Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Trapianto di testa!

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    5,973
    Ringraziato
    3794
    Citazione Originariamente Scritto da Brocabruno Visualizza Messaggio
    No no, si può attendere la morte cerebrale. La testa che viene trapiantata è quella di un uomo il cui corpo è molto malato; e viene messa sul corpo di un uomo cerebralmente morto, ma con organi in relativa salute. Cioè, si presuppone ovviamente che chi sopravvive sia il proprietario del cervello, non del torso e degli altri. Ovviamente è già difficile trovare un organo in salute da donare, figurarsi un corpo intero...
    Sì il corpo che riceverà la testa sarà anche morto... ma il paziente a cui "stacco" la testa per "trapiantarla" no!

    Insomma: anche se la coscienza dipende dal cervello.... un uomo è un uomo, non è la sua testa!

    Nel trapianto c'è la morte cerebrale del donatore, i cui organi vengono mantenuti artificialmente "in vita" il tempo necessario all'espianto solo perché se si lascia iniziare il processo di decomposizione gli organi sono da buttare. L'espianto avviene da paziente già cerebralmente morto su un paziente vivo.

    Per "trasferire" la testa devo "staccarla" da un uomo che sarà anche malato... ma è ancora vivo.
    Moralmente non sta né in cielo né in terra, ma credo che - al di là delle credenze religiose - anche deontologicamente ed eticamente nemmeno il più spregiudicato dei medici possa accettarlo.

  2. Il seguente utente ringrazia Carbonate per questo messaggio:

    non_mite (25-11-2017)

  3. #12
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,033
    Ringraziato
    2780

    Premi

    È un intervento impossibile, una volta recisa la colonna cervicale, il midollo non si riconnetterà più.
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  4. #13
    Fedelissimo di CR L'avatar di non_mite
    Data Registrazione
    Apr 2015
    Località
    catania
    Età
    28
    Messaggi
    3,507
    Ringraziato
    976
    In effetti non si sa neanche come considerare le proprie spoglie mortali. Come bisogna considerare un corpo privo di cervello?
    Il corpo identifica comunque la persona e anche se ci metti il cervello del morto cerebrale, non lo puoi mica seppellire con il nome del donatore.

  5. #14
    Moderatore L'avatar di SignorVeneranda
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Roma
    Età
    62
    Messaggi
    2,588
    Ringraziato
    121
    Basta trovare un giovane aitante ma con poco cervello ed un vecchio cadente ma molto sapiente : mettendosi d'accordo e trapiantandosi a vicenda la testa , il giovane avrà un cervello molto sapiente e il vecchio un corpo molto aitante.
    “Chi non conosce la leggerezza, non conosce nemmeno la fede cristiana” San Aelredo

  6. #15
    Fedelissimo di CR
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Italia
    Età
    23
    Messaggi
    3,013
    Ringraziato
    732
    Ne avevo parlato in proposito delle perplessità di un'altra utentessa, qualche mese fa. Riporto quindi il mio intervento, mostrandovi solo la parte relativa al trapianto di testa, e linkandovi il mio post da cui l'ho prelevata:

    http://www.cattoliciromani.com/15-do...=1#post1663031


    Trapianto di testa.
    Ti avevo già detto che è impossibile.Bè,lo ribadisco.O meglio,è fattibile,ma non ti aspettare che trapiantando la tua testa sul mio corpo tu sarai sempre te stessa.Anzi,sono sicuro che non saresti riconoscibile per niente.Il cervello a differenza dei visceri richiede non solo sangue (e fin qui si può fare,basta congiungere i vasi e il gioco è fatto,il cervello può vivere),ma funziona sulla base di principi di fisica elettrica.
    Immagina che il tuo encefalo (ossia tutto ciò che sta nel cranio) sia un grosso televisore,da cui fuoriescono migliaia di cavi.Ogni cavo,a sua volta è formato da minuscoli fili che conducono il segnale a diversi output.Metti che tranci tutti i cavi.E che li rionti.Quanti pensi che funzionerebbero?
    Io dico pochi e male.Male perchè potresti congiungere un cavo con un altro,causando alterazioni complete del segnale.Questo determinerebbe problemi anche nel televisore,che andrebbe in corto circuito perdendo l'integrità del suo funzionamento.
    Ci sono un sacco di vie nervose nel midollo spinale,molte decussano (cioè passano dall'altro lato) ad altezze diverse per tutta la lunghezza del midollo.Per congiungerle tutte ci vorrebbe grande attenzione e delle ore.Inoltre ci sono circuiti riflessi bilaterali,assoni che partono dal cervello stesso verrebbero interrotti,e dovresti poi ricollegarli (con il microscopio) ai fili del cervello del corpo su cui stai impiantano la testa.E metti che il numero dei fili non corripsonde?Che invece di collegare l'assone al cervello lo colleghi con quello del nucleo gracile del bulbo,per dirne uno?

    No,troppo tempo e troppa attenzione sarebbe richiesta.Inoltre,il danno potrebbe causare ipossia e ischemia con necrosi.I neuroni muoiono dopo soli 2 minuti in assenza di ossigeno.Ecco perchè molti soggetti rianimati riportano severi deficit.
    Il fatto poi è che mentre i vasi e le cellule ricrescono da sole negli altri organi,qui non è così,come ti ho già detto,per cui devi montare i fili tu per bene,altrimenti non ricrescono.

    Notare come anche Canavero,il chirurgo che vorrebbe eseguire l'operazione,non sia riduzionista,sebbene abbia scopi profondamente antireligiosi:

    «Io sono convinto che la coscienza non sia generata dal cervello, la coscienza è "filtrata" semmai, per cui quando lei muore la sua coscienza perdura. Io con il trapianto di testa lo dimostrerò scientificamente. Così ottengo due cose: un passo verso l' immortalità e soprattutto rendere inutili tutte le religioni».

    Inutili le religioni?
    «Il motivo principale per cui si ricorre alle religioni è la paura di morire. Le religioni, per ridurre questo timore, parlano dell' anima che va in Paradiso, e chiedono un atto di fede.
    Io dimostrerò che la coscienza perdura dopo la morte, ma lo farò su basi scientifiche. La conseguenza di staccare una testa e riattaccarla al corpo è che c' è una finestra di tempo in cui il cervello è morto. Se questo cervello, una volta "riattaccato", ci racconta che ha visto qualcosa, abbiamo la prova provata che durante questa morte temporanea in realtà la coscienza era perfettamente presente, senza un cervello funzionante. Non ci sarà più bisogno della fede per ovviare alla paura della morte. Vent' anni e le religioni saranno spazzate via».

    Quindi lei non crede in Dio?
    «No. Sono un a-religioso. Sono contro le religioni».


    Riporto quest'articolo inoltre che evidenzia altri problemi.
    http://www.ilpost.it/2016/08/11/trapianti-di-testa/

    Aggiungo sempre sul trapianto di testa,questi articoli,che corroborano il mio scetticismo:

    https://lamedicinainunoscatto.it/201...re-la-materia/

    http://www.cinquantamila.it/storyTel...=58049ba071c84

  7. #16
    Partecipante a CR L'avatar di Brocabruno
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Veneto
    Età
    25
    Messaggi
    882
    Ringraziato
    158
    Citazione Originariamente Scritto da non_mite Visualizza Messaggio
    In effetti non si sa neanche come considerare le proprie spoglie mortali. Come bisogna considerare un corpo privo di cervello?
    Il corpo identifica comunque la persona e anche se ci metti il cervello del morto cerebrale, non lo puoi mica seppellire con il nome del donatore.
    In più: considerando che un corpo in buona salute potrebbe donare polmoni, cuore, reni e quant'altro e salvare un sacco di persone diverse, è morale darlo tutto ad uno per metterci la sua testa?
    Mi aspetto comunque che anche il corpo a cui viene staccata la testa "sana" venga usato per donare gli organi in salute tra quelli. È questo potrebbe essere usato come giustificazione (del tipo, "doniamo questi invece di quelli, non cambia nulla").
    Questo vorrebbe dire in sostanza che seppelliranno una testa... O magari ne terranno il teschio sulla scrivania, come facevano gli antiqui (il teschio di Cartesio, pieno di scritte, è passato da un po' di scrivanie, a quanto pare).

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •