Il salmo in questione è il 22, da notare che inizia come grido disperato di un sofferente che si sente abbandonato da Dio e finisce come un canto di lode e gioia perché tutte le nazioni riconoscono...