Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567
Risultati da 61 a 62 di 62

Discussione: Fede in Cristo in Russia.

  1. #61
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,057
    Ringraziato
    136

    Post

    Chiesa Ortodossa e Rivoluzione russa

    Cento anni dopo la nascita dell'Unione Sovietica


    «La notte sarà molto lunga e oscura» mormora sul letto di morte Tichon, patriarca della Russia, ricoverato in una clini*ca di Mosca dove spira il 7 aprile 1925. Intravede per i cristiani una stagione durissima sotto la dittatura comunista. La persecuzione annienta la Chiesa ortodossa russa e costringe i cristiani nelle catacombe.
    La rivoluzione bolscevica ha tempi concitati. Il 7 novembre 1917 a Pietrogrado, con l’assalto al Palazzo d’Inverno (Ermitage), si infiamma l’insurrezione guidata da Lenin contro l’impero zarista. Il giorno dopo l’assemblea dei Soviet elegge Lenin presidente del Consi*glio dei commissari del popolo. Il 2 dicembre a Brest-Litovsk in Bielorussia partono le trattative per la fine delle ostilità e si concludono il 3 marzo 1918 con la sconfitta della Russia e l'indipendenza di Finlandia, Polonia, Ucraina, Lettonia, Estonia, Lituania e Bielorussia. Il 7 dicembre 1917 gli Stati Uniti dichiarano guerra all’Impero austro-ungarico e il 26 dicembre la «Pravda» pubblica le tesi di Lenin sull’Assemblea costituente: è il trionfo dei Soviet.
    Nel 1917 il Sinodo elegge patriarca Tichon (Vasilij Ivanovič Bellavin) di 117 milioni di ortodossi, 73 diocesi e 60 mila chiese. Tichon, in rapporti epistolari con Benedetto XV, tenta di resistere alla politica antireli*giosa; condanna l’uccisione dello zar e le persecuzioni; denuncia la volontà dei bolscevichi di distruggere la Chiesa; protesta per la confisca dei beni ecclesiastici. Il 19 gennaio 1918 lancia la scomunica contro i bolscevichi: «La santa Chiesa di Cristo in terra russa attraversa una ben triste epoca: i nemici dichiarati o nascosti della verità di Cristo per*seguitano questa verità. Ogni giorno giunge l'eco dì orribili e crudeli massacri di genti innocenti. Ritornate in voi stessi, insensati, cessate i massacri». Per tutta risposta è accusato di sabotaggio e incarce*rato. Di fronte al pericolo dell’annientamento totale, il patriarca cede: secondo la più cupa tradizione sovietica, è costretto a fare autocritica, dichiara lealtà al regime, condanna la controrivoluzione.
    Per secoli l’impero zarista dei Romanov odia la Chiesa di Roma; si proclama difensore degli ortodossi; lancia un programma panslavista; ingloba a forza i 25 milioni di cattolici di rito latino e uniati di rito orientale. Pietro il Grande nel 1712 abolisce il Patriarcato: è appena ricostituito quando nel 1917 l’impero zarista crolla e la Chiesa di Stato va in pezzi perseguitata dal Par*tito operaio comunista. Un decreto dei commissari del popolo del 23 luglio 1918 ordina la separazione tra Stato e Chiesa; considera la religione «relitto della società capitalistica»; cancella dalla vita pubblica ogni traccia religiosa; interdisce ogni forma di predicazione fuori delle chiese e l'educazione della gioventù; introduce il matrimonio civile; proibisce l'insegnamento religioso nelle scuole; incamera i beni ecclesiastici; sequestra chiese e sopprime monasteri.
    Mai nella storia della Chiesa una persecuzione è così estesa nello spazio e nel tempo come quella ingaggiata dall’Urss nel XX secolo. Le persecuzioni dei primi tre secoli avevano un carattere locale e duravano qualche anno. Anche la terribile persecuzione di Diocleziano dura otto anni. La bandiera rossa brandita da masse inferocite inizia a garrire nel vento gelido della Russia.
    Primo periodo (1917-1923) – I bolscevichi saccheggiano le chiese; giustiziano i metropoliti di Pietroburgo e Kiev, più di 80 vescovi e migliaia di sacerdoti, monaci e monache; migliaia languono nelle prigioni o sono deportati in Siberia e sul Mar Bianco. Nel 1921 una terribile carestia si abbatte: 20 milioni soffrono la fame, un milione muore. Il patriarca Tichon reagisce immediatamente e nell’agosto 1921 indirizza ai fedeli, ai patriarchi orientali, al Papa di Roma, all’arcivescovo di Canterbury e all’arcivescovo di New York un messaggio in cui chiede aiuti per gli affamati. I comunisti confiscano i beni ecclesiastici sotto il pretesto di aiutare le vittime.
    Secondo periodo (1923-1933) – La polizia segreta tenta di provocare uno scisma nella Chiesa ortodossa. Il 21 gennaio 1924muore Lenin: gli succede Josif Stalin (Vissarionovič Džugašvili) che rafforza la dittatura. Domina per trent’anni sull’Urss e sui Paesi satelliti: dietro sue istruzioni la Cattedrale ortodossa di Mosca, intitolata a Cristo Salvatore, il 5 dicembre 1931 è fatta saltare in aria e ridotta in rovine.
    Terzo periodo (1933-1953), anni del terrore - Nel 1937 ben 136.900 preti ortodossi sono arrestati e di essi 85.300 sono uccisi; 1938 arrestati 28.300, di cui 21.500 fucilati; 1939, arrestati 1.500 dei quali 900 fucilati; 1940 arrestasti 5.100 di cui 1.100 fucilati; 1941, 4.000 arrestati, 1.900 fucilati. Il 10 ottobre 1937 il metropolita Pietro, facente funzione di patriarca, è ucciso dopo 8 anni di prigione in isolamento. Sull’immenso territorio restano in piedi solo 1.277 chiese. Il presidente dell’Unione atei militanti annuncia che non ci sono più monasteri.
    L’Unione Sovietica, sotto il tallone dell’ex seminarista «Stalin, uomo d’acciaio» occupa l’Europa centro-orientale, la Germania e Berlino Est. Il 5 marzo 1953 al Cremlino muore il tiranno: con deportazioni, purghe, carestie, lavori forzati stermina 20-60 milioni di persone. Gli esponenti dei partiti italiani di sinistra lo esaltano come un grand’uomo ed elogiano le repressioni di Mosca. Palmiro Togliatti «il migliore», segretario del Pci, durante la guerra partigiana è riparato in Russia ed è complice di Stalin perche non muove un dito per salvare i compagni dalle «purghe» e lo esalta come «gigante del pensiero e dell’azione: con il suo nome verrà chiamato il secolo intero». Sandro Pertini, capo socialista e futuro presidente della Repubblica lo commemora in Parlamento: «Ha terminato bene la sua giornata, anche se troppo presto. L’ultima sua parola è stata di pace. Si resta stupiti per la grandezza che la morte pone nella giusta luce. Uomini di ogni credo, amici e avversari, riconoscono l’immensa statura. È un gigante della storia e la sua memoria non conoscerà tramonto».





    fonte

  2. #62
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,057
    Ringraziato
    136

    Post

    I battisti e la rivoluzione russa

    Dopo le iniziali aperture in chiave anti ortodossa, con Stalin iniziarono i grandi problemi

    Il primo battista di Russia è stato Nikita Voronin, battezzato a Tbilisi, capitale dell’attuale Georgia, nel 1867 a seguito dell’arrivo di piccole comunità provenienti dalla Germania. Le persecuzioni da parte dello stato zarista, su input della Chiesa ortodossa, spaventata da questi lettori della Bibbia, pellegrini e evangelizzatori, iniziano da subito.

    I primi venti della rivoluzione di ottobre portano idee di libertà: viene sancita la separazione fra Stato e chiesa, nell’immediato pare crescere la libertà religiosa, e la costituzione nascente consente libertà di coscienza e di “propaganda” per le religioni stesse. Il vero obiettivo dei Soviet è in questo periodo la Chiesa ortodossa, simbolo di privilegi e di accordi a filo doppio con lo zar. Le chiese battiste continuano quindi a crescere rapidamente. La leadership battista non guarda con cattivo occhio al nuovo corso, e supporta l’emancipazione del popolo. I battisti diventano alcuni milioni su suolo sovietico, e nel 1927 a Mosca viene inaugurato un college dedicato alla formazione dei futuri pastori, un’ottantina circa per ogni sessione. La direzione è affidata a Miroslav Ivanoff-Klishnikoff, segretario dell’allora Unione battista russa. I pastori battisti sono liberi di muoversi dentro e fuori i confini nazionali, tanto che fino al 1928 circa 20 fra loro partecipano alla Conferenza dell’Alleanza battista mondiale a Toronto, in Canada.

    A patire le persecuzioni in questi primi anni è la Chiesa ortodossa, simbolo degli antichi regimi. Fra il 1927 e il 1940 le chiese ortodosse passano da 29.584 a meno di 500 come ha raccontato nel suo articolo Luigi Sandri.

    Le festività del Natale e della Pasqua vengono abolite, così come raduni e processioni. La propaganda martella da ogni possibile canale.

    La svolta è datata 1928. Stalin è al potere da due anni, ha vinto il braccio di ferro con Trockij. La nazione vira decisa verso la burocratizzazione e un autoritarismo sempre più paranoide. L’insegnamento e il credo battista avevano nel mentre fatto breccia fra moltissimi operai e lavoratori, sfidando in qualche modo, magari inconsapevolmente, la supremazia dei soviet. Ora anche la chiesa battista aveva raggiunto numeri capaci di spaventare gli organismi centrali. E’ l’inizio di una campagna denigratoria prima, persecutoria poi.

    Ecco che le società battiste di cucito vengono ora additate come “strumento per lo sfruttamento del lavoro femminile”, le riunioni di fedeli diventano assemblee per irretire i non credenti, l’insegnamento diventa una frode per soggiogare le masse. Ultimo ma non meno importante, i legami internazionali diventano il chiaro segnale delle trame messe in atto per minare le fondamenta dello Stato. La strada della deriva è segnata, gli ideali di uguaglianza e libertà dei rivoluzionari del 1917 sono un ricordo.

    Pastori e amministratori battisti iniziano ad esser arrestati. L’8 aprile 1929 la Costituzione viene modificata, la libertà di coscienza diventa libertà di culto soggetta a “regolamenti specifici”. Il culto può ora avvenire solo in luoghi definiti, registrati dalla polizia. Tutte le attività economiche e culturali connesse sono bandite. La lettura del testo biblico è concessa, ma non in gruppo, al fine di evitare ogni possibile proselitismo. Le Scuole domenicali per i bambini vengono chiuse. I culti sono concessi, ma i partecipanti iniziano a patire discriminazioni di ogni sorta. I pastori non possono più recarsi nelle unioni sindacali dei lavoratori e perdono la razione quotidiana di pane, accordata ad ogni cittadino dell’immensa nazione. Studenti battisti vengono espulsi dalle scuole, la stampa e l’importazione della Bibbia vengono proibiti. Si susseguono anni di arresto, di confino in Siberia, per i trasgressori. La pressione si fa insopportabile, i luoghi di culto vengono requisiti per attività di partito.
    Per la religione, l’oppio dei popoli, non c’è più spazio. Oltre mille luoghi di culto vengono chiusi nel corso del 1929. Le cose peggiorano, con l’apice delle tremende purghe fra il 1936 e il ‘38, fino al 1941 quando la guerra mondiale suggerisce di appoggiarsi ancora una volta ai pastori per tentare di dare sollievo ad una popolazione stremata da carestie e combattimenti eterni. Popolazione che non ha mai smesso di riunirsi e pregare, davanti alle tragedie del tremendo conflitto in corso e delle carestie.
    Con la fine della guerra seguiranno di nuovo anni di grande difficoltà, fra arresti, deportazioni, ateismo di Stato.

    Le informazioni sono tratte per la maggior parte da un testo di Geoffrey Shakespeare “I Battisti di Russia” del 1931, figlio del segretario dell’Unione battista della Gran Bretagna e membro del parlamento britannico

    fonte

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •