Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Metrica latina

  1. #1
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Isle
    Messaggi
    6
    Ringraziato
    0

    Metrica latina

    Apro questo thread sperando in un aiuto da parte di qualche esperto di latino e di metrica.
    Sto studiando da un po' di tempo la metrica per un esame che avrò tra pochi giorni. L'esame prevede la lettura metrica di un passo delle georgiche ( tra quelli studiati). Io ho studiato le varie regole, come ad esempio il fatto che vocalem ante vocalem è breve o che se la sillaba è preceduta da due consonanti è lunga etc.
    E in questi casi non trovo difficoltà a leggere e immetto gli accenti in modo giusto. Ma in parole iniziali di verso in cui non sono applicabili queste regole come fare per leggere metricamente in modo corretto la parola?
    Ultima modifica di Ambrosiano; 29-03-2015 alle 13:48 Motivo: Cambiato titolo alla discussione. Prima era "Latino".

  2. #2
    Moderatore bibliotecario L'avatar di 3manuele
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Torino
    Età
    37
    Messaggi
    2,530
    Ringraziato
    207

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da ket Visualizza Messaggio
    Apro questo thread sperando in un aiuto da parte di qualche esperto di latino e di metrica.
    Sto studiando da un po' di tempo la metrica per un esame che avrò tra pochi giorni. L'esame prevede la lettura metrica di un passo delle georgiche ( tra quelli studiati). Io ho studiato le varie regole, come ad esempio il fatto che vocalem ante vocalem è breve o che se la sillaba è preceduta da due consonanti è lunga etc.
    E in questi casi non trovo difficoltà a leggere e immetto gli accenti in modo giusto. Ma in parole iniziali di verso in cui non sono applicabili queste regole come fare per leggere metricamente in modo corretto la parola?
    Allora, premetto che non sono un esperto né di latino né tantomeno di metrica.
    Rispondendo alla domanda precisa che poni, le parole che iniziano un esametro iniziano sempre con una vocale/sillaba lunga (se hai solo le Georgiche da portare, non devi temere altro).
    Gli approcci per leggere la metrica di passi già conosciuti possono essere diversi. Per esempio, imparare a memoria la cadenza di tutti i versi che possono esserti chiesti all'esame. Qui una versione delle Georgiche con accenti e cesure segnate. Leggo che hai qualche giorno di tempo: a seconda di come funziona la tua memoria visiva o auditiva e del numero di versi che devi preparare, puoi provare questa strada.

    Ti consiglio però un altro metodo. Con un po' di pratica, che hai già acquistato nel preparare l'esame, dovresti riuscire, per ogni verso, a individuare il punto in cui cadrà la cesura semiquinaria, ovvero la parola sulla cui ultima sillaba cadrà l'accento che fa fare una pausa al verso, e a te nella lettura.

    Per esempio, se copincollo un verso a caso delle Georgiche, tipo (copincollo a caso)

    quique satis largum caelo demittitis imbrem

    a colpo d'occhio io riesco a individuare che la semiquinaria cadrà su largUM. Guardando il verso, se la semiquinaria finisse su satIS, l'emistichio sarebbe troppo breve; troppo lungo invece se pensassi di fermarmi a caeLO.
    A questo punto sai che (1) la prima sillaba è accetata
    (2) è accentata anche -um di largUM, dopo la quale dovrai fare una pausa e riprendere senza sillaba accentata
    (3) devi finire con accentata - no - no; accentata - no (TAttata TAtta per gli amici)

    Quello che devi fare è farti trascinare dal ritmo fino alla cesura (attraverso la tua conoscenza del latino e delle regole metriche) fino alla cesura. Fermarti un secondo e dare uno sguardo al resto del verso, individuando dove cade il prossimo accento (di primo acchito io vedo che caelo ha due lunghe, quindi dopo la cesura l'accento cade su LO) e quali sono le sillabe che ti permettono di fare TAttata TAtta alla fine (siccome devo chiudere con MIttitis IMbrem, de è lungo e non accentato).

    Nel 5% (forse meno) degli esametri la cesura è eftemimera. Il verso si spezzerà in tre parti. Non dovrebbe esserti difficile ricostruirle seguendo quanto detto sopra (vedi dove può cadere la cesura. Ti fermi un attimo e ricostruisci l'altra cesura e poi il TAttata TAtta). Siccome le cesure sono molto vicine, leggere questi è più facile. Il problema è sapere prima che quel verso è cesurato in quel modo! Io mi facevo un piccolo puntino a sinistra della prima parola dei versi con questa cesura (questo vuol dire che i versi devi vederteli almeno una volta tutti prima dell'esame. Ma è ovvio!).

    Conclusione: per esperienza, non è che i docenti sappiano precisissimamente la scansione metrica di tutti i versi. Dunque l'importante è che tu faccia la cesura e finisca ciascun esametro con TAttata TAtta. Se lo fai senza stopparti e con sicurezza, per me sei a cavallo. Imboccallupo!

  3. #3
    Partecipante a CR L'avatar di Prosit
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Casa
    Messaggi
    876
    Ringraziato
    438
    In questo sito web puoi ottenere la metrica già fatta di moltissimi brani e libri:

    http://www.poesialatina.it/_ns/Testi...sentazione.htm

    Basta che scegli nella parte sinistra l'autore, poi il brano o libro che ti interessa.
    Appena scegli il testo che ti interessa, a destra della pagina troverai la voce "Visualizza metrica".
    Spuntala ed ecco fatto.

    Quanto mi ha aiutato per la metrica questo sito al Liceo Classico!
    "Introibo ad altare Dei, ad Deum qui laetificat juventutem meam..."

  4. #4
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Isle
    Messaggi
    6
    Ringraziato
    0
    Anzitutto grazie ad entrambi per le risposte

    Per 3manuele:

    Purtroppo il professore ci ha dato solo degli accenni riguardo la cesura, e durante le lezioni quando faceva leggere non prendeva in considerazione la cesura, nè è richiesto per l'esame. Quindi il procedimento mi risulta un po' complicato. Grazie mille cmq per la tua risposta.

    Riguardo i siti che avete postato ad inizio studio avevo trovato un sito simile che appunto dava in automatico la scansione metrica. Mi è stato molto utile per chiarirmi le idee, però è impossibile impararare la scansione a memoria, perchè sono davvero tanti tanti tanti versi, di ogni libro delle georgiche sono stati assegnati vari passi di molti versi.
    Siete stati cmq gentilissimi. grazie davvero =)

  5. #5
    Moderatore bibliotecario L'avatar di 3manuele
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Torino
    Età
    37
    Messaggi
    2,530
    Ringraziato
    207

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da ket Visualizza Messaggio

    Per 3manuele:

    Purtroppo il professore ci ha dato solo degli accenni riguardo la cesura, e durante le lezioni quando faceva leggere non prendeva in considerazione la cesura, nè è richiesto per l'esame. Quindi il procedimento mi risulta un po' complicato. Grazie mille cmq per la tua risposta.
    Ma studi in Italia? Mi sembra incredibile che in Italia si faccia leggere in metrica senza parlare di cesure! Mi spiace, in questo caso non so proprio come aiutarti.

    Comunque se ben guardi i versi che devi imparare, noterai che "casualmente" intorno alla metà (del 98%) dei versi un accento metrico cade sull'ultima sillaba di una parola! Quella è la cesura
    Ultima modifica di 3manuele; 28-06-2014 alle 20:54

  6. #6
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Isle
    Messaggi
    6
    Ringraziato
    0
    Citazione Originariamente Scritto da 3manuele Visualizza Messaggio
    Ma studi in Italia? Mi sembra incredibile che in Italia si faccia leggere in metrica senza parlare di cesure! Mi spiace, in questo caso non so proprio come aiutarti.

    Comunque se ben guardi i versi che devi imparare, noterai che "casualmente" intorno alla metà (del 98%) dei versi un accento metrico cade sull'ultima sillaba di una parola! Quella è la cesura

    Si, studio in Italia. Il professore ad un certo punto del corso ha accennato brevemente alla cesura e ai vari tipi di cesura, però nella lettura ha richiesto solo la scansione metrica.
    Cmq a questo punto non mi resta che incrociare le dita

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •