Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: LA CURIA ROMANA: elenco, competenze e organico dei Dicasteri e organismi varii

  1. #1
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061

    LA CURIA ROMANA: elenco, competenze e organico dei Dicasteri e organismi varii

    CONOSCIAMO LA CURIA ROMANA

    In questo thread verranno presentati i vari organismi che compongono la Curia Romana. Per ciascuno di essi verranno indicate le competenze (tratte dalla Costituzione Apostolica Pastor Bonus di San Giovanni Paolo II e/o, ove necessario, da altri Documenti Pontifici). Inoltre verranno indicati i nomi dei Superiori dei medesimi Dicasteri (Prefetto o Presidente, Segretario ed eventuale Sottosegretario) con le loro immagini, se disponibili. Infine per ogni organismo verrà indicato, se esiste, l'indirizzo del sito web ufficiale oppure, in sua assenza, l'indirizzo alla pagina dedicata a tale organismo sul sito ufficiale della Santa Sede.

    N.B.:
    Se a fianco del nome di un Superiore maggiore di Curia (Prefetto o Segretario di Congregazione; Presidente, Vice-Presidente o Segretario di Pontificio Consiglio) è presente un asterisco, significa che egli è al momento confermato nell'incarico donec aliter provideatur, come stabilito dal Santo Padre Francesco in data 16 marzo 2013 (cfr il Comunicato del Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede pubblicato in tale data)


    ____________________________________

    SEGRETERIA DI STATO DI SUA SANTITA'


    Segretario di Stato (dal 15/10/2013): S.E. Card. Pietro Parolin, Cardinale Vescovo dei Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela

    Capo del protocollo (dal 22/03/2018): Rev. Mons. Joseph Murphy


    Già Segretari di Stato:
    (dal 29/06/1991 al 15/09/2006): S.E. Card. Angelo Sodano, Cardinale Vescovo di Ostia e Albano
    (dal 15/09/2006 al 15/10/2013): S.E. Card. Tarcisio Bertone, S.D.B., Cardinale Vescovo di Frascati


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/se...e/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 39
    La Segreteria di Stato coadiuva da vicino il sommo Pontefice nell'esercizio della sua suprema missione.

    Articolo 40
    Presiede ad essa il Cardinale Segretario di Stato.
    Essa comprende due sezioni, e cioè la sezione degli affari generali sotto la guida diretta del Sostituto, con l'aiuto dell'Assessore, e la sezione dei rapporti con gli Stati sotto la direzione del proprio Segretario, con l'aiuto del Sottosegretario. Questa seconda sezione è assistita da un determinato numero di Cardinali e di alcuni Vescovi.
    PRIMA SEZIONE (per gli affari generali)


    Sostituto: vacante dal 29/06/2018 a motivo della cessazione di S.E. il Card. Giovanni Angelo Becciu dall'incarico


    Assessore (dal 04/03/2016): Rev. Mons. Paolo Borgia

    COMPETENZE
    Articolo 41
    § 1. Alla prima sezione spetta in particolar modo di attendere al disbrigo degli affari riguardanti il servizio quotidiano del sommo Pontefice; di esaminare quegli affari che occorra trattare al di fuori della competenza ordinaria dei dicasteri della Curia romana e degli altri organismi della Sede apostolica; di favorire i rapporti con i medesimi dicasteri, senza pregiudizio della loro autonomia, e di coordinare i lavori; di regolare la funzione dei rappresentanti della Santa Sede e la loro attività, specialmente per quanto concerne le Chiese particolari. Spetta ad essa di espletare tutto ciò che riguarda i rappresentanti degli Stati presso la Santa Sede.
    § 2. D'intesa con gli altri dicasteri competenti, essa si occupa di quanto riguarda la presenza e l'attività della Santa Sede presso le organizzazioni internazionali, fermo restando quanto stabilito dall'articolo 46. Altrettanto fa nei confronti delle organizzazioni internazionali cattoliche.

    Articolo 42
    Ad essa inoltre spetta di:
    1·: redigere e spedire le costituzioni apostoliche, le lettere decretali, le lettere apostoliche, le epistole e gli altri documenti che il sommo Pontefice le affida;
    2·: espletare tutti gli atti riguardanti le nomine che nella Curia romana e negli altri organismi dipendenti dalla Santa Sede devono essere compiute o approvate dal sommo Pontefice;
    3·: custodire il sigillo di piombo e l'anello del Pescatore.

    Articolo 43
    A questa sezione spetta parimenti di:
    1·: curare la pubblicazione degli atti e dei pubblici documenti della Sede nel bollettino intitolato «Acta Apostolicae Sedis»;
    2·: pubblicare e divulgare, mediante lo speciale ufficio che da essa dipende ed è chiamato sala stampa, le comunicazioni ufficiali riguardanti sia gli atti del sommo Pontefice sia l'attività della Santa Sede;
    3·: esercitare, d'intesa con la seconda sezione, la vigilanza sul giornale denominato «L'Osservatore Romano», sulla Radio vaticana e sul Centro Televisivo Vaticano.

    Articolo 44
    Mediante l'ufficio di statistica, essa raccoglie, coordina e pubblica tutti i dati, elaborati secondo le norme statistiche, che riguardano la vita della Chiesa universale nel mondo intero.
    SECONDA SEZIONE (per i rapporti con gli Stati)


    Segretario (dal 08/11/2014): S.E. Mons. Paul Richard Gallagher, Arcivescovo titolare di Hodelm


    Sottosegretario (dal 22/02/2013): Rev. Mons. Antoine Camilleri

    COMPETENZE
    Articolo 45
    Compito proprio della seconda sezione, cioè dei rapporti con gli Stati, è di attendere agli affari che devono essere trattati con i governi civili.

    Articolo 46
    Ad essa compete di:
    1·: favorire le relazioni soprattutto diplomatiche con gli Stati e con gli altri soggetti di diritto internazionale e trattare i comuni affari per la promozione del bene della Chiesa e della società civile, anche mediante, se è il caso, i concordati ed altre simili convenzioni, e tenendo conto del parere degli organismi episcopali interessati;
    2·: rappresentare la Santa Sede presso gli organismi internazionali ed i congressi su questioni di indole pubblica, dopo aver consultato i competenti dicasteri della Curia romana;
    3·: trattare, nell'ambito specifico delle sue attività, ciò che riguarda i rappresentanti pontifici.

    Articolo 47
    § 1. In particolari circostanze, per incarico del sommo Pontefice, questa sezione, consultati i competenti dicasteri della Curia romana, svolge tutto ciò che riguarda la provvista delle Chiese particolari, nonché la costituzione e il mutamento di esse e dei loro organismi.
    § 2. Negli altri casi, specialmente dove vige un regime concordatario, spetta ad essa di attendere a quegli affari che devono essere trattati con governi civili, fermo restando quanto prescritto nell'articolo 78.
    TERZA SEZIONE (per il Personale di ruolo diplomatico della Santa Sede)


    Delegato per le Rappresentanze Pontificie (dal 07/12/2015): S.E. Mons. Jan Romeo Pawłowski, Arcivescovo titolare di Sejny

    COMPETENZE
    dal Comunicato della Segreteria di Stato del 21/11/2017
    Il Santo Padre ha costituito la Terza Sezione della Segreteria di Stato con la denominazione di Sezione per il Personale di ruolo diplomatico della Santa Sede, rafforzando l'attuale ufficio del Delegato per le Rappresentanze Pontificie.

    La Sezione, che dipenderà dal Segretario di Stato, sarà presieduta dal Delegato per le Rappresentanze Pontificie (attualmente S.E. Mons. Jan Romeo Pawlowski). Avrà la finalità di dimostrare l'attenzione e la vicinanza del Santo Padre e dei Superiori della Segreteria di Stato al Personale di ruolo diplomatico. A questo scopo il Delegato per le Rappresentanze Pontificie potrà prevedere di rendere visita alle sedi delle Rappresentanze Pontificie con regolarità.

    La Terza Sezione si occuperà esclusivamente delle questioni attinenti alle persone che lavorano nel servizio diplomatico della Santa Sede o che vi si preparano - quali ad esempio la selezione, la formazione iniziale e permanente, le condizioni di vita e di servizio, gli avanzamenti, i permessi, ecc.

    Nell'esercizio di queste funzioni godrà della giusta autonomia e, nello stesso tempo, procurerà di stabilire una stretta collaborazione con la Sezione per gli Affari Generali (che continuerà ad occuparsi delle questioni generali delle Rappresentanze Pontificie) e con la Sezione per i Rapporti con gli Stati (che continuerà ad occuparsi degli aspetti politici del lavoro delle Rappresentanze Pontificie) (...)


    CONGREGAZIONI


    CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE


    Prefetto (dal 01/07/2017): S.E. Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.I., Cardinale Diacono di Sant'Ignazio di Loyola a Campo Marzio


    Segretario (dal 18/07/2017): S.E. Mons. Giacomo Morandi, Arcivescovo titolare di Cerveteri

    Sottosegretario (dal 14/09/2017): Rev. Sac. Matteo Visioli

    Promotore di giustizia (dal 10/09/2014): Rev. Padre Robert J. Geisinger, S.J.

    Prefetti emeriti
    (dal 13/05/2005 al 02/07/2012): S.E. Card. William Joseph Levada, Cardinale Presbitero di Santa Maria in Domnica
    (dal 02/07/2012 al 01/07/2017): S.E. Card. Gerhard Ludwig Müller, Cardinale Diacono di Sant'Agnese in Agone

    Segretario aggiunto emerito (dal 21/09/2013 al 10/07/2018): S.E. Mons. Joseph Augustine Di Noia, O.P., Arcivescovo titolare di Oregon City


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...h/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 48
    Compito proprio della Congregazione della Dottrina della Fede è di promuovere e di tutelare la dottrina sulla fede ed i costumi in tutto l'orbe cattolico: è pertanto di sua competenza tutto ciò che in qualunque modo tocca tale materia.

    Articolo 49
    Nell'adempiere il suo compito di promuovere la dottrina, essa favorisce gli studi volti a far crescere l'intelligenza della fede e perché, ai nuovi problemi scaturiti dal progresso delle scienze o della civiltà si possa dare risposta alla luce della fede.

    Articolo 50
    Essa è di aiuto ai Vescovi, sia singoli che riuniti nei loro organismi, nell'esercizio del compito per cui sono costituiti come autentici maestri e dottori della fede e per cui sono tenuti a custodire e a promuovere l'integrità della medesima fede.

    Articolo 51
    Al fine di tutelare la verità della fede e l'integrità dei costumi, si impegna fattivamente perché la fede ed i costumi non subiscano danno a causa di errori comunque divulgati.
    Pertanto:
    1· ha il dovere di esigere che i libri ed altri scritti, pubblicati dai fedeli e riguardanti la fede e i costumi, siano sottoposti al previo esame dell'autorità competente;
    2· esamina gli scritti e le opinioni che appaiono contrari alla retta fede e pericolosi, e, qualora risultino opposti alla dottrina della Chiesa, data al loro fautore la possibilità di spiegare compiutamente il suo pensiero, li riprova tempestivamente, dopo aver preavvertito l'Ordinario interessato, ed usando, se sarà opportuno, i rimedi adeguati;
    3· si adopera, infine, affinché non manchi un'adeguata confutazione degli errori e dottrine pericolose, che vengano diffusi nel popolo cristiano.

    Articolo 52
    Giudica i delitti contro la fede e i delitti più gravi commessi sia contro la morale sia nella celebrazione dei sacramenti, che vengano ad essa segnalati e, all'occorrenza, procede a dichiarare o ad infliggere le sanzioni canoniche a norma del diritto, sia comune che proprio.

    Articolo 53
    Spetta ad essa parimenti di giudicare, in linea sia di diritto che di fatto, quanto concerne il «privilegium fidei».

    Articolo 54
    Al suo previo giudizio sono sottoposti i documenti che debbano essere pubblicati da altri dicasteri della Curia romana, in quanto essi riguardino la dottrina circa la fede e i costumi.

    Articolo 55
    Presso la Congregazione della Dottrina della Fede sono costituite la Pontificia Commissione Biblica e la Commissione Teologica Internazionale, le quali operano secondo le approvate loro norme e sono presiedute entrambe dal Cardinale Prefetto della medesima Congregazione.
    CONGREGAZIONE PER LE CHIESE ORIENTALI


    Prefetto (dal 09/06/2007): S.E. Card. Leonardo Sandri, Cardinale Vescovo dei Santi Biagio e Carlo ai Catinari


    Segretario (dal 07/05/2009): S.E. Mons. Cyril Vasil’, S.I., Arcivescovo titolare di Tolemaide di Libia

    Sottosegretario (dal 15/11/2014): Rev. Padre Lorenzo Lorusso, O.P.

    Prefetto emerito (dal 24/05/1991 al 07/09/2000): S.E. Card. Achille Silvestrini, Cardinale Presbitero di San Benedetto fuori Porta San Paolo

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...h/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 56
    La Congregazione tratta le materie concernenti le Chiese orientali, sia circa le persone sia circa le cose.

    Articolo 57
    § 1. Ne sono membri di diritto i Patriarchi e gli Arcivescovi maggiori delle Chiese orientali, nonché il presidente del Consiglio per l'Unità dei Cristiani.
    § 2. I consultori e gli officiali siano scelti in modo da tener conto, in quanto è possibile, della diversità dei riti.

    Articolo 58
    § 1. La competenza di questa Congregazione si estende a tutti gli affari, che sono propri delle Chiese orientali e che debbono essere deferiti alla Sede apostolica, sia circa la struttura e l'ordinamento delle Chiese, sia circa l'esercizio delle funzioni di insegnare, di santificare e di governare, sia circa le persone, il loro stato, i loro diritti e doveri. Essa svolge anche tutto ciò che è prescritto dagli articoli 31 e 32 circa le relazioni quinquennali e le visite «ad limina».
    § 2. Rimane intatta, tuttavia, la specifica ed esclusiva competenza delle Congregazioni della Dottrina della Fede e delle Cause dei santi, della Penitenzieria apostolica, del Supremo Tribunale della Segnatura apostolica e del Tribunale della Rota romana, nonché della Congregazione del Culto divino e della Disciplina dei sacramenti per quanto attiene alla dispensa per il matrimonio rato e non consumato.
    Negli affari, che riguardano anche i fedeli dipendenti dalla Chiesa latina, la Congregazione deve procedere dopo aver consultato, se lo richiede l'importanza della cosa, il dicastero competente per la stessa materia nei confronti dei fedeli della Chiesa latina.

    Articolo 59
    La Congregazione segue parimenti con premurosa diligenza le comunità di fedeli orientali che si trovano nelle circoscrizioni territoriali della Chiesa latina, e provvede alle loro necessità spirituali per mezzo di Visitatori, anzi, laddove il numero dei fedeli e le circostanze lo richiedano, possibilmente anche mediante una propria gerarchia, dopo aver consultato la Congregazione competente per la costituzione di Chiese particolari nel medesimo territorio.

    Articolo 60
    L'azione apostolica e missionaria nelle regioni, in cui da antica data sono prevalenti i riti orientali, dipende esclusivamente da questa Congregazione, anche se viene svolta da missionari della Chiesa latina.

    Articolo 61
    La Congregazione deve procedere in mutua intesa col Consiglio per l'Unione dei Cristiani nelle questioni che possono riguardare i rapporti con le Chiese orientali non cattoliche, ed anche col Consiglio per il Dialogo Interreligioso nella materia che rientra nell'ambito di esso.
    CONGREGAZIONE PER IL CULTO DIVINO E LA DISCIPLINA DEI SACRAMENTI


    Prefetto (dal 23/11/2014): S.E. Card. Robert Sarah, Cardinale Diacono di San Giovanni Bosco in via Tuscolana


    Segretario (dal 26/06/2012): S.E. Mons. Artur Roche, Arcivescovo-Vescovo emerito di Leeds *

    Sottosegretario (dal 05/11/14): Rev. Padre Corrado Maggioni, S.M.M.

    Prefetti emeriti:
    (dal 21/06/1996 al 01/10/2002): S.E. Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Cardinale Presbitero di San Saba
    (dal 01/10/2002 al 09/12/2008): S.E. Card. Francis Arinze, Cardinale Vescovo di Velletri-Segni


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...s/index_it.htm
    SITO WEB (in costruzione): http://www.cultodivino.va

    COMPETENZE
    Articolo 62
    La Congregazione si occupa di tutto ciò che, salva la competenza della Congregazione della Dottrina della Fede, spetta alla Sede apostolica circa la regolamentazione e la promozione della sacra liturgia, in primo luogo dei sacramenti.

    Articolo 63
    Essa favorisce e tutela la disciplina dei sacramenti, specialmente per quanto attiene alla loro valida e lecita celebrazione; concede, inoltre, gli indulti e dispense che in tale materia oltrepassano le facoltà dei Vescovi diocesani.

    Articolo 64
    § 1. La Congregazione promuove con mezzi efficaci e adeguati l'azione pastorale liturgica, in particolar modo in ciò che attiene alla celebrazione dell'Eucaristia; assiste i Vescovi diocesani, perché i fedeli partecipino sempre più attivamente alla sacra liturgia.
    § 2. Provvede alla compilazione o alla correzione dei testi liturgici; rivede ed approva i calendari particolari ed i propri delle Messe e degli Uffici delle Chiese particolari, nonché, quelli degli istituti che godono di tale diritto.
    § 3. Rivede la traduzioni dei libri liturgici ed i loro adattamenti, preparati legittimamente dalle conferenze episcopali.

    Articolo 65
    Favorisce le commissioni o gli istituti creati per promuovere l'apostolato liturgico o la musica o il canto o l'arte sacra, e mantiene relazioni con gli stessi; erige le associazioni di questo tipo aventi carattere internazionale, o ne approva e riconosce gli statuti; promuove infine convegni pluriregionali per sostenere la vita liturgica.

    Articolo 66
    Esercita attenta vigilanza perché siano osservate esattamente le disposizioni liturgiche, se ne prevengano gli abusi e, laddove essi siano scoperti, siano eliminati.

    Articolo 69
    E' competente circa il culto delle sacre reliquie, la conferma dei patroni celesti e la concessione del titolo di Basilica minore.

    Articolo 70
    La Congregazione aiuta i Vescovi perché, oltre al culto liturgico, siano incrementate e tenute in onore le preghiere e le pratiche di pietà del popolo cristiano, che pienamente rispondano alle norme della Chiesa.
    CONGREGAZIONE DELLE CAUSE DEI SANTI


    Prefetto (dal 09/07/2008 al 31/08/2018): S.E. Card. Angelo Amato, S.D.B., Cardinale Diacono di Santa Maria in Aquiro

    Prefetto eletto: S.E. Card. Giovanni Angelo Becciu, Cardinale Diacono di San Lino
    Prenderà possesso dell'incarico terminato il mese di agosto 2018, cfr Sala Stampa della Santa Sede, Bollettino del 26.05.2018.


    Segretario (dal 29/12/2010): S.E. Mons. Marcello Bartolucci, Arcivescovo titolare di Bevagna

    Sottosegretario (dal 29/12/2010): Rev. Padre Bogusław Turek, C.S.M.A.

    Promotore della Fede (dal 05/11/2012): Rev. Mons. Carmelo Pellegrino

    Prefetto emerito (dal 30/05/1998 al 09/07/2008): S.E. Card. José Saraiva Martins, C.M.F., Cardinale Vescovo di Palestrina
    Segretario emerito (dal 05/05/2007 al 29/12/2010): S.E. Mons. Michele Di Ruberto, Arcivescovo titolare di Biccari


    SITO WEB: www.causesanti.va/

    COMPETENZE
    Articolo 71
    La Congregazione tratta tutto ciò che, secondo la procedura prescritta, porta alla canonizzazione dei servi di Dio.

    Articolo 72
    § 1. Essa assiste con speciali norme e con opportuni suggerimenti i Vescovi diocesani, a cui compete l'istruzione della causa.
    § 2. Esamina le cause già istruite, controllando se tutto sia stato compiuto secondo la norma della legge. Indaga a fondo sulle cause così esaminate, al fine di decidere se risulti tutto quanto è richiesto perché siano sottoposti i voti favorevoli al Sommo Pontefice, secondo i gradi prestabiliti delle cause.

    Articolo 73
    Spetta, inoltre, alla Congregazione di giudicare circa il titolo di dottore da attribuire ai santi, dopo aver ottenuto il voto della Congregazione della Dottrina della Fede per quanto riguarda l'eminente dottrina.

    Articolo 74
    Tocca, ancora, ad essa di decidere intorno a tutto ciò che riguarda la dichiarazione di autenticità delle sacre reliquie e la loro conservazione.
    CONGREGAZIONE PER I VESCOVI


    Prefetto (dal 30/06/2010): S.E. Card. Marc Ouellet, P.S.S., Cardinale Vescovo di Santa Maria in Traspontina


    Segretario (dal 12/10/2013): S.E. Mons. Ilson de Jesus Montanari, Arcivescovo titolare di Capocilla

    Sottosegretario (dal 25/01/2012): Rev. Mons. Udo Breitbach

    Prefetto emerito (dal 16/09/2000 al 30/06/2010): S.E. Card. Giovanni Battista Re, Cardinale Vescovo di Sabina-Poggio Mirteto

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...s/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 75
    La Congregazione si occupa delle materie che riguardano la costituzione e la provvista delle Chiese particolari, nonché l'esercizio dell'ufficio episcopale nella Chiesa latina, salva la competenza della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli.

    Articolo 76
    E' compito di questa Congregazione svolgere tutto quanto si riferisce alla costituzione delle Chiese particolari e dei loro Consigli, alla loro divisione, unificazione, soppressione ed altri cambiamenti. E anche suo compito l'erezione degli Ordinariati Castrensi per la cura pastorale dei militari.

    Articolo 77
    Provvede a tutto ciò che attiene alla nomina dei Vescovi, anche titolari, e, in generale, alla provvista delle Chiese particolari.

    Articolo 78
    Tutte le volte che si debba trattare con i governi per quanto attiene sia alla costituzione o al cambiamento delle Chiese particolari e dei loro Consigli, sia alla loro provvista, essa non procederà se non dopo aver consultato la sezione della Segreteria di Stato per le relazioni con gli Stati.

    Articolo 79
    La Congregazione attende, inoltre, a ciò che riguarda il retto esercizio dell'ufficio pastorale dei Vescovi, offrendo ad essi ogni collaborazione; tocca ad essa, infatti, se sarà necessario di comune accordo con i dicasteri interessati, indire le visite apostoliche generali e, procedendo nello stesso modo, valutarne i risultati e proporre al Sommo Pontefice ciò che dovrà essere opportunamente deciso.

    Articolo 80
    E' di pertinenza di questa Congregazione tutto ciò che spetta alla Santa Sede circa le prelature personali.

    Articolo 81
    In favore delle Chiese particolari, affidate alla sua cura, la Congregazione predispone tutto ciò che si riferisce alle visite «ad limina»; perciò essa esamina le relazioni quinquennali a norma dell'articolo 32. Assiste i Vescovi che vengono a Roma, allo scopo soprattutto di disporre convenientemente sia l'incontro col Sommo Pontefice, sia altri colloqui e pellegrinaggi. Compiuta la visita, trasmette per iscritto ai Vescovi diocesani le conclusioni riguardanti le loro diocesi.

    Articolo 82
    La Congregazione compie ciò che attiene alla celebrazione di Concilii particolari, nonché alla costituzione delle conferenze episcopali e alla revisione dei loro statuti, riceve gli atti e i decreti di tali organismi e, consultati i dicasteri interessati, dà ai decreti la necessaria ricognizione.
    PONTIFICIA COMMISSIONE PER L'AMERICA LATINA
    (annessa alla Congregazione per i Vescovi)

    Presidente (dal 30/06/2010): S.E. Card. Marc Ouellet, P.S.S., Cardinale Vescovo di Santa Maria in Traspontina


    Segretario incaricato della Vice-Presidenza (dal 02/05/2014: Ill.mo Prof. Guzmán Carriquiry

    Presidente emerito (dal 16/09/2000 al 30/06/2010): S.E. Card. Giovanni Battista Re, Cardinale Vescovo di Sabina-Poggio Mirteto

    COMPETENZE
    Articolo 83
    § 1. Compito della Commissione è di assistere col consiglio e con i mezzi economici le Chiese particolari dell'America Latina, e di attendere, altresì, allo studio delle questioni che riguardano la vita e lo sviluppo delle medesime Chiese, specialmente per essere di aiuto tanto ai dicasteri di Curia, interessati in ragione della loro competenza, quanto alle Chiese stesse nella soluzione di tali questioni.
    § 2. Ad essa spetta anche di favorire i rapporti tra le istituzioni ecclesiastiche internazionali e nazionali, che operano per le regioni dell'America Latina, e i dicasteri della Curia romana.

    Articolo 84
    § 1. Presidente della Commissione è il prefetto della Congregazione per i Vescovi, il quale è coadiuvato da un Vescovo come vice-presidente. A questi si affiancano come consiglieri alcuni Vescovi scelti sia tra la Curia romana, sia tra le Chiese dell'America Latina.
    § 2. I membri della Commissione sono scelti sia tra i dicasteri della Curia romana, sia tra il Consiglio episcopale latino-americano, sia tra i Vescovi delle regioni dell'America Latina, sia tra le istituzioni, di cui all'articolo precedente.
    § 3. La Commissione ha suoi propri officiali.
    CONGREGAZIONE PER L'EVANGELIZZAZIONE DEI POPOLI


    Prefetto (dal 10/05/2011): S.E. Card. Fernando Filoni, Cardinale Vescovo di Nostra Signora di Coromoto in San Giovanni di Dio


    Segretario (dal 09/11/2017): S.E. Mons. Protase Rugambwa, Arcivescovo-Vescovo emerito di Kigoma


    Segretario aggiunto (dal 09/11/2017): S.E. Mons. Giovanni Pietro Dal Toso, Arcivescovo titolare di Foraziana

    Sottosegretario (dal 28/09/2017): Rev. Padre Ryszard Szmydki, O.M.I.

    Prefetto emerito (dal 24/04/1985 al 09/10/2001): S.E. Card. Jozef Tomko, Cardinale Presbitero di Santa Sabina

    Segretario aggiunto emerito (dal 24/05/2008 al 26/06/2012): S.E. Mons. Piergiuseppe Vacchelli, Arcivescovo titolare di Minturno


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...g/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 85
    Spetta alla Congregazione di dirigere e coordinare in tutto il mondo l'opera stessa dell'evangelizzazione dei popoli e la cooperazione missionaria, salva la competenza della Congregazione per le Chiese orientali.

    Articolo 86
    La Congregazione promuove le ricerche di teologia, di spiritualità e di pastorale missionaria, e parimenti propone le norme e le linee di azione, adattate alle esigenze dei tempi e dei luoghi, in cui si svolge l'evangelizzazione.

    Articolo 87
    La Congregazione si adopera affinché il Popolo di Dio, permeato di spirito missionario e consapevole della sua responsabilità, collabori efficacemente all'opera missionaria con la preghiera, con la testimonianza della vita, con l'attività e con i sussidi economici.

    Articolo 88
    § 1. Essa procura di suscitare le vocazioni missionarie sia clericali, sia religiose, sia laicali, e provvede all'adeguata distribuzione dei missionari.
    § 2. Nei territori che le sono soggetti essa cura parimenti la formazione del clero secolare e dei catechisti, salva la competenza della Congregazione dei Seminari e degli Istituti di Studi per quanto concerne il piano generale degli studi, nonché le università e gli altri istituti di studi superiori.

    Articolo 89
    Alla medesima sono soggetti i territori di missione, la cui evangelizzazione essa affida ad idonei istituti e società, nonché a Chiese particolari, e per tali territori tratta tutto quanto si riferisce sia all'erezione di circoscrizioni ecclesiastiche, o alle loro modifiche, sia alla provvista delle Chiese, ed assolve gli altri compiti che la Congregazione per i Vescovi esercita nell'ambito della sua competenza.

    Articolo 90
    § 1. Per quanto riguarda i membri degli istituti di vita consacrata, eretti nei territori di missione oppure ivi operanti, la Congregazione gode di una sua competenza su tutto ciò che ad essi si riferisce come missionari, presi sia singolarmente che comunitariamente, fermo restando quanto prescritto dall'articolo 21 § 1.
    § 2. Sono soggette a questa Congregazione le società di vita apostolica erette in favore delle missioni.

    Articolo 91
    Per incrementare la cooperazione missionaria, anche mediante una efficace raccolta e un'equa distribuzione dei sussidi economici, la Congregazione si serve specialmente delle Pontificie Opere Missionarie, cioè della Propagazione della Fede, di San Pietro apostolo, della Santa Infanzia, e della Pontificia Unione Missionaria del Clero.

    Articolo 92
    La Congregazione amministra il suo patrimonio e gli altri beni destinati alle missioni mediante un suo speciale ufficio, fermo restando l'obbligo di renderne debito conto alla Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede.
    CONGREGAZIONE PER IL CLERO


    Prefetto (dal 21/09/2013): S.E. Card. Beniamino Stella, Cardinale Diacono dei Santi Cosma e Damiano


    Segretario dal 08/01/2015): S.E. Mons. Joël Mercier, Arcivescovo titolare di Rota


    Segretario per i Seminari (dal 21/09/2013): S.E. Mons. Jorge Carlos Patrón Wong, Arcivescovo-Vescovo emerito di Papantla

    Sottosegretario (dal 12/09/2017): Rev. Sac. Andrea Ripa

    Prefetto emerito (dal 31/10/2006 al 07/10/2010): S.E. Card. Claudio Hummes, O.F.M., Cardinale Presbitero di Sant'Antonio di Padova in via Merulana

    SITO WEB: www.clerus.va

    COMPETENZE (i primi due articoli sono stati modificati dal Santo Padre Benedetto XVI con il motu proprio Ministrorum institutio del 16 gennaio 2013)
    Articolo 93
    § 1. Salvo il diritto dei Vescovi e delle loro Conferenze, la Congregazione si occupa di quelle materie che riguardano i presbiteri e i diaconi del clero secolare in ordine sia alle loro persone, sia al loro ministero pastorale, sia a ciò che è loro necessario per l'esercizio di tale ministero, ed in tutte queste questioni offre ai Vescovi l'aiuto opportuno.
    § 2. La Congregazione esprime e traduce in atto la sollecitudine della Sede Apostolica circa la formazione di coloro che sono chiamati agli Ordini sacri.

    Articolo 94
    § 1. Assiste i Vescovi perché nelle loro Chiese siano coltivate col massimo impegno le vocazioni ai ministeri sacri e nei seminari, da istituire e dirigere a norma del diritto, gli alunni siano adeguatamente educati con una solida formazione sia umana e spirituale, sia dottrinale e pastorale.
    § 2. Vigila attentamente perché la convivenza ed il governo dei seminari rispondano pienamente alle esigenze dell'educazione sacerdotale ed i superiori e docenti contribuiscano, quanto più è possibile, con l'esempio della vita e la retta dottrina alla formazione della personalità dei ministri sacri.
    § 3. Ad essa spetta, inoltre, di erigere i seminari interdiocesani e di approvare i loro statuti

    Articolo 95
    § 1. Essa è competente per tutto ciò che riguarda la vita, la disciplina, i diritti e gli obblighi dei chierici.
    § 2. Provvede ad una più adeguata distribuzione dei presbiteri.
    § 3. Promuove la formazione permanente dei chierici, specialmente per ciò che riguarda la loro santificazione ed il fruttuoso esercizio del loro ministero pastorale, in modo speciale circa la decorosa predicazione della Parola di Dio.

    Articolo 96
    Spetta a questa Congregazione trattare tutto ciò che riguarda lo stato clericale in quanto tale con riferimento a tutti i chierici, non eccettuati i religiosi, d'intesa con i dicasteri interessati, quando la circostanza lo richieda.

    Articolo 97
    La Congregazione tratta le questioni di competenza della Santa Sede:
    1· sia circa i consigli presbiterali, il collegio dei consultori, i capitoli dei canonici, i consigli pastorali, le parrocchie, le chiese, i santuari, sia circa le associazioni dei chierici, sia gli archivi ecclesiastici.
    2· circa gli oneri di Messe, nonché le pie volontà in genere e le pie fondazioni.

    Articolo 98
    La Congregazione si occupa di tutto quello che spetta alla Santa Sede per l'ordinamento dei beni ecclesiastici, e specialmente la retta amministrazione dei medesimi beni, e concede le necessarie approvazioni o revisioni; inoltre, procura perché si provveda al sostentamento ed alla previdenza sociale del clero.
    CONGREGAZIONE PER GLI ISTITUTI DI VITA CONSACRATA E PER LE SOCIETA' DI VITA APOSTOLICA


    Prefetto (dal 04/01/2011): S.E. Card. João Braz de Aviz, Cardinale Diacono di Sant'Elena fuori Porta Prenestina


    Segretario (dal 06/04/2013): S.E. Mons. José Rodríguez Carballo, O.F.M., Arcivescovo titolare di Belcastro

    Sottosegretari:
    (dal 28/02/2008): Rev. Padre Sebastiano Paciolla, O. Cist.
    (dal 23/02/2018): Rev.da Suor Carmen Ros Nortes, N.S.C.

    Prefetti emeriti
    (dal 21/01/1992 all'11/02/2004): S.E. Card. Eduardo Martinez Somalo, Cardinale Presbitero del Santissimo Nome di Gesù
    (dall'11/02/2004 al 04/01/2011): S.E. Card. Franc Rodé, C.M., Cardinale Presbitero di San Francesco Saverio alla Garbatella


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...e/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 105
    Compito proprio della Congregazione è di promuovere e di regolare la pratica dei consigli evangelici, come viene esercitata nelle forme approvate di vita consacrata, ed insieme l'attività delle società di vita apostolica in tutta la Chiesa latina.

    Articolo 106
    § 1. La Congregazione, pertanto, erige gli istituti religiosi e secolari, nonché le società di vita apostolica, li approva oppure esprime il suo giudizio circa l'opportunità della loro erezione da parte del Vescovo diocesano. Ad essa compete anche di sopprimere, se sarà necessario, detti istituti e società.
    § 2. Ad essa compete ancora di costituire unioni e federazioni di detti istituti e società o di sopprimerle, se sarà necessario.

    Articolo 107
    Da parte sua, la Congregazione procura che gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica crescano e progrediscano secondo lo spirito dei fondatori e le sane tradizioni, perseguano fedelmente le finalità loro proprie e contribuiscano efficacemente alla missione salvifica di tutta la Chiesa.

    Articolo 108
    § 1. Essa assolve tutte quelle mansioni che, a norma del diritto, spettano alla Santa Sede circa la vita e l'attività degli istituti e delle società, specialmente circa l'approvazione delle costituzioni, il regime e l'apostolato, la cooptazione e la formazione dei membri, i loro diritti ed obblighi, la dispensa dai voti e la dimissione dei membri, nonché l'amministrazione dei beni.
    § 2. Per quanto poi concerne l'ordinamento degli studi di filosofia e di teologia, nonché gli studi accademici, è competente la Congregazione dei Seminari e degli Istituti di Studi.

    Articolo 10
    Spetta alla medesima Congregazione erigere le conferenze dei superiori maggiori dei religiosi e delle religiose, approvare i rispettivi statuti ed ancora esercitare la vigilanza perché la loro attività sia ordinata al raggiungimento delle finalità proprie.

    Articolo 110
    Alla Congregazione sono anche soggette la vita eremitica, l'ordine delle vergini e le associazioni di queste, e le altre forme di vita consacrata.

    Articolo 111
    La sua competenza si estende anche ai terzi ordini, nonché alle associazioni dei fedeli, che vengono erette con l'intento che, dopo la necessaria preparazione, possano divenire un giorno istituti di vita consacrata o società di vita apostolica.
    CONGREGAZIONE PER L'EDUCAZIONE CATTOLICA (degli Istituti di Studi)


    Prefetto (dal 31/03/2015): S.E. Card. Giuseppe Versaldi, Cardinale Diacono del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio


    Segretario (dal 09/11/2012): S.E. Mons. Angelo Vincenzo Zani, Arcivescovo titolare di Volturno

    Sottosegretario dal 15/02/2013): Rev. Padre Friedrich Bechina, F.S.O.

    Prefetto emerito (dal 15/11/1999 al 31/03/2015): S.E. Card. Zenon Grocholewski, Cardinale Presbitero di San Nicola in Carcere

    SITO WEB: www.educatio.va/

    COMPETENZE (l'articolo seguente è stato modificato dal Santo Padre Benedetto XVI con il motu proprio Ministrorum institutio del 16 gennaio 2013)
    Articolo 112
    La Congregazione esprime e traduce in atto la sollecitudine della Sede Apostolica circa la promozione e l'ordinamento dell'educazione cattolica

    Articolo 114
    La Congregazione si impegna perché i principi fondamentali circa l'educazione cattolica, così come sono proposti dal Magistero della Chiesa, siano sempre più approfonditi, affermati e conosciuti dal Popolo di Dio.
    Essa cura parimenti che in questa materia i fedeli possano adempiere i loro obblighi, e si impegnino attivamente affinché anche la società civile riconosca e tuteli i loro diritti.

    Articolo 115
    La Congregazione stabilisce le norme, secondo le quali deve reggersi la scuola cattolica; assiste i Vescovi diocesani perché siano istituite, dove è possibile, le scuole cattoliche e siano sostenute con la massima cura, e perché in tutte le scuole siano offerte, mediante opportune iniziative, l'educazione catechetica e la cura pastorale agli alunni cristiani.

    Articolo 116
    § 1. La Congregazione si impegna affinché nella Chiesa si abbia un numero sufficiente di università ecclesiastiche e cattoliche e di altri istituti di studio, nei quali siano approfondite e siano promossi le discipline sacre e gli studi umanistici e scientifici tenendo conto della verità cristiana, ed ivi i cristiani siano adeguatamente formati all'adempimento delle loro funzioni.
    § 2. Essa erige o approva le università e gli istituti ecclesiastici, ratificati i rispettivi stauti, esercita l'alta direzione su di essi e vigila perché nell'insegnamento dottrinale sia salvaguardata l'integrità della fede cattolica.
    § 3. Per quanto riguarda le università cattoliche, si occupa delle materie di competenza della Santa Sede.
    § 4. Favorisce la collaborazione ed il reciproco aiuto tra le università degli studi e le loro associazioni ed è tutela per esse.
    Ultima modifica di Vox Populi; 11-07-2018 alle 12:04

  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    TRIBUNALI

    PENITENZIERIA APOSTOLICA


    Penitenziere Maggiore (dal 21/09/2013): S.E. Card. Mauro Piacenza, Cardinale Diacono di San Paolo alle Tre Fontane


    Reggente (dal 26/06/2012): Rev. Mons. Krzysztof Józef Nykiel


    Canonista (dal 03/04/2004): S.E. Mons. Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru, Vescovo titolare di Civitate

    Teologo (dall'11/08/2010): Rev. Padre Jan Dakok, S.J.

    Penitenzieri Maggiori emeriti
    (dal 04/10/2003 al 02/06/2009): S.E. Card. James Francis Stafford, Cardinale Presbitero di San Pietro in Montorio
    (dal 05/01/2012 al 21/09/2013): S.E. Card. Manuel Monteiro de Castro, Cardinale Diacono di San Domenico di Guzman

    Pro-Penitenziere Maggiore emerito (dal 22/11/2001 al 04/10/2003): S.E. Card. Luigi De Magistris, Cardinale Diacono dei Santissimi Nomi di Gesù e Maria in Via Lata

    Reggente emerito (dal 16/02/2002 al 26/06/2012): S.E. Mons. Gianfranco Girotti, O.F.M. Conv., Vescovo titolare di Meta


    SITO WEB: www.penitenzieria.va

    COMPETENZE
    Articolo 117
    La competenza della Penitenzieria apostolica si riferisce alle materie che concernono il foro interno e le indulgenze.

    Articolo 118
    Per il foro interno, sia sacramentale che non sacramentale, essa concede le assoluzioni, le dispense, le commutazioni, le sanzioni, i condoni ed altre grazie.

    Articolo 119
    La stessa provvede a che nelle Basiliche patriarcali dell'urbe ci sia un numero sufficiente di penitenzieri, dotati delle opportune facoltà.

    Articolo 120
    Al medesimo dicastero è demandato quanto concerne la concessione e l'uso delle indulgenze, salvo il diritto della Congregazione della Dottrina della Fede di esaminare tutto ciò che riguarda la dottrina dogmatica intorno ad esse.

    SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA


    Prefetto (dal 08/11/2014): S.E. Card. Dominique Mamberti, Cardinale Diacono di Santo Spirito in Sassia


    Segretario (dal 01/09/2016): S.E. Mons. Giuseppe Sciacca, Vescovo titolare di Fondi

    Promotore di Giustizia (dal 12/04/2008): Rev. Mons. Giampaolo Montini

    Sostituti Promotori di Giustizia
    dal 19/06/2009: Rev. Padre Nicholaus Schoch, O.F.M.
    dal 30/04/2002: Rev. Mons. Pawel Malecha

    Difensore del Vincolo (dal 01/06/2013): Rev. Sac. Michele Francesco Fiorentino

    Segretario emerito (dal 12/04/2008 al 16/07/2016): S.E. Mons. Frans Daneels. O.Praem., Arcivescovo titolare di Bita

    Già Difensore del Vincolo (dal ../../1985 al 01/06/2013: Rev. Mons. Joseph R. Punderson


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/tr...t/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 121
    Questo dicastero, oltre ad esercitare la funzione di supremo tribunale, provvede alla retta amministrazione della giustizia nella Chiesa.

    Articolo 122
    Esso giudica:
    1· le querele di nullità e le richieste di «restitutio in integrum» contro le sentenze della Rota romana;
    2· i ricorsi, nelle cause circa lo stato delle persone, contro il diniego di un nuovo esame della causa da parte della Rota romana;
    3· le eccezioni di suspicione ed altre cause contro i giudici della Rota romana per atti compiuti nell'esercizio della loro funzione;
    4· i conflitti di competenza tra tribunali, che non dipendono dal medesimo tribunale d'appello.

    Articolo 123
    § 1. Inoltre, esso giudica dei ricorsi, presentati entro il termine perentorio di trenta giorni utili, contro singoli atti amministrativi sia posti da dicasteri della Curia romana che da essi approvati, tutte le volte che si discuta se l'atto impuganto abbia violato una qualche legge, nel deliberare o nel procedere.
    § 2. In questi casi, oltre al giudizio di illegittimità, esso può anche giudicare, qualora il ricorrente lo chieda, circa la riparazione dei danni recati con l'atto illegittimo.
    § 3. Giudica anche di altre controversie amministrative, che sono ad esso deferite dal romano Pontefice o dai dicasteri della Curia romana, come pure dei conflitti di competenza tra i medesimi dicasteri.

    Articolo 124
    Al medesimo compete anche di:
    1· esercitare la vigilanza sulla retta amministrazione della giustizia e prendere misure, se necessario, nei confronti degli avvocati o dei procuratori;
    2· giudicare circa le petizioni rivolte alla Sede apostolica per ottenere il deferimento della causa alla Rota Romana;
    3· prorogare la competenza dei tribunali di grado inferiore;
    4· concedere l'approvazione, riservata alla Santa Sede, del tribunale di appello, come pure promuovere e approvare l'erezione di tribunali interdiocesani.

    Articolo 125
    La Segnatura apostolica è retta da una sua propria legge.

    TRIBUNALE DELLA ROTA ROMANA


    Decano (dal 22/09/2012): S. Ecc. Mons. Pio Vito Pinto


    Pro-Decano (dal 12/12/2016): Rev. Mons. Maurice Monier

    Promotore di Giustizia: vacante dal 21/11/2016 a motivo della nomina del Rev. Mons. Francesco Viscome a Prelato Uditore del medesimo Tribunale

    Promotore di Giustizia Aggiunto (dal 25/11/2000): Rev. Mons. Nabih Moawad

    Difensore del Vincolo (dal 13/05/2016): Rev. Mons. Robert Gołębiowski

    Sostituto Difensore del Vincolo (dal 17/04/2015): Rev. Sac. Francesco Ibba

    Prelati Uditori
    Rev. Monsignori Giovanni Battista De Filippi, Robert Michael Sable, Giordano Caberletti, Angelo Bruno Bottone, Grzegorz Erlebach, Jair Ferreira Pena, Giovanni Verginelli, Gerard McKay, Abdou Yaacoub, Michael Xavier Leo Arokiaraj, Alejandro Arellano Cedillo, Giovanni Vaccarotto; Rev. Padre David Maria Jaeger, O.F.M.; Rev. Monsignori Felipe Heredia Esteban, Vito Angelo Todisco, Davide Salvatori; Rev. Sac. Markus Graulich, S.D.B.; Rev. Monsignori Pietro Amenta, Alejandro W. Bunge, Antonio Bartolacci; Rev. Padre Manuel Saturino da Costa Gomes, S.C.I.; Rev. Monsignori Pietro Milite, Francesco Viscome, Hans-Peter Fischer.

    Decano emerito (dal 31/01/2004 al 22/09/2012): S.E. Mons. Antoni Stankiewicz, Vescovo titolare di Novapetria

    Già Difensore del Vincolo (dal 19/06/2008 al 13/05/2016): Rev. Mons. Enrico Adriano Rosa

    SITO WEB: www.rotaromana.va

    COMPETENZE:
    Articolo 126
    § 1. Questo Tribunale funge ordinariamente da istanza superiore nel grado di appello presso la Sede Apostolica per tutelare i diritti nella Chiesa, provvede all’unità della giurisprudenza e, attraverso le proprie sentenze, è di aiuto ai Tribunali di grado inferiore.

    § 2. Presso questo Tribunale è costituito un Ufficio al quale compete giudicare circa il fatto della non consumazione del matrimonio e circa l’esistenza di una giusta causa per concedere la dispensa. Perciò esso riceve tutti gli atti insieme col voto del Vescovo e con le osservazioni del Difensore del Vincolo, pondera attentamente, secondo la speciale procedura, la supplica volta ad ottenere la dispensa e, se del caso, la sottopone al Sommo Pontefice.

    § 3. Tale Ufficio è anche competente a trattare le cause di nullità della sacra Ordinazione, a norma del diritto universale e proprio, congrua congruis referendo.

    Articolo 127.
    I giudici di questo tribunale, dotati di provata dottrina e di esperienza e scelti dal Sommo Pontefice dalle varie parti del mondo, costituiscono un collegio; al medesimo tribunale presiede il decano nominato per un determinato periodo dal Sommo Pontefice, che lo sceglie tra gli stessi giudici.

    Articolo 128.
    Questo tribunale giudica:
    1· in seconda istanza, le cause giudicate dai tribunali ordinari di prima istanza e deferite alla Santa Sede per legittimo appello;
    2· in terza o ulteriore istanza, le cause già trattate dal medesimo tribunale apostolico e da qualunque altro tribunale a meno che esse non siano passate in giudicato.

    Articolo 129.
    § 1. Il medesimo, inoltre, giudica in prima istanza:
    1· i Vescovi nelle cause contenziose, purché non si tratti dei diritti o dei beni temporali di una persona giuridica rappresentata dal Vescovo;
    2· gli abati primati, o gli abati superiori di congregazioni monastiche e i superiori generali di istituti religiosi di diritto pontificio;
    3· le diocesi o altre persone ecclesiastiche, sia fisiche sia giuridiche, che non hanno un superiore al di sotto del romano Pontefice;
    4· le cause che il romano Pontefice abbia affidato al medesimo tribunale.
    § 2. Giudica le medesime cause, se non sia previsto altrimenti, anche in seconda ed ulteriore istanza.

    Articolo 130.
    Il tribunale della Rota Romana è retto da una sua propria legge.
    Ultima modifica di Vox Populi; 20-07-2017 alle 18:17

  3. #3
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    PONTIFICI CONSIGLI


    PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PROMOZIONE DELL'UNITA' DEI CRISTIANI


    Presidente (dal 01/07/2010): S.E. Card. Kurt Koch, Cardinale Diacono di Nostra Signora del Sacro Cuore


    Segretario (dal 19/12/2002): S.E. Mons. Brian Farrell, L.C., Vescovo titolare di Abitine

    Sottosegretario (dal 04/09/2012): Rev. Mons. Andrea Palmieri

    Presidenti emeriti
    (dal 12/12/1989 al 03/03/2001): S.E. Card. Edward Idris Cassidy, Cardinale Presbitero di Santa Maria in via Lata
    (dal 03/03/2001 al 01/07/2010): S.E. Card. Walter Kasper, Cardinale Presbitero di Ognissanti in via Appia Nuova


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/po...i/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 135.
    Funzione del Consiglio è di applicarsi con opportune iniziative e attività all'impegno ecumenico per ricomporre l'unità tra i cristiani.

    Articolo 136.
    § 1. Esso cura che siano tradotti in pratica i decreti del Concilio Vaticano II concernenti l'ecumenismo.
    Si occupa della retta interpretazione dei principi ecumenici e ne cura l'esecuzione.
    § 2. Favorisce convegni cattolici sia nazionali che internazionali atti a promuovere l'unità dei cristiani, li collega e coordina e vigila sulle loro iniziative.
    § 3. Sottoposte preventivamente le questioni al Sommo Pontefice, cura le relazioni con i fratelli delle Chiese e delle comunità ecclesiali, che non hanno ancora piena comunione con la Chiesa cattolica, e soprattutto promuove il dialogo ed i colloqui per favorire l'unità con esse, avvalendosi della collaborazione di esperti ben preparati nella dottrina teologica. Designa gli osservatori cattolici per i convegni tra cristiani e invita gli osservatori delle altre Chiese e comunità ecclesiali ai convegni cattolici, tutte le volte che ciò parrà opportuno.

    Articolo 137.
    § 1. Poiché la materia che questo dicastero deve trattare per sua natura tocca spesso questioni di fede, è necessario che esso proceda in stretto collegamento con la Congregazione della Dottrina della Fede, soprattutto quando si tratta di emanare pubblici documenti o dichiarazioni.
    § 2. Nel trattare gli affari di maggior importanza, che riguardano le Chiese separate d'Oriente, deve prima ascoltare la Congregrezione per le Chiese orientali.
    COMMISSIONE PER I RAPPORTI CON GLI EBREI
    (annessa al Pontificio Consiglio)

    Presidente: S.E. Card. Kurt Koch

    Vice Presidente: S.E. Mons. Brian Farrell, L.C.

    Segretario: Rev. Sac. Norbert Hoffmann, S.D.B.

    Articolo 138.
    Presso il Consiglio è costituita una commissione per studiare e trattare le materie che riguardano dal punto di vista religioso gli ebrei: essa è diretta dal Presidente del medesimo Consiglio.

    PONTIFICIO CONSIGLIO DEI TESTI LEGISLATIVI


    Presidente (dal 07/04/2018): S.E. Mons. Filippo Iannone, O.Carm., Arcivescovo-Vescovo emerito di Sora-Aquino-Pontecorvo


    Segretario (dal 15/02/2007): S.E. Mons. Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru, Vescovo titolare di Civitate *

    Sottosegretario (dal 22/05/2014): Rev. Mons. Markus Graulich, SDB

    Presidenti emeriti:
    (dal 19/12/1994 al 15/02/2007): S.E. Card. Julian Herranz Casado, Cardinale Presbitero di Sant'Eugenio
    (dal 15/02/2007 al 07/04/2018): S.E. Card. Francesco Coccopalmerio, Cardinale Diacono di San Giuseppe dei Falegnami

    SITO WEB: www.delegumtextibus.va

    COMPETENZE
    Articolo 154.
    La funzione del Consiglio consiste soprattutto nell'interpretazione delle leggi della Chiesa.

    Articolo 155.
    Spetta al Consiglio di proporre la interpretazione autentica, confermata dall'autorità pontificia, delle leggi universali della Chiesa, dopo aver sentito nelle questioni di maggiore importanza i dicasteri competenti circa la materia presa in esame.

    Articolo 156.
    Questo Consiglio è a disposizione degli altri dicasteri romani per aiutarli affinché i decreti generali esecutivi e le istruzioni, che essi devono emanare, siano conformi alle norme del diritto vigente e siano redatti nella dovuta forma giuridica.

    Articolo 157.
    Al medesimo, inoltre, devono essere sottoposti per la revisione da parte del dicastero competente, i decreti generali degli organismi episcopali perché siano esaminati sotto l'aspetto giuridico.

    Articolo 158.
    A richiesta degli interessati, esso decide se le leggi particolari ed i decreti generali, emanati da legislatori al di sotto della suprema autorità, siano conformi alle leggi universali della Chiesa.

    PONTIFICIO CONSIGLIO PER IL DIALOGO INTER-RELIGIOSO

    Presidente: vacante dal 05/07/2018 a motivo della morte di S.E. il Card. Jean-Louis Tauran


    Segretario (dal 30/06/2012): S.E. Mons. Miguel Ángel Ayuso Guixot, M.C.C.J., Vescovo titolare di Luperciana

    Sottosegretario (dal 12/06/2012): Rev. Sac. Indunil Janakaratne Kodithuwakku Kankanamalage

    SITO WEB: http://www.pcinterreligious.org/

    COMPETENZE
    Articolo 159.
    Il Consiglio favorisce e regola i rapporti con i membri ed i gruppi delle religioni che non sono comprese sotto il nome cristiano ed anche con coloro che in qualsiasi modo sono dotati di senso religioso.

    Articolo 160.
    Il Consiglio si adopera affinché si svolga in modo adeguato il dialogo con i seguaci di altre religioni, e favorisce diverse forme di rapporto con loro; promuove opportuni studi e convegni perché ne risultino la reciproca conoscenza e stima e perché, mediante un lavoro comune, siano promossi la dignità dell'uomo e i suoi valori spirituali e morali; provvede alla formazione di coloro che si dedicano a questo tipo di dialogo.

    Articolo 161.
    Quando lo richieda la materia, nell'esercizio della propria funzione, esso deve procedere di comune intesa con la Congregazione della Dottrina della Fede e, se necessario, con le Congregazioni delle Chiese orientali e per l'Evangelizzazione dei Popoli.
    COMMISSIONE PER I RAPPORTI CON I MUSULMANI
    (annessa al Pontificio Consiglio)

    Presidente: vacante dal 05/07/2018 a motivo della morte di S.E. il Card. Jean-Louis Tauran

    Vice Presidente: S.E. Mons. Miguel Ángel Ayuso Guixot, M.C.C.J.

    Segretario: Rev. Mons. Khaled-Boutros Akasheh

    Articolo 162.
    Presso il Consiglio è costituita una commissione per promuovere i rapporti con i musulmani dal punto di vista religioso, sotto la guida del Presidente del medesimo Consiglio.

    PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA


    Presidente (dal 03/09/2007): S.E. Card. Gianfranco Ravasi, Cardinale Diacono di San Giorgio in Velabro


    Delegato (dall'11/11/2011): S. Ecc. Mons. Carlos Alberto de Pinho Moreira Azevedo, Vescovo titolare di Belali


    Segretario dal 28/10/2017: S. E. Mons. Paul Tighe, Vescovo titolare di Drivasto

    Sottosegretario (dal 14/04/2004): Rev. Mons. Melchor Sanchez de Toca y Alameda

    Presidente emerito (dal 19/04/1988 al 03/09/2007): S.E. Card. Paul Poupard, Cardinale Presbitero di Santa Prassede

    Segretario emerito (dal 03/12/2009 al 24/08/2017): S.E. Mons. Barthélemy Adoukonou, Vescovo titolare di Zama Minore


    SITO WEB: www.cultura.va

    COMPETENZE
    Articolo 166.
    Il Consiglio favorisce le relazioni tra la Santa Sede ed il mondo della cultura, promuovendo in particolare il dialogo con le varie culture del nostro tempo, affinché la civiltà dell'uomo si apra sempre di più al Vangelo, e i cultori delle scienze, delle lettere e delle arti si sentano riconosciuti dalla Chiesa come persone a servizio del vero, del buono e del bello.

    Articolo 167.
    Il Consiglio ha una sua peculiare struttura, nella quale, insieme al Presidente, esistono un comitato di presidenza ed un altro comitato di cultori delle diverse discipline, provenienti dalle varie parti del mondo.

    Articolo 168.
    Il Consiglio assume direttamente iniziative appropriate concernenti la cultura; segue quelle che sono intraprese dai vari istituti della Chiesa e, ove sia necessario, offre loro la sua collaborazione. D'intesa con la Segreteria di Stato, esso s'interessa in programmi di azione che gli Stati e gli organismi internazionali intraprendono per favorire l'umana civiltà e nell'ambito della cultura partecipa, secondo opportunità, agli speciali convegni e favorisce i congressi.

    PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PROMOZIONE DELLA NUOVA EVANGELIZZAZIONE


    Presidente (dal 30/06/2010): S.E. Mons. Salvatore Fisichella, Arcivescovo titolare di Voghenza


    Segretario (dal 13/05/2011): S.E. Mons. José Octavio Ruiz Arenas, Arcivescovo emerito di Villavicencio *


    Delegato per la Catechesi (dal 05/12/2014): S.E. Mons. Franz-Peter Tebartz-van Elst, Vescovo emerito di Limburg

    Sottosegretario (dal 13/05/2011): Rev. Mons. Graham Bell

    SITO WEB: www.novaevangelizatio.va

    COMPETENZE
    dal motu proprio Ubicumque et semper di Benedetto XVI (21/09/2010)
    Art. 1.
    § 1. È costituito il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, quale Dicastero della Curia Romana, ai sensi della Costituzione apostolica Pastor bonus.
    § 2. Il Consiglio persegue .la propria finalità sia stimolando la riflessione sui temi della nuova evangelizzazione, sia individuando e promuovendo le forme e gli strumenti atti a realizzarla.

    Art. 2.
    L'azione del Consiglio, che si svolge in collaborazione con gli altri Dicasteri ed Organismi della Curia Romana, nel rispetto delle relative competenze, è al servizio delle Chiese particolari, specialmente in quei territori di tradizione cristiana dove con maggiore evidenza si manifesta il fenomeno della secolarizzazione.

    Art. 3.
    Tra i compiti specifici del Consiglio si segnalano:
    1°. approfondire il significato teologico e pastorale della nuova evangelizzazione;
    2°. promuovere e favorire, in stretta collaborazione con le Conferenze Episcopali interessate, che potranno avere un organismo ad hoc, lo studio, la diffusione e l'attuazione del Magistero pontificio relativo alle tematiche connesse con la nuova evangelizzazione;
    3°. far conoscere e sostenere iniziative legate alla nuova evangelizzazione già in atto nelle diverse Chiese particolari e promuoverne la realizzazione di nuove, coinvolgendo attivamente anche le risorse presenti negli Istituti di Vita Consacrata e nelle Società di Vita Apostolica, come pure nelle aggregazioni di fedeli e nelle nuove comunità;
    4°. studiare e favorire l'utilizzo delle moderne forme di comunicazione, come strumenti per la nuova evangelizzazione;
    5°. promuovere l'uso del Catechismo della Chiesa Cattolica, quale formulazione essenziale e completa del contenuto della fede per gli uomini del nostro tempo.
    dal motu proprio Fides per doctrinam di Benedetto XVI (16/01/2013)
    Art. 3
    (...) il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione:
    § 1. cura la promozione della formazione religiosa dei fedeli di ogni età e condizione;
    § 2. ha facoltà di emanare norme opportune perché l’insegnamento della Catechesi sia impartito in modo conveniente secondo la costante tradizione della Chiesa;
    § 3. ha il compito di vigilare perché la formazione catechetica sia condotta correttamente nel rispetto delle metodologie e finalità secondo le indicazioni espresse dal Magistero della Chiesa;
    § 4. concede la prescritta approvazione della Sede Apostolica per i catechismi e gli altri scritti relativi all’istruzione catechetica, con il consenso della Congregazione per la Dottrina della Fede;
    § 5. assiste gli Uffici catechistici in seno alle Conferenze Episcopali, segue le loro iniziative riguardanti la formazione religiosa ed aventi carattere internazionale, ne coordina l’attività ed eventualmente offre loro l’aiuto necessario.
    Ultima modifica di Vox Populi; 06-07-2018 alle 12:30

  4. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    UFFICI


    CAMERA APOSTOLICA

    Camerlengo: vacante dal 05/07/2018 a motivo della morte di S.E. il Card. Jean-Louis Tauran


    Vice Camerlengo (dal 20/12/2014): S.E. Mons. Giampiero Gloder, Arcivescovo titolare di Telde


    Uditore Generale (dal 13/02/2013): S.E. Mons. Giuseppe Sciacca, Vescovo titolare di Fondi

    Decano del Collegio dei Prelati Chierici (dal ../../2011): Rev. Mons. Assunto Scotti

    Già Camerlenghi
    (dal 05/04/1993 al 25/03/2007): S.E. Card. Eduardo Martinez Somalo, Cardinale Presbitero del Santissimo Nome di Gesù
    (dal 04/04/2007 al 02/12/2014): S.E. Card. Tarcisio Bertone, S.D.B., Cardinale Vescovo di Frascati

    Già Vice Camerlengo (dal 23/07/2012 al ../../2014): S.E. Mons. Pier Luigi Celata, Arcivescovo titolare di Doclea


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/uf...a/index_it.htm

    COMPETENZE
    Articolo 171.
    § 1. La Camera apostolica, alla quale è preposto il Cardinale camerlengo di santa romana Chiesa, con la collaborazione del vicecamerlengo e degli altri prelati di Camera, svolge soprattutto le funzioni che sono ad essa assegnate dalla speciale legge relativa alla Sede apostolica vacante.
    § 2. Quando è vacante la Sede apostolica, è diritto e dovere del Cardinale camerlengo di santa romana Chiesa di richiedere, anche per mezzo di un suo delegato, da tutte le Amministrazioni dipendenti dalla Santa Sede le relazioni circa il loro stato patrimoniale ed economico, come pure le informazioni intorno agli affari straordinari, che siano eventualmente in corso, e di richiedere, altresì, dalla Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede il bilancio generale consuntivo dell'anno precedente, nonché il bilancio preventivo per l'anno seguente. Egli è tenuto a sottoporre tali relazioni e computi al Collegio cardinalizio.

    AMMINISTRAZIONE DEL PATRIMONIO DELLA SEDE APOSTOLICA


    Presidente (dal 26/06/2018): S.E. Mons. Nunzio Galantino, Vescovo emerito di Cassano all'Ionio


    Segretario (dal 14/04/2015): Rev. Mons. Mauro Rivella

    Sottosegretario (dal 21/01/2016): Rev. Mons. Giuseppe Russo

    Dirigente del Controllo di Gestione (dal 13/02/2017): Ill.mo Dott. Stefano Fralleoni

    Presidenti emeriti
    (dal 05/11/1998 al 01/10/2002): S.E. Card. Agostino Cacciavillan, Cardinale Presbitero dei Santi Angeli Custodi a Città Giardino
    (dal 07/07/2011 al 26/06/2018): S.E. Card. Domenico Calcagno, Cardinale Diacono dell'Annunciazione della Beata Vergine Maria a Via Ardeatina


    SITO WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/uf...a/index_it.htm

    COMPETENZE (i seguenti articoli sono stati modificati dal Santo Padre Francesco con il motu proprio Confermando una tradizione plurisecolare dell'8 luglio 2014)
    Articolo 172.
    §1. Spetta a questo Ufficio di amministrare i beni di proprietà della Santa Sede destinati a fornire i fondi necessari all’adempimento delle funzioni della Curia Romana.
    §2. L’Ufficio amministra anche i beni mobili ad esso affidati da altri enti della Santa Sede.


    Articolo 173.
    L’Ufficio è presieduto da un Cardinale, assistito da un determinato numero di Cardinali e da un Prelato Segretario.


    PREFETTURA DELLA CASA PONTIFICIA


    Prefetto dal 07/12/2012: S.E. Mons. Georg Gänswein, Arcivescovo titolare di Urbisaglia


    Reggente (dal 04/08/2012): Rev. Mons. Leonardo Sapienza, R.C.I.

    Teologo (dal 01/12/2005): Rev. Padre Wojciech Giertych, O.P.

    Predicatore (dal 23/06/1980): Rev. Padre Raniero Cantalamessa, O.F.M. Cap.


    Reggente emerito (dal 10/03/1994 al 04/08/2012): S.E. Mons. Paolo De Nicolò, Vescovo titolare di Mariana in Corsica

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/various/prefettura/index_it.html

    COMPETENZE
    Articolo 180.
    La Prefettura si occupa dell'ordine interno relativo alla Casa Pontificia e dirige, per quanto attiene alla disciplina e al servizio, tutti coloro che costituiscono la cappella e la famiglia pontificia.

    Articolo 181.
    § 1. Essa assiste il Sommo Pontefice sia nel palazzo apostolico sia quando viaggia in Roma o in Italia.
    § 2. Cura l'ordinamento e lo svolgimento delle cerimonie pontificie, esclusa la parte strettamente liturgica, della quale si occupa l'ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice; stabilisce l'ordine di precedenza.
    § 3. Dispone le udienze pubbliche e private del Sommo Pontefice, consultandosi, tutte le volte che lo esigano le circostanze, con la Segreteria di Stato, sotto la cui guida predispone tutto quanto dev'essere fatto, quando dallo stesso Pontefice sono ricevuti in solenne udienza i capi di Stato, gli ambasciatori, i ministri degli Stati, le pubbliche autorità ed altre persone insigni per dignità.

    UFFICIO DELLE CELEBRAZIONI LITURGICHE DEL SOMMO PONTEFICE


    Maestro delle Celebrazioni Liturgiche (dal 01/10/2007): Rev. Mons. Guido Marini

    Cerimonieri Pontifici:
    Rev. Mons. Pier Enrico Stefanetti (dal 25/02/2006)
    Rev. Mons. Diego Giovanni Ravelli (dal 25/02/2006)
    Rev. Mons. Marco Agostini (dal 13/06/2009)
    Rev. Mons. Massimiliano Matteo Boiardi, F.S.C.B. (dal 04/10/2011)
    Rev. Mons. Vincenzo Peroni (dall'11/10/2012)
    Rev. Mons. Ján Dubina (dal 02/10/2015)
    Rev. Mons. Krzysztof Marcjanowicz (dal 09/02/2018)

    PAGINA WEB: http://w2.vatican.va/content/liturgy/it.html

    COMPETENZE
    Articolo 182.
    § 1. Spetta all'Ufficio di preparare tutto quanto è necessario per le celebrazioni liturgiche e le altre sacre celebrazioni, che sono compiute dal Sommo Pontefice o in suo nome, e dirigerle secondo le vigenti prescrizioni del diritto liturgico.
    § 2. Il maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie è nominato dal Sommo Pontefice per cinque anni; i cerimonieri pontifici, che lo coadiuvano nelle sacre celebrazioni, sono del pari nominati dal Segretario di Stato per lo stesso periodo.

    UFFICIO DEL LAVORO DELLA SEDE APOSTOLICA


    Presidente (dal 03/07/2009): S.E. Mons. Giorgio Corbellini, Vescovo titolare di Abula


    Direttore (dal 20/07/2015): Ill.mo Dott. Salvatore Vecchio


    Vice-Presidente emerito (dal 13/10/2007 al 01/01/2010): S.E. Mons. Franco Croci, Vescovo titolare di Potenza Picena
    già Direttore (dal 07/06/2008 al 20/07/2015): Ill.mo Dott. Massimo Bufacchi


    SITO WEB: www.ulsa.va

    COMPETENZE
    dal motu proprio La sollecitudine di Giovanni Paolo II (30/09/1994)
    Desidero ora riaffermare la funzione, attribuita all'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica, di Organo della medesima che ha specifica identità istituzionale ed è preposto alla tutela dei legittimi interessi degli appartenenti alla comunità di lavoro della Santa Sede, per assicurare armonia e perequazione, nella pluralità, diversità e specificità delle mansioni, favorendo una corretta applicazione dei principi della giustizia sociale, a garanzia dell'unità di tale comunità e della crescita dei rapporti interpersonali in seno alla medesima.
    L'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica dovrà quindi proseguire nel consolidamento di detta comunità di lavoro, esplicando opportuni interventi volti al pieno adempimento delle norme poste a salvaguardia della medesima e componendo eventuali questioni di carattere amministrativo o sociale-economico che si verifichino nel vari Organismi della Santa Sede. A tale scopo, l'ULSA promuoverà le vie del dialogo per la ricerca di soluzioni che escludano il ricorso a metodi rivendicativi di forza e, per la definizione del contenzioso, ricorrerà alle procedure previste di conciliazione e di arbitrato.
    dal motu proprio Venti anni orsono di Benedetto XVI (07/07/2009)
    Al passo con le trasformazioni sociali, culturali e del mondo del lavoro in genere, nonché del cammino di sensibilizzazione e di collaborazione realizzato all'interno dei vari Organismi vaticani, l'ULSA avverte il compito particolare che è chiamato oggi a sviluppare nella formazione professionale, spirituale e sociale del personale coerentemente con la missione ecclesiale di tutti coloro che collaborano con il Successore di Pietro nel suo ministero al servizio della Chiesa universale.
    Nell'ambito delle proprie funzioni, l'Ufficio non mancherà pertanto di adoperarsi per la partecipazione a iniziative interne o esterne volte all'elevazione culturale e all'aggiornamento professionale del personale così da alimentare la necessaria identificazione di ciascuno con i valori e gli ideali dell'istituzione.
    Ultima modifica di Vox Populi; 06-07-2018 alle 12:30

  5. #5
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    ORGANISMI DI NUOVA ISTITUZIONE
    nell'ambito della riforma della Curia Romana avviata da Papa Francesco



    DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA


    Prefetto (dal 15/08/2016): S.E. Card. Kevin Joseph Farrell, Cardinale Diacono di San Giuliano Martire


    Segretario (dal 31/05/2017): Rev. Padre Alexandre Awi Mello, I. Sch.

    Sotto-Segretari (dal 07/11/2017):
    Ill.ma Dott.ssa Gabriella Gambino
    Ill.ma Dott.ssa Linda Ghisoni

    SITO WEB: http://www.laityfamilylife.va/

    COMPETENZE
    dal nuovo Statuto del Dicastero (10/04/2018, pubblicato il giorno 08/05):
    Art 1
    Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della vita e dell’apostolato dei fedeli laici, per la cura pastorale dei giovani, della famiglia e della sua missione, secondo il disegno di Dio e per la tutela e il sostegno della vita umana. A tali fini, secondo i principi della collegialità, sinodalità e sussidiarietà, il Dicastero intrattiene relazioni con le Conferenze Episcopali, le Chiese locali e altri organismi ecclesiali, promovendo lo scambio tra di essi e offrendo la sua collaborazione affinché siano promossi i valori e le iniziative connesse a suddette materie.

    Art 2
    Il Dicastero è presieduto dal Prefetto, coadiuvato da un Segretario, che potrebbe essere laico, e da almeno due Sotto-Segretari laici, ed è dotato di un congruo numero di Officiali, chierici e laici, scelti, per quanto è possibile, dalle diverse regioni del mondo, secondo le norme vigenti della Curia Romana.

    Art 3
    § 1. Il Dicastero ha propri membri, tra cui fedeli laici, uomini e donne, celibi e coniugati, impegnati nei diversi campi di attività e provenienti dalle diverse parti del mondo, così che rispecchino il carattere universale della Chiesa.
    § 2. Dispone di propri Consultori.
    § 3. Il Dicastero segue in tutto le norme stabilite per la Curia Romana.

    Art 4
    Promuove e organizza convegni internazionali e altre iniziative sia attinenti all’apostolato dei laici, ai giovani, all’istituzione matrimoniale e alla realtà della famiglia e della vita nell’ambito ecclesiale, sia inerenti le condizioni umane e sociali del laicato, dei giovani, dell’istituto familiare e della vita umana nell’ambito della società.



    DICASTERO PER IL SERVIZIO DELLO SVILUPPO UMANO INTEGRALE


    Prefetto (dal 31/08/2016): S.E. Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Cardinale Presbitero di San Liborio


    Segretario (dal 16/06/2017): Rev. Sac. Bruno Marie Duffé

    Sotto-Segretari:
    (dal 14/12/2016):
    Rev. Padre Michael Czerny, S.J.
    Rev. Padre Fabio Baggio, C.S.
    (dal 08/07/2017):
    Rev. Mons. Segundo Tejado Muñoz
    Rev. Padre Nicola Riccardi, O.F.M.
    Gent.ma Dott.ssa Flaminia Giovanelli


    COMPETENZE
    dallo Statuto del Dicastero (17/08/2016):
    Art 1
    §1. Il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale assume la sollecitudine della Santa Sede per quanto riguarda la giustizia e la pace, incluse le questioni relative alle migrazioni, la salute, le opere di carità e la cura del creato.
    §2. Il Dicastero promuove lo sviluppo umano integrale alla luce del Vangelo e nel solco della dottrina sociale della Chiesa. A tal fine, esso intrattiene relazioni con le Conferenze Episcopali, offrendo la sua collaborazione affinché siano promossi i valori concernenti la giustizia, la pace, nonché la cura del creato.
    §3. Il Dicastero esprime pure la sollecitudine del Sommo Pontefice verso l’umanità sofferente, tra cui i bisognosi, i malati e gli esclusi, e segue con la dovuta attenzione le questioni attinenti alle necessità di quanti sono costretti ad abbandonare la propria patria o ne sono privi, gli emarginati, le vittime dei conflitti armati e delle catastrofi naturali, i carcerati, i disoccupati e le vittime delle forme contemporanee di schiavitù e di tortura e le altre persone la cui dignità è a rischio.
    §4. Una Sezione del Dicastero si occupa specificamente di quanto concerne i profughi e migranti. Questa sezione è posta ad tempus sotto la guida del Sommo Pontefice che la esercita nei modi che ritiene opportuni.

    Art 2
    §1. Il Dicastero è presieduto da un Prefetto, coadiuvato da un Segretario e almeno un Sotto-Segretario, che possono anche essere fedeli laici.
    §2. Il Dicastero ha propri Membri, fra cui fedeli laici impegnati nei diversi ambiti di competenza del Dicastero e provenienti dalle diverse parti del mondo, così che rispecchino il carattere universale della Chiesa.
    §3. Dispone di propri Consultori e Officiali, anch’essi dalle diverse parti del mondo.
    §4. Il Dicastero segue in tutto le norme stabilite per la Curia Romana.

    Art 3
    §1. Il Dicastero approfondisce la dottrina sociale della Chiesa e si adopera affinché essa sia largamente diffusa e tradotta in pratica e i rapporti sociali, economici e politici siano sempre più permeati dallo spirito del Vangelo.
    §2. Raccoglie notizie e risultati di indagini circa la giustizia e la pace, il progresso dei popoli, la promozione e la tutela della dignità e dei diritti umani, specialmente, ad esempio, quelli attinenti il lavoro, incluso quello minorile, il fenomeno delle migrazioni e lo sfruttamento dei migranti, il commercio di vite umane, la riduzione in schiavitù, la carcerazione, la tortura e la pena di morte, il disarmo o la questione degli armamenti nonché i conflitti armati e le loro conseguenze sulla popolazione civile e sull’ambiente naturale (diritto umanitario). Valuta questi dati e rende partecipi gli organismi episcopali delle conclusioni che ne trae, perché essi, secondo opportunità, intervengano direttamente.
    §3. Il Dicastero si adopera perché nelle Chiese locali sia offerta un’efficace e appropriata assistenza materiale e spirituale – se necessario anche mediante opportune strutture pastorali – agli ammalati, ai profughi, agli esuli, ai migranti, agli apolidi, ai circensi, ai nomadi e agli itineranti.
    §4. Il Dicastero favorisce e coordina le iniziative delle istituzioni cattoliche che s’impegnano per il rispetto della dignità di ogni persona e l’affermazione dei valori della giustizia e della pace e nell’aiuto ai popoli che sono nell’indigenza, specialmente quelle che prestano soccorso alle loro più urgenti necessità e calamità.
    §5. Nell’adempimento della sua missione, il Dicastero può intrattenere relazioni con associazioni, istituti e organizzazioni non governative, anche al di fuori della Chiesa cattolica, impegnate nella promozione della giustizia e della pace. Esso può altresì entrare in dialogo con rappresentanti dei Governi civili e di altri soggetti di diritto internazionale pubblico, ai fini di studio, approfondimento e sensibilizzazione sulle materie di sua competenza e nel rispetto delle competenze degli altri organismi della Curia Romana.
    §6. Il Dicastero s’impegna affinché cresca tra i popoli la sensibilità per la pace, l’impegno per la giustizia e la solidarietà verso le persone più vulnerabili, come i migranti e profughi, specialmente in occasione della Giornata Mondiale della Pace, la Giornata Mondiale delle Migrazioni e la Giornata Mondiale del Malato.



    SEGRETERIA PER L'ECONOMIA


    Prefetto (dal 24/02/2014): S.E. Card. George Pell, Cardinale Presbitero di Santa Maria Domenica Mazzarello

    Prelato Segretario Generale: vacante dal 26/05/2018 a motivo dell'inizio della missione di S.E. Mons. Alfred Xuereb quale Nunzio Apostolico in Corea e Mongolia


    Segretario della Sezione Amministrativa (dal 14/04/2015): Rev. Mons. Luigi Mistò

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/uf...a/index_it.htm

    COMPETENZE
    dal motu proprio Fidelis dispensator et prudens del Santo Padre Francesco:
    4. E’ istituita la Segreteria per l’Economia, quale Dicastero della Curia Romana secondo la Costituzione apostolica Pastor Bonus.

    5. Tenendo conto di quanto stabilito dal Consiglio per l’Economia, la Segreteria risponde direttamente al Santo Padre e attua il controllo economico e la vigilanza sugli Enti di cui al punto 1, come pure le politiche e le procedure relative agli acquisti e all’adeguata allocazione delle risorse umane, nel rispetto delle competenze proprie di ciascun Ente. La competenza della Segreteria si estende pertanto a tutto ciò che in qualunque maniera rientra nell’ambito in oggetto.

    6. La Segreteria per l’Economia è presieduta da un Cardinale Prefetto, il quale collabora con il Segretario di Stato. Un Prelato Segretario Generale ha il compito di coadiuvare il Cardinale Prefetto.



    CONSIGLIO PER L'ECONOMIA


    Coordinatore (dal 08/03/2014): S.E. Card. Reinhard Marx, Cardinale Presbitero di San Corbiniano, Arcivescovo di Monaco e Frisinga (Germania)


    Vice-Coordinatore (dal 08/03/2014): Dott. Joseph F.X. Zahra, Managing Director di MISCO (Malta)


    Segretario (dal 22/03/2014): Rev. Mons. Brian Ferme, Preside della Facoltà di Diritto Canonico "San Pio X" di Venezia (Italia)

    Membri (dal 08/03/2014):
    S.E. Card. Juan Luis Cipiani Thorne, Cardinale Presbitero di San Camillo De Lellis, Arcivescovo di Lima (Peru)
    S.E. Card. Daniel Nicholas DiNardo, Cardinale Presbitero di Sant'Eusebio, Arcivescovo di Galveston-Houston (USA)
    S.E. Card. Wilfrid Fox Napier, O.F.M., Cardinale Presbitero di San Francesco d'Assisi ad Acilia, Arcivescovo di Durban (Sudafrica)
    S.E. Card. Jean-Pierre Ricard, Cardinale Presbitero di Sant'Agostino, Arcivescovo di Bordeaux (Francia)
    S.E. Card. Norberto Rivera Carrera, Cardinale Presbitero di San Francesco d'Assisi a Ripa Grande, Arcivescovo emerito di Città del Messico (Messico)
    S.E. Card. John Tong Hon, Cardinale Presbitero della Regina Apostolorum, Vescovo emerito di Hong Kong (Cina)
    S.E. Card. Agostino Vallini, Cardinale Presbitero di San Pier Damiani ai Monti di San Paolo, Vicario Generale emerito di S.S. per la Diocesi di Roma (Italia)
    Dott. Jean-Baptiste de Franssu (Francia)
    Dott. John Kyle (Canada)
    Dott. Enrique Llano Cueto (Spagna)
    Dott. Jochen Messemer (Germania)
    Dott. Francesco Vermiglio (Italia)
    Dott. George Yeo (Singapore)

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/uf...a/index_it.htm

    COMPETENZE
    dal motu proprio Fidelis dispensator et prudens del Santo Padre Francesco:
    1. E’ istituito il Consiglio per l’Economia, con il compito di sorvegliare la gestione economica e di vigilare sulle strutture e sulle attività amministrative e finanziarie dei Dicasteri della Curia Romana, delle Istituzioni collegate con la Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano.

    2. Il Consiglio per l’Economia è composto di quindici membri, otto dei quali sono scelti tra Cardinali e Vescovi in modo da rispecchiare l’universalità della Chiesa e sette sono esperti laici di varie nazionalità, con competenze finanziarie e riconosciuta professionalità.

    3. Il Consiglio per l’Economia è presieduto da un Cardinale Coordinatore.



    UFFICIO DEL REVISORE GENERALE

    Revisore Generale: vacante dal 19/06/2017 a motivo dell'accettazione delle dimissioni presentate dall'Ill.mo Dott. Libero Milone

    Revisori aggiunti (dal 16/03/2016):
    Ill.mo Dott. Ferruccio Panicco;
    Ill.mo Dott. Alessandro Cassinis Righini

    Già Revisore Generale (dal 05/06/2015 al 19/06/2017): Ill.mo Dott. Libero Milone

    COMPETENZE
    dallo Statuto dell'Ufficio:
    Natura
    ART.1

    §1. L'Ufficio del Revisore Generale è l’ente della Santa Sede al quale è affidato il compito di revisione dei dicasteri della Curia Romana, delle istituzioni collegate alla Santa Sede o che fanno riferimento ad essa e delle amministrazioni del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, di cui all’art. 1 §1 dello Statuto del Consiglio per l’Economia.
    §2. L’Ufficio è diretto dal Revisore Generale, coadiuvato da due Revisori aggiunti.

    Funzioni
    ART.2

    §1. Il Revisore Generale, in piena autonomia e indipendenza e seguendo le migliori prassi riconosciute a livello internazionale in materia di pubblica amministrazione:
    a) attua, secondo un proprio programma annuale di revisione, una verifica contabile e amministrativa sugli enti e amministrazioni di cui all’art. 1 §1;
    b) svolge revisioni specifiche sugli enti e amministrazioni di cui all’art.1 §1, quando lo ritenga necessario o ove sia richiesto dal Consiglio per l’Economia;
    c) riceve segnalazioni di anomalie nelle attività degli enti e amministrazioni di cui all’art. 1§1, ed indaga in merito;
    d) propone alle autorità competenti l’adozione di provvedimenti appropriati.

    §2. Il Revisore Generale effettua, in particolare, revisioni specifiche sugli enti e amministrazioni di cui all’art. 1 §1 ogniqualvolta vi siano ragionevoli motivi per sospettare che:
    a) l’attuazione di iniziative e attività si discosti in modo sostanziale da indirizzi, bilanci preventivi e progetti approvati;
    b) vi siano anomalie nell’impiego o nell’attribuzione di risorse finanziarie o materiali;
    c) vi siano irregolarità nella tenuta dei bilanci o delle scritture contabili;
    d) vi siano significative irregolarità nella concessione di appalti o di contratti per servizi esterni o nello svolgimento di transazioni o alienazioni;
    e) sia stato commesso un atto di corruzione, appropriazione indebita o frode a danno di uno degli enti o amministrazioni di cui all’art. 1 §1.



    DICASTERO PER LA COMUNICAZIONE


    Prefetto (dal 05/07/2018): Ill.mo Dott. Paolo Ruffini


    Segretario (dal 27/06/2015): Rev. Mons. Lucio Adrian Ruiz

    Direttore Generale (dal 27/06/2015): Dott. Paolo Nusiner

    Vice Direttore Generale (dal 27/06/2015): Dott. Giacomo Ghisani

    Prefetto emerito (dal 27/06/2015 al 21/03/2018): Rev. Mons. Dario Edoardo Viganò

    SITO WEB: http://www.comunicazione.va

    COMPETENZE
    dal motu proprio L'attuale contesto comunicativo del Santo Padre Francesco:
    (...) dopo aver esaminato relazioni e studi, e ricevuto di recente lo studio di fattibilità, sentito il parere unanime del Consiglio dei Cardinali, istituisco la Segreteria per la Comunicazione e stabilisco quanto segue.

    Art. 1
    Nel Dicastero, secondo quanto presentato dalla Commissione dei Media Vaticani, istituita il 30 Aprile 2015, confluiranno nei tempi stabiliti, i seguenti Organismi: Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali; Sala Stampa della Santa Sede; Servizio Internet Vaticano; Radio Vaticana; Centro Televisivo Vaticano; L’Osservatore Romano; Tipografia Vaticana; Servizio Fotografico; Libreria Editrice Vaticana.

    Art. 2
    Tali organismi, dalla data di pubblicazione del presente Motu Proprio, dovranno proseguire nelle attività proprie, attenendosi, però, alle indicazioni date dalla Segreteria per la Comunicazione.

    Art. 3
    Il nuovo Dicastero, in accordo con la Segreteria di Stato, assumerà il sito web istituzionale della Santa Sede: www.vatican.va e il servizio Twitter del Sommo Pontefice: @pontifex

    dal Rescritto del Santo Padre del 27 febbraio 2018 (pubblicato ed entrato in vigore il 23 giugno successivo):
    Nell’Udienza concessa al sottoscritto Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato il 27 febbraio 2018 il Sommo Pontefice Francesco sentito il parere del Consiglio dei Cardinali, ha deciso che la Segreteria per la Comunicazione si chiami, d’ora in poi: “Dicastero per la Comunicazione”.
    Ultima modifica di Vox Populi; 05-07-2018 alle 12:25

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    ISTITUZIONI COLLEGATE CON LA SANTA SEDE

    Articolo 186.
    Esistono alcuni istituti, sia di antica origine che di nuova costituzione, i quali, pur non facendo parte propriamente della Curia romana, prestano tuttavia diversi servizi necessari o utili allo stesso Sommo Pontefice, alla Curia e alla Chiesa universale ed in qualche modo sono connessi con la Curia stessa.

    Articolo 190.
    Tutte queste Istituzioni della Chiesa romana si reggono secondo proprie leggi quanto alla costituzione e all'amministrazione.
    ARCHIVIO SEGRETO VATICANO


    Archivista (dal 26/06/2012 al 01/09/2018): S.E. Mons. Jean-Louis Bruguès, O.P., Arcivescovo-Vescovo emerito di Angers

    Archivista eletto (assumerà l'incarico il 01/09/2018): Rev. Sac. José Tolentino Calaça de Mendonça, Arcivescovo titolare eletto di Suava


    Prefetto (dal 07/01/1997): S.E. Mons. Sergio Pagano, B., Vescovo titolare di Celene

    Vice-prefetto (dal 08/10/2013): Ill.mo Prof. Paolo Cherubini

    Archivista emerito (dal 25/06/2007 al 09/06/2012): S.E. Card. Raffaele Farina, S.D.B., Cardinale Presbitero di San Giovanni della Pigna

    Vice-prefetto emerito (dal 29/09/2007 al ../../.... : Rev. Padre Marcel Chappin, S.J.

    SITO WEB: www.archiviosegretovaticano.va

    COMPETENZE:
    Articolo 187.
    Tra gli istituti di tale genere si distingue l'Archivio Segreto Vaticano, nel quale sono conservati i documenti relativi al governo della Chiesa, perché siano innanzitutto a disposizione della Santa Sede e della Curia nel compimento del proprio lavoro, e perché poi, in base a concessione pontificia, possano rappresentare per tutti gli studiosi di storia fonti per la conoscenza, anche profana, di quelle regioni che fin nei secoli passati sono strettamente connesse con la vita della Chiesa.

    BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA


    Bibliotecario (dal 26/06/2012 al 01/09/2018): S.E. Mons. Jean-Louis Bruguès, O.P., Arcivescovo-Vescovo emerito di Angers

    Bibliotecario eletto (assumerà l'incarico il 01/09/2018): Rev. Sac. José Tolentino Calaça de Mendonça, Arcivescovo titolare eletto di Suava


    Prefetto (dal 25/06/2007): Rev. Mons. Cesare Pasini

    Vice-prefetto (dall'11/03/1999): Dott. Cav. Ambrogio M. Piazzoni

    Bibliotecario emerito (dal 25/06/2007 al 09/06/2012): S.E. Card. Raffaele Farina, S.D.B., Cardinale Presbitero di San Giovanni della Pigna

    SITO WEB: https://www.vatlib.it

    COMPETENZE:
    Articolo 188.
    Quale insigne strumento della Chiesa per lo sviluppo, la conservazione e la divulgazione della cultura, è stata costituita dai Sommi Pontefici la Biblioteca apostolica vaticana, la quale nelle sue varie sezioni offre tesori ricchissimi di scienza e di arte agli studiosi che ricercano la verità.

    PONTIFICIA ACCADEMIA DELLE SCIENZE


    Presidente (dal 21/06/2017): Ill.mo Prof. Joachim von Braun, Professore Ordinario di Economia e Innovazione Tecnologica e Direttore del Centro di Ricerca per lo Sviluppo dell’Università di Bonn


    Cancelliere (dal 08/10/1998): S.E. Mons. Marcelo Sanchez Sorondo, Vescovo titolare di Vescovio

    Presidente emerito (dal 15/01/2011 al 21/06/2017): Ill.mo Prof. Werner Arber

    SITO WEB: http://www.casinapioiv.va

    COMPETENZE:
    Articolo 189.
    Per la ricerca e la diffusione della verità dei vari settori della scienza divina ed umana sono sorte in seno alla Chiesa romana diverse accademie, tra le quali si distingue la Pontificia Accademia delle Scienze.

    PONTIFICIA ACCADEMIA DELLE SCIENZE SOCIALI


    Presidente (dal 12/04/2014): Ill.ma Prof. Margaret Scotford Archer


    Cancelliere (dal ../../..): S.E. Mons. Marcelo Sanchez Sorondo, Vescovo titolare di Vescovio


    Presidente emerito (dal 09/03/2004 al 12/04/2014): Ill.ma Prof. Mary Ann Glendon

    SITO WEB: www.pass.va

    COMPETENZE
    dal motu proprio Socialium scientiarum di Giovanni Paolo II (01/01/1994):
    (...) Dando attuazione a quanto già annunciato nel mio discorso del 23 dicembre 1991, in data odierna erigo la Pontificia Accademia delle Scienze Sociali con sede nella Città del Vaticano. Come risulta dal suo Statuto, quest’Accademia è istituita “col fine di promuovere lo studio ed il progresso delle scienze sociali, economiche, politiche e giuridiche, alla luce della dottrina sociale della Chiesa” (Pont. Academiae Scientiarum Socialium, Statuta, art. 1).

    PONTIFICIA ACCADEMIA PER LA VITA


    Presidente (dal 15/08/2016): S.E. Mons. Vincenzo Paglia, Arcivescovo-Vescovo emerito di Terni-Narni-Amelia


    Cancelliere (dal 12/09/2011): Rev. Sac. Renzo Pegoraro

    Presidenti emeriti:
    (dal ../../1994 al ../12/2004): Dott. Juan de Dios Vial Correa;
    (dal 03/01/2005 al 17/06/2008): S.E. Card. Elio Sgreccia, Cardinale Diacono di Sant'Angelo in Pescheria
    (dal 30/06/2010 al 15/08/2016): S.E. Mons. Ignacio Carrasco de Paula, Vescovo titolare di Tapso


    SITO WEB: www.academiavita.org

    COMPETENZE
    dal motu proprio Vitae Mysterium di San Giovanni Paolo II (11/02/1994):
    Art. 4
    (...) Con la consapevolezza che, nel servizio alla vita, la Chiesa non può non incontrarsi con la scienza (Conc. Vat. II, Messaggio agli uomini di pensiero e di scienza, 8.12.1965), con il presente Motu proprio istituisco la Pontificia Accademia per la Vita che, secondo gli Statuti, è autonoma. Essa però è collegata e d opera in stretto rapporto con il Pontificio Consiglio della Pastorale per gli Operatori sanitari. Essa avrà lo specifico compito di studiare, informare e formare circa i principali problemi di biomedicina e di diritto, relativi alla promozione e alla difesa della vita, soprattutto nel diretto rapporto che essi hanno con la morale cristiana e le direttive del Magistero della Chiesa.

    Art.5
    La Pontificia Accademia per la Vita, con sede in Vaticano, sarà presieduta dal Presidente da me nominato, coadiuvato da un Consiglio e da un Consigliere ecclesiastico. Spetterà al Presidente della Pontificia Accademia convocarne l’Assemblea, stimolarne l’attività, approvarne la programmazione annua, vigilarne l’amministrazione, a norma di Statuti propri da sottoporre all’approvazione della Sede Apostolica. I membri dell’Accademia, da me nominati, saranno rappresentativi delle varie branche delle scienze biomediche e di quelle più strettamente legate ai problemi riguardanti la promozione e la difesa della vita. Sono inoltre previsti Membri per corrispondenza.
    COMPETENZE
    dallo Statuto del Dicastero per i Laici, la Famgilia e la Vita (04/06/2016):
    Art 13
    La Pontificia Accademia per la Vita è connessa con questo Dicastero, il quale in merito alle problematiche e tematiche di cui all’art. 11 si avvale della sua competenza.

    PONTIFICIA ACCADEMIA ECCLESIASTICA


    Presidente (dal 21/09/2013): S.E. Mons. Giampiero Gloder, Arcivescovo titolare di Telde

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/po...s/index_it.htm

    COMPETENZE
    dal Profilo dell'Ente pubblicato sul sito della Santa Sede:
    La Pontificia Accademia Ecclesiastica è oggi l'istituzione in cui si formano i sacerdoti che si preparano a far parte del servizio diplomatico della Santa Sede, presso le Nunziature Apostoliche o la Segreteria di Stato.

    PONTIFICIA ACCADEMIA DI LATINITA'


    Presidente (dal 10/11/2012): Ill.mo Prof. Ivano Dionigi, già Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Bologna


    Segretario (dal 10/11/2012): Rev. Sac. Roberto Spataro, S.D.B.

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/po...s/index_it.htm

    COMPETENZE
    dal motu proprio Latina Lingua di Benedetto XVI (10/11/2012):
    (...) Anche ai nostri tempi, la conoscenza della lingua e della cultura latina risulta quanto mai necessaria per lo studio delle fonti a cui attingono, tra le altre, numerose discipline ecclesiastiche quali, ad esempio, la Teologia, la Liturgia, la Patristica ed il Diritto Canonico, come insegna il Concilio Ecumenico Vaticano II (cfr Decr. Optatam totius, 13).
    Inoltre, in tale lingua sono redatti, nella loro forma tipica, proprio per evidenziare l’indole universale della Chiesa, i libri liturgici del Rito romano, i più importanti Documenti del Magistero pontificio e gli Atti ufficiali più solenni dei Romani Pontefici.
    Nella cultura contemporanea si nota tuttavia, nel contesto di un generalizzato affievolimento degli studi umanistici, il pericolo di una conoscenza sempre più superficiale della lingua latina, riscontrabile anche nell’ambito degli studi filosofici e teologici dei futuri sacerdoti. D’altro canto, proprio nel nostro mondo, nel quale tanta parte hanno la scienza e la tecnologia, si riscontra un rinnovato interesse per la cultura e la lingua latina, non solo in quei Continenti che hanno le proprie radici culturali nell’eredità greco-romana. Tale attenzione appare tanto più significativa in quanto non coinvolge solo ambienti accademici ed istituzionali, ma riguarda anche giovani e studiosi provenienti da Nazioni e tradizioni assai diverse.
    Appare perciò urgente sostenere l’impegno per una maggiore conoscenza e un più competente uso della lingua latina, tanto nell’ambito ecclesiale, quanto nel più vasto mondo della cultura. Per dare rilievo e risonanza a tale sforzo, risultano quanto mai opportune l’adozione di metodi didattici adeguati alle nuove condizioni e la promozione di una rete di rapporti fra Istituzioni accademiche e fra studiosi, al fine di valorizzare il ricco e multiforme patrimonio della civiltà latina.
    Per contribuire a raggiungere tali scopi, seguendo le orme dei miei venerati Predecessori, con il presente Motu Proprio oggi istituisco la Pontificia Accademia di Latinità
    (...)

    TIPOGRAFIA POLIGLOTTA e SERVIZI DI INFORMAZIONE

    TIPOGRAFIA POLIGLOTTA VATICANA


    Direttore Generale dal 17/01/2012): Rev. Sac. Sergio Pellini, S.D.B.

    Direttore amministrativo: Rev. Sac. Mario Ercole, S.D.B.

    già Direttori Generali
    (dal 18/09/1991 al 31/01/2009): Rev. Sac. Elio Torrigiani, S.D.B.
    (dal 31/01/2009 al 17/01/2012): Rev. Sac. Pietro Migliasso, S.D.B.


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/in...11_prof_sp.htm

    LIBRERIA EDITRICE VATICANA


    Direttore (dal 12/10/2017): Rev. Padre Giulio Cesareo, O.F.M. Conv.

    già Direttore (dal ../../2007 al 30/06/2017): Rev. Sac. Giuseppe Costa, S.D.B.

    SITO WEB: www.libreriaeditricevaticana.va


    L'OSSERVATORE ROMANO


    Direttore (dal 29/09/2007): Prof. Giovanni Maria Vian

    Vice-Direttore (dal 21/11/2014): Dott. Giuseppe Fiorentino

    Segretario: Dott. Carlo De Lucia

    Già Vice-Direttore(dal 29/09/2007 al 21/11/2014): Sig. Carlo Di Cicco[/I]

    SITO WEB: www.osservatoreromano.va


    RADIO VATICANA


    Legale Rappresentante ad interim e Responsabile ad interim della Direzione Amministrativa (dal 01/03/2016): Dott. Giacomo Ghisani


    Direttore dei programmi (dal 29/09/2015): Rev. Padre Andrzej Majewski, S.J.


    Già Direttore Generale (dal 05/11/2005 al 29/02/2016): Rev. Padre Federico Lombardi, S.J.
    Già Direttore Amministrativo (dal 13/09/1997 al 29/02/2016): Dott. Alberto Gasbarri
    Già Direttore dei programmi (dal 05/11/2005 al 29/09/2015): Rev. Padre Andrzej Koprowski, S.J.



    SITO WEB: http://it.radiovaticana.va/


    SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE


    Direttore (dal 01/08/2016): Ill.mo Dott. Greg Burke


    Vice Direttore (dal 01/08/2016): Ill.ma Dott.ssa Paloma García Ovejero


    Già Direttore (dall'11/07/2006 al 31/07/2016): Rev. Padre Federico Lombardi, S.J.

    Già Vice Direttore (dal --/--/1995 al 01/02/2016): Rev. Padre Ciro Benedettini, C.P.
    Già Vice Direttore per gli accrediti giornalistici (dal 22/01/2013 al --/--/2016): Dott. Angelo Scelzo


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/news_services/press/index_it.htm


    FABBRICA DI SAN PIETRO


    Presidente (dal 05/02/2005): S.E. Card. Angelo Comastri, Cardinale Presbitero di San Salvatore in Lauro


    Delegato (dal 17/11/2001): S.E. Mons. Vittorio Lanzani, Vescovo titolare di Labico

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/various/basili...ni_storici.htm

    COMPETENZE:
    Articolo 192.
    La Fabbrica di San Pietro continuerà ad occuparsi di tutto quanto riguarda la Basilica del Principe degli apostoli sia per la conservazione e il decoro dell'edificio, sia per la disciplina interna dei custodi e dei pellegrini che vi entrano per visitarla, secondo le proprie leggi. In tutti i casi necessari i superiori della Fabbrica agiscono d'intesa col Capitolo della stessa Basilica.

    ELEMOSINERIA APOSTOLICA


    Elemosiniere (dal 03/08/2013): S.E. Card. Konrad Krajewski, Cardinale Diacono di Santa Maria Immacolata all'Esquilino

    Elemosinieri emeriti
    (dal 23/12/1989 al 28/07/2007): S.E. Mons. Oscar Rizzato, Arcivescovo titolare di Viruno
    (dal 28/07/2007 al 03/11/2012): S.E. Mons. Félix del Blanco Prieto, Arcivescovo titolare di Vannida


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/in...t/index_it.htm

    COMPETENZE:
    Articolo 193.
    L'Elemosineria apostolica svolge a nome del Santo Padre il servizio di assistenza verso i poveri e dipende direttamente da lui.

    PONTIFICIO ISTITUTO DI MUSICA SACRA


    Gran Cancelliere (dal 31/03/2015): S.E. Card. Giuseppe Versaldi, Cardinale Diacono del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio


    Preside (dal --/--/--): Rev. Mons. Vincenzo De Gregorio

    Prefetto degli Studi: Maestro Antonio Sardi De Letto

    Già Gran Cancelliere (dal 15/11/1999 al 31/03/2015): S.E. Card. Zenon Grocholewski, Cardinale Presbitero di San Nicola in Carcere

    SITO WEB: www.musicasacra.va

    COMPETENZE
    dal Profilo dell'Ente pubblicato sul sito della Santa Sede:
    Il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, in qualità di istituzione accademica e scientifica eretta dalla Sede Apostolica gode di propria personalità giuridica e si regge sulle norme del diritto canonico, su statuti propri approvati dalla Santa Sede e sulle norme approvate dal Consiglio Accademico; per facoltà della Sede Apostolica, conferisce i gradi accademici di Baccalaureato, Licenza, Magistero e Dottorato.
    L'Istituto persegue le seguenti finalità: insegnare le discipline liturgico-musicali sotto il profilo pratico, teorico e storico; promuovere la conoscenza e la diffusione del patrimonio tradizionale della musica sacra e favorire espressioni artistiche adeguate alle odierne culture; rendere, per incarico della Chiesa madre di Roma, un servizio alle Chiese locali di tutto il mondo, in vista della formazione dei musicisti di chiesa e dei futuri insegnanti nell'ambito della musica sacra.
    L'Istituto adempie al suo mandato tramite l'insegnamento delle discipline curriculari, la ricerca e l'analisi storico-estetica, la pubblicazione di opere musicali e scientifiche, l'esecuzione in sede concertistica e liturgica di brani musicali, con l'intento di diffondere il repertorio del passato e del presente.
    Il Pontificio Istituto di Musica Sacra promuove inoltre lo sviluppo di centri di studio sulla musica sacra sia a livello accademico (Università, Scuole superiori) che pastorale (Scuole diocesane) e l'organizzazione di convegni di studio e corsi di specializzazione e perfezionamento (Master).



    ORDINE EQUESTRE DEL SANTO SEPOLCRO DI GERUSALEMME


    Gran Maestro (dal 15/03/2012): S.E. Card. Edwin Frederick O'Brien, Cardinale Diacono di San Sebastiano al Palatino


    Gran Priore (dal 21/06/2008): S.B. Mons. Fouad Twal, Patriarca emerito di Gerusalemme dei Latini


    Assessore (dal 22/02/2013): S.E. Mons. Antonio Franco, Arcivescovo titolare di Gallese

    Governatore Generale (dal 29/06/2017): Ambasciatore Leonardo Visconti di Modrone

    Luogotenente Generale (dal 27/07/2017): Prof. Agostino Borromeo


    Gran Priore emerito (dal ../../.. al 21/06/2008): S.B. Mons. Michel Sabbah, Patriarca emerito di Gerusalemme dei Latini

    Assessore emerito (dal 05/05/2007 al 01/12/2008): S.E. Mons. Edward Nowak, Arcivescovo titolare di Luni

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/in...essh/index.htm

    COMPETENZE
    dallo Statuto dell'Ordine:
    Art. 2
    L’Ordine ha per scopo:
    1 - di rafforzare nei suoi membri la pratica della vita cristiana, in assoluta fedeltà al sommo Pontefice e secondo gli insegnamenti della Chiesa, osservando come base i principi della carità dei quali l’Ordine è un mezzo fondamentale per gli aiuti alla Terra Santa;
    2 - di sostenere ed aiutare le opere e le istituzioni cultuali, caritative, culturali e sociali della Chiesa Cattolica in Terra Santa, particolarmente quelle del e nel Patriarcato Latino di Gerusalemme, con il quale l’Ordine mantiene legami tradizionali;
    3 - di zelare la conservazione e la propagazione della fede in quelle terre, interessandovi i cattolici sparsi in tutto il mondo, uniti nella carità dal simbolo dell’Ordine, nonché tutti i fratelli cristiani;
    4 - di sostenere i diritti della Chiesa Cattolica in Terra Santa.



    AGENZIA DELLA SANTA SEDE PER LA VALUTAZIONE E LA PROMOZIONE DELLA QUALITA' DELLE UNIVERSITA' E FACOLTA' ECCLESIASTICHE


    Presidente (dal 27/06/2018): Rev. Padre Andrzej Stefan Wodka, C.SS.R.


    Direttore (dal ../03/2010): Dott. Riccardo Cinquegrani

    già Presidente (dal ../09/2007 al 27/06/2018): Rev. Padre Franco Imoda, S.J.

    SITO WEB: www.avepro.va

    COMPETENZE
    dallo Statuto dell'Agenzia:
    Art. 5
    L'Agenzia, nell’ambito della propria competenza e capacità, svolge in modo particolare le seguenti attività, secondo le esigenze di tempo e di luogo:
    1° sostiene le istituzioni accademiche ecclesiastiche per sviluppare in esse la qualità della ricerca e dell’insegnamento;
    2° definisce, sviluppa ed aggiorna, insieme alle istituzioni accademiche coinvolte, le procedure per la valutazione e la verifica, interna ed esterna, della qualità, nel rispetto delle esigenze ecclesiastiche e civili, sia giuridiche sia di funzionalità, a livello regionale, nazionale ed internazionale;
    3° a) pianifica le verifiche esterne della qualità delle singole istituzioni accademiche;
    b) esegue tali verifiche attraverso le visite di esperti;
    c) redige i rapporti finali;
    4° elabora e suggerisce interventi migliorativi, in seguito alle verifiche esterne;
    5° favorisce la circolazione di informazioni nel campo accademico;
    6° sceglie e prepara gli esperti per le visite;
    7° promuove l’utilizzo di strumenti adatti alla promozione della qualità, tra cui anche una banca dati delle istituzioni accademiche comprese nell’ambito dell’attività dell’Agenzia.



    AUTORITA' DI INFORMAZIONE FINANZIARIA


    Presidente (dal 19/11/2014): Dott. René Brülhart


    Direttore (dal 21/01/2015): Dott. Tommaso Di Ruzza

    Membri del Consiglio Direttivo (dal 05/06/2014): Dott.ssa Maria Bianca Farina; Dott. Marc Odendall; Sig. Joseph Yuvaraj Pillay; Dott. Juan C. Zarate.

    Già Presidente (dal 30/01 al 19/11/2014, ad interim): S.E. Mons. Giorgio Corbellini, Vescovo titolare di Abula

    SITO WEB: www.aif.va

    COMPETENZE
    dallo Statuto dell'Autorità:
    Articolo 1 - Natura e sede
    1. L’Autorità di Informazione Finanziaria (AIF) è una Istituzione collegata con la Santa Sede a norma degli articoli 186 e seguenti della Costituzione Apostolica Pastor bonus.
    2. L’Autorità è dotata di personalità giuridica canonica pubblica ed ha sede nello Stato della Città del Vaticano.

    Articolo 2 - Funzioni
    L’Autorità svolge, in piena autonomia e indipendenza, le seguenti funzioni:
    a) vigilanza e regolamentazione a fini prudenziali degli enti che svolgono professionalmente un’attività di natura finanziaria;
    b) vigilanza e regolamentazione al fine della prevenzione e del contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo;
    c) informazione finanziaria.



    COMITATO DI SICUREZZA FINANZIARIA


    Presidente dal 04/03/2016: Rev. Mons. Paolo Borgia, Assessore per gli Affari Generali della Segreteria di Stato

    Membri
    (dal 08/08/2013):
    Rev. Mons. Antoine Camilleri, Sotto-Segretario per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato
    Dott. Domenico Giani, Direttore dei Servizi di Sicurezza e di Protezione Civile del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano
    (dal 19/10/2013):
    Avv. Gian Piero Milano, Promotore di Giustizia presso il Tribunale dello Stato della Città del Vaticano
    (dal 21/01/2015):
    Dott. Tommaso Di Ruzza, Direttore dell'Autorità di Informazione Finanziaria
    (dal ../../2016):
    S.E. Mons. Fernando Vérgez Alzaga, L.C., Vescovo titolare di Villamagna di Proconsolare, Segretario Generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano
    Colonnello Christoph Graf, Comandante del Corpo della Guardia Svizzera Pontificia

    COMPETENZE
    dallo Statuto del Comitato:
    Articolo 2
    Funzioni
    Il Comitato di Sicurezza Finanziaria:
    a) stabilisce criteri e modalità per l’elaborazione della valutazione generale dei rischi di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa;
    b) approva la valutazione generale dei rischi e il suo regolare aggiornamento;
    c) individua le misure occorrenti per la gestione ed il contenimento dei rischi;
    d) coordina l’adozione ed il regolare aggiornamento di politiche e procedure per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio, del finanziamento del terrorismo e della proliferazione di armi di distruzione di massa;
    e) promuove l’attiva collaborazione e lo scambio di informazioni tra le Autorità competenti della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano;
    f) assicura agli organismi interessati un’informazione appropriata sui rischi rilevati;
    g) adotta procedure e linee guida interne;
    h) chiede informazioni alle Autorità ed agli enti che operano nell’ambito della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano;
    i) domanda studi e pareri ad esperti esterni.
    Ultima modifica di Vox Populi; 28-06-2018 alle 18:39

  7. #7
    Triumviro di Liturgie papali L'avatar di Cardinale Bellarmino
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Zona Pastorale II
    Età
    33
    Messaggi
    2,940
    Ringraziato
    132

    Premi

    PONTIFICIA COMMISSIONE PER I BENI CULTURALI DELLA CHIESA


    Presidente (dal 03/09/2007): S.E. Card. Gianfranco Ravasi, Cardinale Diacono di San Giorgio in Velabro


    Segretario (dal 04/12/2007): Dott. Francesco Buranelli

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/po...c/index_it.htm

    COMPETENZE:
    Articolo 99
    (...) è stabilita la Commissione che ha il compito di presiedere alla tutela del patrimonio storico ed artistico di tutta la Chiesa.

    Articolo 100
    Appartengono a questo patrimonio in primo luogo tutte le opere di qualsiasi arte del passato, che dovranno essere custodite e conservate con la massima diligenza. Quelle poi, il cui uso specifico sia venuto meno, siano convenientemente esposte in visione nei musei della Chiesa o in altri luoghi.

    Articolo 101
    § 1. Tra i beni storici hanno particolare importanza tutti i documenti e strumenti giuridici, che riguardano ed attestano la vita e la cura pastorale, nonché i diritti e le obbligazioni delle diocesi, delle parrocchie, delle chiese e delle altre persone giuridiche, istituite nella Chiesa.
    § 2. Questo patrimonio storico, sia conservato negli archivi come anche nelle biblioteche, che devono dappertutto essere affidati a personale competente, affinché tali testimonianze non vadano perdute.

    Articolo 102
    La Commissione offre il suo aiuto alle Chiese particolari ed agli organismi episcopali e, se è il caso, opera insieme con essi, affinché siano costituiti i musei, gli archivi e le biblioteche e siano ben realizzate la raccolta e la custodia dell'intero patrimonio artistico e storico in tutto il territorio, per essere a disposizione di tutti coloro che ne hanno interesse.

    Articolo 103
    Spetta alla medesima Commissione, d'intesa con le Congregazioni dei Seminari ed Istituti di Studi e del Culto divino e della Disciplina dei sacramenti, di impegnarsi perché il Popolo di Dio diventi sempre più consapevole dell'importanza e della necessità di conservare il patrimonio storico e artistico della Chiesa.

    PONTIFICIA COMMISSIONE DI ARCHEOLOGIA SACRA


    Presidente (dal 03/09/2007): S.E. Card. Gianfranco Ravasi, Cardinale Diacono di San Giorgio in Velabro


    Segretario (dal 01/09/2017): Rev. Mons. Pasquale Iacobone

    Segretario emerito (dal 18/07/2009 al 01/09/2017): Rev. Mons. Giovanni Carrù

    SITO WEB: http://www.archeologiasacra.net


    PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA


    Presidente (dal 01/07/2017): S.E. Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.I., Cardinale Diacono di Sant'Ignazio di Loyola a Campo Marzio

    Segretario (dal 12/12/2014): Rev. Padre Pietro Bovati, S.J.

    Presidenti emeriti
    (dal 13/05/2005 al 02/07/2012): S.E. Card. William Joseph Levada, Cardinale Presbitero di Santa Maria in Domnica
    (dal 02/07/2012 al 01/07/2017): S.E. Card. Gerhard Ludwig Müller, Cardinale Diacono di Sant'Agnese in Agone

    Segretario emerito (dal ../../2001 al 12/12/2014): Rev. Padre Klemens Stock, S.J.


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/co...b_index_it.htm

    COMPETENZE (dal motu proprio Sedula Cura di Paolo VI (27/06/1971):
    1. La Commissione Biblica, la quale, conforme al suo mandato, continua a promuovere rettamente gli studi biblici e a offrire il suo valido contributo al Magistero della Chiesa nell'interpretazione della Sacra Scrittura, viene riordinata secondo nuove norme e viene collegata alla Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede.

    2. Presidente della Commissione Biblica è il Cardinale Prefetto della Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede, il quale potrà essere coadiuvato da un vice-presidente, da scegliere tra i membri della Commissione.

    3. La Commissione Biblica è formata da studiosi di scienze bibliche, provenienti da varie scuole e Nazioni, i quali si distinguano per scienza, prudenza e cattolico sentire nei riguardi del Magistero ecclesiastico.

    11. È compito della Commissione Biblica eseguire studi, come pure preparare istruzioni e decreti, che possono essere pubblicati dalla Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede, facendo speciale menzione della Commissione Biblica, con l'approvazione del santo padre, a meno che lo stesso Sommo Pontefice, in casi particolari, non disponga diversamente.

    12. La Commissione Biblica si preoccuperà di tenersi in relazione con i vari Istituti di studi biblici, sia cattolici sia non cattolici.

    13. La medesima Commissione deve essere consultata prima che siano emanate nuove norme in materia biblica.

    14. La Commissione Biblica, finché non si provvederà diversamente, continua a conferire titoli accademici in materia biblica, secondo speciali norme, che dovranno essere opportunamente rivedute.


    PONTIFICIA COMMISSIONE ECCLESIA DEI


    Presidente (dal 01/07/2017): S.E. Card. Luis Francisco Ladaria Ferrer, S.I., Cardinale Diacono di Sant'Ignazio di Loyola a Campo Marzio


    Segretario (dal 03/08/2013): S.E. Mons. Guido Pozzo, Arcivescovo titolare di Bagnoregio

    Presidenti emeriti
    (dal 08/07/2009 al 02/07/2012): S.E. Card. William Joseph Levada, Cardinale Presbitero di Santa Maria in Domnica
    (dal 02/07/2012 al 01/07/2017): S.E. Card. Gerhard Ludwig Müller, Cardinale Diacono di Sant'Agnese in Agone

    Vice-presidente emerito (dal 13/03/2008 al 09/08/2009): Rev. Mons. Camille Perl


    SITO UFFICIALE: http://www.ecclesiadei-pontcommissio.org/

    COMPETENZE:
    dal motu proprio Ecclesia Dei di Giovanni Paolo II (02/07/1988)
    6. Tenuto conto dell'importanza e complessità dei problemi accennati in questo documento, in virtù della mia Autorità Apostolica, stabilisco quanto seque:
    a) viene istituita una Commissione, con il compito di collaborare con i Vescovi, con i Dicasteri della Curia Romana e con gli ambienti interessati, allo scopo di facilitare la piena comunione ecclesiale dei sacerdoti, seminaristi, comunità o singoli religiosi e religiose finora in vario modo legati alla Fraternità fondata da Mons. Lefebvre, che desiderino rimanere uniti al Successore di Pietro nella Chiesa Cattolica, conservando le loro tradizioni spirituali e liturgiche, alla luce del Protocollo firmato lo scorso 5 maggio dal Cardinale Ratzinger e da Mons. Lefebvre;
    b) questa Commissione è composta da un Cardinale Presidente e da altri membri della Curia Romana, nel numero che si riterrà opportuno secondo le circostanze;
    c) inoltre, dovrà essere ovunque rispettato l'animo di tutti coloro che si sentono legati alla tradizione liturgica latina, mediante un'ampia e generosa applicazione delle direttive, già da tempo emanate dalla Sede Apostolica, per l'uso del Messale Romano secondo l'edizione tipica del 1962
    dal motu proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI (07/07/2007):
    Art. 11. Pontificia Commissio “Ecclesia Dei” a Ioanne Paulo II anno 1988 erecta, munus suum adimplere pergit.
    Quae Commissio formam, officia et normas agendi habeat, quae Romanus Pontifex ipsi attribuere voluerit.

    Art. 12. Eadem Commissio, ultra facultates quibus iam gaudet, auctoritatem Sanctae Sedis exercebit, vigilando de observantia et applicatione harum dispositionum.
    dal motu proprio Ecclesiae Unitatem di Benedetto XVI (02/07/2009):
    4. Nello stesso spirito e con il medesimo impegno di favorire il superamento di ogni frattura e divisione nella Chiesa e di guarire una ferita sentita in modo sempre più doloroso nel tessuto ecclesiale, ho voluto rimettere la scomunica ai quattro Vescovi ordinati illecitamente da Mons. Lefebvre. Con tale decisione, ho inteso togliere un impedimento che poteva pregiudicare l’apertura di una porta al dialogo e invitare così i Vescovi e la "Fraternità San Pio X" a ritrovare il cammino verso la piena comunione con la Chiesa. Come ho spiegato nella Lettera ai Vescovi cattolici del 10 marzo scorso, la remissione della scomunica è stata un provvedimento nell'ambito della disciplina ecclesiastica per liberare le persone dal peso di coscienza rappresentato dalla censura ecclesiastica più grave. Ma le questioni dottrinali, ovviamente, rimangono e, finché non saranno chiarite, la Fraternità non ha uno statuto canonico nella Chiesa e i suoi ministri non possono esercitare in modo legittimo alcun ministero.

    5. Proprio perché i problemi che devono ora essere trattati con la Fraternità sono di natura essenzialmente dottrinale, ho deciso - a ventuno anni dal Motu Proprio Ecclesia Dei, e conformemente a quanto mi ero riservato di fare - di ripensare la struttura della Commissione Ecclesia Dei, collegandola in modo stretto con la Congregazione per la Dottrina della Fede.

    6. La Pontificia Commissione Ecclesia Dei avrà, pertanto, la seguente configurazione:
    a) Il Presidente della Commissione è il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.
    b) La Commissione ha una propria tabella organica composta dal Segretario e da Officiali.
    c) Sarà compito del Presidente, coadiuvato dal Segretario, sottoporre i principali casi e le questioni di carattere dottrinale allo studio e al discernimento delle istanze ordinarie della Congregazione per la Dottrina della Fede, nonché sottometterne le risultanze alle superiori disposizioni del Sommo Pontefice.

    PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA’ DEL VATICANO


    Presidente (dal 01/10/2011): S.E. Card. Giuseppe Bertello, Cardinale Diacono dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia

    Presidente emerito (dal 15/09/2006 al 01/10/2011): S.E. Card. Giovanni Lajolo, Cardinale Presbitero di Santa Maria Liberatrice a Monte Testaccio


    GOVERNATORATO DELLO STATO DELLA CITTA’ DEL VATICANO


    Presidente (dal 01/10/2011): S.E. Card. Giuseppe Bertello, Cardinale Diacono dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia


    Segretario Generale (dal 30/08/2013): S.E. Mons. Fernando Vérgez Alzaga, L.C., Vescovo titolare di Villamagna di Proconsolare


    Presidente emerito (dal 15/09/2006 al 01/10/2011): S.E. Card. Giovanni Lajolo, Cardinale Presbitero di Santa Maria Liberatrice a Monte Testaccio

    SITO WEB: www.vaticanstate.va


    PONTIFICIO COMITATO PER I CONGRESSI EUCARISTICI INTERNAZIONALI


    Presidente (dal 01/10/2007): S.E. Mons. Piero Marini, Arcivescovo titolare di Martirano

    Presidente emerito (dal 23/10/2001 al 01/10/2007): S.E. Card. Jozef Tomko, Cardinale Presbitero di Santa Sabina

    SITO WEB: www.congressieucaristici.va

    COMPETENZE (dal Profilo dell'Ente pubblicato sul sito della Santa Sede):
    Promuove la preparazione e la celebrazione periodica dei congressi eucaristici internazionali. E per assicurarne la adeguata preparazione pastorale:

    - chiede alle Conferenze Episcopali e ai Sinodi Patriarcali di nominare i Delegati Nazionali, i quali s’impegnino nella preparazione dei Congressi e quando occorre costituiscono con l’approvazione ed il concorso dell’autorità ecclesiastica locale i Comitati Eucaristici Nazionali;

    - favorisce e privilegia quelle iniziative che, in armonia con le disposizioni vigenti della Chiesa, hanno lo scopo di incrementare la comprensione e la partecipazione al Mistero Eucaristico in tutti i suoi aspetti:
    dalla Celebrazione al Culto extra missam fino all’irradiazione nella vita personale e sociale (Statuto, Art.3 a, b,c).

    PONTIFICIO COMITATO DI SCIENZE STORICHE


    Presidente (dal 03/12/2009): Rev. P. Bernard Ardura.O. Praem.

    Segretario (dal 16/05/2013): Rev. Mons. Michele De Palma

    Presidente emerito (dal 13/06/1998 al 03/12/2009): S.E. Card. Walter Brandmuller, Cardinale Diacono di San Giuliano dei Fiamminghi

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/po...it/default.htm

    COLLEGIO DEI PROTONOTARI APOSTOLICI DI NUMERO PARTECIPANTI


    Protonotari:
    Rev. Mons. Marcello Rossetti (dal 17/08/1975), Decano
    Rev. Mons. Leonardo Erriquenz (dal ../../1999)
    Rev. Mons. Bryan Chestle (dal 01/09/2003)
    Rev. Mons. Francesco Di Felice (dal 02/12/2008)
    Rev. Mons. Leonardo Sapienza, R.C.I. (dal 09/02/2013)
    Rev. Mons. Franco Piva (dal 18/06/2015)
    Rev. Mons. William V. Millea (dal 02/07/2018)


    COMPETENZE:
    fonte: Avvenire, 03/12/2008
    I protonotari apostolici « partecipanti » sono così chiamati proprio perché esercitano le funzioni di notai della Santa Sede e del Sommo Pontefice. Sono costituiti in collegio, a capo del quale siede come decano il più anziano di nomina, e hanno il compito di controfirmare le Bolle pontificie – come quelle di canonizzazione – e altri importanti documenti della Santa Sede, come ad esempio le costituzioni apostoliche per la creazione di nuove diocesi.
    I sette protonotari partecipanti non sono da confondersi con i molti « protonotari apostolici soprannumerari » e quindi « non partecipanti » , il cui titolo è puramente onorifico.

    COMMISSIONE CARDINALIZIA DI VIGILANZA DELL'ISTITUTO PER LE OPERE DI RELIGIONE


    Presidente (dal 04/03/2014): S.E. Card. Santos Abril y Castelló, Cardinale Diacono di San Ponziano, Arciprete emerito della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore

    Membri
    (dal 15/01/2014):
    S.E. Card. Cristoph Schönborn, O.P., Cardinale Presbitero di Gesù Divin Lavoratore, Arcivescovo di Vienna (Austria)
    S.E. Card. Thomas Cristopher Collins, Cardinale Presbitero di San Patrizio, Arcivescovo di Toronto (Canada)
    S.E. Card. Pietro Parolin, Cardinale Vescovo dei Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela, Segretario di Stato di Sua Santità
    (dal 09/07/2014):
    S.E. Card. Josip Bozanić, Cardinale Presbitero di San Girolamo dei Croati, Arcivescovo di Zagreb (Croazia)

    COMPETENZE (dallo Statuto dello IOR, in Acta Apostolicae Sedis 82[1990]):
    Art. 8
    La Commissione Cardinalizia vigila sulla fedeltà dell'Istituto alle norme statutarie.
    Nomna e revoca i membri del Consiglio di Sovrintendenza e, su proposta di quest'ultimo, il Presidente e il Vice-Presidente.
    Inoltre:
    a) delibera, presa conoscenza del Bilancio di Esercizio e fatte salve le esigenze di patrimonializzazione dell'Istituto, sulla devoluzione degli utili;
    b) propone alla Superiore Autorità modifiche statutarie;
    c) delibera sull'emolumento spettante ai Membri del Consiglio di Sovrintendenza;
    d) approva la nomina e la revoca del Direttore e del Vice-Direttore fatta dal Consiglio di Sovrintendenza;
    e) delibera su eventuali questioni riguardanti i Membri del Consiglio di Sovrintendenza e la Direzione.


    COLLEGIO PER L'ESAME DEI RICORSI ALLA SESSIONE ORDINARIA PRESSO LA CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE


    Presidente (dal 21/01/2015): S.E. Mons. Charles Jude Scicluna, Arcivescovo di Malta

    Membri
    (dal 21/01/2015):
    S.E. Card. Zenon Grocholewski, Cardinale Presbitero di San Nicola in Carcere, Prefetto emerito della Congr. per l'Educazione Cattolica
    S.E. Card. Francesco Coccopalmerio, Cardinale Diacono di San Giuseppe dei Falegnami, Presidente emerito del Pont. Cons. per i Testi Legislativi
    S.E. Card. Giuseppe Versaldi, Cardinale Diacono del Sacro Cuore di Gesù a Castro Pretorio, Prefetto della Congr. per l'Educazione Cattolica
    S.E. Mons. Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru, Vescovo titolare di Civitate, Segretario del Pont. Cons. per i Testi Legislativi
    (dal 19/05/2014):
    S.E. Mons. José Luis Mollaghan, Arcivescovo emerito di Rosario (Argentina)

    Membri supplenti
    (dal 21/01/2015):
    S.E. Card. Julián Herranz Casado, Cardinale Presbitero di Sant'Eugenio, Presidente emerito del Pont. Cons. per i Testi Legislativi
    S.E. Mons. Giorgio Corbellini, Vescovo titolare di Abula, Presidente dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica e della Commissione Disciplinare della Curia Romana.


    COMPETENZE (dal Rescriptum ex Audientia SS.mi del 3 novembre 2014):
    1. è istituito all'interno della Congregazione per la Dottrina della Fede uno speciale Collegio, formato da sette Cardinali o Vescovi, che possono essere sia membri del Dicastero, sia esterni ad esso;
    2. il Presidente e i membri di detto Collegio sono nominati dal Papa;
    3. il Collegio è un'istanza di cui la Sessione Ordinaria (Feria IV) della Congregazione si dota per una maggiore efficienza nell'esame dei ricorsi di cui all'art. 27 SST, senza che vengano modificate le sue competenze in materia così come stabilite dal medesimo art. 27 SST;
    4. qualora il reo sia insignito della dignità episcopale, il suo ricorso sarà esaminato dalla Sessione Ordinaria, la quale potrà anche decidere casi particolari a giudizio del Papa. Ad essa potranno inoltre essere deferiti altri casi a giudizio del Collegio;
    5. sarà cura del Collegio informare periodicamente delle proprie decisioni la Sessione Ordinaria;
    6. un apposito Regolamento interno determinerà le modalità operative del Collegio.
    Ultima modifica di Vox Populi; 06-07-2018 alle 12:31

  8. #8
    Triumviro di Liturgie papali L'avatar di Cardinale Bellarmino
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Zona Pastorale II
    Età
    33
    Messaggi
    2,940
    Ringraziato
    132

    Premi

    IL SACRO COLLEGIO CARDINALIZIO


    Decano (dal 30/04/2005(: S.E. Card. Angelo Sodano, Cardinale Vescovo di Ostia e Albano


    Vice Decano (dal 10/06/2017): S.E. Card. Giovanni Battista Re, Cardinale Vescovo di Sabina-Poggio Mirteto

    Camerlengo di S.R.C.: vacante dal 05/07/2018 a motivo della morte di S.E. il Card. Jean-Louis Tauran


    Protopresbitero (dal 14/12/2016): S.E. Card. Michael Michai Kitbunchu, Cardinale Presbitero di San Lorenzo in Panisperna


    Protodiacono (dal 12/06/2014): S.E. Card. Renato Raffaele Martino, Cardinale Diacono di S. Francesco di Paola ai Monti


    Segretario (dal 28/01/2014): S.E. Mons. Ilson de Jesús Montanari, Arcivescovo titolare di Capocilia


    Vice-Decano emerito (dal 30/04/2005 al 10/06/2017): S.E. Card. Roger Etchegaray, Cardinale Vescovo di Porto-Santa Rufina

    Già Protodiaconi:
    (dal 24/02/2005 al 02/01/2007): S.E. Card. Jorge Arturo Medina Estevez, Cardinale Presbitero di San Saba;
    (dal 01/03/2008 al 21/02/2011): S.E. Card. Agostino Cacciavillan, Cardinale Presbitero dei Santi Angeli Custodi a Città Giardino

    Già Camerlenghi:
    (dal 05/04/1993 al 25/03/2007): S.E. Card. Eduardo Martinez Somalo, Cardinale Presbitero del Santissimo Nome di Gesù
    (dal 04/04/2007 al 02/12/2014): S.E. Card. Tarcisio Bertone, S.D.B., Cardinale Vescovo di Frascati


    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/roman_curia/ca...s/index_it.htm
    Ultima modifica di Vox Populi; 06-07-2018 alle 12:33

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,758
    Ringraziato
    3061
    VICARIATO PER LA CITTA' DEL VATICANO


    Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano (dal 05/02/2005): S.E. Card. Angelo Comastri, Cardinale Presbitero di San Salvatore in Lauro

    PAGINA WEB: http://www.vatican.va/various/basili...ni_storici.htm

    COMPETENZE (dal Chirografo Per la cura spirituale nella Città del Vaticano di Giovanni Paolo II, 14/01/1991):
    La cura spirituale nello Stato della Città del Vaticano sarà d’ora in poi affidata all’Arciprete “pro tempore” della Basilica Vaticana, il quale diventa così anche Vicario Generale per la Città del Vaticano e per le Ville Pontificie di Castel Gandolfo.

    VICARIATO DI ROMA


    Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma (dal 26/05/2017): S.E. Card. Angelo De Donatis, Cardinale Presbitero di San Marco

    Vicegerente: vacante dall'11/11/2017 a motivo della nomina di S.E. Mons. Filippo Iannone, O.Carm. a Segretario aggiunto del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi

    Vescovi Ausiliari:
    (dal 01/06/2009): S.E. Mons. Guerino Di Tora, Vescovo titolare di Zuri
    (dal 14/06/2013): S.E. Mons. Paolo Selvadagi, Vescovo titolare di Salpi
    (dal 06/03/2015): S.E. Mons. Augusto Paolo Lojudice, Vescovo titolare di Alba Marittima
    (dal 08/04/2016): S.E. Mons. Gianrico Ruzza, Vescovo titolare di Subaugusta, Segretario Generale del Vicariato (dal 10/10/2017)
    (dal 23/11/2017): S.E. Mons. Daniele Libanori, S.J., Vescovo titolare di Buruni
    (dal 23/11/2017): S.E. Mons. Paolo Ricciardi, Vescovo titolare di Gabi
    (dal 18/05/2018): S.E. Mons. Gianpiero Palmieri, Vescovo titolare di Idassa


    Vicari Generali emeriti:
    (dal 17/01/1991 al 27/06/2008): S.E. Card. Camillo Ruini, Cardinale Presbitero di Sant'Agnese fuori le Mura
    (dal 27/06/2008 al 26/05/2017): S.E. Card. Agostino Vallini, Cardinale Presbitero di San Pier Damiani ai Monti di San Paolo

    Vescovi già Ausiliari
    (dal 07/04/1992 al 01/06/2009): S.E. Mons. Enzo Dieci, Vescovo titolare di Maura
    (dal 18/07/2002 al 06/03/2015): S.E. Mons. Paolo Schiavon, Vescovo titolare di Trevi


    Già Segretario Generale (dal 12/11/2010 al 12/09/2017): Rev. Sac. Paolo Mancini

    SITO WEB: www.vicariatusurbis.org

    COMPETENZE (dalla Costituzione Apostolica Ecclesia in Urbe di Giovanni Paolo II, 01/01/1998)
    Art. 1
    Ogni attività svolta nell'ambito del Vicariato di Roma, a qualsiasi livello e con qualsiasi grado di responsabilità, è sempre di natura sua pastorale, orientata cioè alla realizzazione del mistero della salvezza per la Chiesa di Cristo che è in Roma, e favorisce così quell'esemplarità di cui questa Chiesa particolare di origine apostolica è debitrice all'intera Chiesa cattolica e a tutti gli uomini nel mondo.

    Art. 2
    Il fine di ogni attività svolta dagli uffici del Vicariato di Roma è quello di sostenere e promuovere la nuova evangelizzazione seguendo gli indirizzi del programma pastorale diocesano e ponendosi altresì a servizio di tutti i soggetti e realtà ecclesiali, in specie le parrocchie, per far crescere — mediante un'assidua opera di formazione e coordinamento — la loro comunione e l'unità pastorale, in vista di un più incisivo e permanente impegno missionario nella Città e nel mondo.

    Art. 3
    Pur nella distinzione dei compiti e nella responsabilità propria di ciascuno, tutti coloro che lavorano a qualsiasi titolo negli uffici del Vicariato dell'Urbe, scelti in base a pietà, competenza, zelo ed esperienza pastorale, prestino la loro valida collaborazione in spirito di servizio, guardando alla diaconia di Cristo che è venuto a servire e non ad essere servito.

    Art. 4
    I singoli uffici, pur rispondendo a peculiari finalità, avranno fra loro unità e stretta coordinazione di indirizzi, di scelte e di attività, al fine di ottenere una organica e fruttuosa azione pastorale, secondo gli orientamenti del programma pastorale diocesano.

    Art. 8
    Il Vicariato di Roma, organo della Santa Sede dotato di personalità giuridica ed amministrazione propria, svolge la funzione di Curia diocesana caratterizzata dalla peculiare natura della Diocesi di Roma. Pertanto in via sussidiaria si applicano ad esso le norme del diritto universale, in quanto compatibili con la sua indole e funzione.

    Art. 10
    Il Cardinale Vicario, a mio nome e per mio mandato, esercita il ministero episcopale di magistero, santificazione e governo pastorale per la Diocesi di Roma con potestà ordinaria vicaria nei termini da me stabiliti. Egli, perciò, ha l'alta ed effettiva direzione del Vicariato ed è giudice ordinario della Diocesi di Roma.
    Ultima modifica di Vox Populi; 28-06-2018 alle 18:56

Discussioni Simili

  1. CEI: attività, documenti e interventi della Presidenza e dei vari organismi
    Di Gilbert nel forum L'Osservatorio di Cattolici Romani
    Risposte: 788
    Ultimo Messaggio: 16-07-2018, 16:52
  2. Risposte: 116
    Ultimo Messaggio: 23-02-2018, 18:29
  3. Organico del clero parrocchiale
    Di Sacerdos in aeternum nel forum La Casa del Sondaggio
    Risposte: 109
    Ultimo Messaggio: 16-01-2017, 08:29
  4. I dipendenti che lavorano nella Curia romana
    Di Card.Luciani nel forum La Sacrestia di "Cattolici Romani"
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 10-03-2010, 15:46

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •