Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 28 di 28

Discussione: Il Predicatore della Casa Pontificia

  1. #21
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,129
    Ringraziato
    2628
    Citazione Originariamente Scritto da PaoVac Visualizza Messaggio
    che differenza c'è tra il Predicatore della Casa Pontificia, ruolo ricoperto da Padre Cantalamessa e il Teologo della Prefettura Pontificia, ruolo ricoperto dal defunto Card. Cottier?
    Si tratta di due funzioni completamente differenti: il Teologo (il quale anticamente, con il titolo di "Maestro del Sacro Palazzo", dirigeva a nome del Papa lo studium di teologia e diritto canonico costituito presso la Curia Romana) è una sorta di "consulente" del Pontefice e dei Prelati di Curia nella redazione di discorsi e documenti inerenti la teologia, la morale etc...
    Il Predicatore, invece, ha esclusivamente il compito di tenere al Papa e alla Curia le annuali prediche di Avvento e Quaresima (oltre all'omelia del Venerdì Santo nella Basilica Vaticana).
    Inoltre, mentre il Predicatore della Casa Pontificia viene scelto tra i Cappuccini, il Teologo è sempre un Domenicano (attualmente Padre Wojciech Giertych, nominato da Benedetto XVI a fine 2005 proprio in sostituzione del Card. Cottier).
    Per una trattazione sintetica ma molto chiara del ruolo del Teologo della Casa Pontificia nella storia rimando a questa risposta del sempre puntuale Padre Angelo Bellon, O.P.: http://www.amicidomenicani.it/leggi_sacerdote.php?id=4
    Oboedientia et Pax

  2. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    PaoVac (03-04-2016)

  3. #22
    Cronista di CR L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    34
    Messaggi
    40,681
    Ringraziato
    2479

    Premi

    Abbiamo visto che i teologi della Casa pontificia, Ciappi e Cottier sono stati cardinali e insigniti dell'episcopato durante munere.
    È mai accaduto che lo fosse anche il predicatore?


    La risposta di padre Bellon OP è davvero ottima; mi sorgono però tre dubbi:

    1) Padre Bellon dice:
    Il Card. Cottier, o.p., che è stato teologo della casa pontificia fino al dicembre scorso, ha detto che il compito del teologo della casa pontificia consiste in particolare nel leggere e dare il Nihil obstat a tutti i testi preparati dai collaboratori del Papa che lo assistono nella redazione dei documenti, discorsi, messaggi, ecc...
    Quindi anche quando il papa scrive un discorso che poi tiene alla Curia romana, esso è vagliato dal teologo della casa pontificia?

    2)Poi poco dopo dice:
    ad eccezione di quelli che interessano i rapporti con il Corpo diplomatico e la diplomazia vaticana.
    Come mai? Forse perché esulano dalla teologia?

    3) Più avanti poi dice:
    Non fa alcuna difficoltà che il Papa si serva di teologi specializzati in un particolare settore per redigere documenti e discorsi che richiedono competenza in materia.
    In questi casi come funziona? Il papa è coadiuvato da un teologo (ad esempio il card. Tettamanzi per la Familiaris consortio); a quel punto il testo deve comunque passare al vaglio del teologo della Casa pontificia?
    Ultima modifica di Phantom; 02-04-2016 alle 22:23
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  4. #23
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,057
    Ringraziato
    136

    Post

    Citazione Originariamente Scritto da cisnusculum Visualizza Messaggio
    La carica di predicatore apostolico dovrebbe risalire a Paolo IV nel 1555 circa. Inizialmente era affidata ai gesuiti. I primi nomi che ho trovato nel XVI secolo (ma senza conoscere gli anni esatti) sono Benedetto Palmi, Emmanuele Sa, Alfonso Salmeron e Francisco Toledo Herrera, tutti gesuiti. Nel XVI secolo i dubbi sono molto maggiori delle certezze: oltre a qualche altro gesuita (certamente Luigi Albrizio e Giovanni Paolo Oliva) compaiono dei domenicani (Nicola Riccardi e Tommaso Maria Ferrari) e probabilmente almeno un carmelitano (Pietro Villagrasa). I primi due cappuccini di cui ho notizia sono Anselmo Marzato (predicatore dal 1595 e cardinale dal 1607) e Girolamo Mautini da Narni (1608-1623).
    Quando nel 1743 il Papa stabilì che la carica fosse sempre riservata ad un padre cappuccino il predicatore era Michelangelo Franceschi. Da quest'epoca fino a circa metà XIX secolo l'elenco è pressoché completo, poi iniziano i dubbi. Come detto le maggiori incertezze le ho per il XX secolo. Certamente fino al 1909 era predicatore un tale Padre Serafino a cui succedette Padre Luca Ermenegildo Pasetto fino al 1921. Poi il buio. So che negli anni '30 doveva essere predicatore Padre Virgilio Federico Dalla Zuanna e il decennio successivo (dal 1944?) Padre Clemente Albino Vicentini. Molto famoso fu anche Padre Ilarino da Milano (al secolo Alfredo Marchesi) di cui si trovano anche numerose pubblicazioni e riferimenti in rete, ma non conosco affatto date di inizio e fine dell'incarico di predicatore. Nel 1968 la carica di Predicatore Apostolico ha mutato nome nell'attuale Predicatore della Casa Pontificia, ma ignoro chi ricoprisse la carica in tal periodo e fino al 1980 quando (non so nemmeno in che giorno) l'incarico venne affidato a Padre Cantalamessa.
    Se qualcuno ne sa di più o trovasse errori nelle mie informazioni farebbe cosa gradita.
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    La data esatta della nomina non viene riportata nemmeno nella biografia di Padre Cantalamessa sul suo sito personale e non se ne ha traccia alcuna neppure nel volume degli Acta Apostolicae Sedis del 1980 . Dalla medesima pagina apprendiamo che Padre Raniero, in data 18 luglio 2013, è stato confermato da Papa Francesco nell'incarico di Predicatore della Casa Pontificia
    Citazione Originariamente Scritto da sagrestan Visualizza Messaggio
    Padre Virgilio Federico Dalla Zuanna poi vescovo di Carpi fu predicatore sotto il pontificato di Pio X al quale recapitava (essendo nativo di un piccolo paese della valbrenta il cui unico sostentamento era la coltivazione del tabacco) con scadenza mensile un pacchetto di tabacco da "sniffare" e sigarette
    Da questa pagina dei frati cappuccini in Sardegna (http://www.fraticappucciniinsardegna.it/component/content/article/1-ultime/614-fr-raniero-cantalamessa.html ) apprendiamo che p.Raniero Cantalamessa è stato nominato predicatore apostolico il 23 giugno 1980 succedendo a p. Ilarino da Milano.
    Memtre per quanto riguarda p. Clemente da S.Maria (Albino Vicentini) ho trovato su google che è stato predicatore dal 1944 al 1959.

  5. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    cisnusculum (06-04-2016), Vox Populi (06-04-2016)

  6. #24
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    8,366
    Ringraziato
    612

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da westmalle Visualizza Messaggio
    Da questa pagina dei frati cappuccini in Sardegna (http://www.fraticappucciniinsardegna.it/component/content/article/1-ultime/614-fr-raniero-cantalamessa.html ) apprendiamo che p.Raniero Cantalamessa è stato nominato predicatore apostolico il 23 giugno 1980 succedendo a p. Ilarino da Milano.
    Memtre per quanto riguarda p. Clemente da S.Maria (Albino Vicentini) ho trovato su google che è stato predicatore dal 1944 al 1959.
    Con questi riferimenti possiamo ricavare dagli Acta alcuni punti fermi per l'ultimo secolo:

    5 agosto 1914 San Pio X nomina Padre Luca da Padova (Ermenegildo Pasetto); cessa probabilmente il 21 novembre 1921 quando è promosso Vescovo titolare di Geras e Visitatore apostolico. Era inoltre gìà coadiutore dal gennaio 1909 del suo predecessore Padre Pacifico da Seggiano (Celso Carletti)
    4 settembre 1931 Pio XI nomina Padre Vigilio da Valstagna (Federico Dalla Zuanna); cessa probabilmente il 12 maggio 1941 quando è promosso vescovo di Carpi.
    1°giugno 1944 Pio XII nomina Padre Clemente da Santa Maria in Punta (Albino Vicentini).
    20 marzo 1959 San Giovanni XXIII nomina Padre Ilarino da Milano (Alfredo Marchesi).
    23 giugno 1980 San Giovanni Paolo II nomina Padre Raniero Cantalamessa.


    Quindi sostanzialmente abbiamo ricostruito quasi tutto il XX secolo. Le uniche incertezze rimangono tra il 1921 e il 1931 e tra il 1941 e il 1944. Tuttavia credo di poter ritenere che Mons. Ermenegildo Pasetto e Mons. Federico Dalla Zuanna, rimasero in carica anche nei primi anni del loro episcopato. Infatti, guardando sugli acta, la loro nomina a vescovi è riportata come Praedicatorem Apostolicum senza hactenus davanti, come per le altre nomine analoghe.
    Non ho trovato la nomina di Padre Pacifico da Seggiano nei primi anni del '900, quindi è possibile che sia stato nominato alla fine del XIX secolo.

  7. Il seguente utente ringrazia cisnusculum per questo messaggio:

    MatteoCarpi (10-05-2017)

  8. #25
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,129
    Ringraziato
    2628
    Il 2 dicembre iniziano le prediche d'Avvento di p. Cantalamessa

    «Beviamo, sobri, l’ebbrezza dello Spirito». È il tema delle quattro meditazioni che il predicatore della Casa Pontificia, il cappuccino Raniero Cantalamessa, terrà alla presenza di Papa Francesco nei venerdì della prima settimana di Avvento, 2 dicembre, della seconda, 9 dicembre, della terza, 16 dicembre, e della quarta, 23 dicembre, nella cappella Redemptoris Mater del Palazzo apostolico.

    «Nella riflessione teologica — sottolinea il religioso spiegando la scelta del tema — si va affermando sempre più quella che viene denominata “la teologia del terzo articolo”, intendendo con ciò l’articolo del Credo sullo Spirito Santo».

    Si tratta di una «corrente — aggiunge padre Cantalamessa — che non intende sostituirsi alla teologia tradizionale, ma piuttosto affiancarla e vivificarla», proponendosi «di fare dello Spirito Santo non soltanto l’oggetto del trattato che lo riguarda, ma per così dire l’atmosfera in cui si svolge l’intera vita della Chiesa e, in particolare, ogni ricerca teologica».

    «In questa linea — conclude il cappuccino — le meditazioni di Avvento si propongono di riflettere sullo Spirito Santo come la novità teologica e spirituale più importante del dopo Concilio e la sorgente maggiore della speranza della Chiesa».

    Alle quattro prediche, che avranno inizio alle 9, sono invitati i cardinali, gli arcivescovi e i vescovi, i segretari delle Congregazioni, i prelati della Curia Romana e del Vicariato di Roma, i superiori generali e i procuratori degli ordini religiosi facenti parte della Cappella pontificia.


    fonte: Radio Vaticana
    Oboedientia et Pax

  9. Il seguente utente ringrazia Vox Populi per questo messaggio:

    Ultimitempi (24-11-2016)

  10. #26
    CierRino L'avatar di Ultimitempi
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    vinci
    Età
    57
    Messaggi
    6,197
    Ringraziato
    699
    Peccato che i fedeli laici (almeno una piccola rappresentanza alla volta) non possano assistervi. Ok, leggeremo il giorno dopo.
    Mulier ecce filius tuus

  11. #27
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,129
    Ringraziato
    2628
    Intervista di Giuseppe Rusconi a Padre Cantalamessa:
    http://www.rossoporpora.org/rubriche...o-e-altro.html
    Oboedientia et Pax

  12. #28
    Cronista di CR L'avatar di MatteoCarpi
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    Carpi
    Età
    36
    Messaggi
    1,630
    Ringraziato
    44
    Citazione Originariamente Scritto da sagrestan Visualizza Messaggio
    Padre Virgilio Federico Dalla Zuanna poi vescovo di Carpi fu predicatore sotto il pontificato di Pio X al quale recapitava (essendo nativo di un piccolo paese della valbrenta il cui unico sostentamento era la coltivazione del tabacco) con scadenza mensile un pacchetto di tabacco da "sniffare" e sigarette ...scusatemi
    Grandissima figura padre Vigilio! Si narra anche di un passaggio di fiaschetto di grappa al Papa Pio XI!

Discussioni Simili

  1. la Venerabile Marianna Saltini e la Casa della Divina Provvidenza
    Di WIlPapa nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-11-2017, 14:12
  2. Il Teologo della Casa Pontificia
    Di Cardinale Bellarmino nel forum Liturgie Papali
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-04-2016, 10:32
  3. Il Prefetto della Casa Pontificia
    Di Cardinale Bellarmino nel forum Liturgie Papali
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 03-01-2014, 15:38
  4. Pontificia Università della Santa Croce
    Di bertilla nel forum Principale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 28-01-2008, 12:47
  5. La Casa Pontificia
    Di papalino nel forum Liturgie Papali
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-06-2007, 00:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •