Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 75

Discussione: Penitenzieria apostolica: informazioni e attività

  1. #1
    Nuovo iscritto L'avatar di Dariosixsix
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Pisa
    Messaggi
    44
    Ringraziato
    0

    "Tribunale delle anime"

    Ho visto in televisione un servizio sul" Tribunale delle anime" ovvero la Penitenzieria Apostolica (spero di non aver sbagliato!) la quale viene chiamata in causa per poter dare l'assoluzione in caso di peccati gravi cui non è sufficiente la normale assoluzione del sacerdote.Alcuni esempi che venivano fatti sono: la profanazione di ostie consacrate, l'aborto con conseguente scomunica(ma non l'omicidio)e il non rispetto del segreto confesionale da parte di sacerdoti.Chi sà dare più delucidazioni in merito?Non sò se ho postato nella sezione giusta.

  2. #2
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Messaggi
    8,846
    Ringraziato
    816

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Dariosixsix Visualizza Messaggio
    Ho visto in televisione un servizio sul" Tribunale delle anime" ovvero la Penitenzieria Apostolica (spero di non aver sbagliato!) la quale viene chiamata in causa per poter dare l'assoluzione in caso di peccati gravi cui non è sufficiente la normale assoluzione del sacerdote.Alcuni esempi che venivano fatti sono: la profanazione di ostie consacrate, l'aborto con conseguente scomunica(ma non l'omicidio)e il non rispetto del segreto confesionale da parte di sacerdoti.Chi sà dare più delucidazioni in merito?Non sò se ho postato nella sezione giusta.
    Non ho capito bene la richiesta, ma se quello che chiedi è quali sono le competenze della Pentinzeria Apostolica puoi leggere qui:

    http://www.vatican.va/roman_curia/tr...rofile_it.html

    O ancor meglio direttamente dal sito della Penitenzeria:

    http://ts.catholica.va:8081/http://p...?pag=prae1.htm

  3. #3
    Gran CierRino L'avatar di Ismael
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Groningen
    Età
    39
    Messaggi
    8,495
    Ringraziato
    20
    Citazione Originariamente Scritto da Dariosixsix Visualizza Messaggio
    Ho visto in televisione un servizio sul" Tribunale delle anime" ovvero la Penitenzieria Apostolica (spero di non aver sbagliato!) la quale viene chiamata in causa per poter dare l'assoluzione in caso di peccati gravi cui non è sufficiente la normale assoluzione del sacerdote.Alcuni esempi che venivano fatti sono: la profanazione di ostie consacrate, l'aborto con conseguente scomunica(ma non l'omicidio)e il non rispetto del segreto confesionale da parte di sacerdoti.Chi sà dare più delucidazioni in merito?Non sò se ho postato nella sezione giusta.
    Non si tratta il perdono del peccato ma il sollevamento della scomunica, che sono due cose diverse.

    Alcuni atti, come la profanazione delle ostie e l'aborto, danno anche come conseguenza la scomunica latae sententiae (automatica), come ben dici, e possono essere sollevate solo dalla Santa Sede (o chi delegato).

    Il peccato causato da queste colpe e perdonato nel semplice sacramento della penitenza da qualsiasi prelato, ma la scomunica, come pena canonica di questi atti, può essere sollevata dalla S. Sede, ma non sono sicuro che sia la penitenzieria apostolica.

    Tra l'altro non tutte le scomuniche sono di questo tipo, alcune, sono sollevate al momento in cui ci si confessa. un esempio è la apostasia. Chi abbandona la fede cattolica per un'altra. Chi poi ritorna alla fede cattolica la sua scomunica è pure revocata automaticamente.

    l'aborto con conseguente scomunica(ma non l'omicidio)
    L'aborto è ritenuto una forma assai grave e perversa di omicidio volontario. Soprattutto perchè si uccide una vita innocente.

  4. #4
    Iscritto L'avatar di Arciprete
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    359
    Ringraziato
    0
    Ma se uno fosse scomunicato latae sententiae per avere l'assoluzione come dovrebbe fare ?????

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    -
    Età
    51
    Messaggi
    290
    Ringraziato
    13
    Citazione Originariamente Scritto da Arciprete Visualizza Messaggio
    Ma se uno fosse scomunicato latae sententiae per avere l'assoluzione come dovrebbe fare ?????

    Premesso che incorre nella scomunica latae sententiae solo chi è a conoscenza della pena al momento del delitto, la remissione dalla scomunica è data dall'Ordinario, dal canonico penitenziere della cattedrale, dal sacerdote che ne abbia ricevuto la facoltà.
    Se l'assoluzione è riservata alla Sede Apostolica è necessario ricorrere alla Penitenzieria Apostolica, di solito tramite il confessore che scrive descrivendo il caso tacendo ovviamente il nome del penitente.
    P.S. l'aborto procurato prevede la scomunica latae sententiae, ma NON è riservata alla Sede Apostolica, pertanto è sufficiente l'intervento dell'Ordinario o del Canonico penitenziere o di chi comunque abbia la facoltà.

  6. #6
    Gran CierRino L'avatar di Ismael
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Groningen
    Età
    39
    Messaggi
    8,495
    Ringraziato
    20
    Citazione Originariamente Scritto da alexbenax Visualizza Messaggio
    P.S. l'aborto procurato prevede la scomunica latae sententiae, ma NON è riservata alla Sede Apostolica, pertanto è sufficiente l'intervento dell'Ordinario o del Canonico penitenziere o di chi comunque abbia la facoltà.
    Mi pare che le cose siano cambiate, attenti!

    Di recente l'aborto volontario (sia per la donna che lo commette che il medico che la assiste) è riservato.

    Il CIC:

    1398: pena di scomunica latae sententiae per chi procura l'aborto.
    Il commento sotto riporta che la scomunica è riservata al vescovo eparchiale, secondo il CIC delle Chiese Orientali. Credo che anche per la Chiesa latina la riserva sia per il verscovo della dicoesi.

  7. #7
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    -
    Età
    51
    Messaggi
    290
    Ringraziato
    13
    Citazione Originariamente Scritto da Ismael Visualizza Messaggio
    Mi pare che le cose siano cambiate, attenti!

    Di recente l'aborto volontario (sia per la donna che lo commette che il medico che la assiste) è riservato.

    Il CIC:

    1398: pena di scomunica latae sententiae per chi procura l'aborto.
    Il commento sotto riporta che la scomunica è riservata al vescovo eparchiale, secondo il CIC delle Chiese Orientali. Credo che anche per la Chiesa latina la riserva sia per il verscovo della dicoesi.


    Ma che razza di risposta è "credo che anche per la chiesa latina..."? Dal vangelo secondo me? Su temi delicati come questo non si possono azzardare opinioni, si cita il codice.
    E il codice non pone nessuna riserva né alla Sede Apostolica né al vescovo diocesano, dunque nel caso dell'aborto procurato la scomunica può essere rimossa dall'Ordinario, dal Penitenziere, da chi ne abbia facoltà.
    Se poi vai a vedere il CCEO can. 728 trovi che la norma è prevista come eccezione per l'assoluzione del peccato, concetto ben diverso dalla remissione della scomunica nel CIC: quando una materia è trattata in modo così diverso non è ipotizzabile un'analogia.

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Anacapri
    Messaggi
    150
    Ringraziato
    0

    Penitenzieria apostolica: informazioni e attività

    Che cosa sapete dirmi della penitenzieria apostolica ?
    Ultima modifica di angelus; 08-07-2010 alle 01:53

  9. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    52,185
    Ringraziato
    3451
    PENITENZIERIA APOSTOLICA

    Per le assoluzioni dalle censure e per le dispense riservate al Sommo Pontefice, dalla fine del sec. XII si menziona il Cardinalis qui confessiones pro papa recipit, chiamato poenitentiarius sotto Onorio III (1216-27) poi poenitentiarius generalis o maior da Clemente V. Le sue facoltà non si estinguono con la morte del Papa (1311-1312). Fu assistito sin dal principio dai cappellani penitenzieri (poi minores), che sussistono anche oggi nelle quattro basiliche patriarcali dell'Urbe.
    Già nel sec. XIII si trovano correctores, scriptores, distributores ed il sigillator; Benedetto XII aggiunse l'ufficio del doctor expertus in iure canonico (13 apr. 1338). L'ufficio del reggente esiste sotto Eugenio IV (13 apr. 1438), quello del datarius sotto Alessandro VI. San Pio V, dopo aver revocato completamente le facoltà del Cardinale Penitenziere e soppresso la Penitenzieria stessa (23 apr. 1569), la ricostituì (18 magg. 1569) radicalmente riformata, riducendo ad un minimo le facoltà del Cardinale Penitenziere in foro externo, e creando tra gli uffici il teologo (per privilegio riservato alla Compagnia di Gesù) e il canonista. Un nuovo riordinamento delle facoltà e della procedura si ebbe sotto Benedetto XIV (13 apr. 1744), le cui costituzioni rimasero, con alcune modificazioni, in vigore anche nelle riforme di San Pio X, che restrinse definitivamente la competenza al foro interno, e di Benedetto XV, che staccò dal Santo Uffizio la sezione delle Indulgenze, aggregandola alla Penitenzieria (25 mar. 1935), e servirono di base alla Cost. Quae divinitus di Pio XI (25 mar. 1935).
    La Costituzione Apostolica Pastor Bonus (28 giu. 1988) conferma che la competenza del Tribunale della Penitenzieria comprende tutto ciò che spetta al foro interno anche non sacramentale ed inoltre tutto ciò che spetta alle concessioni e all'uso delle indulgenze, salvo il diritto della Congregazione della Dottrina della Fede di esaminare quanto riguarda la dottrina dommatica circa le indulgenze.
    Il Reggente con due Officiali esamina le singole pratiche nel Congresso quotidiano; i Prelati della Penitenzieria si riuniscono periodicamente sotto la presidenza del Cardinale Penitenziere Maggiore, di cui formano il Consiglio, nel consesso detto Signatura Paenitentiariae Apostolicae, per esaminare quelle pratiche che, presentando particolari difficoltà, richiedono uno studio approfondito.




    http://www.vatican.va/roman_curia/tr...rofile_it.html
    Factum est verbum Dei super Ioannem Zachariae filium in deserto.
    Et venit in omnem regionem circa Iordanem praedicans baptismum paenitentiae.
    (Luc. 3,2-3)

  10. #10
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    52,185
    Ringraziato
    3451
    LA STRUTTURA DELLA PENITENZIERIA APOSTOLICA


    PRESIDENTE


    S.E. Card. MAURO PIACENZA

    15.09.1944: nato a Genova (Italia)
    21.12.1969: riceve l'Ordinazione Presbiterale per l'Arcidiocesi di Genova
    11.03.2000: nominato Sotto-segretario della Congregazione per il Clero
    13.10.2003: eletto Vescovo titolare di Vittoriana e nominato Presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa
    15.11.2003: riceve l'Ordinazione Episcopale dalle mani del Card. Tarcisio Bertone, S.D.B., Arcivescovo di Genova
    28.08.2004: nominato anche Presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra
    07.05.2007: nominato Segretario della Congregazione per il Clero
    07.10.2010: nominato Prefetto della Congregazione per il Clero
    20.11.2010: creato Cardinale Diacono di San Paolo alle Tre Fontane da Papa Benedetto XVI
    28.02.2013: cessa temporaneamente dall'incarico di Prefetto della Congregazione per il Clero a motivo della vacanza della Sede Apostolica a seguito della rinuncia al Pontificato da parte di Papa Benedetto XVI
    16.03.2013: confermato donec aliter provideatur nel summenzionato incarico dal nuovo Papa Francesco
    21.09.2013: nominato Penitenziere Maggiore della Penitenzieria Apostolica
    dati ricavati da Catholic Hierarchy e dal Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede del 13.10.2003


    REGGENTE


    Rev. Mons. KRZYSZTOF JOZEF NYKIEL

    28.02.1965: nato a Osjaków (Polonia)
    09.06.1990: riceve l'Ordinazione Presbiterale per l'Arcidiocesi di Łódź
    01.07.2002: nominato Officiale della Congregazione per la Dottrina della Fede
    26.06.2012: nominato Reggente della Penitenzieria Apostolica
    dati ricavati dal Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede del 26.06.2012
    Ultima modifica di Vox Populi; 15-02-2014 alle 15:23
    Factum est verbum Dei super Ioannem Zachariae filium in deserto.
    Et venit in omnem regionem circa Iordanem praedicans baptismum paenitentiae.
    (Luc. 3,2-3)

Discussioni Simili

  1. Biblioteca Apostolica Vaticana
    Di WIlPapa nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 04-12-2018, 18:17
  2. Successione apostolica
    Di fra4481 nel forum Ecumenismo e Dialogo
    Risposte: 285
    Ultimo Messaggio: 13-09-2010, 16:06
  3. Parroco e bnedizione apostolica
    Di chierichetto87 nel forum Diritto Canonico
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-05-2007, 18:54

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •