Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 146 di 146 PrimaPrima ... 4696136144145146
Risultati da 1,451 a 1,454 di 1454

Discussione: Commenti al Motu Proprio "Summorum Pontificum"

  1. #1451
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    50,732
    Ringraziato
    3056
    Citazione Originariamente Scritto da Veritas semper Visualizza Messaggio
    Perché se quanto da lui affermato corrispondesse a realtà, allora sarebbe stata la abolizione da parte di Paolo VI del messale di san Pio V a essere invalida, stante quanto stabilito dallo stesso san Pio V.
    Off topic: dato che Paolo VI era Papa tanto quanto Pio V e, in qualità di Papa, supremo legislatore in materia liturgica, se avesse voluto dichairare esplicitamente abrogato il Messale promulgato dal Suo predecessore, avrebbe avuto il pieno diritto di farlo, trattandosi di una norma disciplinare e non di diritto divino.
    La clausola conclusiva della bolla Quo primum tempore di San Pio V significa che nessuno al di fuori del Sommo Pontefice può apportare modifiche al Messale. Se quella bolla avesse voluto dire che il Missale Romanum post-tridentino era intoccabile e irreformabile, allora anche tutte le modifiche apportate dai Papi successivi (tra i quali San Pio X, il Venerabile Pio XII e San Giovanni XXIII) sarebbero state invalide.

    Per ritornare in argomento, non capisco come mai, anziché confutare le idee che si ritengono non corrette, si insiste solo nel prendere in giro con epiteti canzonatori chi la pensa diversamente.
    Ultima modifica di Vox Populi; 13-08-2017 alle 10:47
    Oboedientia et Pax

  2. #1452
    CierRino L'avatar di nofear
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    provincia di Padova
    Messaggi
    5,470
    Ringraziato
    2323
    i testi del Concilio
    I testi del Concilio non interessano minimamente agli adoratori del c.d. spirito del concilio.. Se questi leggessero i testi conciliari non si permetterebbero certi discorsi e certe scemenze liturgiche.
    I tradizionalisti paradossalmente seguono il Concilio (quello vero) con maggior aderenza dei progressisti che hanno il sopravvento in questo periodo ecclesiale turbolento.
    STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS

  3. 4 utenti ringraziano per questo messaggio:

    *Veritass (16-08-2017), Efesino (15-08-2017), EquesFidus (15-08-2017), Mystica Viola (15-08-2017)

  4. #1453
    Iscritto L'avatar di gsimy
    Data Registrazione
    Apr 2017
    Località
    treviso
    Età
    21
    Messaggi
    388
    Ringraziato
    126
    Le immagini di paramenti elaborati utilizzati per le celebrazioni liturgiche pre-Vaticano II sono diventati parte della dieta quotidiana di coloro che seguono la vita delle Chiese locali e anche di importanti leader della Chiesa.


    Questo ha avuto un impatto significativo su parti consistenti del cattolicesimo romano contemporaneo e di quello futuro, soprattutto sui giovani cattolici impegnati e sui convertiti di recente da altre tradizioni cristiane (specialmente dalle Chiese della Riforma protestante), nonché sui seminaristi e giovani sacerdoti.


    clero del distretto inglese del Sinodo Luterano del Missouri (LCMS, luterani confessionali)




    foto di un pastore di una chiesa associata alla LCMS



    foto di un pastore luterano di una chiesa dell'Illinois associata al gruppo LCMC (luterani conservatori moderati). notare l'altare coram Deo

    e posso continuare a postarne dozzine di queste foto

    poi il nostro articolista non si rende conto che spesso nei gruppi luterani, anglicani o simili coesistono nello stesso gruppo o addirittura nella stessa comunità locale più liturgie, ovvero quella alta (simile alla FS), bassa (simile alla FO), riformata (simile a quelle calviniste) e contemporanea (concerto rock in chiesa e amenità varie), e ognuno va alla liturgia che più gli aggrada e/o partecipa indifferentemente a tutte: situazione che è simile a quella che ci potrebbe essere se fosse applicato il Motu Proprio, se molti nostri illuminati pastori non dicessero che la FE divide le comunità...

    l'articolista quindi ha inserito sta storia dell'ecumenismo in totale ignoranza...

    scusate lo sfogo

  5. #1454
    Saggio del Forum L'avatar di Nathaniel
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,838
    Ringraziato
    487
    Camisasca: Summorum Pontificum un dono per celebrare meglio anche nella forma ordinaria

    Venerdì 13 ottobre, il centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima si è solennemente chiuso a Correggio (Reggio Emilia), presso il santuario della Madonna della Rosa, con la Messa nella forma straordinaria del Rito Romano celebrata dal vescovo Massimo Camisasca. Riportiamo di seguito l’omelia.

    Cari fratelli e sorelle perché il vescovo è venuto qui? Vorrei iniziare subito rispondendo a questa domanda.

    Perché voi siete miei figli e il pastore deve essere pastore di tutte le sue pecore. Ciascuna secondo il suo dono e secondo la sua storia. Tutti coloro che sono dentro il nostro gregge hanno il diritto di essere seguiti aiutati corretti e amati dal vescovo e perciò ho desiderato venire qui proprio per questa ragione.

    La seconda ragione è inerente alla celebrazione della Forma Straordinaria della messa: io sono profondamente convinto che l’intuizione di Benedetto XVI con il Motu Proprio Summorum Pontificum non fosse contro la Messa di Paolo VI, ma a favore di essa e cioè in modo che le due celebrazioni, le due forme diverse di celebrazione, potessero aiutarsi a vicenda. In particolare che il silenzio e la sacralità che accompagnano questa celebrazione nel cosiddetto “Rito antico” possano aiutare tutti noi presbiteri che celebriamo la Santa Messa secondo la Forma ordinaria del messale di Paolo VI a custodire sempre il gusto del silenzio, della meditazione e dell’essere davanti a Dio, che deve connotare ogni celebrazione eucaristica.

    Se mi chiedete personalmente che cosa, penso che sia stato un bene per la Chiesa la traduzione nelle lingue moderne della Celebrazione eucaristica; penso nello stesso tempo che sarebbe stato un bene custodire anche il latino all’interno della Messa nel prefatio, nel Canone o in alcune celebrazioni.

    Oggi mi sono anche divertito: leggendo dei blog, non li leggo mai, li ritengo una perdita di tempo ma mi sono divertito. I miei segretari mi hanno fotocopiato dei blog, mi sono divertito. Vabbè, non dico altro, altrimenti uno non ha che da farsi il sangue amaro, che è una cosa negativa, allora, bene, prendiamo le distanze. A me le letture politiche delle vicende ecclesiali non interessano, a me interessa la Chiesa, interessano i miei figli, interessa aiutare ciascuno nella situazione in cui è secondo la sensibilità che ha e anche le necessità di correzione.

    Quello che vi supplico è di portare tutta la vostra sensibilità e la vostra storia nella edificazione nella comunione ecclesiale nella Chiesa.

    Una Chiesa che vive lacerazioni, polarizzazioni che possono nascondere quello che è invece il valore centrale della sua realtà: la comunione trinitaria del Dio vivente.

    Vorrei riferirmi in questo giorno benedetto, il 13 ottobre, a lei, a Maria, alla madre delle grazie che abbiamo sentito nel libro della Sapienza chiamata con una espressione tornata molto nei testi della Chiesa dopo Giovanni Paolo II: madre dell’amore bello.

    Che cos’è questo amore bello?

    Anzitutto è madre dell’amore, questo è l’importante compito di Maria: continuare ad essere generativa, la sua generazione non si è concluda con la generazione di Cristo ma continua ogni giorno nella generazione della Chiesa. Lo avete sentito: “Donna ecco tuo figlio”.

    Assieme a Gesù nato dal suo ventre c’è il figlio Giovanni, nato dal cuore di Maria che ha ottenuto la figliolanza di uomo a Maria. Dunque Maria non smette mai di generare, è madre dell’amore perché essa genera figli di Dio cioè genera uomini e donne che mette sulla strada del riconoscimento della loro creaturalità.

    Ciascuno di noi è aiutato da Maria a camminare verso la scoperta di essere creatura, perciò figlio e figlia di Dio, perciò destinato in comunione con lui.

    Ma come è difficile questo cammino.

    Senza Cristo l’amore tende a diventare possesso, prevaricazione, si copre di belle parole di belle intenzioni ma diventa violenza. Solo con Cristo che purifica il nostro cuore e che ci rende simili a lui è capace di essere un amore che non pretende nulla, ma che tutto desidera spendersi.

    Ecco: madre del bell’amore è la cosa di cui più abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di sapere che c’è una madre e che non siamo soli, che siamo amati, abbiamo bisogno di sapere e sperimentare che questa madre è una forza in noi di conversione della nostra esistenza, un cambiamento del nostro cuore, la forza ci rende capaci di amare.

    Sapendoci amati da lei diventiamo capaci di amare. Come e grande come è bella la vita cristiana che nella sua semplicità porta a noi ciò che è essenziale: la capacità di amare, perdonare, vivere in comunione, di essere famiglia di Dio e permette alle nostre famiglie di rinascere continuamente di rinascere e donarsi.

    Che cosa voglio augurarvi? Ecco anzitutto di imparare il silenzio, la liturgia celebrata secondo questa forma ci introduce nel silenzio, ma attenti: il silenzio non è mai un automatismo, se noi partecipiamo a questa liturgia come a un rito esteriore non impareremo il silenzio perché il silenzio è un dialogo con Dio, il silenzio è qualche cosa che è chiamato a vivere dentro tutta la nostra giornata.

    La prima cosa dunque è che la partecipazione a questa Messa ci aiuti a un silenzio vero, pieno di adorazione, e nello stesso tempo la profondità di questa adorazione deve spingerci ad essere testimoni di Cristo in mezzo agli uomini e alle donne della nostra vita. Cristo ci chiama e ci sceglie per mandarci, per dare la testimonianza del nostro volto gioioso, di coloro che sono corsi al sepolcro e hanno trovato la pietra rotolata e hanno sentito l’angelo che diceva: non è morto, è vivo è colui che attendevate e che adesso si manifesta pienamente nella vostra vita. Essere suoi testimoni, il Signore vi ha scelto per questo, per essere suoi testimoni.

    Chiedete a lui ogni giorno la gioia e la forza della testimonianza, soprattutto con la vostra leggerezza di vita con la capacità di attraversare anche le difficoltà con la fede che fa dire: sì ma Dio c’è, è qui mi prende per mano, non mi lasci asolo, mi accompagna lo riconosco.

    Cari fratelli e sorelle preghiamo gli per gli altri e pregate per il vescovo perché il suo ministero in questa possa essere sempre pieno di gioia e sappia attraversare con passo leggero le difficoltà e sappia perdonare, esprimere affetto dovunque a ogni cuore che lo cerca, a ogni baratro che si apre nell’umano, sappia essere un braccio, una mano, un piede che porta agli altri uomini e alle altre donne non solo la notizia che Gesù è risolto, ma la sua presenza sacramentale che è efficace.

    Massimo Camisasca +

    http://www.iltimone.org/36532,News.html

  6. 4 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Phantom (27-10-2017), Pikachu (26-10-2017), Venegonese (26-10-2017), Vox Populi (26-10-2017)

Discussioni Simili

  1. L'applicazione del Motu Proprio "Summorum Pontificum" in Italia
    Di andrea lippomano nel forum Rito Romano nella forma straordinaria
    Risposte: 1108
    Ultimo Messaggio: 13-06-2018, 10:53
  2. L'applicazione del Motu Proprio "Summorum Pontificum" all'estero
    Di Gilbert nel forum Rito Romano nella forma straordinaria
    Risposte: 268
    Ultimo Messaggio: 24-10-2017, 15:30
  3. "Summorum Pontificum": commenti di Vescovi e varie personalità ecclesiastiche
    Di Vox Populi nel forum Rito Romano nella forma straordinaria
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 27-03-2008, 18:37
  4. Motu Proprio "SUMMORUM PONTIFICUM" di Sua Santità Papa Benedetto XVI (7 luglio 2007)
    Di Vox Populi nel forum Rito Romano nella forma straordinaria
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-07-2007, 11:03
  5. Pubblicazione del Motu Proprio "Summorum Pontificum"
    Di Vox Populi nel forum La Bacheca di "Cattolici Romani"
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-07-2007, 17:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •