Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 21 di 21

Discussione: I due arieti

  1. #21
    Moderatore bibliotecario L'avatar di 3manuele
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Torino
    Età
    36
    Messaggi
    2,388
    Ringraziato
    183

    Premi

    Buon Santo Natale a tutti voi!

    Citazione Originariamente Scritto da Pollo Visualizza Messaggio
    «E alzò Abramo i suoi occhi, e vide ed ecco un ariete di là (’aḥar) impigliato in un cespuglio con le sue corna».

    Mi è venuta in mente un'altra possibilità: qualche interprete al posto di ’aḥar potrebbe aver letto ’aḥer "altro". Ma non so dirvi chi, né come.
    Scusatemi, sono all'estero e non ho a disposizione le mie edizioni e tutti i miei strumenti.
    Citazione Originariamente Scritto da Pollo Visualizza Messaggio
    Così legge il manoscritto di Leningrado
    וַיִּשָּׂ֙א אַבְרָהָ֜ם אֶת־עֵינָ֗יו וַיַּרְא֙ וְהִנֵּה־אַ֔יִל אַחַ֕ר נֶאֱחַ֥ז בַּסְּבַ֖ךְ בְּקַרְנָ֑יו
    wayyiššā’ ’abrāhām ’et-‘ênāyw wayyar’ wehinnēh-’ayil ’aḥar ne’eḥaz bassebak beqarnāyw

    Se la lezione del prosieguo del versetto è, senza varianti, quella data da Bible Hub, specie nella parola הָאַ֔יִל "l'ariete", la lettura ’aḥer "altro" non pare giustificata in alcun modo. La presenza dell'articolo, infatti, implica che l'animale che Abramo prese è quello di cui si è appena parlato (per i motivi di "tracking" anaorico, determinazione e definitezza esaminati p.es. da Barr, 'Determination' and the definite article in Biblical Hebrew, Journal of Semitic Studies XXXIV/2 Autumn 1989: 307-335). La presenza della marca di oggetto 'et, che si trova sul nostro "secondo" ariete ma non sul "primo", normalmente in ebraico biblico correla (maggiormente) con referenti già menzionati nel discorso e/o facilmente identificabili dall'ascoltatore/lettore. Il che depone ancora a favore del fatto che l'ariete menzionato per primo sia lo stesso ariete menzionato dopo nel versetto.

  2. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Giorgio D (26-12-2017), maurum (26-12-2017)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •