubbiamente è il primo Uomo ed Eva la prima Donna, a cui Dio infuse lo Spirito, tanto da poter essere nominati quali "figli di Dio" (Adamo è infatti figlio di Dio); non significa questo possedere anche la diretta "linea di sangue" di Dio ?

    abbiamo tutti questa figliolanza e siamo tutti, nonostante il battesimo ( che toglie il peccato, ma non la concupiscenza) nelle stesse condizioni di Adamo ed Eva: confrontati alle tentazioni di "uscire" dal piano della legge naturale di Dio, siamo tentati fino ai fondamenti delle nostre scelte...ogni "ondata" nuova di vita che approda sulla terra ( ogni generazione) conosce nella sua vita la fatica di dover "resistere" e andare contro corente, rispetto alle tentazioni, alle strade facili, alle opportunità egoistiche che ci vengono offerte su un piatto d'argento ogni giorno...

    P.S.: il frutto dell'Albero del Bene e del Male non è la "mela", ma meglio sarebbe -a limite- raffigurato dal fico (come rappresentato nei dipinti), ma perché, inoltre, tale albero si trovava in mezzo al giardino di Eden, insieme all'Albero della Vita (o meglio è l'Albero della Vita a trovarsi in mezzo al giardino di Eden) ? Qual è la storia biblica sul fico e il suo significato ?
    a questa non sono in grado di rispondere, lascio a chi conosce profondamente la simbologia delle Sacre Scritture il compito...

  10. #10
    Fedelissimo di CR L'avatar di arcycapa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    U.S.
    Età
    43
    Messaggi
    4,564
    Ringraziato
    5
    Citazione Originariamente Scritto da ORAPRONOBIS Visualizza Messaggio
    perchè sono dichiarati santi, se hanno commesso un peccato gravissimo, peggiore addirittura di quello di Giuda?
    Perche' si sono pentiti.

    E non farei paragoni... mi sembra difficile stabilire se il loro peccato sia stato piu` grave di quello di Giuda o meno.
    Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità (1 Gv 3, 18).


Discussioni Simili

  1. Perchè il peccato originale?
    Di Libero87 nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 30-09-2017, 18:22
  2. Adamo ed Eva su "GENESI BIBLICA" di Guido Bortoluzzi
    Di Calepino nel forum Sacra Scrittura
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 05-10-2010, 18:56
  3. Trasmissione del peccato originale tramite l'atto sessuale
    Di Augustinus nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 112
    Ultimo Messaggio: 19-05-2010, 20:50
  4. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 18-11-2007, 15:19
  5. Cos'è il Peccato Originale?
    Di PALADINO nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 23-05-2007, 00:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •