Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.

Visualizza Risultati Sondaggio: Ebraico, greco o latino? Perchè?

Partecipanti
73. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Ebraico

    4 5.48%
  • Greco

    21 28.77%
  • Latino

    48 65.75%
Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567
Risultati da 61 a 70 di 70

Discussione: Ebraico, greco o latino? Perchè?

  1. #61
    Iscritto L'avatar di Mystica Viola
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Località
    Diocesi di Savona-Noli
    Età
    58
    Messaggi
    444
    Ringraziato
    337
    Citazione Originariamente Scritto da Professor Testo Visualizza Messaggio
    Sono definite morte perché non più in uso come una lingua organica, che si evolve, non certo per disprezzo.
    Sono d'accordo, volevo essere ironica.
    Non nobis Domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  2. #62
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Roma
    Età
    72
    Messaggi
    2,442
    Ringraziato
    680
    Sinceramente non saprei per chi dare la preferenza, data l'importanza enorme che hanno avuto e hanno tuttora le tre lingue : Hanno delle caratteristiche peculiari, il latino ,unico nella sua sinteticità , il greco per la sua eleganza, l'ebraico perchè è la lingua dell'Antico Testamento e del popolo Ebreo. Peccato che ,appunto , l'Aramaico non sia contemplato in questo sondaggio, è la lingua parlata da Gesù e sono sempre di meno gli studiosi che vi si applichino. Conosco il greco e il latino (male) ,perchè nella mia perosonale preistoria l'ho studiato durante il Liceo Classico. Purtroppo le mie reminiscenze stanno svanendo con gli anni, tuttavia sono lingue meravigliose, peccato solo che si studino in una età in cui non si capisca in pieno la loro importanza anche formativa. Secondo Giacomo Devoto, detto per inciso, il greco è la lingua che più di tutti si avvicina alla ipotetica lingua indoeuropea, comune a tutte le popolazioni che hanno conquistato l'Occidente duemila anni prima di Cristo.

  3. #63
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di Fidei Depositum
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Regio dissimilitudinis
    Messaggi
    5,395
    Ringraziato
    1181

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Professor Testo Visualizza Messaggio
    Sono definite morte perché non più in uso come una lingua organica, che si evolve, non certo per disprezzo.
    Non sto qui ad approfondire il discorso "lingue morte", che richiederebbe una competenza che io non possiedo; dico solo che esistono persone che utilizzano questa locuzione esattamente per disprezzo, anche se il termine in sé dovrebbe essere neutro.

  4. #64
    Hijo del Hombre
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Fidei Depositum Visualizza Messaggio
    dico solo che esistono persone che utilizzano questa locuzione esattamente per disprezzo, anche se il termine in sé dovrebbe essere neutro.
    Se sono ignoranti la colpa non è nostra.

  5. #65
    Veterano di CR L'avatar di Pivialista
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    18
    Messaggi
    1,479
    Ringraziato
    394
    Latino, è la lingua del popolo cattolico
    Viva il Papa!

  6. #66
    Partecipante a CR L'avatar di Lightcreek
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    Verbanus
    Messaggi
    695
    Ringraziato
    74
    Citazione Originariamente Scritto da Pivialista Visualizza Messaggio
    Latino, è la lingua del popolo cattolico
    La lingua del Popolo cattolico è la Carità.
    Pace a Voi, Lightcreek

  7. #67
    Hijo del Hombre
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da Lightcreek Visualizza Messaggio
    La lingua del Popolo cattolico è la Carità.

  8. Il seguente utente ringrazia Hijo del Hombre per questo messaggio:

    Lightcreek (05-12-2015)

  9. #68
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Rapallo
    Età
    35
    Messaggi
    13,947
    Ringraziato
    1728
    Citazione Originariamente Scritto da Pivialista Visualizza Messaggio
    Latino, è la lingua del popolo cattolico
    Della cattolicità occidentale e della Chiesa latina. Che non rappresenta la totalità della Chiesa.

    Per esempio ne rimane fuori la Sacra Scrittura nelle sue lingue proprie.
    Securus iudicat orbis terrarum

  10. #69
    Partecipante a CR L'avatar di Lightcreek
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    Verbanus
    Messaggi
    695
    Ringraziato
    74
    Citazione Originariamente Scritto da P.Willigisius carm Visualizza Messaggio
    (..). Secondo Giacomo Devoto, detto per inciso, il greco è la lingua che più di tutti si avvicina alla ipotetica lingua indoeuropea, comune a tutte le popolazioni che hanno conquistato l'Occidente duemila anni prima di Cristo.
    Credo che l'illustre studioso si riferisse alle lingue occidentali. La lingua conosciuta più simile all'indo-europeo (che comunque è un'ipotesi, anche se molto accreditata) è il Sanscrito. Ha 8 casi come l'indoeuropeo (nominativo genitivo dativo, accusativo, vocativo, strumentale, ablativo e locativo) uno in più rispetto al latino arcaico e al gallico, nei quali strumentale e ablativo non sono mai stati distinti; due in più rispetto al latino classico, dove è praticamente perso anche il locativo; tre in più rispetto al greco antico) Il verbo ha 4 modi e cinque tempi nonché un futuro perfetto e un piuccheperfetto. Ha il singolare, il duale e il plurale. Essendo lingua per l'uso cultuale non ha subito mutazioni importanti da millenni. Comunque è ancora una lingua viva (in alcune caste) tanto è vero che è riconosciuta tra le 23 lingue ufficiali della Repubblica indiana.
    Pace a Voi, Lightcreek

  11. #70
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di Fidei Depositum
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Regio dissimilitudinis
    Messaggi
    5,395
    Ringraziato
    1181

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Lightcreek Visualizza Messaggio

    Credo che l'illustre studioso si riferisse alle lingue occidentali. La lingua conosciuta più simile all'indo-europeo (che comunque è un'ipotesi, anche se molto accreditata) è il Sanscrito. Ha 8 casi come l'indoeuropeo (nominativo genitivo dativo, accusativo, vocativo, strumentale, ablativo e locativo) uno in più rispetto al latino arcaico e al gallico, nei quali strumentale e ablativo non sono mai stati distinti; due in più rispetto al latino classico, dove è praticamente perso anche il locativo; tre in più rispetto al greco antico) Il verbo ha 4 modi e cinque tempi nonché un futuro perfetto e un piuccheperfetto. Ha il singolare, il duale e il plurale. Essendo lingua per l'uso cultuale non ha subito mutazioni importanti da millenni. Comunque è ancora una lingua viva (in alcune caste) tanto è vero che è riconosciuta tra le 23 lingue ufficiali della Repubblica indiana.
    In realtà la questione è più complessa.
    La teoria della vicinanza del sanscrito all'originale indoeuropeo (che poi, parliamo più precisamente di una serie di dialetti indoeuropei, non di una lingua indoeuropea comune) ha avuto molta fortuna in passato. Nei primi decenni della linguistica storico-comparativa era convinzione comune che il sanscrito fosse la lingua più antica ed arcaica. Alcuni pensarono addirittura potesse trattarsi dell'indoeuropeo stesso.
    In realtà, la ricostruzione sanscritista dell'indoeuropeo porta ad una visione piena di errori. L'indiano e l'iranico, infatti, rappresentano il modello di indoeuropeo più recente. E le altre lingue derivano da modelli più antichi. Ciò non è in contraddizione col fatto che come lingua storica il sanscrito sia conservativo e pertanto arcaico. Esso conserva bene la propria situazione di partenza, che però non è quella dell'indoeuropeo più antico. Insomma, il sanscrito è erede di una varietà moderna di indoeuropeo, ma non vi ha introdotto cambiamenti drastici.
    Come elemento provocatorio, per esempio, basti pensare alla questione centum-satem: dopo la scoperta del tocario A e B, è oramai comunemente accettata l'idea che l'indoeuropeo fosse originariamente una lingua centum, caratterizzata cioè dalla velarizzazione di consonanti dorsali. Situazione che si è conservata nelle lingue centum, mentre nelle lingue satem (tra le quali il sanscrito) si è evoluta attraverso un'anteriorizzazione.
    Cfr. Francisco Villar, Gli indoeuropei e le origini dell'Europa, Bologna, Il Mulino, 1997, pp. 583-584.

Discussioni Simili

  1. il nuovo stato ebraico
    Di nico8 nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 26-12-2014, 01:55
  2. Vangelo in greco antico e/o latino
    Di Dali93 nel forum Lingue bibliche e classiche
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 28-06-2012, 11:55
  3. BIBBIA in greco, in ebraico e in latino
    Di DAVIDE_ nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 15-06-2008, 18:57

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •