Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 35 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 344

Discussione: Cronache della Diocesi di Vallo della Lucania - 2018

  1. #1
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Cronache della Diocesi di Vallo della Lucania - 2018

    CRONACHE
    DELLA DIOCESI DI VALLO DELLA LUCANIA

    Anno 2018
    (Cronache 2017)
    (Cronache 2016)

  2. #2
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Informazioni Diocesi

    1. Dati statistici
    2. Storia e territorio
    3. Cronotassi dei Vescovi
    4. Santi Patroni
    5. Santuari Diocesani
    6. Organizzazione territoriale

    7. Curia
    Vicario Generale e Moderatore di Curia: Don Francesco Pecoraro
    Vicario Episcopale: Don Carlo Pisani

    Cancelliere: Don Pietro Sacco
    Economo diocesano: Don Antonio Greco
    Delegato Vescovile Per il Clero e la Vita Consacrata: Don Aniello Panzariello
    Delegato Vescovile Per i Laici: Don Giuseppe Greco
    Delegato Vescovile Per la Cultura: Don Bruno Lancuba

    Vice Cancelliere: Don Wilfredo Ninofranco
    Ufficio Matrimoni: Mons. Aniello Pignataro
    Ufficio Amministrativo: Don Pietro Sacco, Don Stefano Bazzoli
    Ufficio Tecnico–Beni Culturali: Arch. Raffaele Rammauro, Arch. Angelo D’Apolito
    Ragioneria: Sig.ra Rosa Martini
    Vicario Giudiziale: Don Franco Pecoraro

    Nuova Evangelizzazione: Don Giuseppe Greco
    Annuncio Cristiano: Don Marco Torraca
    Comunicazioni Sociali: Don Valeriano Pomari
    Pastorale Giovanile: Don Marco Polito
    Pastorale Familiare: Don Roberto Guida
    Pastorale Scolastica: Don Aniello Carinci
    Caritas Diocesana: Don Aniello Adinolfi
    Pastorale Sociale: Don Angelo Tabasco
    Sovvenire: Molinaro Guerino
    Ufficio Liturgico: Mons. Giovanni Di Napoli
    Pastorale Vocazionale e Ministranti: Don Aniello Panzariello
    Ultima modifica di nicola84; 03-01-2018 alle 23:32

  3. #3
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Il Vescovo

    S. Ecc. Rev.ma Mons. Ciro Miniero


  4. #4
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Il cammino di San Matteo diventa ufficialmente itinerario religioso

    Il cammino di San Matteo unisce il Cilento alla città di Salerno seguendo quello che fu il percorso delle spoglie dell’Evangelista nella loro traslazione. Ben ventidue i comuni coinvolti, per circa 230 chilometri, con le cinque tappe documentate della sosta del santo a Velia, Casal Velino Marina, Rutino, Capaccio e Salerno. Tutto ha inizio nella Translatio sancti Mathei apostoli et evangeliste, opera di un ignoto monaco del monastero di S. Benedetto di Salerno in cui si racconta che nel 954, una pia donna di nome Pelagia ebbe in una visione notturna l’apparizione del Santo Matteo. Questi, nell’esortare a far ricercare dal figlio, il monaco Atanasio, le sue spoglie, indicava che le avrebbe trovate ove erano le rovine di antiche terme di Velia sotto un altare marmoreo ricoperto da rovi. Rinvenuto il corpo del santo, Atanasio tentò di portare le reliquie a Costantinopoli, ma il suo proposito venne vanificato per ben due volte da violente tempeste marine. Pertanto, constatata l’avversità divina, il monaco nascose le reliquie in una chiesa non molto distante dalla sua cella, nella località “ad duo flumina” nell’attuale Casal Velino Marina e da qui traslate poi a Salerno. Il riconoscimento della Regione Campania a itinerario religioso ha dato merito soprattutto al gruppo di preghiera dei “Fedeli di San Matteo”, guidato dal presidente Alfonso Grieco, che a sue spese ha proceduto prima alla ristrutturazione della cappella Ad Duo Flumina, nel 2012, e poi all’ideazione del percorso religioso, spendendosi in tantissime attività caritatevoli e di preghiera. Il 7 giugno scorso il presidente Grieco ha incontrato a Roma il Santo Padre a cui ha portato in dono la riproduzione e dell’immagine di San Matteo. Papa Francesco colpito dalla bellezza del quadro, ha ascoltato con interesse la storia del dipinto custodito in una terra che ha dato i natali al Cardinale Guarracino da cui è stato ordinato Vescovo e visibilmente commosso ha detto che “la Cappella di Casal Velino era posto da vedere”. “Molto si deve ancora fare – dice Grieco – ma il primo passo verso la completa riqualificazione e la crescita di un percorso di pellegrinaggio religioso è stato fatto”. Il cammino di San Matteo è stato realizzato in collaborazione con l’Università di Salerno e le due diocesi di Vallo della Lucania e di Salerno attraverso i rispettivi vescovi: monsignor Ciro Miniero e monsignor Luigi Moretti. Il percorso parte da Velia dove le spoglie dell’evangelista Matteo giunsero, intorno al V secolo, e vi rimasero sepolte per circa quattro secoli. La seconda tappa è a Casal Velino dove le spoglie mortali di San Matteo furono ospitata e nell’attuale chiesetta di San Matteo. Il percorso continua a Rutino dove il vescovo Giovanni di Paestum e la sua delegazione, nel viaggio di ritorno verso Capaccio, pernottarono nella chiesa di San Pietro, oggi accorpata nel perimetro del cimitero. A memoria di ciò fu costruita una chiesa dedicata a San Matteo, oggi scomparsa. Nel centro abitato esiste una fonte detta “di San Matteo” che, come ricorda un’iscrizione, sgorgò misteriosamente per dissetare i portatori delle sacre reliquie. La quarta tappa è nella chiesa cattedrale di Caputaquis (Capaccio) dove furono deposte le spoglie dell’evangelista Matteo, prima della loro traslazione a Salerno. L’imponente complesso sacro, che con la sua mole domina l’intera piana del Sele, fu costruito intorno al IX secolo. Scampata alla distruzione di Capaccio Vecchia, voluta da Federico II nel 1247, la chiesa di Santa Maria Maggiore assunse, dopo il XIV secolo, il titolo di Santa Maria del Granato. Traslate da Capaccio, per sottrarle alle incursioni dei Saraceni, le reliquie del Santo, giungono a Salerno il 6 maggio 954 dove troveranno definitiva sistemazione nel Duomo.

    InfoCilento.it

  5. #5
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    S. Maria a Mare (Castellabate): S.Messa dell’Epifania VIDEO



  6. #6
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Al via la Scuola di Teologia per Laici

    La scuola di Teologia per laici vuole offrire un approccio sistematico ai contenuti della fede cristiana a un livello che vada oltre un itinerario di catechesi per adulti, pur rimanendo al di sotto di un percorso accademico proprio di un ISSR o di una Facoltà Teologica. L’offerta, seguendo i diversi ambiti del sapere teologico si articola in teologia biblica, teologia fondamentale e dogmatica, teologia della vita cristiana (morale/spiritualità). Si tratta di un itinerario di investigazione razionale della Rivelazione cristiana, attestata dalla Scrittura, creduta, celebrata e vissuta nell’esperienza della Chiesa. La Scuola si rivolge a tutti i fedeli cristiani e anche a chi è desideroso di conoscere il fatto e la visione cristiana della realtà. Alla formazione di base, per chi intende vivere con responsabilità la propria appartenenza alla Chiesa e impegnarsi in un fattivo servizio, viene offerto di seguito un anno più specifico per la formazione ministeriale, seguendo le possibili aree di impegno ecclesiale: catechesi; ministeri liturgici (lettore/accolito); pastorale matrimoniale; servizio caritas.

    Brochure

    L’iscrizione (modulo) deve essere inviata all’indirizzo scuoladiteologiavallo@gmail.com oppure via fax al numero 0974.2710

    Inizio e termine dei corsi: Da Lunedì 8 Gennaio 2018 a Lunedì 30 aprile 2018.
    Lezioni: Ogni Lunedì nelle sedi di Vallo della Lucania (presso Seminario) e Capaccio Scalo (presso Oratorio Parrocchiale S. Vito) dalle ore 16,00 alle ore 18,15

    diocesivallo.it

  7. #7
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Terza tappa del percorso “Educare all’Amore Familiare”

    Domenica 14 Gennaio 2018 dalle ore 15.30 alle ore 19.00 ci sara’ la 3^ tappa del percorso dell’itinerario Educare all’Amore Familiare dal titolo: “Impariamo dalla Famiglia Martin l’educazione familiare – La testimonianza dei Santi Genitori”. Attraverso una lettura delle Lettere di Zelia e Luigi scopriamo come i Santi coniugi hanno compreso e vissuto l’Amore di Dio come fonte e vita del loro amore coniugale e l’hanno trasmesso ai figli con una santa preoccupazione educativa. Organizzato dall’ufficio di Pastorale Familiare della Diocesi di Vallo della Lucania, rivolto alle Famiglie, Giovani coppie, Coniugi soli, Separati o Vedovi, Consulta Dioc. Della Famiglia, presso l’Istituto S. Teresa via Ottavio Valiante, 45 Vallo della Lucania (Sa).

    don Roberto Guida

    PROGRAMMA
    - Accoglienza ore 15.30;
    - Saluti: Don Roberto Guida (Dir. Uff. Past. Familiare);
    - Relazione: Suor Chiara Fierro;
    - Conviviale (Se vuoi porta qualcosa da condividere con gli altri);
    - Laboratorio;
    - Santa Messa.

    diocesivallo.it

  8. #8
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Azione Cattolica: il 27 gennaio la “Festa della Pace” ad Agropoli

    Il messaggio che Papa Francesco ha rilasciato in occasione della 51ma Giornata Mondiale della Pace celebrata il 1 gennaio 2018 si intitola: “Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace”. Accoglienza e convivenza per generare pace, è questo in estrema sintesi il messaggio che il Santo Padre ha voluto consegnare alla Chiesa per questo appuntamento, un messaggio carico di significato, spoglio di pregiudizi in un tempo in cui la società sembra essere sempre più assillata dalla ricerca di una identità che troppo spesso risulta chiusa, lontana dal generare inclusione, restia ad accettare diversità e culture. L’Azione Cattolica diocesana accogliendo l’invito di farsi portatrice sana di speranza, operatrice di pace durante il mese di gennaio si impegna a livello parrocchiale a sviluppare l’iniziativa di pace di quest’anno, “Scatti di pace”, che vuole aiutare ciascuno di noi a guardare alla realtà che ci circonda e a quella mondiale con l’occhio di chi si fa attento ai bisogni – soprattutto il bisogno di pace – e, nel contempo, riesce a scorgere il bene, il bello laddove esso si manifesta. E vuole essere l’occasione per riflettere sulla questione molto attuale dei migranti e dei rifugiati, con la voglia di ribadire il nostro “sì” come impegno attivo nella costruzione di una società giusta, pacifica e aperta all’accoglienza Il culmine di questo mese di preparazione sarà “la Festa della Pace”, un appuntamento importante e significativo promosso dall’Azione Cattolica Ragazzi che si terrà il giorno 27 Gennaio 2018 ad Agropoli.

    Programma:
    Ore 15.30: Accoglienza presso Piazza Mons. Merola di Agropoli;
    Ore 16.00 circa: Partenza della Marcia;
    Ore 17,00: Preghiera conclusiva presso la Parrocchia S. Maria delle Grazie.
    NB: in caso di pioggia l’accoglienza è prevista nella sala Giovanni Paolo II dell’oratorio della parrocchia “S.Maria delle Grazie”

    diocesivallo.it

  9. #9
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    Scuola di Teologia: superate le 100 iscrizioni

    Lunedì 8 gennaio è stata inaugurata la “Scuola di teologia per Laici”. Voluta fortemente dal Vescovo S.E. Mons. Miniero vuole offrire un itinerario di catechesi a coloro che sono desiderosi di approfondire, con approccio sistematico, i contenuti della fede cristiana. L’offerta, seguendo i diversi ambiti del sapere teologico si articola in teologia biblica, teologia fondamentale e dogmatica, teologia della vita cristiana (morale/spiritualità). Per favorire la partecipazione dall’intero territorio diocesano sono state scelte due sedi dove si sono svolte le lezioni: l’Auditorium del Seminario diocesano di Vallo della Lucania e l’Oratorio “San Vito” in Capaccio Scalo. Si tratta di un itinerario di investigazione razionale della Rivelazione cristiana, attestata dalla Scrittura, creduta, celebrata e vissuta nell’esperienza della Chiesa. La Scuola si rivolge a tutti i fedeli cristiani e anche a chi è desideroso di conoscere il fatto e la visione cristiana della realtà. Alla formazione di base, per chi intende vivere con responsabilità la propria appartenenza alla Chiesa e impegnarsi in un fattivo servizio, viene offerto di seguito un anno più specifico per la formazione ministeriale, seguendo le possibili aree di impegno ecclesiale: catechesi; ministeri liturgici (lettore/accolito); pastorale matrimoniale; servizio caritas.

    don Giovanni Di Napoli (diocesivallo.it)


  10. #10
    Cronista di CR
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Agropoli
    Età
    34
    Messaggi
    969
    Ringraziato
    6

    129 anni fa il miracolo della Galleria Spina

    Il 14 e il 15 gennaio a San Mauro La Bruca si festeggia il protettore San Mauro Abate. Il 14, vigilia della festa, coincide con il giorno del miracolo della Galleria Spina di cui quest’anno ricorre il 129° anniversario. I festeggiamenti iniziano con la novena; il 14 si svolge la tradizionale fiera, dalle prime luci del mattino fino ad ora di pranzo. Le celebrazioni continuano con la recita dei Vespri e la processione con le reliquie del Santo accompagnate dalla banda musicale. Il miracolo che si ricorda il giorno della vigilia di San Mauro avvenne nel 1889 quando gli operai che lavoravano alla galleria “Spina”, sulla tratta ferroviaria Napoli-Reggio Calabria, si salvarono da un crollo. Benché non fosse ancora mezzogiorno, essi furono esortati ad uscire dalla galleria per consumare il pranzo da un uomo che, solo in un primo momento, sembrò essere uno degli ingegneri del cantiere. Qualcuno fece presente come non fosse ancora ora ma, secondo quanto si tramanda, l’uomo mostrò il proprio orologio che segnava le dodici in punto. Quasi tutti gli operai, dunque, si convinsero ad uscire; soltanto qualcuno rimase sordo all’invito. Non appena l’uomo si fu allontanato sul ponte del fiume Lambro, prese le sembianze di San Mauro Abate in abiti pontificali e subito una parete della galleria franò travolgendo gli operai che non avevano prestato ascolto. Il giorno seguente, coloro che si erano salvati si recarono in chiesa per ringraziare e venerare il Santo in occasione della festa e subito riconobbero, nell’effigie esposta, l’uomo che li aveva esortati ad uscire dalla galleria salvandoli da morte certa. San Mauro Abate si festeggia anche le ultime domeniche di aprile e di agosto. Si tratta, tuttavia, di feste votive; la festa propria rimane quella del 15 gennaio.

    InfoCilento.it

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •