Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 36 di 36

Discussione: Istituzione e attività della Pontificia Academia Latinitatis

  1. #31
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    51,640
    Ringraziato
    3318
    CONFERENZA STAMPA DELL’8 NOVEMBRE 2013

    Si informano i giornalisti accreditati che venerdì 8 novembre 2013, alle ore 11.30, nell’Aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede, avrà luogo la conferenza stampa di presentazione del primo numero della nuova serie della rivista semestrale Latinitas, a cura della Pontificia Academia Latinitatis, istituita da Papa Benedetto XVI nel novembre 2012.

    Interverranno:

    Em.mo Card. Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura;

    Prof. Ivano Dionigi, Presidente della Pontificia Accademia di Latinità, Rettore dell’Università di Bologna;

    Dott. Valerio Massimo Manfredi, Scrittore.

    [01598-01.01]

    [B0715-XX.01]


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede
    Oboedientia et Pax

  2. #32
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,795
    Ringraziato
    2971

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da UbiDeusIbiPax Visualizza Messaggio
    Valerio Massimo Manfredi sembra scelto piú per riempire la sala (essendo un noto scrittore di romanzi storici) che per meriti nel settore. Ma l'importante è la qualità della pubblicazione.
    No dai, ha scritto ottimi romanzi con fondamenti storici e nelle trasmissioni ha sempre detto cose interessanti.
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  3. #33
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    51,640
    Ringraziato
    3318
    Presentata in Vaticano la nuova serie della rivista semestrale "Latinitas"

    La rivista semestrale "Latinitas" curata della Pontificia Academia Latinitatis, istituita con un Motu Proprio da Papa Benedetto XVI nel novembre 2012, ha presentato oggi il primo numero di una nuova serie. Un numero unico per quest’anno, arricchito da una dedica a Papa Francesco e da un ricordo del Pontefice emerito. Rinnovati i contenuti e gli obiettivi che tendono a sottolineare la modernità e l’importanza del latino per la cultura odierna, come hanno spiegato il cardinale Gianfranco Ravasi, coordinatore delle sette Accademie Pontificie e il direttore della rivista, il prof Ivano Dionigi. Il servizio di Gabriella Ceraso:

    A un anno dalla sua nascita, la più giovane tra le Pontificie Accademie, quella della latinità, ritrova nel primo numero della sua nuova rivista lo scopo della nascita: promuovere e valorizzare la conoscenza e l’uso del latino. Lingua e cultura, niente affatto morte, come si suole dire, ma vive e resistenti, basti pensare che su Twitter sono 182.416 i followers di Papa Francesco in latino. Si tratta, attraverso la rivista, ha spiegato il cardinale Gianfranco Ravasi, di mostrare un glorioso patrimonio, di tutelarlo e di rilanciarlo, ma non attraverso un recupero artificioso, bensì evidenziandone la modernità, e così ha citato Gramsci:

    “‘Non si impara il latino e il greco per parlarli, per fare i camerieri, gli interpreti, i corrispondenti commerciali: si impara per conoscere direttamente la civiltà dei due popoli, quindi il passato, ma presupposto necessario della civiltà moderna, cioè per essere se stessi e conoscere se stessi, consapevolmente’. Era il 1932, 'Quaderni dal Carcere', Antonio Gramsci”.

    Sfogliando il numero, unico solo per quest’anno - cui lavora un comitato scientifico internazionale di otto studiosi, una redazione di quattro giornalisti e due revisori - si trovano una dedica a Papa Francesco, Pastore della Chiesa, vescovo di Roma, evangelizzatore, custode e fautore dell’umanità, e un ringraziamento e un ricordo di Benedetto XVI rigorosamente in latino. Si distinguono nel volume tre sezioni – una più scientifica, una strettamente linguistica per specialisti e una didattica, che permettono di valutare anche lo stato di salute del latino nella Chiesa e all’esterno – e tre nuove dimensioni, che ha illustrato il presidente dell’Accademia e direttore della rivista, il prof. Ivano Dionigi:

    “Tre dimensioni. Una è quella linguistica espressiva: non solo più tutto latino, ma in questo caso francese, italiano e poi avremo inglese e tutte le altre lingue, le lingue nazionali e le lingue parlate. L’altro attraversamento, l’altra dimensione, è quella disciplinare, direi professionale: non solo latinisti, ma filosofi, biblisti, cristianisti, opinionisti, saggisti, letterati, scrittori. La terza caratteristica è proprio improntata alla diacronia: qui si va da Ennio a Pascoli, passando per le problematiche attenenti la Bibbia, la letteratura cristiana, il Medioevo e Dante, l’umanesimo con Erasmo, varie fasi storiche. Qui uno capisce proprio, anche in maniera visiva, scorrendo i titoli e gli ambiti storici, che davvero l’Europa ha ininterrottamente parlato latino, tramite le tre sfere, le tre istituzioni fondamentali: lo studium, la scuola, l’imperium, la politica, e l’ecclesia, la religione.”

    Questo la dice lunga sul ruolo fondamentale che il latino ha nell’alfabetizzazione odierna, nella ricchezza e cura del nostro modo di parlare e di pensare, ha ricordato lo scrittore Valerio Massimo Manfredi. Ma il latino è anche, hanno ribadito tutti, per le sue caratteristiche, l’antagonista salutare alla modernità. Ancora il prof Dionigi:

    “Con questo suo senso del tempo, facendo perno sul verbo, credo sia un grande antidoto oggi a certo videoanalfabetismo, che si ferma a tutta la pagina della sincronia del presente”.

    Dunque, siamo tutti eredi di una lingua che ci rende più ricchi, più attrezzati e più vitali, dobbiamo solo far fruttare bene questa eredità.


    fonte: Radio Vaticana
    Oboedientia et Pax

  4. #34
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,795
    Ringraziato
    2971

    Premi

    Dove potrei trovare il testo della conferenza? Mi servirebbe soprattutto quello di Valerio Massimo Manfredi.
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  5. #35
    Iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Ravenna
    Età
    40
    Messaggi
    205
    Ringraziato
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Presentata in Vaticano la nuova serie della rivista semestrale "Latinitas"

    [...
    ]Si tratta, attraverso la rivista, ha spiegato il cardinale Gianfranco Ravasi, di mostrare un glorioso patrimonio, di tutelarlo e di rilanciarlo, ma non attraverso un recupero artificioso, bensì evidenziandone la modernità, e così ha citato Gramsci:

    “‘Non si impara il latino e il greco per parlarli, per fare i camerieri, gli interpreti, i corrispondenti commerciali: si impara per conoscere direttamente la civiltà dei due popoli, quindi il passato, ma presupposto necessario della civiltà moderna, cioè per essere se stessi e conoscere se stessi, consapevolmente’. Era il 1932, 'Quaderni dal Carcere', Antonio Gramsci”.
    [...]

    fonte: Radio Vaticana
    Senza voler essere troppo ironici, Gramsci mi sembra ben reazionario in questo punto.
    Ancora questa idea formidabile che il latino e greco non debbano essere parlati o scritti, ma solo e sempre tradotti. Tanto varrebbe leggersi direttamente l'opera tradotta, allora, lasciando il lavoraccio a chi è del mestiere. Newton e Eulero hanno scritto le loro opere originali in latino, nel '600 e nel '700 suonati, penso che fossero anche in grado di parlarlo.
    Del resto, è solo da metà ottocento che il latino è diventato un astrusa enigmistica per "formare il carattere" o "insegnare a studiare", ovvero l'equivalente intellettuale del nonnismo.

    E se oggi un fisico e un matematico possono fare a meno di queste lingue, non penso che la stessa cosa si possa dire di un sacerdote (certo a Gramsci non interessava) che in latino dovrebbe essere in grado di celebrare, che deve poter agevolmente scrivere e leggere i documenti ufficiali senza aspettare traduzioni che possono tardare anche più di 5 anni.
    Ultima modifica di Murphy; 09-11-2013 alle 00:56

  6. #36
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,795
    Ringraziato
    2971

    Premi

    Sono trascorsi oggi cinque anni dall'istituzione della Pontificia accademia di latinità, scade dunque il periodo ad experimentum per lo statuto.
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •