Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 12 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 115

Discussione: La situazione dei Cristiani in Terra Santa

  1. #1
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    Exclamation La situazione dei Cristiani in Terra Santa

    Mi giunge notizia tardivamente di un episodio che si qualifica da sè:
    la notizia è riferita dall'Adnkronos con una notizia di agenzia del Adnkronos 28 novembre 2008 e verte su una rappresaglia di sputi subita dai francescani di Gerusalemme da parte di giovanissimi ebrei ortodossi.
    Il link alla notizia è il seguente:
    http://www.libero-news.it/adnkronos/view/7468

    Riferisce l'Adnkronos: "L'episodio, si apprende, non e' isolato. Insomma, non e' la prima volta che accade."
    Potete leggere l'intera testimonianza di padre Rosario Pierri, un frate italiano docente presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, che non lascia alcun dubbio sulla gravita' dei fatti.

    La cosa peraltro è ricapitata più di recente. Da un articolo del quotidiano La Stampa del 17/2/2009 presente al link:
    http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tm...ne=396&sezione
    Riporto quanto apprendo dall'articolo:
    "Succede cioè che giovani studenti ebrei ultraortodossi, quelli con i riccioli lunghi, camicia bianca e vestito scuro, per intendersi, pratichino per le viuzze più antiche di Gerusalemme un esercizio sicuramente tra i meno sportivi e francamente repellenti: il lancio di saliva contro passanti di altra religione, nella fattispecie religiosi di fede cristiana."
    Ed ancora: " Domenica, ad esempio, uno studente ebreo ha sputato alla croce che veniva portata in processione vicino al Santo Sepolcro dall'arcivescovo armeno."

    Cosa dire ?

  2. #2
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    Il Corriere della Sera

    Sui francescani oggetto di sputi ecco a voi un articolo del Corriere della Sera:

    http://archiviostorico.corriere.it/2...81129004.shtml

  3. #3
    CierRino Assoluto L'avatar di Phantom
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Latina
    Età
    35
    Messaggi
    42,490
    Ringraziato
    2901

    Premi

    Semplicemente vergognoso da parte dei nostri Fratelli Maggiori!
    Ut unum sint. Giovanni 17;21

  4. #4
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    Mi permetto di specificare il tuo pensiero

    Citazione Originariamente Scritto da Phantom Visualizza Messaggio
    Semplicemente vergognoso da parte dei nostri Fratelli Maggiori!
    solo una frangia di giovanissimi non ulteriormente identificati si è finora comportata così.
    Pero' c'è da riflettere.
    Ultima modifica di Giannionni; 03-11-2009 alle 15:39

  5. #5
    Cronista di CR L'avatar di Sunshine
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    21,274
    Ringraziato
    3845

    Premi

    Proprio stamane avevo letto che in Terrasanta c'è un "giro di vite" per quanto riguarda i permessi di entrata e di soggiorno per i Sacerdoti e religiosi (penso solo cattolici):

    Israele restringe i visti per sacerdoti e religiosi in Terra Santa
    Negato il visto a due sacerdoti africani; il visto per sacerdoti europei ridotto a un anno. Le autorità ecclesiastiche preoccupate e (per ora) timorose di alzare la voce per paura delle conseguenze. La causa delle restrizioni: il fondamentalismo del partito Shas, ritornato a controllare il ministero degli Interni nel nuovo governo Netanyahu. Nuove difficoltà si aprono ogni giorno per la Chiesa in Terra Santa, e non solo dal punto di vista fiscale…

    Tel Aviv (AsiaNews) – Il ministero israeliano degli Interni sta rifiutando visti di entrata a sacerdoti e membri di ordini religiosi e sta anche riducendo il loro periodo di permanenza in Terra Santa. Fra essi non vi sono solo personalità del mondo arabo, ma anche notissime personalità ed esperti biblici dall’Europa e dall’Africa. La politica restrittiva si è acutizzata da quanto lo Shas, il partito fondamentalista, è ritornato a controllare il ministero degli Interni nel nuovo governo Netanyahu. Esso sta provocando nuove difficoltà ne rapporto fra Israele e la Chiesa cattolica e il Vaticano.
    L’ultima tornata dei negoziati fra Santa Sede e Israele si è conclusa il 29 ottobre. In modo prevedibile, si è riaffermata la buona “atmosfera” e la reciproca buona volontà, sebbene non vi sia alcun segno sul quando sarà varato l’Accordo tanto atteso. È pur vero che diversi osservatori guardano come un segnale positivo l’aver fissato altri due giorni di lavoro nella sessione di novembre, e la Plenaria per il 10 dicembre in Vaticano. In essa, per la prima volta, la delegazione vaticana sarà guidata da mons. Ettore Balestrero, nuovo Sottosegretario per i rapporti con gli Stati.
    Come si sa, l’Accordo in discussione da più di 10 anni, intende giungere a ridare sicurezza alla Chiesa in Israele, riconfermando la storica esenzione dalle tasse e salvaguardando la proprietà dei Luoghi santi.
    Eppure nuove difficoltà si aprono ogni giorno per la Chiesa, e non solo dal punto di vista fiscale.
    Il ritorno dello Shas alla guida del ministero degli Interni sta portando nuovi problemi ai sacerdoti e ai religiosi. Nella natura delle cose in Terra Santa, la maggioranza di essi, che vengono da altri Paesi, hanno bisogno di un permesso di entrata nello Stato perché possano lavorarvi.
    Nei primi anni di vita dello Stato d’Israele, essi avevano la possibilità di divenire residenti (sebbene anche allora, veniva loro negata sempre la cittadinanza). In seguito, lo Stato ha attuato una politica di diniego della residenza, offrendo solo dei visa che necessitano essere rinnovati dopo un certo periodo.
    All’inizio questi visa erano dati per cinque anni alla volta; in seguito il periodo è stato ridotto a due anni per gli europei, a un anno per cittadini di Paesi arabi (citando preoccupazioni di sicurezza).
    L’ultima volta che lo Shas ha controllato il ministero degli Esteri, diversi anni fa, l’emissione e il rinnovo dei visti sono stati fermati in blocco. Dall’oggi al domani circa 200 personalità ecclesiastiche sono stati ridotti a migranti illegali e hanno rischiato l’arresto e la deportazione.
    Solo la diffusione della notizia nell’opinione pubblica mondiale e una forte pressione internazionale ha permesso la riapertura dei visti, seppure con condizioni peggiori.
    A tutt’oggi fonti ecclesiali affermano che i problemi rimangono e non sono confinati solo a religiosi o sacerdoti provenienti da Paesi arabi. Almeno due preti africani, attesi a Gerusalemme per lavorare in un centro di studi biblici, non hanno ricevuto il visto. A diversi sacerdoti europei, che pure hanno lavorato e vissuto in Israele per molti anni, è stato negato perfino il visto per due anni. Alcuni hanno ricevuto il visto solo per un anno, sebbene essi siano molto noti e Israele sia stata la loro casa per tanto tempo.
    Ciò che è in gioco è il carattere internazionale della presenza della Chiesa cattolica nella Terra Santa. Come Roma, anche la Terra Santa è un luogo dove appare evidente l’universalità della Chiesa cattolica. Se a seminaristi, preti, religiosi da tutto il mondo si rende impossibile il lavoro, la preghiera, la pastorale in Terra Santa, in pratica si minaccia questo carattere specifico (universalità) della presenza della Chiesa nella terra del Redentore.
    Le autorità cattoliche in Terra Santa, profondamente preoccupate da quanto succede, sono però esitanti nell’alzare la voce, per timore che ogni dichiarazione pubblica possa avere conseguenze negative sulle loro istituzioni. Ma è possibile che a breve scoppi una nuova “crisi dei visti” se la direzione non viene corretta.
    Per persuadere lo Stato a riprendersi il controllo dei visti, togliendolo ai fondamentalisti, le autorità ecclesiastiche possono basarsi proprio sull’Accordo Fondamentale fra la Santa Sede e lo Stato di Israele del 1993. In esso, all’art.3, Par. 2, si afferma che lo Stato riconosce il diritto della Chiesa a “dispiegare” il proprio personale in Israele.
    Il frate francescano p. David Maria A. Jaeger è un noto esperto nelle relazioni Chiesa-Stato in Israele. Egli è stato parte del gruppo bilaterale che ha scritto l’Accordo. Raggiunto da AsiaNews egli conferma che il senso di quanto scritto nell’Accordo e in riferimento alla libertà del personale ecclesiastico di entrare in Terra Santa, fa notare l’uso non comune della parola “dispiegare”.
    “Naturalmente – aggiunge – più oltre nel testo la Chiesa riconosce il diritto dello Stato di garantire la sicurezza della sua gente. Nel presente contesto, ciò significa che lo Stato può in buona fede rifiutare il permesso di entrata a individui che potrebbero mettere a rischio la sicurezza pubblica; ma d’altro canto, lo Stato non può sostituirsi al giudizio della Chiesa per ciò che riguarda il personale che essa voglia ‘dispiegare’ in Israele per le sue istituzioni e per i suoi scopi, da qualunque parte del mondo essi vengano”.
    P. Jaeger ha precisato che egli non vuole commentare i fatti e le violazioni di cui si parla. Come giurista, egli dice, “ho fiducia che la chiave per la soluzione di ogni difficoltà su questo punto sta proprio nell’Accordo Fondamentale del 1993”.
    di Arieh Cohen

    Fonte: http://www.fattisentire.org/modules....ticle&sid=3313
    Vedrai una città regale addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova (F. Petrarca)

  6. #6
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    2000 anni fa a Gerusalemme

    dal Vangelo secondo Marco cap. 15 ver.16-20:

    "Allora i soldati [ROMANI] lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la coorte. Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. Cominciarono poi a salutarlo: "Salve, re dei Giudei!". E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui. Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo."
    Ultima modifica di Giannionni; 03-11-2009 alle 16:15

  7. #7
    Veterano di CR L'avatar di alb
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Torino
    Età
    61
    Messaggi
    1,322
    Ringraziato
    0
    Israele - assieme a alcuni paesi arabi - è uno dei pochi stati al mondo (beh, in realtà anche il Regno Unito, stante il divieto a che il re possa essere cattolico...) dove esiste una discriminazione in base alla religione.
    Ma di questo nessuno si preoccupa.
    Chissà perché il "politically correct" non sfiora mai Israele.

  8. #8
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    Oggi "solo" sputi, ma domani ?

    Oggi la questione sono gli sputi, "solo" sputi come qualcuno potrebbe sottolineare.
    E domani ? Assisteremo ad un nuovo genere di attentati in Terrasanta ?
    Ci sono dei precedenti notevoli ed inquietanti:

    dagli Atti degli Apostoli cap. 7 ver. 55-58
    "Ma Stefano, pieno di Spirito Santo, fissando gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla sua destra e disse: "Ecco, io contemplo i cieli aperti e il Figlio dell'uomo che sta alla destra di Dio". Proruppero allora in grida altissime turandosi gli orecchi; poi si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo."

  9. #9
    utente cancellato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    220
    Ringraziato
    0

    Guardiamo invece ad un bellissimo gesto di buona volontà

    Riporto quanto segue dal sito:
    http://www.centro-peirone.it/Alhiwar..._00/200_04.htm

    "Il disarmato Francesco fu ricevuto con cortesia da Mâlik al-Kâmil, nipote del più famoso Salâh al-Dîn/Saladino, che si dimostrò persona aperta alla reciprocità del dialogo (Assisi conserva ancora i doni offerti a Francesco) e l'evento storico, riportato da numerose fonti francescane, ha lasciato tracce prima nel capitolo 16 della Regola non bollata (del 1221) e successivamente, anche se con minore efficacia, nel capitolo 12 della Bollata (1223)."

    Questo racconto di san Francesco e del sultano sembra invece poter aprire nuove ed insperate frontiere di pace per la terra che vide la nascita del Bambino Gesù.

  10. #10
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    Milano
    Età
    55
    Messaggi
    2
    Ringraziato
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Osservatore Visualizza Messaggio
    Sui francescani oggetto di sputi ecco a voi un articolo del Corriere della Sera:

    http://archiviostorico.corriere.it/2...81129004.shtml
    E' una cosa triste e biasimabile, credendo tutti nel medesimo Dio. Ma evitiamo di colpevolizzi troppo. Non dimentichiamo che altre "religioni" i cristiani li bruciano vivi o li sgozzano o li vessano da secoli (vds la dihmmi islamica).

Discussioni Simili

  1. Risposte: 277
    Ultimo Messaggio: 13-03-2017, 15:57
  2. Risposte: 116
    Ultimo Messaggio: 13-08-2015, 12:25
  3. T.O.R. e francescani rinnovati
    Di gian nel forum Principale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 01-07-2013, 13:41

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •