Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 80 1231151 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 793

Discussione: Nuovo Lezionario ed Evangeliario ambrosiano

  1. #1
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    49
    Messaggi
    7,558
    Ringraziato
    622

    Premi

    Nuovo Lezionario ed Evangeliario ambrosiano

    Mi hanno riferito che oggi, durante la messa crismale è stato dato l'annuncio della promulgazione del nuovo Lezionario Ambrosiano.

    Ci sono conferme? Sapete qualcosa sulle principali novità?

  2. #2
    CierRino L'avatar di princeps ecclesiae
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Ambrosii terra
    Messaggi
    5,317
    Ringraziato
    1
    Citazione Originariamente Scritto da lucpip Visualizza Messaggio
    Mi hanno riferito che oggi, durante la messa crismale è stato dato l'annuncio della promulgazione del nuovo Lezionario Ambrosiano.

    Ci sono conferme? Sapete qualcosa sulle principali novità?

    Confermo.
    Riporto due articoli.

    CHIESA/ MILANO, CON L'AVVENTO 2008 IL NUOVO LEZIONARIO AMBROSIANO
    L'annuncio di Tettamanzi: cambia programma letture bibliche

    da APCOM

    Milano, 20 mar. (Apcom) - Novità in arrivo per i fedeli della Chiesa ambrosiana. Con l'inizio del periodo dell'Avvento, a novembre prossimo, le parrocchie milanesi adotteranno il Nuovo Lezionario Ambrosiano. Si tratta di una novità che investe il programma delle letture di brani biblici della messa e di altre celebrazioni, selezionate in base a nuovi criteri. Ogni domenica, seguendo un preciso percorso tematico, verrà messo in luce un aspetto diverso della vita di Gesù e del suo insegnamento, attraverso la lettura di un brano dell'Antico Testamento e delle Lettere di San Paolo. L'annuncio è stato fatto, questa mattina, dal cardinale Dionigi Tettamanzi che ha firmato il decreto di promulgazione durante la celebrazione della Messa Crismale nel Duomo di Milano.

    "In questo contesto così significativo, giunge a compimento un'importante tappa della riforma liturgica ambrosiana, attuativa dei decreti del Concilio Vaticano II - ha detto monsignor Claudio Magnoli, segretario della Congregazione per il rito ambrosiano -. Con questo atto solenne il Messale ambrosiano viene dotato di un proprio e organico ordinamento di letture bibliche, ben radicato nella peculiare tradizione liturgica della Chiesa milanese e pienamente conforme all'esigenza che 'in un determinato numero di anni, si leggano al popolo le parti più importanti della Sacra Scrittura'".
    Il nuovo Lezionario, approvato da papa Benedetto XVI lo scorso 16 marzo, mette fine, così, alla provvisorietà che ha caratterizzato il Lezionario degli ultimi 32 anni. Dal 1976, infatti, le
    parrocchie di rito Ambrosiano celebrano l'eucaristia con un Messale rinnovato secondo il Concilio Vaticano II ma con un Lezionario incompleto e supplementare. Accanto alla volontà di dare un rinnovato impulso alla liturgia e all'azione pastorale, c'è il tentativo di valorizzare il patrimonio liturgico della tradizione ambrosianae al tempo quello di costituire un ponte sicuro, radicato nella propria bimillenaria tradizione, tra Oriente e Occidente.
    In tal senso le novità più importanti riguardano le due messe del sabato, quella del mattino e quella serale tradizionalmente definita liturgia vigiliare vespertina. Nella celebrazione del sabato mattina il nuovo Lezionario Ambrosiano prende ispirazione dalla lettura dei primi cinque libri della Bibbia (del Pentateuco) nelle sinagoghe ebraiche prevedendo sempre tre letture durante la celebrazione, la prima e la seconda lettura e il Vangelo. Questa scelta si pone lungo una linea di continuità con tradizione ebraica che riconosce nel sabato un giorno di festa. Quanto, invece, alla messa vigiliare vespertina, questa perderà il suo carattere pre-festivo per assumere una "sua dignità" in forma solenne o semplice. Questa scelta mostra "la fecondità di una tradizione vigiliare che si affaccia sul Giorno del Signore a partire dalla sera precedente".
    Le altre novità riguardano, invece, la struttura del lezionario, suddiviso in tre parti: il mistero dell'Incarnazione, il mistero della Pasqua del Signore e il mistero della Pentecoste. Il libro dell'Incarnazione copre l'arco di tempo che va dalla I domenica di Avvento al sabato che precede la prima domenica di Quaresima, il secondo libro - quello della Pasqua - va dalla prima domenica di Quaresima alla Pentecoste, mentre l'ultimo, della Pentecoste, va dal lunedì successivo alla Pentecoste al sabato che precede la prima domenica d'Avvento. Restando sempre in tema di riorganizzazione della struttura del Lezionario, questo è stato poi strutturato in tre percorsi: domenicale, organizzato su tre anni, sabbatico e quello feriale, entrambi organizzati su due anni.


    DUOMO, TETTAMANZI PROMULGA NUOVO LEZIONARIO AMBROSIANO
    by Omnimilano, Il Giornale

    Oggi, durante la celebrazione della Messa Crismale nel Duomo, alla presenza di oltre 500 sacerdoti ambrosiani, l'Arcivescovo Dionigi Tettamanzi ha promulgato il Nuovo Lezionario Ambrosiano, annunciando che entrerà in vigore dall'inizio dell'Avvento 2008 (a novembre). "Questa Eucaristia che stiamo celebrando diventa allora il momento adatto per chiedere al Signore di aiutarci ad avere una visione unitaria, rasserenante e bella del periodo storico che stiamo vivendo - ha poi detto il cardinale nel corso dell'Omelia -. Doni a tutti noi di essere: stupiti per il dono, non schiacciati dai problemi; mossi dallo Spirito con la sua unzione potente ed efficace, non bloccati da timori e da fatiche; rimessi in moto dal dinamismo interiore della grazia, non confusi dalla nostra condizione che sembra impari alla complessità e alla problematicità della situazione in cui viviamo".

  3. #3
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    10,025
    Ringraziato
    952
    Rallegriamoci perchè finalmente il complesso itinerario di approvazione si è concluso e oggi il Cardinale ha firmato il decreto di promulgazione.



    Qui c'è il video della promulgazione e firma:



    Intervista a mons. Magnoli sull'argomento:


    Ricordo a tutti che Veritas et Amor ha dettagliatamente descritto il contenuto del nuovo lezionario. Potete trovare qui la bella e completa presentazione:
    http://www.cattoliciromani.com/59-liturgia-ambrosiana/5729-nuovo-lezionario-ambrosiano


    Entrerà in vigore con la prima domenica di Avvento 2008.

    Ultima modifica di Ambrosiano; 17-02-2015 alle 17:19

  4. #4
    Aldus
    visitatore

    Talking nuovo lezionario "ebraicizzato"

    Milano, riforma messa rito ambrosiano da oggi più vicina a ebrei
    giovedì, 20 marzo 2008 11.23

    di Antonella Cinelli
    MILANO (Reuters) - La diocesi di Milano da oggi sarà più vicina alla tradizione ebraica: le letture della messa del sabato si ispireranno infatti a quelle della sinagoga, secondo una decisione approvata da Papa Benedetto e annunciata stamattina nel Duomo del capoluogo meneghino.
    Il nuovo carattere impresso alla messa del sabato mattina nella diocesi di Milano è tra le novità del nuovo "lezionario" - il libro delle letture - ambrosiano, che viene presentato dall'arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi.
    "Il sabato, visto che è il giorno di festa per gli ebrei, noi caratterizziamo la messa della mattina modellandola sulla lettura sinagogale", ha spiegato al telefono a Reuters don Davide Milani, responsabile per la comunicazione della diocesi. "Mettiamo almeno una lettura tratta dal Pentateuco - i primi cinque libri della Bibbia - come avviene nella sinagoga".
    Con il nuovo lezionario ambrosiano, dunque, si è deciso di sottolineare il carattere festivo del sabato, in continuità con la tradizione ebraica.
    Un gesto importante, anche considerato che la diocesi di Milano, coi suoi 5 milioni di abitanti, è la più grande del mondo. E che appare in controtendenza con il decreto di Benedetto XVI che l'estate scorsa - suscitando aspre polemiche - ha riportato in vita una preghiera in latino del venerdì santo che definisce "perfidi" gli ebrei.
    COMPIUTO IL PROCESSO INIZIATO NEL 1995
    Il processo che ha portato a modificare il lezionario della diocesi milanese, una delle pochissime al mondo con un proprio rito, è iniziato oltre dieci anni fa, spiega don Milani.
    Mentre per il rito romano, infatti, dal Concilio Vaticano II nacquero sia un nuovo messale - il libro per dire messa - che un nuovo lezionario, per il rito ambrosiano ci si limitò a cambiare il messale.
    "Il lezionario non venne aggiornato: si prese quello romano e in sostanza lo si copiò, con poche eccezioni. Per questo nel 1995 (l'allora arcivescovo) il cardinale Martini disse: portiamo a compimento questa riforma".
    Il processo di rinnovamento si conclude oggi, con la firma apposta dal cardinale Tettamanzi sul decreto di promulgazione del nuovo lezionario, elaborato dalla Congregazione per il rito ambrosiano e approvato domenica scorsa dalla Santa Sede per mano del cardinale Francis Arinze, prefetto della Congregazione per il culto divino e i sacramenti.
    Fino a oggi i fedeli della diocesi di Milano erano abituati "ad avere in certe domeniche certi brani. Il criterio che organizzava le letture della messa era quello della 'lectio semicontinua', cioè prendere un Vangelo e leggerlo domenica dopo domenica. Ora, invece, ogni domenica avrà un tema, per esempio un mistero della vita di Gesù", dice don Milani.
    Tra le altre cose cambierà il carattere della messa del sabato sera, finora considerata prefestiva: "Si prendeva la messa della domenica e la si anticipava al sabato, invece adesso avrà una struttura sua, sarà una messa della vigilia, con delle letture proprie. Sarà sempre 'valida' per la domenica, ma non sarà più una copia anticipata".
    Il rito ambrosiano si ispira alla liturgia usata da Sant'Ambrogio, che innovò in alcuni punti quella romana. Il rito oggi ha un calendario, un messale e un lezionario propri.
    I cambiamenti in vigore da oggi riguarderanno le parrocchie delle province di Milano, Lecco e Varese, oltre a 55 parrocchie della diocesi di Lugano e ad alcune altre di Bergamo, Novara e Lodi.


    © Reuters 2008. Tutti i diritti assegna a Reuters.

    Ah ah, e quindi faremo le letture che si fanno in sinagoga....
    ma non si chiedeva la reciprocità?
    A quando i rabbini che leggeranno il Vangelo?

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    118
    Ringraziato
    0
    Ero presente alla Messa Crismale sta mattina (ho avuto anche il privilegio di portare all'altare il prezioso balsamo per la consacrazione del Crisma) e alla fine è stato dato l'annuncio solenne. Devo dire che ha preso tutti di sorpresa, a me in positivo!!

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    10,025
    Ringraziato
    952
    Dal sito della radio Vaticana.

    Per favore, fate attenzione a quanto afferma il Cardinale e che io ho messo in rosso, e non date molto peso a quanto invece dicono i giornalisti che amplificano frasi ad effetto e sorvolano invece su altre parti.

    20/03/2008 14.36.15



    Il cardinale Tettamanzi promulga il Nuovo Lezionario per il rito ambrosiano






    Un Nuovo Lezionario per il rito ambrosiano. L'arcivescovo di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi, durante la celebrazione della Messa Crismale nel Duomo di Milano, davanti a centinaia di sacerdoti, ha annunciato che dall'Avvento 2008 entrerà in vigore il Nuovo Lezionario Ambrosiano, il libro liturgico utilizzato per la proclamazione della Parola di Dio nella celebrazione della Messa, che è stato approvato e confermato da Papa Benedetto XVI per mezzo della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti. Il servizio di Fabio Brenna:


    Cambiare il Lezionario, l'attuale era in uso “ad experimentum” dal 1976, significa mutare il programma delle letture della Messa e di altre celebrazioni nelle comunità di rito ambrosiano. Nuovi criteri sono stati adottati per selezionare i brani biblici. Se prima prevaleva il criterio della Lectio semicontinua (tendenzialmente si leggeva cioè ogni domenica lo stesso libro del Vangelo, riprendendo da dove ci si era interrotti la domenica precedente) ora prevale un criterio tematico: ogni domenica mette in luce un aspetto della vita di Gesù e del suo insegnamento, sostenuto dalle letture di un brano dell'Antico Testamento e delle lettere di San Paolo. Una novità che riguarda più di 5 milioni di persone che vivono nelle zone in cui vige il rito Ambrosiano. Sentiamo il cardinale Dionigi Tettamanzi:


    “Che cosa cambia? Cambia che adesso c’è una possibilità di ascolto, di meditazione, anzi di celebrazione della Parola di Dio secondo un cammino che il rito ambrosiano propone a tutti i fedeli in ordine a far crescere la fede. Una fede che entra poi nell’esistenza, secondo una vitalità che è legata all’ascolto di questi determinati libri della Sacra Scrittura e secondo questo determinato ordine".

    Il Nuovo Lezionario è ripartito in tre parti (Mistero dell'Incarnazione; Mistero della Pasqua; Mistero della Pentecoste). Accanto al Lezionario domenicale - organizzato su tre anni, A, B, e C - è stato introdotto un Lezionario apposito per il sabato, organizzato in due anni. Con ciò si vuole dare una dignità propria alla celebrazione del sabato, la cui Messa vespertina non sarà più semplicemente l'anticipo di quella festiva, ma un modo per celebrare il Giorno del Signore a partire dalla sera precedente, in continuità con la tradizione delle Chiese orientali e di quella ebraica. Ancora il cardinale Tettamanzi:


    Il ponte non è soltanto con il mondo ebraico, ma è un ponte anche con tutte le Chiese nel mondo e in particolare quelle del mondo orientale. Noi sappiamo che Milano è sempre stata un crocevia per i diversi popoli d’Occidente e d’Oriente. Sant’Ambrogio ha una ascendenza – possiamo dire - culturale e spirituale legata ad alcuni padri della Chiesa e ad alcuni scrittori dell’antico Oriente. Penso quindi che anche quest’aspetto ecumenico sarà favorito dal Nuovo Lezionario”.

    Con il Nuovo Lezionario viene modificato anche il calendario liturgico ambrosiano. La Festa dell'Ascensione verrà celebrata il quarantesimo giorno dopo la Pasqua e non più nella prima domenica utile, nell'intento di ridare impulso alla vita liturgica e per l'educazione alla fede. (Da Milano, per Radio Vaticana, Fabio Brenna)
    Ultima modifica di Ambrosiano; 20-03-2008 alle 14:39

  7. Il seguente utente ringrazia Ambrosiano per questo messaggio:

    Mysterium Fidei (31-10-2017)

  8. #7
    Veterano di CR L'avatar di Garsel
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Bologna
    Età
    43
    Messaggi
    1,496
    Ringraziato
    2
    Ah ah, e quindi faremo le letture che si fanno in sinagoga....
    ma non si chiedeva la reciprocità?
    A quando i rabbini che leggeranno il Vangelo?
    Mi sa che hai preso un bel granchio! Nell'articolo si dice semplicemente che:

    Il sabato, visto che è il giorno di festa per gli ebrei, noi caratterizziamo la messa della mattina modellandola sulla lettura sinagogale ... Mettiamo almeno una lettura tratta dal Pentateuco - i primi cinque libri della Bibbia - come avviene nella sinagoga".
    Se ti lamenti per il fatto che si leggono "le letture che si fanno in sinagoga" devi lamentarti per tutte le letture dell'Antico Testamento!

    Senza contare che, naturalmente, il nuovo Lezionario "è stato approvato e confermato da Papa Benedetto XVI per mezzo della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti", la quale non mi sembra precisamente una gang di giudaizzanti.

    Piuttosto, in bocca al lupo agli amici ambrosiani. Da quello che leggo, sembra che il nuovo lezionario possa portare dei frutti importanti.

  9. #8
    Fedelissimo di CR L'avatar di Andrea71
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Savigliano (CN)
    Età
    46
    Messaggi
    4,679
    Ringraziato
    6

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Garsel Visualizza Messaggio
    Se ti lamenti per il fatto che si leggono "le letture che si fanno in sinagoga" devi lamentarti per tutte le letture dell'Antico Testamento!
    Per quasi tutte. Il nostro Canone è più ampio della Tanah ebraica. Comunque il tuo concetto è giustissimo, era solo per precisare.

  10. #9
    Aldus
    visitatore
    Promulgato il Nuovo Lezionario Ambrosiano
    Al termine della Messa crismale l'Arcivescovo ha firmato il decreto e dato l'annuncio alla diocesi.
    Il nuovo libro liturgico entrerà in vigore la prima domenica di Avvento

    Al termine della messa crismale del giovedì santo e davanti a un migliaio, tra preti e seminaristi, e una folla di fedeli, l’Arcivescovo ha firmato dalla Cattedra del Duomo il decreto di promulgazione del nuovo Lezionario ambrosiano.L’approvazione di papa Benedetto XVI, attraverso la Congregazione culto divino e sacramenti, èarrivata infatti nei giorni scorsi e questo ha reso possibile l’annuncio in un giorno tanto significativo per tutta la Chiesa.

    «Stabilisco che i nuovi testi - a detto monsignor Luigi Manganini, leggendo il decreto a nome del Cardinale - entrino in vigore la prima domenica di Avvento 2008 e pertanto, a partire da tale data, il nuovo Lezionario deve essere adottato come ufficiale e obbligatorio in tutte le chiese, oratori e cappelle di rito ambrosiano».

    In Duomo è risuonato anche il «grazie» all’Arcivescovo da parte di monsignor Claudio Magnoli, segretario della Congregazione per il rito ambrosiano, «che in questi anni raccogliendo il testimone dai suoi predecessori, il cardinal Colombo e il cardinal Martini, ha sostenuto e incoraggiato il lavoro di preparazione di questo nuovo libro liturgico».

    Il nuovo rito interesserà 5 milioni di persone, oltre alla Chiesa di Milano, anche 98 parrocchie delle diocesi di Bergamo, Lodi, Lugano, Novara e Pavia. Fino ad oggi le comunità ecclesiali di rito ambrosiano utilizzavano un messale del 1976, rinnovato a norma del Concilio Vaticano II, ma ancora incompleto e supplementare. Solo a partire dal 1995, con il 47° Sinodo diocesano, un’apposita commissione ha studiato il nuovo progetto avviando l’iter che ha portato all’approvazione definitiva della Congregazione romana.

    Il nuovo Lezionario darà un nuovo impulso alla vita liturgica e all’azione pastorale delle comunità, valorizzando un patrimonio che la tradizione ambrosiana ha custodito per secoli. La grande novità sta nella scelta delle letture della messa e di altre celebrazioni. Per selezionare i brani biblici sono dunque stati utilizzati nuovi criteri rispetto al passato e individuando testi adatti al tema di ogni domenica.

    Il Lezionario in realtà non sarà un unico volume, ma almeno festivi e tre feriali tre da utilizzare lungo tutto l’anno liturgico. Inoltre, volendo anche considerare l’aspetto “quantitativo” le pagine bibliche proclamate nell’arco di un anno saranno il 20% in più rispetto a oggi. Nei prossimi anni la diocesi milanese dovrà lavorare per predisporre i sussidi necessari per aiutare anche i fedeli a “sintonizzarsi” sulla logica interna da cui dipenderà la scelta dei testi biblici.

    «A voi, cari confratelli, e a tutti i fedeli ambrosiani - ha detto il cardinale Dionigi Tettamanzi al termine della celebrazione - è ora consegnato, quale dono prezioso, destinato a portare frutti copiosi di fede, di speranza e di carità».


    Monsignor Luigi Manganini illustra il Lezionario

    Le motivazioni
    1.intende dare un rinnovato impulso alla vita liturgica e all’azione pastorale delle comunità di rito ambrosiano. L’itinerario dell’anno liturgico e la proposta biblica che si articola in questo itinerario, saranno la prima fonte di educazione alla fede
    2. VALORIZZARE LA TRADIZIONE AMBROSIANA
    Il Nuovo Lezionario Ambrosiano intende valorizzare al meglio il patrimonio liturgico che la tradizione ambrosiana ha custodito nei lunghi secoli della sua storia. Il millennio che va dall’epoca di Sant’Ambrogio (sec. IV) al pieno Medioevo (secc. XII / XIII) mette in evidenza un Lezionario Ambrosiano ricco e originale in tutto l’arco dell’anno. Dalle fonti ambrosiane antiche il Lezionario Ambrosiano ha tratto indicazioni ora dirette e ora indirette. È stato come rendere pienamente abitabile un palazzo antico, valorizzando gli elementi originali e completandoli con materiali coerenti
    3. ISTITUIRE, NELLA CHIESA LATINA, UN “PONTE” CON L’ORIENTE
    La sensibilità del Lezionario Ambrosiano non si contrappone a quella romana, ma si compone armonicamente con essa, istituendo nella Chiesa latina una peculiare modalità di leggere e pregare le Sacre Scritture che accresce la complessiva sapienza liturgica dell’Occidente cristiano post-Conciliare. La Chiesa ambrosiana, mediante l’approvazione del proprio Lezionario definitivo, prende meglio coscienza della sua vocazione ecumenica: costituire un ponte sicuro, radicato nella propria bimillenaria tradizione, tra Oriente e Occidente.
    video della promulgazione

    [quote=Garsel;351500]
    Se ti lamenti per il fatto che si leggono "le letture che si fanno in sinagoga" devi lamentarti per tutte le letture dell'Antico Testamento!

    Senza contare che, naturalmente, il nuovo Lezionario "è stato approvato e confermato da Papa Benedetto XVI per mezzo della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti", la quale non mi sembra precisamente una gang di giudaizzanti.
    Non è la questione di quali letture si sono scelte... ma del perchè sono state scelte.
    Credo che questo concetto sia chiaro... se poi vuoi fare polemiche a caso, dato che io non ho mai nemmeno accennato al fatto che la congregazioni vaticane siano giudaizzanti, vedi tu.
    Ultima modifica di Aldus; 20-03-2008 alle 15:52

  11. #10
    Fedelissimo di CR L'avatar di a_ntv
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Milano
    Età
    49
    Messaggi
    4,182
    Ringraziato
    9
    La notizia mi ha colto di gioia

    Una domanda..

    La traduzione usata per le letture è quella CEI o la nuova traduzione usata per il nuovo lezionario romano?

    Sola Scriptura has hindered rather than helped the understanding of Christianity
    Margaret Barker, Biblical scholar



Discussioni Simili

  1. Lezionario
    Di Aloisius Gonzaga nel forum Dizionario Liturgico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-12-2017, 12:40
  2. Nuovo Lezionario Ambrosiano
    Di Veritas et Amor nel forum Thesaurus Liturgiae
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 07-02-2007, 22:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •