Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 34 di 34 PrimaPrima ... 24323334
Risultati da 331 a 337 di 337

Discussione: La Chiesa Cattolica negli Stati Uniti d'America

  1. #331
    Saggio del Forum L'avatar di Nathaniel
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3,055
    Ringraziato
    560
    Un vescovo “boat-people” per la California
    Papa Francesco ha nominato padre Thanh Thai Nguyen vescovo ausiliare di Orange, la diocesi dove vive la più folta comunità cattolica vietnamita della diaspora

    http://www.lastampa.it/2017/10/06/va...BN/pagina.html

  2. #332
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    51,666
    Ringraziato
    3331
    Vescovi Usa: si a modifiche Obamacare su aborto e contraccezione

    “Un ritorno al buon senso
    , a una pratica federale antica e alla pacifica convivenza tra Chiesa e Stato”. I vescovi degli Stati Uniti salutano con soddisfazione l’annuncio dell’Amministrazione Trump, il 6 ottobre, dell’introduzione di un’ampia "esenzione morale e religiosa" dagli obblighi assicurativi previsti dall’Obamacare, la riforma sanitaria del Presidente Obama.

    Dopo un annoso braccio di ferro che ha coinvolto anche la Corte Suprema, gli enti e le organizzazioni confessionali non saranno così più obbligati a sottoscrivere piani assicurativi sanitari per i propri dipendenti che prevedono anche il rimborso di servizi abortivi e contraccettivi, contravvenendo così ai propri principi etici.

    Per i vescovi la misura annunciata non è un’innovazione, ma “corregge un’anomalia normativa con non avrebbe mai dovuto avere luogo e che non si deve ripetere”. In questo senso si esprime una nota firmata dal card. Daniel N. DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston e presidente della Conferenza episcopale statunitense (Usccb) e da mons. William E. Lori, arcivescovo di Baltimora e presidente della Commissione episcopale per la libertà religiosa.

    La nota sottolinea che il nuovo provvedimento è una buona notizia non solo per le organizzazioni coinvolte, ma per tutti gli americani: “Una misura coercitiva di un governo che obbliga le persone a fare una scelta impossibile tra l’obbedienza alla propria coscienza e l’obbedienza alla chiamata a servire i poveri è dannosa non solo per i cattolici, ma per il bene comune. La libertà religiosa – aggiunge - è un diritto fondamentale per tutti e quando è minacciata per alcuni, è minacciata per tutti”. (a cura di Lisa Zengarini)


    fonte: Radio Vaticana
    Oboedientia et Pax

  3. Il seguente utente ringrazia Vox Populi per questo messaggio:

    Mystica Viola (10-10-2017)

  4. #333
    Fedelissimo di CR L'avatar di macrina
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    Italia
    Età
    38
    Messaggi
    3,358
    Ringraziato
    948
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Vescovi Usa: si a modifiche Obamacare su aborto e contraccezione

    “Un ritorno al buon senso
    , a una pratica federale antica e alla pacifica convivenza tra Chiesa e Stato”. I vescovi degli Stati Uniti salutano con soddisfazione l’annuncio dell’Amministrazione Trump, il 6 ottobre, dell’introduzione di un’ampia "esenzione morale e religiosa" dagli obblighi assicurativi previsti dall’Obamacare, la riforma sanitaria del Presidente Obama.

    Dopo un annoso braccio di ferro che ha coinvolto anche la Corte Suprema, gli enti e le organizzazioni confessionali non saranno così più obbligati a sottoscrivere piani assicurativi sanitari per i propri dipendenti che prevedono anche il rimborso di servizi abortivi e contraccettivi, contravvenendo così ai propri principi etici.

    Per i vescovi la misura annunciata non è un’innovazione, ma “corregge un’anomalia normativa con non avrebbe mai dovuto avere luogo e che non si deve ripetere”. In questo senso si esprime una nota firmata dal card. Daniel N. DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston e presidente della Conferenza episcopale statunitense (Usccb) e da mons. William E. Lori, arcivescovo di Baltimora e presidente della Commissione episcopale per la libertà religiosa.

    La nota sottolinea che il nuovo provvedimento è una buona notizia non solo per le organizzazioni coinvolte, ma per tutti gli americani: “Una misura coercitiva di un governo che obbliga le persone a fare una scelta impossibile tra l’obbedienza alla propria coscienza e l’obbedienza alla chiamata a servire i poveri è dannosa non solo per i cattolici, ma per il bene comune. La libertà religiosa – aggiunge - è un diritto fondamentale per tutti e quando è minacciata per alcuni, è minacciata per tutti”. (a cura di Lisa Zengarini)


    fonte: Radio Vaticana
    Splendida notizia, speriamo diventi presto realtà...

    Così toglierà pure tutti gli alibi alle istituzioni cattoliche o cristiane conservatrici che, grazie all'Obamacare, hanno risparmiato un sacco di soldi.

    E poi spero che prima o poi i vescovi americani parlino anche di temi propositivi per la difesa della vita e della famiglia: tipo introdurre il congedo per maternità.

    Credo gli USA siano l'unico paese occidentale a non prevederlo per legge e non ho mai sentito un vescovo o sacerdote che ne parlasse.

  5. #334
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    428
    Ringraziato
    132
    Citazione Originariamente Scritto da macrina Visualizza Messaggio
    Splendida notizia, speriamo diventi presto realtà...

    Così toglierà pure tutti gli alibi alle istituzioni cattoliche o cristiane conservatrici che, grazie all'Obamacare, hanno risparmiato un sacco di soldi.

    E poi spero che prima o poi i vescovi americani parlino anche di temi propositivi per la difesa della vita e della famiglia: tipo introdurre il congedo per maternità.

    Credo gli USA siano l'unico paese occidentale a non prevederlo per legge e non ho mai sentito un vescovo o sacerdote che ne parlasse.
    Non riesco a capire perché le istituzioni conservatrici americane dovrebbero sentirsi sconfitte.

  6. #335
    Triumviro di Liturgie papali L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Diocesi di Alba
    Messaggi
    6,196
    Ringraziato
    2232

    Premi

    Post Assemblea Plenaria USCCB - Baltimora, 13-14 novembre 2017

    Si chiude oggi, a Baltimora, l'Assemblea annuale dei Vescovi statunitensi, quest'anno particolarmente ricca di significato perché ricorre il centenario della nascita della Conferenza (ragion per cui è stato ospite il Card. Parolin).
    Sono stati pubblicati gli esiti degli scrutini per le cariche che andavano rinnovate, e ci sono state sorprese significative: a parte l'elezione dell'Arcivescovo di Detroit Allen Vigneron a Segretario della USCCB, che ne conferma il grande seguito a dispetto della porpora ad oggi ancora negata, la vera notizia - che giustamente Rocco Palmo paragona a quanto avvenuto nel 2010, con Dolan eletto a sorpresa presidente "al posto di" Mons. Kicanas - riguarda la Commissione episcopale per la vita. Il candidato favorito per la presidenza, il Cardinale Blase Cupich di Chicago, è stato a sorpresa superato nello scrutinio dall'Arcivescovo di Kansas City Joseph F. Naumann, che perciò succede al Card. Dolan in questo delicato ruolo. E' la prima volta dagli anni '80 che la carica non viene assegnata ad un Cardinale.
    Sul punto un articolo di qualche giorno fa di Crux: Cupich v. Naumann: A referendum on pro-life policy, papal priorities.

    Questo l'esito complessivo degli scrutini:


    Domani avrà luogo l'elezione dei delegati per il Sinodo del prossimo anno.


  7. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Mystica Viola (27-11-2017), Venegonese (14-11-2017)

  8. #336
    Saggio del Forum L'avatar di Nathaniel
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3,055
    Ringraziato
    560
    Primo santo guerriero "pellerossa"
    Da vescovi Usa ok a "processo" per il leggendario capo Sioux

    (ANSA) - NEW YORK, 28 DIC - Alce Nero sarà santo: questo l'impegno dei vescovi americani che nella loro ultima conferenza a Baltimora hanno approvato l'avvio del processo che, in caso di conclusione favorevole, vedrà il leggendario capo Sioux innalzato agli onori degli altari: il primo guerriero "pellerossa" e uno dei pochi nord-americani. Alce Nero (Black Elk), che da bambino combatté a Little Big Horn contro il generale Custer, e che girò il mondo con Buffalo Bill e vide gli orrori del massacro dei Sioux a Wounded Knee, era cattolico.
    Dopo il battesimo nel 1904, il più influente leader indiano del ventesimo secolo battezzò centinaia di Sioux e altri indiani, insegnando la Bibbia, celebrando messe, predicando sermoni e vivendo una vita umile fino alla morte nel 1950 in una riserva del South Dakota. I missionari che lo battezzarono nel giorno di San Nicola gli diedero Nicholas come nome da cristiano.
    Nell'ottobre del 2012 era stata già canonizzata da Benedetto XVI Kateri Tekakwitha (1656-1680), patrona del Canada e 'amerinda'.

    http://www.ansa.it/sito/notizie/topn...d7d3de5f0.html

  9. Il seguente utente ringrazia Nathaniel per questo messaggio:

    Mystica Viola (11-02-2018)

  10. #337

  11. 3 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Mystica Viola (11-02-2018), Phantom (07-02-2018), Sunshine (07-02-2018)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •