Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 9 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 83

Discussione: La Via Crucis guidata dal Santo Padre al Colosseo nella sera del Venerdì Santo

  1. #1
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Dioecesis Sciiamchiamensis
    Messaggi
    29
    Ringraziato
    0

    La Via Crucis guidata dal Santo Padre al Colosseo nella sera del Venerdì Santo

    E' vero che le meditazioni della Via Crucis 2008 al Colosseo sono del cardinale di Hong Kong Giuseppe Zen Ze-kiun?
    Ne ha dato notizia Zenit in Francese e il giornale cattolico francese La Croix.

  2. #2
    Cronista di CR L'avatar di Sunshine
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    19,958
    Ringraziato
    3176

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da mariacarla Visualizza Messaggio
    2008-03-04 19:57
    Via Crucis: Meditazioni a Ze- Kiun
    Papa Benedetto XVI sceglie arcivescovo Hong Kong
    (ANSA) - ROMA, 4 MAR - Sara' l'arcivescovo di Hong Kong, Joseph Zen Ze-Kiun, a firmare quest'anno le meditazioni per la Via Crucis del Venerdi' Santo al Colosseo. La scelta di quest'anno conferma la particolare attenzione riservata da Benedetto XVI alla Chiesa cinese, cui nel giugno dell'anno scorso il Papa ha indirizzato la sua lettera per i cattolici del grande paese orientale, anche nella logica di favorire una normalizzazione dei rapporti con il governo di Pechino.

    Mi viene da dire che chi meglio di un cinese cattolico può scrivere della Via Crucis: sono felicissima per Sua Eccellenza poichè questa scelta ripaga lo scandalo delle Olimpiadi in Cina (che non vedrò).
    Spero che nella via Crucis ci sia qualche accenno a proposito di persecuzioni...
    Così, magari, qualche coscienza cattolica si risveglia a proposito delle Olimpiadi di Pechino (che le vedranno....)

  3. #3
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Dioecesis Sciiamchiamensis
    Messaggi
    29
    Ringraziato
    0
    La voce dei cristiani cinesi nella Via Crucis al Colosseo

    Le meditazioni sono state composte dal Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, S.D.B.


    Di Anita S. Bourdin


    CITTA' DEL VATICANO, giovedì, 13 marzo 2008 (ZENIT.org).- Nella Via Crucis che Benedetto XVI presiederà la sera del Venerdì Santo al Colosseo di Roma risuonerà la voce dei cristiani cinesi.

    Il Papa ha affidato al Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, S.D.B., 76 anni, Arcivescovo di Hong Kong, la composizione delle meditazioni per il percorso che ha portato Gesù alla morte in croce.

    “Preparare le meditazioni per la Via Crucis al Colosseo è un compito molto impegnativo, ma non ho avuto esitazione ad accettarlo, perché ho subito capito che con questo suo invito il Santo Padre intendeva che io portassi al Colosseo la voce dei fedeli in Cina”, ha spiegato il porporato cinese in un'intervista concessa a ZENIT.


    “Il Santo Padre – osserva – vuole che siano spiritualmente presenti al Colosseo quei nostri fratelli e sorelle, perché essi, probabilmente, più di noi perpetuano oggi nel loro corpo la Passione di Gesù. Nella loro carne Egli viene arrestato, maltrattato, deriso, condannato e crocifisso, oggi”.


    Il porporato confessa che “durante la stesura delle meditazioni mi mettevo, prima, dalla parte di Gesù e dei miei fratelli perseguitati, e nutrivo verso i loro persecutori sentimenti non molto cristiani”.

    “Ma ad un certo punto mi sono accorto che, a causa delle mie infedeltà, merito più di essere enumerato tra i disertori, i traditori e persecutori. Spero che tutti facciamo questa conversione”, ha concluso.

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,112
    Ringraziato
    2619
    LA VIA CRUCIS AL COLOSSEO PREPARATA DAL CARDINALE ZEN



    Da oggi è in distribuzione nelle librerie di tutta Italia il testo della Via Crucis che Benedetto XVI presenzierà, come ogni anno, al Colosseo il prossimo 21 marzo, Venerdì Santo.

    Le meditazioni proposte quest'anno sono state preparate dall'Arcivescovo di Hong Kong, il cardinale Joseph Zen Ze-kiun che, nella presentazione, scrive: "Questa sera al Colosseo non ci siamo solo noi. Sono presenti al cuore del Santo Padre e al nostro cuore tutti i ‘martiri viventi' del ventunesimo secolo".

    Le illustrazioni, tipicamente cinesi, sono di una via crucis del XX secolo e sono di proprietà dell'archivio della Casa Generalizia S.V.D. e il testo, che consta di 64 pagine, è pubblicato dalla Libreria editrice Vaticana che lo ha posto in vendita a 2,50 euro.

    fonte: Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali
    Oboedientia et Pax

  5. #5
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,112
    Ringraziato
    2619
    I testi della presentazione e delle meditazioni preparate da S.E. il Card. Zen per la Via Crucis del Venerdì Santo sono stati già pubblicati anche sul sito della Santa Sede.
    A motivo del copyright della Libreria Editrice Vaticana, i suddetti testi non vengono pubblicati qui, ma ne viene fornito il link:

    Presentazione e meditazione iniziale

    Meditazioni per le varie Stazioni
    Oboedientia et Pax

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,112
    Ringraziato
    2619
    VIA CRUCIS al Colosseo
    venerdì 21 marzo 2008

    ELENCO
    delle persone che porteranno la croce


    Sosterranno le torce ai lati della Croce:
    Parrocchia di Santa Maria Maggiore in San Vito Diocesi di Roma
    Parrocchia di San Saturnino Martire - Diocesi di Roma

    fonte: Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali
    Oboedientia et Pax

  7. #7
    Partecipante a CR L'avatar di Vos autem amicos dixi
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Roma
    Età
    37
    Messaggi
    846
    Ringraziato
    0

    La Via Crucis guidata dal Santo Padre al Colosseo nella sera del Venerdì Santo

    Dall’India la Via Crucis 2009 del Papa
    di Lorenzo Fazzini
    Benedetto XVI ha scelto un vescovo indiano per scrivere i testi sulla Passione. Un segno di vicinanza a una Chiesa perseguitata


    Il dramma dei cristiani perseguitati in India «approda» a Roma. E in un contesto che richiama, in senso storico, la persecuzione per la fede cristiana. Secondo alcune fonti vaticane Benedetto XVI avrebbe scelto un vescovo indiano per redigere i testi a commento della Via Crucis che lui stesso presidierà la sera del Venerdì santo al Colosseo di Roma.
    La scelta del Papa è caduta su monsignor Thomas Menamparampil arcivescovo di Guwahati, nello Stato dell’Assam. A lanciare la notizia è stata l'agenzia SarNews (South Asia Religious News) - l'agenzia della stampa cattolica indiana - ed è stata rilanciata oggi con grande evidenza anche dal sito internet della Conferenza episcopale indiana.
    La scelta di Menamparampil rappresenta un segno concreto attraverso cui il Pontefice vuole dimostrare la sua solidarietà ai cristiani che in India, negli ultimi anni, sono oggetto di particolari ostracismi e violenze da parte di frange integraliste indù. Gli episodi più gravi si sono verificati a partire da agosto scorso nello Stato dell’Orissa: 50 mila i cristiani sfollati, 130 le vittime accertate, ancora oggi 3 mila cristiani risiedono in campi profughi.
    La scelta di mons. Menamparampil arriva dopo che lo scorso anno Benedetto XVI aveva incaricato il cardinale Joseph Zen, vescovo di Hong Kong, del compito di redigere i commenti della Via Crucis. Dopo la «passione» dei cristiani cinesi, sottoposti a decenni di ferreo controllo del regimo comunista, ora la Chiesa universale, insieme al suo Pastore, pregherà e ricorderà la morte di Cristo con la sensibilità dei martiri indiani di oggi.
    Mons. Menamparampil, 62 anni, salesiano, guida una diocesi dove i cattolici sono 50 mila su 6 milioni di abitanti. Salesiano, ha un piccolo primato personale: è stato il primo missionario ad infrangere la barriera dell’Arunachal Pradesh, uno Stato indiano che fino al 1978 era proibito agli evangelizzatori. In 30 anni il Vangelo si è propagato in maniera molto viva tra la gente: oggi nelle due diocesi comprese in questo territorio statale (che conta 1,9 milioni) ci sono 170 mila cattolici, ovvero il 16% dell’intera popolazione dell’Arunachal Pradesh.
    L'arcivescovo Menamparampil è una delle figure di spicco oggi della Chiesa asiatica. Non a caso - durante l'ultimo sinodo dei vescovi tenutosi in ottobre in Vaticano - a lui era stato affidata una delle cinque relazioni introduttive sulla Parola di Dio nella vita della Chiesa in ciascuno dei cinque continenti. Clicca qui per leggere il testo integrale della sua relazione sulla Parola di Dio in Asia.
    L'arcivescovo di Guwahati è anche una figura di riconciliazione. Lo Stato indiano dell'Assam è infatti da tempo teatro di scontri tra le popolazioni tribali Bodo e i musulmani locali. All'inizio di febbraio monsignor Menamparampil si è fatto promotore di un incontro tra i leader delle diverse etnie. Da questo incontro è nato un tavolo comune che si propone di aiutare a superare le tensioni etniche. Clicca qui per leggere la notizia dell'agenzia asiatica UcaNews che racconta questa storia.

    Fonte: http://www.missionline.org/index.php?l=it&art=1089

    Considerando che l'articolo parla anche di conferma sul sito della Conferenza Episcopale indiana, direi che la fontre potrebbe essere considerata attendibile.

  8. #8
    Partecipante a CR L'avatar di Vos autem amicos dixi
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Roma
    Età
    37
    Messaggi
    846
    Ringraziato
    0
    Effettivamente, il sito della Conferenza dei Vescovi Indiani conferma (http://www.cbcisite.com/cbcinews2742.htm)

    p.s. volevo inserire nel post precedente questo riferimento ma oggi ho problemi di connessione e non riesco ad editare il mio messaggio.

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,112
    Ringraziato
    2619
    17/03/2009 15.25.25
    L’arcivescovo indiano Thomas Menamparampil sarà l’autore delle meditazioni della Via Crucis al Colosseo


    L’arcivescovo indiano di Guwahati, mons. Thomas Menamparampil, sarà l’autore dei testi a commento della Via Crucis che Benedetto XVI presiederà la sera del Venerdì Santo al Colosseo. “La scelta di mons. Menamparampil – si legge sul sito Missionline.org – rappresenta un segno concreto attraverso cui il Pontefice vuole dimostrare la sua solidarietà ai cristiani che in India sono oggetto di particolari ostracismi e violenze da parte di frange integraliste indù”. Recentemente, l’Orissa e lo Stato di Assam, dove si trova l’arcidiocesi di Guwahati, sono stati teatro di drammatiche violenze perpetrate contro la comunità cristiana. L’arcivescovo, 62 anni, salesiano, guida una diocesi dove i cattolici sono 50 mila su 6 milioni di abitanti. E’ stato il primo missionario – ricorda Avvenire – “ad infrangere la barriera dell’Arunachal Pradesh, uno Stato indiano che fino al 1978 era proibito agli evangelizzatori”. Nel recente Sinodo dei vescovi mons. Thomas Menamparampil ha tenuto una delle cinque relazioni introduttive sulla Parola di Dio nella vita della Chiesa. (A.L.)

    fonte: Radio Vaticana
    Oboedientia et Pax

  10. #10
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    49,112
    Ringraziato
    2619
    27/03/2009 12.37.11
    Le meditazioni sulla Via Crucis faranno risuonare la voce della Chiesa indiana: le testimonianze di mons. Menamparampil e mons. Machado



    Fra due settimane, con il Venerdì Santo, la Chiesa vivrà uno dei momenti centrali dell’Anno liturgico. Le meditazioni a commento della Via Crucis, presieduta da Benedetto XVI il 10 aprile al Colosseo, sono state affidate, quest’anno, all’arcivescovo indiano di Guwahati, mons. Thomas Menamparampil. Un segno tangibile di fraternità verso i fedeli indiani, provati - specie nello Stato dell’Orissa - da violenze e persecuzioni. Al microfono di Antonella Palermo, mons. Menamparampil spiega quale sarà il senso delle sue meditazioni:

    R. – Credo che dobbiamo meditare sul tema del maligno nel mondo, questo tema è molto importante per noi. Il dolore, i diversi tipi di sofferenza sono un simbolo della presenza della Croce di Gesù Cristo nella nostra vita. Dobbiamo accettarli perché la sofferenza ha una forza di redenzione. Andiamo sempre alla Croce per un’ispirazione, ma anche quando subiamo persecuzioni e difficoltà dobbiamo dire “Gesù è con noi” e dobbiamo andare avanti con Lui e con la sua Croce.

    Con la scelta di mons. Menamparampil, il Papa ha dunque voluto ribadire la sua vicinanza ad una Chiesa che soffre come quella indiana. Un’attenzione che viene sottolineata da mons. Felix Machado, arcivescovo della diocesi indiana di Nashik, intervistato da Antonella Palermo:

    R. – La Chiesa dell’India risuonerà nella Chiesa universale, perché le meditazioni sulla Via Crucis porteranno adesso anche la voce della Chiesa in India.


    D. - Qual è la situazione dei cristiani in Orissa oggi?


    R. – La maggioranza è tornata nelle proprie case e la situazione è migliorata, ma sono preoccupato per gli ultimi che restano ancora nei campi per rifugiati. Secondo me la Chiesa si sta molto attivando. Per esempio, ieri nella mia diocesi, che è una povera diocesi, una parrocchia ha fatto una colletta e mi hanno detto: “Noi vogliamo aiutare ancora questi nostri poveri fratelli e sorelle”. Questo segno di solidarietà fra le Chiese in India mi fa molto piacere. Tutti i cristiani in India sono vicini nella solidarietà e stanno appoggiando la Chiesa che ha sofferto in Orissa.


    D. – Oggi in India quali sono gli strumenti per superare le difficoltà del dialogo interreligioso?

    R. – I fedeli cattolici seguono l’insegnamento della Chiesa riguardo al dialogo interreligioso, perché la Chiesa ha dato linee guida molto chiare in India. La Chiesa è molto impegnata nel dialogo interreligioso, per esempio nella mia diocesi, sperimento ottimi rapporti tra diverse comunità delle diverse religioni. Noi siamo insieme, quando c’è qualche difficoltà. Per esempio, quando sono arrivato in Orissa, ho organizzato un incontro con i credenti delle altre religioni e sono venuti in gran numero. Inoltre è importante insegnare alla gente a vivere in pace.

    fonte: Radio Vaticana
    Oboedientia et Pax

Discussioni Simili

  1. Venerdì santo: giorno aneucaristico
    Di don diego nel forum Liturgia
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 30-01-2015, 23:39
  2. Digiuno di venerdì Santo
    Di lucachess nel forum La Casa del Sondaggio
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 18-02-2009, 19:50
  3. Sulla modifica della preghiera del Venerdì Santo per gli Ebrei
    Di aeneas9 nel forum Rito Romano nella forma straordinaria
    Risposte: 88
    Ultimo Messaggio: 26-01-2009, 15:31
  4. Messaggio del Santo Padre per la GMG 2008
    Di Vox Populi nel forum La Bacheca di "Cattolici Romani"
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-07-2007, 13:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •