Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 37

Discussione: Utero in affitto

  1. #21
    Vecchia guardia di CR L'avatar di clementino
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    1,999
    Ringraziato
    375

    «Vendere ovuli per la fecondazione? Mai più, ho rischiato di morire»

    http://www.tempi.it/vendere-ovuli-la-fecondazione-mai-pi-ho-rischiato-di-morire#.WOEtIWclFkg

    settembre 8, 2011 Benedetta Frigerio



    Le storie incredibili di tante donne che in America hanno venduto per soldi i loro ovuli alle società che praticano la fecondazione eterologa. La stimolazione ovarica necessaria per produrre grandi quantità di ovuli ha provocato loro tumori, emorragie, sofferenze enormi e in alcuni casi anche la morte. In anteprima, una sintesi sottotitolata di “Eggsploitation”, documentario sulla pericolosità, nascosta dai medici, del giro di miliardi che ruota intorno alla donazione di ovuli


    Il 20 settembre prossimo la Corte costituzionale italiana sarà chiamata a giudicare la costituzionalità del comma 3 dell’articolo 4 della legge 40/2004, che vieta la fecondazione assistita eterologa, che avviene con ovuli donati da terzi. Intanto in America il Center for Bioethics and Culture, un network pro life, ha prodotto un documentario che ha appena vinto il premio del Festival californiano di cinema indipendente. Sono riportate interviste scioccanti a donne che hanno donato i loro ovuli, in Stati americani in cui la fecondazione eterologa è permessa. Le interviste ritraggono ragazze la cui vita è stata stravolta. A volte spezzata. Perché, allora, si chiedono alcuni medici nel video, non esiste letteratura scientifica in merito ai rischi della stimolazione ovarica necessaria per la donazione di ovuli? Perché nei campus dei college, nei media e sui giornali esistono pubblicità che offrono centinaia di dollari in cambio di ovuli, in nome del fatto che quel gesto «aiuterà un altro a realizzare il suo desiderio»? Se si cercasse di rispondere, l’industria della fertilità, che in America fattura miliardi di dollari l’anno, dovrebbe abbassare le saracinesche. Proponiamo qui alcuni passaggi significativi del video. Per chi volesse acquistarlo per intero segnaliamo il sito www.Eggsploitation.com.
    «Questi sono molti soldi», esclama una voce, mentre si vede la cifra di 100 mila dollari apparire su un’inserzione. «Se sei alta, attraente e magra – recita uno spot – e hai il desiderio di aiutare qualcuno…». «E chi non vuole sentirsi così?», si chiede ironica una voce. «Fai la differenza, dona i tuoi ovuli», chiosa un’altra pubblicità. «Capisci come questi spot suonino filantropici, non ti convincono solo con i soldi, ma con ragioni umanitarie», spiega una ragazza. «E mentre soffrivo per itrattamenti di stimolazione ovarica, per andare avanti, mi ripetevo: questo è un mio dovere, questo è un mio dovere», dice un’altra. In tutto il mondo, spiega il documentario, le donne sono sollecitate a donare i loro ovuli, per aiutare coppie sterili ad avere bambini, incrementando così il business dell’industria della fecondazione, che non si preoccupa minimamente di informare dei rischi della pratica. Anche perché non esiste monitoraggio di queste donne e quindi nessuna pubblicazione scientifica con un’ampia casistica.
    Sindy racconta di aver trovato su un’inserzione del giornalino dell’università una pubblicità per reclutare donne che avevano ricevuto un’educazione eccellente e che avessero certe caratteristiche, come condizioni per donare i loro ovuli in cambio di soldi: «Cercai di sapere se c’erano complicazioni, ma non trovai nessuno studio sui rischi della stimolazione ovarica». Alexandra spiega angosciata: «Volevo finire il dottorato e mi mancavano i soldi. Mi avrebbero dato 3 mila dollari. Giusto quello che serviva a me. E, in più, mi dicevo, avrei aiutato una coppia sterile». Kella, dopo aver preso i medicinali per incrementare l’ovulazione, ha avuto un ictus, una paralisi, danni al cervello e ha rischiato la morte: «Mi avrebbero dato 50 mila dollari viste le mie caratteristiche», spiega la ragazza. La ventenne Jessica ha donato ovuli per tre volte. Poi un cancro al colon l’ha uccisa. «È morta a 34 anni – spiega la madre – era una compositrice di musica classica, avrebbe potuto fare tanto. Ma ora non c’è più».
    L’industria della fecondazione, spiega il documentario, attualmente fattura 6 miliardi e mezzo di dollari l’anno. E opera senza sorveglianze né regole. Quel che si sa è che il 70 per cento dei cicli di stimolazione ovarica fallisce. E che in generale i rischi, assenti dalla letteratura fino a poco tempo fa, sono cancri al seno, all’ovaio e all’endometrio, infertilità futura, emorragie, ictus, infarti, paralisi e morte. (“Assessing the medical risks of human oocyte donation. From stem cell research”, L.Giudice, E. Santa and R. Pool eds, Washington, D.c., National academies of science, 2007).
    Il racconto di Alexandra prosegue così: «Essendo ricercatrice in università avevo accesso agli archivi scientifici. Ma non c’era letteratura che parlasse di rischi connessi alla pratica». Suzanne Parisian, già presidente dell’ufficio medico della Food and Drug Administration, corrispondente all’Aifa italiana, sottolinea che «non ci sono numeri complessivi perché i casi di queste donne non sono stati monitorati». Drew V. Moffiti, endocrinologo per la fertilità riproduttiva, confessa che «di questo mercato si sa poco o nulla».
    Ma chi sono le clienti dell’industria? Alcune ragazze universitarie affermano: «Ci cercano, ci offrono soldi, ma non ci parlano degli effetti della pratica. Fanno leva sul fatto che molte di noi si indebitano per studiare». In effetti la prima reazione di alcune ragazze, ignare di tutto e a cui viene mostrata un’inserzione, è di esclamare: «Centomila dollari se hai caratteristiche particolari? Sono tantissimi soldi!». Il fisico normalmente non può produrre più di uno o due ovuli al mese, si capisce quindi che cercare di produrne a centinaia è una violenza per il corpo, spiega ancora la voce di sottofondo al video. Intanto il filmato mostra le fasi della stimolazione. La prima è quella che serve a frenare le funzioni delle ovaie con le medicine. La seconda stimola l’iperovulazione. La terza fa sì che gli ovuli siano rilasciati dalle ovaie. Da ultimo si procede con l’operazione chirurgica, che serve a estrarle dal corpo della donna.
    Continua Kella: «Parlavo con l’infermiera via internet, mi spedì il kit di medicine e mi disse come autogestirmi. Il contratto diceva che eri obbligato a prenderle. Non hanno mai verificato se potevano sviluppare allergie. Non mi hanno fatto alcun esame prima di iniziare. E anche quando non stavo bene dovevo continuare a seguire il protocollo». Non è andata diversamente per Sindy che prosegue: «Dopo la stimolazione mi hanno fatto la risonanza. Avevo circa 50 follicoli (ovuli non ancora maturi, ndr). Mi scrissero una email che diceva che qualcosa non aveva funzionato. Chiesi se potevo fermarmi lì. Non era possibile, il contratto non lo prevedeva». Angela con suo marito narra di quando pensò di donare i suoi ovuli: «Andai alla clinica indecisa. In fondo speravo che qualcuno mi dicesse di non farlo se non volevo. Invece, quando mostrai la mia titubanza, enfatizzarono il fatto che mi stessi tirando indietro. Chiesi più tempo per pensare. Mi dissero che ormai non potevo più tornare indietro». L’ultimo step del ciclo, spiega il filmato, è un’operazione chirurgica che richiede l’anestesia. Viene inserito un ago nel corpo per estrarre gli ovuli. «Dopo l’operazione – dice Sindy – mi dissero di andare a casa. Mi alzai dal letto, ma non riuscivo neppure a stare in piedi. Il dolore addominale era troppo forte. Non riuscivo a respirare. Credevo di avere un’emorragia interna. Mi fecero una risonanza, dissero che era tutto a posto. Tornai a casa e il dolore peggiorava. Alla fine ero piena di sangue, ne ho perso tanto che ho dovuto fare diverse trasfusioni. La stimolazione assottiglia i vasi sanguigni che il contatto con l’ago aveva rotto».
    Alexandra andava avanti anche se, «dopo nove giorni dal trattamento, iniziai a sentirmi male. È il dolore peggiore che abbia mai sofferto nella mia vita. Andai in bagno e svenni. Quando ripresi coscienza chiamai un amico. Mi portò alla clinica, ma lì mi dissero che non c’era nulla di cui preoccuparsi. Erano solo dolori mestruali più forti. Mi mandarono a casa con gli antidolorifici. Ci rimasi sette giorni, a letto e in uno stato di trans». Dopo altre due settimane di crampi e vomito, il dottore accettò di rivisitarmi». A Sindy dicevano di non preoccuparsi. Erano disturbi mestruali: «La compagnia assicurativa dell’agenzia di donazione di ovuli mi contattò solo per sapere se la mia assicurazione copriva eventuali complicanze».
    Alexandra racconta di aver vomitato feci per un’intera notte. Solo a quel punto la clinica accettò di rivisitarla: «Il medico mi guardò l’addome: era pieno di sangue. Impallidì, mi fissò e disse: “Alexandra, so cosa sta succedendo. Le tue ovaie sono attorcigliate intorno alle tube, proveremo a salvarle, ma non è detto che ci riusciremo. Alla fine me le tolsero. Quello che mi lascia ancora senza parole è che se non avessi insistito per farmi visitare, sarei morta. Hanno riconosciuto il danno solo dopo tre visite e venti giorni di dolori consecutivi. Ma non è finita qui. In seguito ebbi gravi problemi all’intestino. Persi 12 chili e ci vollero dei mesi perché mi riprendessi». È giusto, si chiede la voce del documentario, che una donna, anche se il corpo e la natura non le permettono di avere figli, possa ingannarne un’altra, attentandone per sempre la salute (se non la vita) pur di avere ciò che vuole?
    Jacqueline, una ragazza con problemi di fertilità, è morta in seguito a una stimolazione dello stesso tipo di quelle sopra descritte senza sapere che «l’iper stimolazione delle ovaie può causare infarto, ictus, emorragia o morte», prosegue la dottoressa Parisian. Anche ad Alexandra non fu detto nulla dei rischi. Lei, che ha rischiato più volte di morire, prosegue il suo racconto così: «Nessuno nella mia famiglia ha mai avuto un tumore. Io, qualche anno dopo il trattamento, ne sviluppai uno al seno. Feci la chemioterapia e subii cinque operazioni. I due medici che mi visitarono dissero che avevo lo stesso cancro di tante donne che, come me, si erano sottoposte a trattamenti di fecondazione assistita, per sé o come donatrici». Un mercato ormai messo a norma da quando, nel 2009, lo Stato di New York ha reso legale la compravendita di ovuli, continua la voce del filmato che si rilancia le parole di Alexandra: «La mia storia, le nostre storie, non sono contemplate in nessuna ricerca scientifica. Non c’è un dato, altrimenti sarebbe la fine di questa industria miliardaria». Il video si conclude con una domanda a chi vuole avere un figlio a tutti i costi: «Lo faresti a rischio della salute e della vita di un’altra donna?». E a chi vuole donare i suoi ovuli: «Sei davvero pronta a sacrificare la tua salute o la tua vita per soldi? Siamo sicuri che si tratti di filantropia?». Kella chiude laconica: «Cosa dire, se non che non potrò mai più avere un figlio?».
    Più t'abbandoni in Dio, più Egli nasce in te.

  2. #22
    Vecchia guardia di CR L'avatar di clementino
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Località
    Purgatorio
    Messaggi
    1,999
    Ringraziato
    375

    Lightbulb Documentario: Eggsploitation Sfruttamento degli ovociti e fecondazione eterologa

    Più t'abbandoni in Dio, più Egli nasce in te.

  3. #23
    Cronista di CR L'avatar di Sunshine
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    20,988
    Ringraziato
    3618

    Premi

    Sul profilo FB di Silvana De Mari questa bella riflessione sull'utero in affitto:

    Sto per morire mamma, ha detto Gloria da Londra, quando è stato chiaro che il fuoco era arrivato. Sto per morire, papà e mamma, dal cielo pregherò per voi. Sto per morire mamma ha scritto per sms mentre aspettava di essere ucciso uno dei 49 uomini vittime della strage di Orlando. Si è rivolto a sua madre. Sto per morire mamma. Mentre le fiamme si avvicinavano sempre di più una giovane donna intrappolata in una della due maledette torri ha telefonato alla madre. Sto per morire mamma.
    Il legame enorme , ancestrale, il legame per eccellenza è con il padre e la madre, ma quello più totale è con la madre. Esistono orfani, esistono abbandonati, certo , ma questa è la patologia, l’eccezione.
    Ma persino quegli orfani, quegli abbandonati sanno che una madre è esistita, forse è morta come quella di Voldemort, forse se li è venduti come la mamma di Raperonzolo, forse è una demente criminale, anche questo è possibile, ma è esistita.
    Le non maternità criminali dove due uomini ricchi comprano gli ovuli di una donna in genere bionda e affittano l’utero di una tizia in genere più scuretta (costa meno) creano un individuo che non ha una madre, che quando morirà ammazzato come un cane dal terrorista di turno o dall'imbecillità casuale, non avrà nessuno da invocare. E intanto che il terrorista di turno si prepara girerà per i giardinetti pigolando questa unica parola mamma come un disperso in un mondo alieno.
    Donazione di ovuli è un ammasso di sillabe. Uno pensa a un colpo di bacchetta magica e l’ovetto esce dal corpo in maniera incruenta e indolore per essere impacchettato in carta dorata come un dono appunto.
    La donazione di ovuli presuppone una sberla di ormoni che causano una serie di rogne, la sindrome da iper stimolazione, dalla nausea alla ritenzione idrica, invecchiamento del corpo e delle ovaie (qualche donazione e si arriva alla sterilità ) fino alla trombosi venosa e, perché no anche quella arteriosa, fino alla CID coagulazione intravasale disseminata che per fortuna è rarissima perché puó essere mortale. Oibó ! Non lo sapevate?
    Pensavate che fosse indolore e innocuo? Sul serio? Maddddai! Forse quella parola donazione vi ha suggerito un’idea così insulsa, chiedo scusa ma è l’unico termine per indicare chi pensa che un prelievo trans vaginale (rischi: infezione pelvica, sanguinamenti gravi per interessamento involontario dei vasi iliaci, che preferirebbero che a loro non si interessasse nessuno ma anche i chirurghi migliori sbagliano.
    In più la sberla di ormoni ha reso i vasi permalosi, si rompono a sfiorarli. La chirurgia sicura al 100 % non esiste in narcosi (nemmeno la narcosi sicura al 100% esiste) dopo un "bombardamento" di ormoni fosse una cosa che lascia uguali a prima?
    Ci sono i datori di lavoro che sfruttano il corpo del lavoratore, ci sono quelli che sfruttano la sua salute, la sua fertilità, la sua anima, perché non è come donare un rene, per tutta la vita la donna che si è lasciata convincere a questo abominio si chiederà che fine avranno fatto i suoi ovuli, che portano il suo patrimonio genetico, chi è nato, qualcuno che forse ha il suo sorriso i suoi occhi e che forse nel buio dirà la parola mamma.
    E ora arriviamo al secondo step di questo tripudio di civiltà: la proprietaria dell’utero, il suo dolore, la sua umiliazione. Una "madre surrogata, surrogata come il caffè surrogato, il cacao surrogato, famosa per aver partorito 4 bambini surrogati (il termine non si usa, ma sono surrogati anche i bambini) è appena morta di overdose .
    La verità vi renderà liberi, la verità non il politicamente corretto che è la più aberrante firma di annientamento del pensiero mai vista.

    Silvana De Mari - madre



    Vedrai una città regale addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova.

  4. 3 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Aleksej (21-06-2017), Pellegrina (16-06-2017), suari (18-06-2017)

  5. #24
    Iscritto L'avatar di YHWH
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Località
    Pompei
    Età
    31
    Messaggi
    81
    Ringraziato
    37
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    Una coppia gay si reca in California e i due lui fecondano due ovociti appartenenti a due donne diverse. Una terza porta avanti la gravidanza di due bambini. La Corte di Appello di Milano ha ordinato all’ufficiale di stato civile di registrare i due bambini con il cognome di entrambi gli uomini. Ma questo per la nostra legge non può essere perché ogni bambino è figlio biologico ovviamente di un solo padre e l’altro partner non è nemmeno padre adottivo.
    Non solo, ma per i giudici i due bambini sono gemelli – dato che sono nati contemporaneamente - ma non fratelli – perché hanno padri e madri differenti - e così hanno tentato di spiegare l’impossibile: “la comunità scientifica ha registrato vari casi, sia pure pochissimi al mondo, di gemelli nati da ovuli della stessa madre, fecondati con lo sperma di uomini diversi”.
    Che casino..........Dio che intreccio, che casino, che forzature........dalla prima all'ultima parola che qui ho letto............
    Soluzione unica per tutti quelli citati (corte d'appello, madri e padri): manicomio.

    Comunque, su questo deviato argomento dell' "utero in affitto", direi che sono per la prima e unica volta d'accordo con quell'antipatica della ********: "Specialmente quando sono giovani donne di Paesi poveri a prestarsi per conto terzi è una pratica che si presta allo sfruttamento del corpo della donna". I figli non si comprano, non si pagano!!!

    E poi vogliamo mettere un dettaglio?! Un bambino cresce si (almeno si spera) con due genitori, ma non potrebbe MAI avere la soddisfazione di pronunciare la parola MAMMA (se ha due padri) o PAPA' (se ha due madri).....ma come crescono, psicologicamente?
    "E’ il Bello, che educa il cuore dell’uomo."

  6. #25
    Moderatrice L'avatar di AntonellaB
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    8,392
    Ringraziato
    386
    Citazione Originariamente Scritto da YHWH Visualizza Messaggio
    Che casino..........Dio che intreccio, che casino, che forzature........dalla prima all'ultima parola che qui ho letto............
    Soluzione unica per tutti quelli citati (corte d'appello, madri e padri): manicomio.

    Comunque, su questo deviato argomento dell' "utero in affitto", direi che sono per la prima e unica volta d'accordo con quell'antipatica della ********: "Specialmente quando sono giovani donne di Paesi poveri a prestarsi per conto terzi è una pratica che si presta allo sfruttamento del corpo della donna". I figli non si comprano, non si pagano!!!

    E poi vogliamo mettere un dettaglio?! Un bambino cresce si (almeno si spera) con due genitori, ma non potrebbe MAI avere la soddisfazione di pronunciare la parola MAMMA (se ha due padri) o PAPA' (se ha due madri).....ma come crescono, psicologicamente?
    C'è tanta ipocrisia in merito. La legge italiana vieta l'utero in affitto, di fatto è una pratica che i ricchi possono permettersi, mi primis l'ex governatore della Puglia.
    Finchè....non ritorni....il Signore!

  7. Il seguente utente ringrazia AntonellaB per questo messaggio:

    macrina (20-12-2017)

  8. #26
    Iscritto L'avatar di YHWH
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Località
    Pompei
    Età
    31
    Messaggi
    81
    Ringraziato
    37
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    l'ex governatore della Puglia.
    Ha trascorso svariati anni a rompere le balle (spesso con ottimo eloquio) con le sue idee di un certo tipo di sinistra, poi appena ha avuto la SUA soddisfazione PRIVATA, cioè quella di un bambino fabbricato all'estero e portato in Italia da condividere col suo compagno di letto, si è scordato di tutti, decidendo di ritirarsi più a vita privata, nel suo benessere. Oh, il classico comunista di un certo tipo: tante chiacchiere e poi alla fine "Ad maiora, operai!".
    "E’ il Bello, che educa il cuore dell’uomo."

  9. #27
    Moderatrice L'avatar di AntonellaB
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    8,392
    Ringraziato
    386
    "La Corte Costituzionale sancisce in una sua sentenza, la numero 272, che l’utero in affitto «offende
    in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane». Sempre secondo
    la sentenza, «la verità biologica della procreazione costituisce una componente essenziale dell’identità
    personale del minore». Respinta l’eccezione di illegittimità costituzionale dell’articolo 263 CC."

    Ne avete sentito parlare in qualche Tg o quotidiano di grido?

    I cattolici hanno vinto questa battaglia durata 4 anni e solo il quotidiano La Croce ne ha parlato:

    http://www.lacrocequotidiano.it/in-edicola (leggi edizione 19/12)
    Finchè....non ritorni....il Signore!

  10. 3 utenti ringraziano per questo messaggio:

    macrina (20-12-2017), non_mite (20-12-2017), Pellegrina (21-12-2017)

  11. #28
    Gran CierRino L'avatar di ITER PARA TUTUM
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Chiavari (GE) e Val di Vara (SP)
    Età
    63
    Messaggi
    9,135
    Ringraziato
    1474

    Premi

    Così come si è parlato pochissimo dell'orrenda strage avvenuta poco tempo fa, con un attentato organizzatissimo, in una Moschea egiziana... semplicemente perchè le vittime non erano fanatici nè immigrati ma soltanto fedeli (sia pure di una fede diversa dalla nostra) che si limitavano a pregare.
    Insomma la stampa di massa passa solo le notizie che fanno piacere a loro... "fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce".

  12. #29
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Roma
    Età
    72
    Messaggi
    2,231
    Ringraziato
    626
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    "La Corte Costituzionale sancisce in una sua sentenza, la numero 272, che l’utero in affitto «offende
    in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane». Sempre secondo
    la sentenza, «la verità biologica della procreazione costituisce una componente essenziale dell’identità
    personale del minore». Respinta l’eccezione di illegittimità costituzionale dell’articolo 263 CC."

    Ne avete sentito parlare in qualche Tg o quotidiano di grido?

    I cattolici hanno vinto questa battaglia durata 4 anni e solo il quotidiano La Croce ne ha parlato:

    http://www.lacrocequotidiano.it/in-edicola (leggi edizione 19/12)
    Ringrazio sentitamente Antonella della informazione preziosa, passata sotto silenzio dai media,perchè controcorrente al pensare comune. Bisognava mettere un argine a questo traffico veramente contronatura, ma purtroppo oggi sembra tutto possibile e lecito, purchè ne venga un vantaggio di qualsiasi genere. Forse è una "piccola vittoria", ma alla fine la guerra sarà vinta da Cristo e questo mi consola. Sono stato per venticinque anni circa della mia vita e solo il dolore della morte di mio fratello e lo stato di depressione - incredibile ma vero - mi hanno fatto rivedere la luce che avevo smarrito in cambio di una vita di peccati, di omissioni , di vigliaccherie, che non mi hanno portato a niente. Non so quanti anni il Signore mi concederà di vivere, ma con il Suo aiuto voglio andare avanti per la via stretta, l'unica che porta alla salvezza. Chiedo scusa per l'OT.

  13. Il seguente utente ringrazia P.Willigisius carm per questo messaggio:

    AntonellaB (21-12-2017)

  14. #30
    Veterano di CR L'avatar di aldo12
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,982
    Ringraziato
    354
    Citazione Originariamente Scritto da AntonellaB Visualizza Messaggio
    "La Corte Costituzionale sancisce in una sua sentenza, la numero 272, che l’utero in affitto «offende
    in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane». Sempre secondo
    la sentenza, «la verità biologica della procreazione costituisce una componente essenziale dell’identità
    personale del minore». Respinta l’eccezione di illegittimità costituzionale dell’articolo 263 CC."

    Ne avete sentito parlare in qualche Tg o quotidiano di grido?

    I cattolici hanno vinto questa battaglia durata 4 anni e solo il quotidiano La Croce ne ha parlato:

    http://www.lacrocequotidiano.it/in-edicola (leggi edizione 19/12)
    Peccato che sembra più o meno una semplice opinione questa sentenza.
    Non ho capito se abbia qualche altro "valore" oltre all'opinione stessa.

    Farà giurisdizione ?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •