Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 35

Discussione: Pontificia Accademia per la Vita: attività e notizie

  1. #11
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,974
    Ringraziato
    353
    Citazione Originariamente Scritto da Aleksej Visualizza Messaggio
    Lo dice con chiarezza il Catechismo della Chiesa Cattolica: «Le decisioni devono essere prese dal paziente, se ne ha la competenza e la capacità» (ibid.). È anzitutto lui che ha titolo, ovviamente in dialogo con i medici, di valutare i trattamenti che gli vengono proposti e giudicare sulla loro effettiva proporzionalità nella situazione concreta, rendendone doverosa la rinuncia qualora tale proporzionalità fosse riconosciuta mancante.
    Se ti viene un encefalite tu non potrai più decidere niente e la tua scelta del passato diventerà vincolante o no ?
    Resterà sempre questo dubbio: Poteva cambiare idea oppure no ?

  2. #12
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,466
    Ringraziato
    2318
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Se ti viene un encefalite tu non potrai più decidere niente e la tua scelta del passato diventerà vincolante o no ?
    Resterà sempre questo dubbio: Poteva cambiare idea oppure no ?
    Mi affiderei ai miei famigliari e al loro discernimento.
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

  3. #13
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,974
    Ringraziato
    353
    Citazione Originariamente Scritto da nofear Visualizza Messaggio
    Mi affiderei ai miei famigliari e al loro discernimento.
    Se non ci sono ?

    C'è già stata nella storia della medicina una malattia con il 100% di mortalità in 6 mesi e che passò ad una mortalità del 10% pochi mesi dopo..

  4. #14
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Aleksej
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Località
    Cagliari
    Età
    54
    Messaggi
    2,482
    Ringraziato
    761
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Se non ci sono ?

    C'è già stata nella storia della medicina una malattia con il 100% di mortalità in 6 mesi e che passò ad una mortalità del 10% pochi mesi dopo..
    Certi casi particolari restano vincolati chiaramente ad una scelta precedente lasciata per iscritto, si suppone che non debba aver cambiato idea. La perfezione non esiste, ci saranno sempre casi particolari, ma il Santo Padre è stato molto chiaro sull'argomento.

  5. #15
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    5,918
    Ringraziato
    3763
    Citazione Originariamente Scritto da nofear Visualizza Messaggio
    uno scritto eccellente che, al contrario, impedirà al governo di varare una legge iniqua!
    Beata illusione........

    Parole che i senatori a vita Elena Cattaneo, Mario Monti, Carlo Rubbia e Renzo Piano chiedono diventino l'occasione per ritornare sulla legge: "Le parole di Papa Francesco sull'accanimento terapeutico e il fine vita, che nella loro ricchezza e articolazione vedono nel paziente, capace e competente, la persona che giudica l'effettiva proporzionalità delle cure, crediamo possano rappresentare un'ulteriore occasione per il Parlamento, di inserire nell'agenda politica del Paese la necessità di dare certezza normativa in questa legislatura alle scelte di fine vita".
    Rosy Bindi, tra le firmatarie dell’appello #Fatepresto, che invita ad approvare la legge, impantanata al Senato dopo l’ok della Camera a maggio, sintetizza lapidaria: “Perfino il Papa, con le dichiarazioni di oggi sul fine vita, ci ha superato”.
    Cappato, attualmente imputato a Milano per il suicidio assistito di Dj Fabo e da anni in prima linea perché l’Italia approvi una legge sul fine vita, ribadisce “il diritto di ciascuno a vedere rispettate le proprie volontà sul Biotestamento e sull’interruzione delle cure” ricordando che “manca una legge persino sulla questione di minimo rispetto dei diritti del malato (garantiti anche dalla Costituzione, ma sistematicamente violati!) che ora è stata posta anche dal Pontefice”

  6. #16
    Moderatore Ecumenico L'avatar di DenkaSaeba25
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Rapallo
    Età
    35
    Messaggi
    13,927
    Ringraziato
    1711
    Non mi preoccuperei troppo di alcune strumentalizzazioni (anche se quella di Cappato effettivamente non aiuta l'umore): certo, mi stupisce il fatto che i media prendano come nuovo il principio di proporzionalità delle cure. Mi stupisce di meno il fatto che non conoscano il principio della prossimità responsabile, ma non ci facciamo mancare nulla. Tuttavia mi concentrerei sul fatto che in questo discorso il Papa sintetizza in modo mirabile il Magistero degli ultimi 70 anni a riguardo. Questo discorso mi sembra di livello straordinario, comprensibile e sullo stesso piano di molti simili di Benedetto XVI decisamente utilizzabile all'interno di una lezione di morale/etica/teologia morale a riguardo.
    Securus iudicat orbis terrarum

  7. 3 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Messa (18-11-2017), nofear (17-11-2017), Vox Populi (17-11-2017)

  8. #17
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    5,918
    Ringraziato
    3763
    Citazione Originariamente Scritto da DenkaSaeba25 Visualizza Messaggio
    certo, mi stupisce il fatto che i media prendano come nuovo il principio di proporzionalità delle cure.
    Non mi stupisce affatto, anzi ero certo che sarebbe successo non appena ho letto l'intervento del Papa.

    Il clima mediatico del periodo è che eutanasia e suicidio assistito siano conquiste di civiltà che vanno raggiunte al più presto per portare finalmente l'italia nella modernità (insomma il solito ritornello già visto per le unioni civili, per l'utero in affitto, per l'aborto, per il divorzio e per ogni altro genere di "diritto"....). Quale migliore occasione di un Papa da sempre "dipinto" con l'aura del grande innovatore che pronuncia le parole "sospendere le cure" per cogliere la palla al balzo e rilanciare dando in pasto all'opinione pubblica le presunte "aperture" della Chiesa, così da cominciare a scalfire un po' l'area cattolica che - purtroppo, ma va riconosciuto - in buona parte è ormai molto approssimativa nel conoscere gli insegnamenti della Chiesa e perciò "se lo hanno detto al telegiornale sarà vero"?

    Poco importa che il Papa non abbia detto nulla di ciò che hanno capito loro - o comunque di ciò che vogliono aver capito - e men che meno si preoccupano di verificare se le "innovazioni" sono davvero tali oppure no.

  9. Il seguente utente ringrazia Carbonate per questo messaggio:

    sere85 (16-11-2017)

  10. #18
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,974
    Ringraziato
    353
    Io sono per l'accanimento terapeutico.

  11. #19
    Gran CierRino L'avatar di coram Deo
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Diocesi di Piacenza - Bobbio
    Messaggi
    9,543
    Ringraziato
    2742

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Io sono per l'accanimento terapeutico.
    Qualche anno fa è morto mio nonno: ha passato le ultime tre settimane di vita con ossigeno, flebo, catetere, sondino naso-gastrico e guanti che gli impedivano di usare le mani, affinchè non si strappasse tutto l’armamentario.
    Il tutto per che cosa? Era chiaro come il sole fin dall’inizio che sarebbe morto.
    Un tempo nessuno avrebbe detto che “è morto di fame” perché non gli avevano applicato il sondino, bensì si sarebbe preso atto che non poteva più alimentarsi e ci si sarebbe rassegnati.
    Non so cosa è meglio e cosa è peggio. Dico solo che a me quell’agonia artificialmente prolungata è parsa più una cattiveria che un gesto di carità. Se avessi potuto, avrei fatto togliere quantomeno il sondino (e forse anche la flebo, giacchè non urinava più e tutti i liquidi gli si accumulavano negli arti) e, senza sensi di colpa, avrei lasciato che si spegnesse naturalmente…
    "Signore, fino a quando?"

  12. #20
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,466
    Ringraziato
    2318
    Citazione Originariamente Scritto da aldo12 Visualizza Messaggio
    Io sono per l'accanimento terapeutico.
    E' una scelta.

    S. Giovanni Paolo II l'ha rifiutato, alla fine.
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •