Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 11 PrimaPrima 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 108

Discussione: Ingresso dei nuovi Arcivescovi di Milano

  1. #21
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    51,628
    Ringraziato
    3312
    Piccola annotazione sui paramenti: come anticipato la scorsa settimana da Mons. Fontana, è stato usato il parato dei Santi Ambrosiani, con una novità: la casula del Card. Scola, infatti, è nuova e va a completare detto parato, in quanto sullo stolone sono raffigurati gli ultimi due Arcivescovi di Milano saliti agli onori degli altari, cioè il Beato Andrea Carlo Ferrari e il Beato Alfredo Ildefonso Schuster, entrambi beatificati dopo il 1986, anno di realizzazione del parato.
    Oboedientia et Pax

  2. #22
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    51,628
    Ringraziato
    3312
    Citazione Originariamente Scritto da Miletto Visualizza Messaggio
    Veramente sotto c'è scritto:"Tutti i diritti riservati".
    L'importante è citare la fonte (come fa sempre Pikachu, e con lui quasi tutti i forumisti; a proposito, speriamo che quanto prima si possa togliere quel "quasi" )
    Oboedientia et Pax

  3. #23
    Triumviro di Liturgie papali L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Diocesi di Alba
    Messaggi
    6,193
    Ringraziato
    2226

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Piccola annotazione sui paramenti: come anticipato la scorsa settimana da Mons. Fontana, è stato usato il parato dei Santi Ambrosiani, con una novità: la casula del Card. Scola, infatti, è nuova e va a completare detto parato, in quanto sullo stolone sono raffigurati gli ultimi due Arcivescovi di Milano saliti agli onori degli altari, cioè il Beato Andrea Carlo Ferrari e il Beato Alfredo Ildefonso Schuster, entrambi beatificati dopo il 1986, anno di realizzazione del parato.
    Devo dire, non male il parato. Splendidi i camici dei due Cardinali, peccato per l'assenza della dalmatica (doveva fare molto caldo, perchè l'Arcivescovo aveva lo zucchetto intriso di sudore, e a fine celebrazione l'ha fatto notare). Qualche immagine dal citato album Flickr:







    A mio avviso, forse, il cerimoniere avrebbe potuto indossare una cotta più solenne...


  4. #24
    Iscritto L'avatar di Quas Primas
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    496
    Ringraziato
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Piccola annotazione sui paramenti: come anticipato la scorsa settimana da Mons. Fontana, è stato usato il parato dei Santi Ambrosiani, con una novità: la casula del Card. Scola, infatti, è nuova e va a completare detto parato, in quanto sullo stolone sono raffigurati gli ultimi due Arcivescovi di Milano saliti agli onori degli altari, cioè il Beato Andrea Carlo Ferrari e il Beato Alfredo Ildefonso Schuster, entrambi beatificati dopo il 1986, anno di realizzazione del parato.
    Tra l'altro la mitria indossata dal Cardinale Arcivescovo (regalata dalla Curia Arcivescovile) sembra coordinata alla casula, giusto? Un po' moderna ma molto bella secondo me, dietro presenta lo stemma ed il motto del Cardinale ma senza il galero.
    E' stato davvero una solenne celebrazione, ottime le parole della Lettura, fatte proprie dal Card. Scola nell'omelia: "obbedite ai vostri capi e state loro sottomessi".
    Ultima modifica di Quas Primas; 25-09-2011 alle 19:04

  5. #25
    Cronista di CR L'avatar di LAUDES
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    ITALIA
    Età
    40
    Messaggi
    936
    Ringraziato
    57
    Citazione Originariamente Scritto da princeps ecclesiae Visualizza Messaggio
    Oggi sono stato in Duomo e ho visto che stanno facendo le grandi manovre.
    In particolare segnalo lo smantellamento delle pareti e della predella (c'era anche la predella? non ricordo bene) della zona occupata dalla schola. Ora c'è una fila di panche, penso provvisorie, che va dall'organo alla colonna.
    Stanno inoltre montando delle piattaforme che penso siano a servizio degli operatori televisivi.
    Sentendo parlare un addetto alla sicurezza, che spiegava i lavori ad una turista curiosa, mi è parso di capire che metteranno delle luci speciali, utili ad una migliore ripresa televisiva. Di questo, tuttavia, non garantisco essendo una discussione carpita al volo.

    Hanno anche recintato con paraventi bianchi gli altari dei Beati Ferrari e Schuster: sbirciando dal lato ho notato che manca l'urna del Beato Cardinale Ferrari; non sono riuscito a vedere se ci fosse quella del Beato Schuster.
    Qualcuno sa dove siano?
    Haano sostituito la mitria al Beato Card. Ferrari e sostituito l'urna del Beato Schuster. Sembra inoltre che siano state messe delle maschere funebri sui due volti.

    Sarebbe bello vedere qualche foto. Grazie mille a chi riuscisse a postarle

  6. #26
    Saggio del Forum
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Varés
    Età
    49
    Messaggi
    7,771
    Ringraziato
    700

    Premi

    Sono appena rientrato a casa, da P.zza del Duomo. Dico solo che abbiamo un grande vescovo e grande uomo. La predica è stata veramente monumentale.
    Ogni giorno che passa è un giorno in meno - COMING SOON!

  7. #27
    CierRino
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    PADUA Nobilissima
    Messaggi
    5,959
    Ringraziato
    1

    Premi

    Splendidi i sei candelieri all'altare! Sinceramente, la mitria non mi entusiasma... è un lavoro della Beato Angelico? Anche la casula... bah! Ho preferito quella usata oggi dal Papa.


  8. #28
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,786
    Ringraziato
    2965

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Agost Visualizza Messaggio
    non voglio offendere nessuno, ma i canti eseguiti nella Basilica di s.Eustorgio sono stati eseguiti in una maniera molto ma molto modesta......a livello inferiore della mia piccolissima chiesa parrocchiale.
    Ci ho fatto caso anche io, davvero terra terra.
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  9. #29
    Iscritto L'avatar di Orietur
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    a pochi passi da Milano
    Età
    57
    Messaggi
    437
    Ringraziato
    3
    Solenne ingresso in Diocesi dell’Arcivescovo di Milano
    Cardinale Angelo Scola

    Domenica 25 settembre 2011


    Malgrate (Lecco) – ore 14.00


    L’arcivescovo Angelo Scola inizia il programma del solenne ingresso nella Diocesi di Milano partendo da Malgrate (Lecco), suo paese natale e luogo del suo Battesimo. Alle 14 arriverà in paese e verrà ricevuto sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Leonardo (via Scatti, 2/a) dal parroco don Luciano Capra. Il parroco lo accompagnerà all’interno della chiesa per un momento di preghiera. Il parroco accoglie l’Arcivescovo all’altare. Recita del Credo. L’Arcivescovo asperge con l’acqua benedetta i presenti e dà la benedizione.. In chiesa, insieme ai fedeli di Malgrate, saranno presenti anche alcuni nipoti e parenti dell’Arcivescovo. Dopo il canto a Maria, il sindaco di Malgrate Gianni Codega renderà omaggio al Cardinale. Dopo la visita privata al cimitero (i giornalisti non sono ammessi) situato di fronte alla Chiesa, dove sono sepolti i genitori e il fratello, l’Arcivescovo partirà in auto per Milano



    Milano, Basilica di S. Eustorgio – ore 16.00


    All’arrivo dell’Arcivescovo. In Basilica sono già presenti i Catecumeni con mons. Paolo Sartor, i parrocchiani. Il canto è animato dal coro di S. Eustorgio, diretto da don Cesare Pavesi.

    Nota sui Catecumeni:
    Sono giovani e adulti che si stanno preparando a ricevere il Battesimo. In Diocesi di Milano sono 215. Di questi, 77 sono maschi e 138 femmine. Età: 52 hanno meno di 25 anni, 128 da 25 ai 40 anni, 32 dai 41 ai 60, 3 oltre i 60. Provenienza: 143 sono stranieri e 72 italiani. I non italiani vengono in buona parte da nazioni dell’Europa dell’Est (31 sono albanesi); un bel gruppo anche gli africani: 34. Tra i catecumeni provenienti dall’Asia, 16 sono cinesi. La maggior parte non ha avuto precedenti appartenenze religiose consistenti. Fanno eccezione alcuni italiani, cresciuti in famiglie Testimoni di Geova, qualche africano con un retroterra animista, qualche asiatico che ha conosciuto il buddhismo e due con retroterra islamico.

    Arrivo in piazza
    Sulla piazza della basilica l’Arcivescovo è accolto dal Vicario Episcopale della Città che gli presenta il sindaco di Milano (che saluta senza alcun discorso); insieme lo accompagnano fino alla porta della basilica. Sulla porta della basilica l’Arcivescovo è ricevuto dal prevosto don Pier Giorgio Perini, da Mons. Carlo Faccendini e da Mons. Paolo Sartor, da un Cerimoniere del Duomo, dai due diaconi della basilica.

    Ingresso in basilica
    Preceduto dai ministranti della basilica, dai diaconi e dai presbiteri l’Arcivescovo percorre la navata, giunge all’altare, lo bacia e lo incensa, venerando in tal modo le reliquie dei santi Vescovi Eustorgio, Magno e Onorato, suoi predecessori. Quindi, dopo aver salutato gli altri due presbiteri in servizio alla parrocchia, si reca alla sede.

    Celebrazione liturgica
    Dopo aver salutato gli altri presbiteri in servizio alla parrocchia, l’Arcivescovo si reca alla sede, e avvia la preghiera con il segno di croce ed il saluto liturgico all’assemblea. Il prevosto rivolge il saluto all’Arcivescovo, richiamando il significato simbolico della partenza degli Arcivescovi da S. Eustorgio (prima evangelizzazione, cimitero paleocristiano, Martiri), nel frattempo uno dei diaconi scende sotto l’altare per raccogliere in una capsella la terra del cimitero dei Martiri. La capsella viene presentata all’Arcivescovo che la bacia e la consegna a uno dei segretari. Mons. Sartor presenta all’Arcivescovo i Catecumeni dell’Arcidiocesi. Segue l’acclamazione al Vangelo e la proclamazione da parte dell’altro diacono. L’Arcivescovo prende la parola per un primo intervento ufficiale. Seguono le acclamazioni e la benedizione dei Catecumeni da parte dell’Arcivescovo. Come da tradizione, l’Arcivescovo lascia in dono il rocchetto alla Basilica e ne indossa un altro, poi conclude la celebrazione con la preghiera del Padre nostro e la benedizione dell’assemblea. Dopo il congedo liturgico l’Arcivescovo torna sulla piazza per riprendere l’auto.



    Accoglienza in Piazza del Duomo – ore 16.45


    Svolgimento della Celebrazione
    Alle 16.45 sulla piazza l’Arcivescovo viene accolto dal Vicario Generale, dal Moderator Curiae dal Prefetto, dalle massime autorità di Regione, Provincia, Comune di Milano e accompagnato presso il picchetto d’onore. Il Generale Comandante del Presidio militare riceve l’Arcivescovo e lo affianca nel passare in rassegna il picchetto; l’Arcivescovo saluta e benedice la bandiera. Resi gli onori militari, l’Arcivescovo saluta il Comandante e, attraversando la Piazza, sale al sagrato del Duomo con il Vicario Generale, il Moderator e i due Segretari arcivescovili (don Luciano Capra e monsignor Gabriel Richi Alberti). Sul sagrato l’Arcivescovo incontra il cardinale Dionigi Tettamanzi (accompagnato dai segretari don Umberto Bordoni e don Tiziano Sangalli) e con lui fa ingresso in cattedrale, mentre suonano le campane. Al momento dell’ingresso verrà eseguito per la prima volta l’inno del Duomo (composto dal Maestro don Claudio Burgio). Varcato il portale, l’Arcivescovo è accolto dall’Arciprete monsignor Luigi Manganini. Questi presenta la Croce Capitolare, che l’Arcivescovo bacia in ginocchio, poi incensa l’Arcivescovo e gli porge l’aspersorio. L’Arcivescovo asperge i fedeli. Si forma la processione che accompagna l’Arcivescovo verso la sacrestia a vestire gli abiti per la celebrazione. I due Cardinali e i rispettivi segretari scendono nello scurolo di san Carlo. All’Arcivescovo vengono dati l’anello di san Carlo e la croce pettorale del beato Giovanni XXIII. La mitra preziosa è dono della Curia Arcivescovile.



    Messa in Duomo – ore 17.00

    Servizio liturgico
    Il servizio liturgico è affidato al Seminario diocesano (10 seminaristi).
    2 diaconi del Capitolo e 4 diaconi permanenti.
    30 diaconi permanenti e 30 accoliti per la distribuzione delle Comunioni.
    L’animazione dell’assemblea è affidata a don Norberto Valli.

    Orchestra, coro e programma canti
    Canto e musica sono affidati alla Cappella Musicale (Coro e Orchestra) della Veneranda Fabbrica del Duomo (150 componenti tra Orchestra e Coro) diretti dal Maestro della Cappella del Duomo don Claudio Burgio. Come è nella tradizione dei maestri della Cappella Musicale del Duomo, anche l’attuale direttore don Claudio Burgio ha composto appositamente alcuni dei canti che animano la solenne liturgia di ingresso del nuovo Arcivescovo. Tra tutti l’INNO del DUOMO (“La nostra Chiesa”) che verrà eseguito per la prima volta ed accoglierà il Cardinale Scola in Cattedrale

    ELENCO CANTI DELLA MESSA

    INGRESSO in cattedrale Inno del Duomo: La nostra Chiesa - C. Burgio
    INGRESSO: Tutta la terra canti a Dio - Bourgeois
    SALLENDA: Justi et sancti
    CANTO alla salita Altare: Ecce sacerdos magnus - C. Burgio
    CANTI d’intronizzazione: Christus vincit - C. Burgio -Cantate Domino - M.E. Bossi
    GLORIA - Gloria - C. Burgio
    SALMO RESPONS.: Di gloria e di onore li hai coronati - C. Burgio
    ALLELUIA: Cantemus Domino n. 32
    DOPO IL VANGELO: I tuoi santi - L. Migliavacca
    OFFERTORIO: Cantate cum jubilo - M. Grancini -
    Interrogavi angelum - A. Quaglia
    CREDO GREGORIANO dalla Missa “Omni die” di L. Migliavacca
    SANTO Picchi/Migliavacca
    ANAMNESI: Tu ci hai redento
    SPEZZARE del PANE: Nulla con te mi mancherà
    COMUNIONE: Tu sei come roccia - Li amò sino alla fine - C. Burgio - Ave verum - Mozart - Magnificat - L. Migliavacca
    CONGEDO: Confirma hoc Deus - A. Salieri

    Lettori
    Prima Lettura: Giuseppina Capra, seconda Lettura: Osvaldo Songini, preghiera dei fedeli: Ivan Nissoli, Carla Consonni, Pierangelo Pagani, un’Ausiliaria diocesana, 2 seminaristi, Carla Rivolta.

    Portano le offerte all’altare:
    Suor Anna Megli, Laura Calegari, Angelo Caloia, Presidente Fabbrica del Duomo, un membro della Confraternita del SS. Sacramento del Duomo, un seminarista, un parente dell’Arcivescovo

    Programma celebrazione Messa
    Alle ore 17 dalla Sacrestia muove la processione.
    12 Kyrie, incensazione e bacio della mensa.

    Giunti all’altare, i Cardinali Tettamanzi e Scola si fermano davanti alla mensa.

    Presso la cattedra il Cancelliere monsignor Marino Mosconi legge in traduzione italiana la Lettera Apostolica del Papa, il primo diacono al suo fianco tiene aperta davanti all’assemblea la pergamena originale; il Cardinale Tettamanzi, dopo aver rivolto un saluto, affida al Cardinale Scola il pastorale di san Carlo, il Cardinale Scola sale ad assidersi alla cattedra arcivescovile e l’assemblea acclama col canto. L’Arciprete del Duomo rivolge un breve saluto all’Arcivescovo assiso in cattedra, l’Arcivescovo riceve l’omaggio dei rappresentanti del clero, dei religiosi, del laicato.

    La Messa prosegue con il segno di croce, il saluto liturgico, il canto del Gloria.

    Processione, proclamazione del Vangelo, incensazione dell’Arcivescovo. L’Arcivescovo si reca a predicare sul pulpito alto. Conclusa l’omelia, l’Arcivescovo torna alla cattedra. L’Arcivescovo alla cattedra introduce il canto delle Litanie dei Santi Vescovi della Chiesa di Milano. Per le Litanie l’Arcivescovo si inginocchia davanti all’altare. Al termine delle Litanie l’Arcivescovo torna alla cattedra e il diacono invita ad alzarsi. Segue la Preghiera Universale. Per la Preghiera Eucaristica salgono all’altare il Cardinale Tettamanzi e gli altri Cardinali. L’Arcivescovo, dopo aver comunicato i 6 diaconi, davanti all’altare da’ la comunione ai fedeli. Prima di impartire la Benedizione Apostolica l’Arcivescovo rivolge un ringraziamento. Al termine del Pontificale la processione con i Vescovi ritorna in sacrestia mentre davanti all’altare l’Arcivescovo saluta Autorità e Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano; percorre la navata centrale uscendo sul sagrato per salutare i fedeli. Tornato in Duomo, passando nuovamente dalla navata centrale, presso la sacrestia depone gli abiti liturgici e riassume l’abito corale. L’Arcivescovo (passando per il sottopasso) viene accompagnato dai cerimonieri e dai chierici presso il Palazzo dei Canonici.


    Fonte: Ufficio Stampa Comunicazione Diocesi Milano
    Orietur in diebus ejus justítia: et abundántia pacis, donec extollatur luna.

  10. #30
    CierRino L'avatar di Vaticanista
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Reggio Emilia e Bologna
    Età
    29
    Messaggi
    7,018
    Ringraziato
    389
    Volevo sapere dai più informati, magari dai presenti, se fosse presente - anche in forma non pubblica - il Card. Martini. Grazie.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •