Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 96 di 97 PrimaPrima ... 468694959697 UltimaUltima
Risultati da 951 a 960 di 962

Discussione: Violenze e persecuzioni contro i cristiani nel mondo

  1. #951
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,515
    Ringraziato
    2984
    Nel 2017 uccisi nel mondo 23 missionari
    Si tratta di 13 sacerdoti, 1 religioso, 1 religiosa, 8 laici. Il numero più elevato si registra in America. Dal 2000 al 2016 uccisi nel mondo 424 operatori pastorali tra cui 5 vescovi

    Secondo l’annuale rapporto stilato a fine anno dell’Agenzia Fides nel 2017 sono stati uccisi nel mondo 23 missionari. Secondo la ripartizione continentale, per l’ottavo anno consecutivo, il numero più elevato si registra in America, dove sono stati uccisi 11 operatori pastorali (8 sacerdoti, 1 religioso, 2 laici), cui segue l’Africa, dove sono stati uccisi 10 operatori pastorali (4 sacerdoti, 1 religiosa, 5 laici); in Asia sono stati uccisi 2 operatori pastorali (1 sacerdote, 1 laico). Dal 2000 al 2016, secondo i dati raccolti dall’Agenzia Fides, sono stati uccisi nel mondo 424 operatori pastorali, di cui 5 Vescovi.

    Operatori pastorali morti in modo violento
    L’elenco annuale di Fides ormai da tempo non riguarda solo i missionari ad gentes in senso stretto, ma cerca di registrare tutti gli operatori pastorali morti in modo violento, non espressamente “in odio alla fede”. Per questo si preferisce non usare il termine “martiri”, se non nel suo significato etimologico di “testimoni”, per non entrare in merito al giudizio che la Chiesa potrà eventualmente dare su alcuni di loro, e che cerchiamo comunque di documentare in questo stesso contesto annuale.

    Morti in contesti dove manca il rispetto per la vita e ogni diritto umano
    Molti operatori pastorali sono stati uccisi durante tentativi di rapina o di furto, compiuti anche con ferocia, in contesti di povertà economica e culturale, di degrado morale e ambientale, dove violenza e sopraffazione sono assurte a regola di comportamento, nella totale mancanza di rispetto per la vita e per ogni diritto umano. A tutte le latitudini sacerdoti, religiose e laici condividono con la gente comune la stessa vita quotidiana, portando il valore specifico della loro testimonianza evangelica come segno di speranza.

    All’elenco mancano i tanti operatori pastorali vittime di violenza a causa della fede
    Gli uccisi sono solo la punta dell’iceberg, in quanto è sicuramente lungo l’elenco degli operatori pastorali, o dei semplici cattolici, aggrediti, malmenati, derubati, minacciati, come quello delle strutture cattoliche a servizio dell’intera popolazione, assalite, vandalizzate o saccheggiate. Agli elenchi provvisori stilati annualmente dall’Agenzia Fides, deve sempre essere aggiunta la lunga lista dei tanti, di cui forse non si avrà mai notizia o di cui non si conoscerà neppure il nome, che in ogni angolo del pianeta soffrono e pagano con la vita la loro fede in Gesù Cristo.

    Raramente gli assassini di preti o suore vengono individuati o condannati
    Esemplificativa la condanna del mandante dell’assassinio del missionario gesuita spagnoolo Vicente Canas, ucciso in Brasile nel 1987. Nel primo processo, celebrato nel 2006, gli imputati vennero assolti per mancanza di prove; il nuovo processo del 29 e 30 novembre, ha portato alla condanna del mandante, unico sopravvissuto degli imputati. (Agenzia Fides)


    fonte: Vatican News
    Oboedientia et Pax

  2. #952
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Milano
    Età
    30
    Messaggi
    501
    Ringraziato
    148

    Egitto, attacco a una chiesa copta: nove morti.


  3. #953
    CierRino di platino L'avatar di maurum
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    13,287
    Ringraziato
    1787
    Cristiani: 215 mln perseguitati per fede

    Il Rapporto della associazione internazionale Porte Aperte






    (ANSA) - ROMA, 10 GEN - "Cresce la persecuzione anti-cristiana nel mondo in termini assoluti, oggi sono oltre 215 milioni i cristiani perseguitati". È il dato che l'associazione internazionale 'Porte aperte' evidenzia nel rapporto annuale, il World Watch List 2018 (dati del periodo tra il 1° novembre 2016 e il 31 ottobre 2017). È la lista dei 50 Paesi - riporta il Sir - dove i cristiani sono più perseguitati.


    Al top della classifica dei Paesi in cui i cristiani hanno le maggiori difficoltà ci sono Corea del Nord e Afghanistan. Nelle "top ten" anche Somalia, Sudan, Pakistan, Eritrea, Libia, Iraq, Yemen e Iran. È in Pakistan che la persecuzione ha i connotati più violenti in assoluto.


    I Paesi europei nella lista sono la Turchia, al 31° posto, e l'Azerbaigian, al 45°. "L'oppressione islamica continua a essere la fonte principale di persecuzione dei cristiani": è quanto sottolinea ancora il Rapporto 2018 che conta 3.066 cristiani uccisi a causa della loro fede e 15.540 gli edifici di cristiani attaccati (chiese, case private e negozi). ansa.it




  4. #954
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,515
    Ringraziato
    2984
    #24febbraio #ColosseoRosso: l'iniziativa per i cristiani perseguitati nel mondo
    All'evento di sabato, organizzato da ACS, saranno presenti i parenti di Asia Bibi e una giovane nigeriana fuggita dalla schiavitù dei Boko Haram. Nella mattinata, l'incontro con Papa Francesco

    Sabato 24 febbraio alle ore 18:00, il più famoso simbolo di Roma, il Colosseo, si illuminerà di rosso come segno di solidarietà con tutti i perseguitati a causa della fede. L’iniziativa è promossa da ACS - Aiuto alla Chiesa che Soffre - la Fondazione Pontificia che supporta i cristiani oppressi in 140 Paesi di tutto il mondo.

    Contemporaneamente, la Cattedrale maronita di Sant’Elia ad Aleppo in Siria, e la Chiesa di San Paolo a Mosul in Iraq, saranno illuminate di rosso, simbolo del sangue dei Cristiani recentemente martirizzati.


    fonte: Vatican News
    Oboedientia et Pax

  5. #955
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    215
    Ringraziato
    74
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    #24febbraio #ColosseoRosso: l'iniziativa per i cristiani perseguitati nel mondo
    All'evento di sabato, organizzato da ACS, saranno presenti i parenti di Asia Bibi e una giovane nigeriana fuggita dalla schiavitù dei Boko Haram. Nella mattinata, l'incontro con Papa Francesco

    Sabato 24 febbraio alle ore 18:00, il più famoso simbolo di Roma, il Colosseo, si illuminerà di rosso come segno di solidarietà con tutti i perseguitati a causa della fede. L’iniziativa è promossa da ACS - Aiuto alla Chiesa che Soffre - la Fondazione Pontificia che supporta i cristiani oppressi in 140 Paesi di tutto il mondo.

    Contemporaneamente, la Cattedrale maronita di Sant’Elia ad Aleppo in Siria, e la Chiesa di San Paolo a Mosul in Iraq, saranno illuminate di rosso, simbolo del sangue dei Cristiani recentemente martirizzati.


    fonte: Vatican News
    Quest'anno la Giornata dei missionari martiri (24 marzo) coincide con la vigilia delle Palme, per noi ambrosiani Sabato in Traditione Symboli.

  6. #956
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,515
    Ringraziato
    2984
    Citazione Originariamente Scritto da Johannes Colombo Visualizza Messaggio
    Quest'anno la Giornata dei missionari martiri (24 marzo) coincide con la vigilia delle Palme, per noi ambrosiani Sabato in Traditione Symboli.
    Sì, ma l'iniziativa sopra riportata si svolgerà oggi, 24 febbraio e non riguarda i missionari martiri ma tutti i cristiani perseguitati.
    Oboedientia et Pax

  7. #957
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    215
    Ringraziato
    74
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Sì, ma l'iniziativa sopra riportata si svolgerà oggi, 24 febbraio e non riguarda i missionari martiri ma tutti i cristiani perseguitati.
    Ho visto. Se non sbaglio, è già qualche anno che a Roma si fa. Andrebbe estesa ad altre città.

  8. #958
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,515
    Ringraziato
    2984
    Card. Parolin al Colosseo: non può esistere un Medio Oriente senza cristiani
    La potenza del Signore agisce nei martiri cristiani: così il Segretario di Stato Vaticano cardinale Pietro Parolin portando il saluto del Papa alla manifestazione che ha visto il Colosseo colorarsi di rosso per ricordare il sangue dei cristiani dei primi secoli

    Michele Raviart e Gabriella Ceraso-Città del Vaticano

    “Per vincere l’indifferenza” contro i cristiani perseguitati nel mondo è stato scelto il simbolo per eccellenza di Roma, il Colosseo, che questa sera si è illuminato di rosso, il colore del sangue dei martiri. Un’iniziativa dedicata ai cristiani discriminati nel mondo per la loro fede,ai martiri in particolare in Siria ed in Iraq. Per questo a colorarsi di rosso sono state anche la Chiesa di San Paolo a Mosul, città recentemente liberata dall’occupazione degli estremisti dello Stato Islamico, che avevano cacciato tutta la popolazione cristiana, e la cattedrale maronita di Sant' Elia ad Aleppo, città simbolo della guerra che da sette anni sta devastando la Siria.

    L'indifferenza del mondo
    “Il saluto e la vicinanza del Papa” a tutti coloro che nel mondo si sono uniti oggi per ricordare i cristiani perseguitati, lo ha portato il Segretario di Stato Vaticano cardinale Pietro Parolin nel suo intervento alla manifestazione organizzata da Aiuto alla Chiesa che soffre. Il porporato ha evidenziato il “silenzio”, l’”indifferenza”, l’”inerzia” del mondo nei confronti delle sofferenze fisiche e morali dei perseguitati per la loro fede, non solo cristiani. Oggi come nei primi secoli, ha detto citando le parole del Papa, la “Chiesa è chiesa di martiri e l'anfiteatro Flavio ce lo ricorda". "Stasera ricordiamo tute le vittime dell'odio" e tutti coloro che sono privati della " libertà religiosa", lamentando il propagarsi di "una mentalità che non concede spazio per l'altro, "non integra, ma sopprime".

    Tornando a Dio possiamo essere artefici di pace
    Il cardinale Parolin ha testimoniato il digiuno e la preghiera che il Papa ha osservato per la Giornata del 23 febbraio dedicata al Sud Sudan e alla Repubblica democratica del Congo, ma in generale a tutti i Paesi in guerra; ha ribadito l'impegno e il sostegno continuo della Santa Sede per un Medio Oriente pacificato, soccorso dal punto di vista umanitario e sottoposto ad un progetto reale di negoziati. Non può esistere" un Medio Oriente senza i cristiani e senza il loro contributo". Il porporato ha incoraggiato a "tornare a Dio" per poter "essere artefici di pace" e "ricucire i rapporti umani e sociali". Presenziare alla manifestazione di Acs, ha sottolineato ancora, vuol dire anche"ribadire la potenza del Signore che agisce nei martiri di oggi che sono come il "chicco di grano che porta frutto", sono "testimoni del messaggio salvifico di Cristo".

    No alla logica perfida della legge sulla blasfemia
    Prendendo la parola poi il Segretario generale della Conferenza episcopale italiano, mons Nunzio Galantino, ha ribadito quanto il Colosseo colorato di rosso evochi subito "il sangue e il sacrificio per amore": in un "mondo come il nostro sempre più a corto di testimoni appassionati del Vangelo, in un mondo che fa di tutto per ridurre la portata rivoluzionaria del Vangelo siamo qui per dire grazie a tanti testimoni. Il loro martirio dice cha ha senso rimanere fedeli a Gesù". Occorre, sottolinea con forza, non solo " sentrci a loro vicini" ma fare di tutto per fermare la violenza a partire dalla logica perfida delle leggi contro la balsfemia, veri strumenti di sopraffazione".

    Le testimonianze a Roma

    Prima dell'accensione del Colosseo, le parole del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e, particolarmente toccanti, le immagini dalla Siria devastata dalla guerra. Quindi le testimonianze che, dinanzi a centinaia di persone presenti nonostante il freddo e la pioggia, hanno portato Ashiq Masih e Eisham Ashiq il marito e la figlia minore di Asia Bibi, imprigionata dal 2009 in Pakistan sulla base della terribile legge sulla blasfemia, e Rebecca Bitrus, ragazza nigeriana per due anni prigioniera di Boko Haram, che questa mattina sono stati ricevuti dal Papa. La manifestazione si è chiusa con la recita comune della preghiera di Pio XII, per la " Chiesa del silenzio", letta dal cardinale Mauro Piacenza.


    fonte: Vatican News
    Oboedientia et Pax

  9. #959
    Cronista di CR L'avatar di casimiriano
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Trento
    Età
    40
    Messaggi
    1,375
    Ringraziato
    63

    Pakistan: non si converte islam, il promesso sposo le dà fuoco

    L'ha cosparsa di cherosene e le ha dato fuoco: una ragazza cristiana è stata bruciata viva da un giovane musulmano in Pakistan, dopo che si era rifiutata di convertirsi all'islam per sposarlo. Asima, 24 anni, ha ora ustioni sull'80% del corpo ed è ricoverata in gravissime condizioni a Lahore. Lo riferisce la Bbc Urdu. L'aggressione è avvenuta nella città di Sialkot, nel Punjab. La polizia ha arrestato il ragazzo, Muhammad Rizwan.

    http://www.ansa.it/sito/notizie/mond...a9b93cc38.html
    Non abbiate paura

  10. #960
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jan 2015
    Località
    Roma
    Età
    72
    Messaggi
    1,982
    Ringraziato
    551
    Un ennesimo delitto dettato dalla intolleranza,dalla considerazione che la donna sia solo un oggetto e dell'integralismo musulmano, Quando finirà questa persecuzione? Una preghiera per la povera ragazza e per il suoc arnefice che si ravveda e si cnverta. Forse è utopia,ma rimettiamo tutto nelle mani di Dio.

Discussioni Simili

  1. i cristiani nel mondo.
    Di isvaldo nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 30-09-2010, 09:37
  2. Il male nel mondo
    Di est modus nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 10-03-2007, 00:04

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •