Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

Discussione: Viaggio Apostolico di Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti (3-5 febbraio 2019)

  1. #1
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707

    Viaggio Apostolico di Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti (3-5 febbraio 2019)

    Dichiarazione del Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, 06.12.2018


    Testo in lingua italiana


    Accogliendo l’invito di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, Príncipe ereditario di Abu Dhabi, Sua Santità Papa Francesco visiterà Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), ‪dal 3 al 5 febbraio 2019, per partecipare all’Incontro Interreligioso Internazionale sulla “Fratellanza Umana”.

    La visita avviene anche in risposta all'invito della Chiesa Cattolica negli Emirati Arabi Uniti.

    [01975-IT.01] [Testo originale: Italiano]

    (...)


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede
    «Si non paenitentiam egeritis, omnes similiter peribitis»
    (Luc. 13, 5)

  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707
    Papa negli Emirati Arabi: il tema e il logo del viaggio



    “Make me a channel of your pace” (Rendimi uno strumento della tua pace, ndr.). È questo il tema del viaggio che Papa Francesco compirà negli Emirati Arabi, dal 3 al 5 febbraio 2019. “Il tema, preso dalle parole di apertura della Preghiera per la Pace di San Francesco – spiega il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, che ha dato oggi l’annuncio della visita ai giornalisti – esprime la nostra preghiera affinché la visita di Papa Francesco negli Emirati Arabi possa diffondere in modo speciale la pace di Dio nel cuori di tutta la gente di buona volontà”. “La pace di Dio fa cessare qualsiasi forma di ostilità tra gli esseri umani e accompagna la Buona Notizia proclamata da Gesù Cristo di un Dio che riconcilia il mondo a se stesso”, aggiunge. Il logo della visita è una colomba che porta un ramo d’ulivo. Il colori della colomba, bianco contornato di giallo, sono presi dai colori della bandiera vaticana. I colori della bandiera degli Emirati Arabi Uniti sono incorporati all’ala della colomba, simbolo della visita del Papa nel Paese come araldo di pace.


    fonte: SIR
    «Si non paenitentiam egeritis, omnes similiter peribitis»
    (Luc. 13, 5)

  3. #3
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Località
    Albano Laziale
    Età
    62
    Messaggi
    201
    Ringraziato
    80
    Bellissima notizia. Però mi sembra che sia stata lasciata in ombra dalla stampa ordinaria.

    Comunque sono riuscito a trovarla su un quotidiano online di lingua inglese degli Emirati Arabi (anche se non in posizione principale):

    Gulf News - Pope to visit United Arab Emirates in February

    Il quotidiano riporta tra l'altro le dichiarazioni su Twitter di due sceicchi.

    Lo sceicco Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, dice: Accogliamo con piacere la notizia della visita di Papa Francesco negli EAU nel prossimo febbraio - una visita che rafforzerà i nostri legami e la comprensione reciproca, potenzierà il dialogo interreligioso e ci aiuterà a lavorare insieme per mantenere e costruire la pace tra le nazioni del mondo.

    Lo sceicco Mohammad Bin Zayed, principe ereditario di Abu Dhabi,(*) a cui è attribuito l'invito a cui ha risposto il papa, dice: Gli EAU sono felici di dare il benvenuto a Sua Santità Papa Francesco per l'imminente visita negli EAU. Egli è un simbolo di pace, tolleranza e promozione della fratellanza. Aspettiamo con ansia una visita storica, attraverso la quale cercheremo un dialogo sulla coesistenza pacifica tra i popoli.

    (*) Vale la pena di ricordare che Abu Dhabi è la sede del Vicariato Apostolico dell'Arabia Meridionale.

  4. Il seguente utente ringrazia raffadalbo per questo messaggio:

    Ultimitempi (08-12-2018)

  5. #4
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707
    Viaggio Apostolico di Sua Santità Francesco negli Emirati Arabi Uniti (3-5 febbraio 2019) - Programma, 12.12.2018


    Domenica 3 febbraio 2019
    ROMA – ABU DHABI
    13:00 Partenza in aereo da Roma/Fiumicino per Abu Dhabi
    22:00 Arrivo all’Aeroporto Presidenziale di Abu Dhabi
    ACCOGLIENZA UFFICIALE
    Lunedì 4 febbraio 2019
    ABU DHABI
    12:00 CERIMONIA DI BENVENUTO all’ingresso principale del Palazzo Presidenziale
    12:20 VISITA UFFICIALE AL PRINCIPE EREDITARIO nel Palazzo Presidenziale
    17:00 INCONTRO PRIVATO CON I MEMBRI DEL MUSLIM COUNCIL OF ELDERS nella Gran Moschea dello Sceicco Zayed
    18:10 INCONTRO INTERRELIGIOSO nel Founder’s Memorial
    Discorso del Santo Padre
    Martedì 5 febbraio 2019
    ABU DHABI – ROMA
    09:15 VISITA IN PRIVATO ALLA CATTEDRALE
    10:30 SANTA MESSA nello ZAYED SPORTS CITY
    Omelia del Santo Padre
    12:40 CERIMONIA DI CONGEDO all’Aeroporto Presidenziale di Abu Dhabi
    13:00 Partenza in aereo per Roma
    17:00 Arrivo all’Aeroporto Internazionale di Roma/Ciampino
    [02028-IT.01]
    [B0929-XX.01]


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede

  6. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Località
    Albano Laziale
    Età
    62
    Messaggi
    201
    Ringraziato
    80

    Anno della Tolleranza

    La visita del papa sembra si svolgerà in un clima molto propizio.

    Ieri, sabato 15 dicembre, il presidente degli Emirati Arabi Uniti ha dichiarato il 2019 "Anno della Tolleranza".

    La tolleranza di cui si parla è la tolleranza e la coesistenza tra culture e popoli, tra cui esplicitamente la tolleranza tra religioni diverse. Un campo in cui gli Emirati Arabi Uniti sono già un esempio tra i paesi a guida islamica.

    Fonte: Khaleej Times, 15 dicembre (in inglese)



  7. #6
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Italia
    Messaggi
    2,843
    Ringraziato
    166
    La tolleranza è verso gli immigrati cristiani. Nessuno spazio agli emiratini di cambiar religione o semplicemente di essere atei.

  8. #7
    Saggio del Forum L'avatar di Nathaniel
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3,396
    Ringraziato
    697
    Eau: cristiani e musulmani aspettano con gioia la visita del Papa ‘costruttore di ponti’
    Per il milione circa di cattolici il viaggio del pontefice sarà una “pietra miliare” nel dialogo fra religioni e per lo sviluppo della comunità locale. Parrocco della cattedrale di sant’Antonio: “Coronamento di una politica di tolleranza”. L’attesa di migranti egiziani, giordani e filippini. Governo: “Messaggio forte” contro chi usa la religione per dividere.

    Abu Dhabi (AsiaNews) - I cristiani degli Emirati Arabi Uniti (Eau) si preparano con “gioia e speranza” alla visita di papa Francesco, evento che “contribuirà” a “costruire ponti” in un’epoca di “crescente nazionalismo” come afferma il ministero della Tolleranza di Abou Dhabi. Per il milione circa di fedeli che vive nel Paese, pari al 10% della popolazione in una realtà a larga maggioranza musulmana sunnita, la presenza del pontefice costituirà una “pietra miliare” nel dialogo fra religioni e per lo sviluppo della comunità locale.

    Il pontefice visiterà Abu Dhabi dal 3 al 5 febbraio, per partecipare all’incontro interreligioso internazionale sulla “Fratellanza Umana”. Per la prima volta un papa si reca nella Penisola Araba, su invito dello sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan e della Chiesa cattolica locale. Gli Emirati sono fra le poche nazioni del Medio oriente a poter vantare una certa stabilità, pur non mancando aspetti “oscuri” come il coinvolgimento nella guerra in Yemen e casi di repressione interna.

    P. Bishoy, parroco della cattedrale di sant’Antonio ad Abu Dhabi, sottolinea che la visita del papa è il “coronamento” della politica di “tolleranza” degli Emirati, che rappresenta “un esempio” per il mondo. Un viaggio che è “messaggio di pace e di progresso” e una risposta netta a quanti promuovono “fanatismo ed estremismo”.

    Un migrante economico filippino di nome Salvador non nasconde la gioia per il papa, che “vuol dire moltissimo per me”. Essa è il riflesso “della diversità e della tolleranza” e dovrebbe valere da esempio per il mondo. Gli fa eco Hala Daroug, cristiana siriana che lavora come interprete, che ricorda la concomitanza del viaggio del papa con “l’Anno della tolleranza” promosso negli Eau, nazione in cui “possiamo praticare la nostra fede in modo libero”.

    Un altro lavoratore filippino di nome Pia, cameriere in un ristorante, afferma che “noi filippini siamo euforici” per questa occasione e pur non potendo assistere dal vivo alla messa “mi guarderò l’evento alla televisione”. Jenifer, giordana che vive e lavora negli Emirati, parla di “visita storica, non vedo l’ora di pregare con gioia e speranza” assieme a papa Francesco. Attesa e speranza anche fra i cristiani copti immigrati dall’Egitto, secondo cui questo evento “è il naturale sviluppo dell’armonia e della tolleranza fra persone che vivono qui, come se fossero a casa propria”.

    Il ministro della tolleranza Sheikh Nahyan Ben Mubarak Al Nahyan conferma che il pontefice incontrerà leader religiosi musulmani di primo piano, politici e personalità della cultura locale. L’obiettivo dell’invito rivolto al papa è quello di costruire ponti e infrangere muri “che alcune persone cercano di innalzare”. “La nostra definizione di tolleranza - afferma - è di comprendere gli altri, parlare pur salvaguardando le diversità”.

    Il ministro parla di “bel mosaico” formato da tratti differenti fra loro “per religione, cultura o altri comportamenti”. Egli auspica che l’incontro interreligioso con Francesco si possa concludere con una dichiarazione congiunta finale che funga da road-map fra fedi diverse “perché lavorino con l’obiettivo di creare un mondo migliore”. “Questo è il messaggio più forte - conclude - che possiamo mandare a quanti cercano di dividerci, che creano sfiducia fra noi”.

    http://www.asianews.it/notizie-it/Ea...nti-46094.html

  9. #8
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707
    Avviso di Briefing, 29.01.2019


    Si informano i giornalisti accreditati che venerdì 1° febbraio 2019, alle ore 13.00, presso la Sala Stampa della Santa Sede, in Via della Conciliazione 54, il Direttore ad interim Alessandro Gisotti terrà un briefing per illustrare il programma del Viaggio Apostolico di Sua Santità Francesco negli Emirati Arabi Uniti, che si svolgerà dal 3 al 5 febbraio 2019.

    [00146-IT.01]

    [B0075-XX.01]


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede
    «Si non paenitentiam egeritis, omnes similiter peribitis»
    (Luc. 13, 5)

  10. #9
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707
    Videomessaggio del Santo Padre Francesco in occasione dell’imminente Viaggio Apostolico negli Emirati Arabi Uniti (3-5 febbraio 2019), 31.01.2019


    Pubblichiamo di seguito il testo del Videomessaggio che il Santo Padre Francesco ha inviato al popolo degli Emirati Arabi Uniti nell’imminenza del Suo Viaggio Apostolico, che compirà dal 3 al 5 febbraio 2019:

    Videomessaggio del Santo Padre


    Caro popolo degli Emirati Arabi Uniti,

    Al Salamu Alaikum / la pace sia con voi!

    Sono felice di poter visitare, tra pochi giorni, il vostro Paese, terra che cerca di essere un modello di convivenza, di fratellanza umana e di incontro tra diverse civiltà e culture, dove molti trovano un posto sicuro per lavorare e vivere liberamente, nel rispetto delle diversità.

    Mi rallegra incontrare un popolo che vive il presente con lo sguardo rivolto al futuro. Con ragione lo Sheikh Zayed, il fondatore degli Emirati Arabi Uniti, di onorata memoria, dichiarava: «La vera ricchezza non risiede solo nelle risorse materiali, ma la vera ricchezza della nazione risiede nelle persone che costruiscono il futuro della loro nazione ... La vera ricchezza sono gli uomini».

    Ringrazio vivamente Sua Altezza lo Sheikh Mohammed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan, che mi ha invitato a partecipare all’incontro interreligioso sul tema “Fratellanza umana”. E sono grato alle altre Autorità degli Emirati Arabi Uniti per l’ottima collaborazione, la generosa ospitalità e la fraterna accoglienza offerte nobilmente per realizzare questa visita.

    Ringrazio l’amico e caro fratello il Grande Imam di Al-Azhar, Dr. Ahmed Al-Tayeb, e quanti hanno collaborato alla preparazione dell’incontro, per il coraggio e la volontà di affermare che la fede in Dio unisce e non divide, avvicina pur nella distinzione, allontana dall’ostilità e dall’avversione.

    Sono felice di questa occasione offertami dal Signore per scrivere, sulla vostra cara terra, una nuova pagina della storia delle relazioni tra le religioni confermando che siamo fratelli pur essendo differenti.

    Con gioia mi accingo ad incontrare e salutare “eyal Zayid fi dar Zayid / i figli di Zayid nella casa di Zayid”, terra di prosperità e di pace, terra di sole e di armonia, terra di convivenza e di incontro!

    Vi ringrazio tanto e ci vediamo presto! Pregate per me!

    [00160-IT.01] [Testo originale: Italiano]

    (...)


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede

  11. #10
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    53,159
    Ringraziato
    3707
    «Si non paenitentiam egeritis, omnes similiter peribitis»
    (Luc. 13, 5)

  12. Il seguente utente ringrazia Vox Populi per questo messaggio:

    raffadalbo (01-02-2019)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •