Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 35 di 77 PrimaPrima ... 25333435363745 ... UltimaUltima
Risultati da 341 a 350 di 765

Discussione: Le nomine di Papa Francesco

  1. #341
    Cronista di CR L'avatar di Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Caravaggio (Bg)
    Età
    18
    Messaggi
    757
    Ringraziato
    160
    Citazione Originariamente Scritto da cisnusculum Visualizza Messaggio
    Oggi compie 75 anni Mons. Celestino Aos Braco, OFM cap., Arcivescovo di Santiago del Cile.
    Credo che sia la prima volta (da quando esiste la regola dei 75 anni), che un arcivescovo debba presentare le dimissioni prima di ricevere il pallio.
    E questo ci fa riflettere sulla gerontocrazia imperante in questo pontificato (benché, come ben sappiamo, quello di Santiago sia un caso molto particolare).
    "Non quod ego volo, sed quod tu" (Mc 14,36)

  2. #342
    Veterano di CR L'avatar di donton
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Caraglio (CN)
    Messaggi
    1,251
    Ringraziato
    44

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Lollo Visualizza Messaggio
    E questo ci fa riflettere sulla gerontocrazia imperante in questo pontificato (benché, come ben sappiamo, quello di Santiago sia un caso molto particolare).
    Gerontocrazia?
    dal 2013 al 2020: 480 Vescovi di nuova nomina sotto i 50 anni; 11 ​con 70 o più
    in questi primi mesi del 2020: 19 Vescovi di nuova nomina sotto i 50 anni, 25 sopra i 50 (di cui solo 8 con più di 60 anni e 1 sopra i 70)
    Ultima modifica di donton; 06-04-2020 alle 17:20

  3. 2 utenti ringraziano per questo messaggio:

    FurlandiGlesie (06-04-2020), NeoEboracensis (06-04-2020)

  4. #343
    Cronista di CR L'avatar di Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Caravaggio (Bg)
    Età
    18
    Messaggi
    757
    Ringraziato
    160
    Citazione Originariamente Scritto da donton Visualizza Messaggio
    Gerontocrazia?
    dal 2013 al 2020: 480 Vescovi di nuova nomina sotto i 50 anni; 11 ​con 70 o più
    in questi primi mesi del 2020: 19 Vescovi di nuova nomina sotto i 50 anni, 25 sopra i 50 (di cui solo 8 con più di 60 anni e 1 sopra i 70)
    Mi sembra ovvio che i neonominati siano giovani.
    Parliamo piuttosto dell'Arcivescovo di Lima, di Washington e di Santiago, ad esempio: ultrasettantenni.
    "Non quod ego volo, sed quod tu" (Mc 14,36)

  5. #344
    Veterano di CR L'avatar di donton
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Caraglio (CN)
    Messaggi
    1,251
    Ringraziato
    44

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Lollo Visualizza Messaggio
    Mi sembra ovvio che i neonominati siano giovani.
    Parliamo piuttosto dell'Arcivescovo di Lima, di Washington e di Santiago, ad esempio: ultrasettantenni.
    Perchè assumiamo solo questi casi (che sono oltretutto in situazioni particolari) e non guardiamo nell'insieme?

    Facciamo solo alcuni esempi tra gli Arcivescovi metropoliti (nominati da Papa Francesco) di Capitali di Stato o città importanti.

    Tra parentesi gli anni al momento del trasferimento (e questi non sono neonominati):
    Buenos Aires (66), Vilnius (52), San José de Costa Rica (58), Lahore (56), Montevideo (55), Rosario (61), Colonia (58), Madrid (69), Armagh (53), Sydney (54), Chicago (65), Yaoundé (58), Luanda (56), Dakar (66), Asmara (67), Malta (56), Berlino (61), Barcelona (69), Bruxelles (68), Santo Domingo (65), Cracovia (67), Khartoum (57), Milano (66), Tokyo (59), Mexico (67), Parigi (66), Lusaka (55), Melbourne (54), Kinshasa (58), Ha Noi (58), Accra (61), Quito (61), Pretoria (60), Londra-Southwark (51), Marsiglia (61), Dar-es-Salaam (65), HoChiMinVille (66), Abuja (61), Lomé (56), Juba (55), Toledo (62), Filadelfia (59), Kaunas (48), Sao Salvador da Bahia (61), Libreville (54)

    o alla prima nomina:
    Edimburgo (52), Kuala Lumpur (50), Lubiana (56), Amburgo (49), Palermo (53).

    Non mi pare che dall'insieme emerga il quadro di una Chiesa "gerontocratica"!

  6. 3 utenti ringraziano per questo messaggio:

    FurlandiGlesie (08-04-2020), lucpip (07-04-2020), NeoEboracensis (07-04-2020)

  7. #345
    Iscritto L'avatar di NeoEboracensis
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Florida, USA
    Messaggi
    461
    Ringraziato
    180
    Le ordinazioni episcopali dei tre nuovi vescovi ausiliari di Newark - Mons. Elias Richard Lorenzo, OSB, vescovo titolare eletto di Tabuda, Mons. Michael Arsenio Saporito, vescovo titolare eletto di Luperciana, e Mons. Gregory J. Studerus, vescovo titolare eletto di Tarasa di Bizacena - previste per il 5 maggio 2020, sono state rinviate a causa della pandemia di Covid 19.

    Fonte: https://www.rcan.org/cardinal-tobin-...WOD6xAqsZyxo4o
    Noli irritare leonem

  8. #346
    Saggio del Forum L'avatar di Nathaniel
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    4,297
    Ringraziato
    927
    Nomina del Vescovo di Lanusei (Italia)

    Il Santo Padre ha nominato Vescovo della Diocesi di Lanusei (Italia) S.E. Mons. Antonello Mura, Vescovo di Nuoro ed Amministratore Apostolico di Lanusei, unendo in persona Episcopi le Diocesi di Nuoro e di Lanusei.

    S.E. Mons. Antonio Mura

    S.E. Mons. Antonio Mura è nato a Bortigali, provincia di Nuoro e Diocesi di Alghero-Bosa, il 28 dicembre 1952.

    Ha compiuto gli studi superiori all’Istituto Tecnico per Geometri di Macomer, frequentando poi l’Università per due anni prima di entrare in Seminario nel 1974. Inviato a Roma, ha conseguito il Baccalaureato in Filosofia e in Teologia all’Università Pontificia Salesiana, la Licenza in Teologia Dogmatica alla Facoltà Teologica della Sardegna e la Laurea in Pedagogia, e poi in Filosofia, all’Università Statale di Sassari.

    È stato ordinato sacerdote il 1° agosto 1979, per la Diocesi di Alghero-Bosa.

    Dopo l’ordinazione ha svolto i seguenti incarichi e ministeri: Viceparroco di San Francesco a Macomer (1979-1981); Viceparroco di San Leonardo a Villanova Monteleone (1981-1982); Animatore nel Seminario Regionale Sardo di Cagliari (1982-1985); Caporedattore (1984-1993) e Direttore (2005-2012) del giornale diocesano “Il Dialogo”; Padre Spirituale nei Seminari Minori di Alghero e di Bosa (1985-1988); Responsabile della Pastorale Giovanile Diocesana (1986-1988); Direttore del Centro Regionale Vocazioni (1985-1995 e 2008-2011); Parroco di San Leonardo a Villanova Monteleone (1988-1991); Parroco della Natività di Maria a Santa Maria La Palma (1991-1993); Direttore dell’Ufficio Liturgico diocesano (1993-2007); Rettore ed Amministratore del Seminario Diocesano (1993-2009); Direttore della Scuola dei ministeri e della formazione dei Diaconi permanenti (1994-2012); Coordinatore regionale del Progetto culturale della CEI (2004-2014); Pro Vicario Generale della diocesi (2007-2010); Parroco del SS.mo Nome in Alghero (2012-2014).

    È stato Insegnante di Religione all’Istituto Tecnico di Macomer, all’Istituto Magistrale di Bosa e al Liceo Classico di Alghero; ha insegnato Storia e Filosofia nel Liceo Classico e nello Scientifico di Bosa e Macomer e all’Istituto Magistrale di Bosa.

    È stato, inoltre, Docente all’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Sassari, e Membro del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori. Dal 1986 è iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti Pubblicisti. Ha collaborato periodicamente con il quotidiano “Avvenire”.

    Eletto Vescovo di Lanusei il 31 gennaio 2014, è stato consacrato il 25 marzo successivo.

    Dal 14 gennaio 2020 è Presidente della Conferenza Episcopale Sarda.

    [00476-IT.01]

    Nomina del Vescovo Ausiliare di Tiranë-Durrës (Albania)

    Il Santo Padre ha nominato Vescovo Ausiliare dell’Arcidiocesi di Tiranë-Durrës (Albania) il Rev.do don Arjan Dodaj, del clero di Roma, al presente Vicario Generale di Tiranë-Durrës, assegnandogli la sede titolare di Lestrona.

    Rev.do don Arjan Dodaj

    Il Rev.do don Arjan Dodaj è nato a Laç-Kurbin, nell’Arcidiocesi di Tiranë-Durrës, il 21 gennaio 1977. Nel 1993, dopo aver compiuto gli studi primari e secondari nella sua città natale, è emigrato in Italia e si è stabilito a Cuneo, dove ha iniziato un’attività lavorativa.

    Nel 1997 ha chiesto di essere accolto nella Fraternità Sacerdotale dei Figli della Croce, Comunità Casa di Maria, con sede a Roma.

    Ha frequentato gli studi di filosofia e di teologia in preparazione al sacerdozio presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, ottenendovi il titolo di Baccalaureato.

    È stato ordinato sacerdote l’11 maggio 2003 da Papa Giovanni Paolo II nella Basilica di San Pietro. Si è incardinato nella Diocesi di Roma come membro della Fraternità Sacerdotale dei Figli della Croce, Comunità Casa di Maria.

    Dopo l’ordinazione sacerdotale ha svolto vari incarichi pastorali. È stato dal 2003 al 2004 Vicario parrocchiale della Parrocchia San Domenico di Guzman, a Roma; dal 2004 al 2005, Vice Rettore della Rettoria di San Giovanni della Malva e Cappellano della Comunità albanese a Roma; dal 2005 al 2017, Vicario Parrocchiale della Parrocchia San Raffaele Arcangelo, a Roma.

    Nel 2017, con il consenso del suo Vescovo, il Cardinale Vicario di Sua Santità per la Diocesi di Roma, si è trasferito come missionario fidei donum nell’Arcidiocesi di Tiranë-Durrës dove ricopre i seguenti uffici pastorali: Vicario Generale; Parroco della Parrocchia Cuore Immacolato di Nostra Signora Regina, a Gramëz; Responsabile della Pastorale Universitaria; Segretario aggiunto della Conferenza Episcopale Albanese; Segretario generale del Sinodo diocesano.

    [00477-IT.01]

    [B0212-XX.01]

    Sala stampa Santa Sede

  9. #347
    Veterano di CR L'avatar di Laus Deo
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Bologna
    Età
    56
    Messaggi
    1,862
    Ringraziato
    561
    Citazione Originariamente Scritto da Nathaniel Visualizza Messaggio
    Nomina del Vescovo di Lanusei (Italia)

    Il Santo Padre ha nominato Vescovo della Diocesi di Lanusei (Italia) S.E. Mons. Antonello Mura, Vescovo di Nuoro ed Amministratore Apostolico di Lanusei, unendo in persona Episcopi le Diocesi di Nuoro e di Lanusei.

    S.E. Mons. Antonio Mura

    S.E. Mons. Antonio Mura [...]

    Eletto Vescovo di Lanusei il 31 gennaio 2014, è stato consacrato il 25 marzo successivo.

    Dal 14 gennaio 2020 è Presidente della Conferenza Episcopale Sarda.
    [...]
    Trovo semplicemente scandaloso - in quanto non posso che ritenere che la cosa sia intenzionale - che il profilo biografico non precisi che il 2 luglio 2019 Mons. Mura è stato trasferito da Lanusei a Nuoro (ovvero con cessazione del ministero di Vescovo diocesano a Lanusei, di cui era rimasto Amministratore Apostolico). E la domanda che soggiace è: se questa era l'intenzione, perché non lasciarlo fin dall'anno scorso Vescovo di Lanusei affidandogli anche Nuoro, eventualmente nominandolo in quest'ultima sede Amministratore Apostolico se per qualche ragione non poteva essere fatta subito la nomina allo stesso titolo in entrambe le Diocesi? Come è pensabile che Lanusei se lo ritrovi prima per cinque anni e mezzo come Vescovo, poi per nove mesi Amministratore Apostolico, per vederselo infine riassegnato come Vescovo "in comproprietà" con Nuoro?
    O forse che quella di oggi è una soluzione di ripiego, che non era ipotizzabile nove mesi fa? Se così fosse, sarebbe ancora più preoccupante...

  10. 8 utenti ringraziano per questo messaggio:

    Card.Luciani (09-04-2020), Card.Petrucci (09-04-2020), cisnusculum (09-04-2020), Lollo (09-04-2020), Mystica Viola (10-04-2020), Pikachu (09-04-2020), QVIS VT DEVS (09-04-2020), Vox Populi (09-04-2020)

  11. #348
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Località
    Sestri Levante
    Messaggi
    43
    Ringraziato
    25
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Trovo semplicemente scandaloso - in quanto non posso che ritenere che la cosa sia intenzionale - che il profilo biografico non precisi che il 2 luglio 2019 Mons. Mura è stato trasferito da Lanusei a Nuoro (ovvero con cessazione del ministero di Vescovo diocesano a Lanusei, di cui era rimasto Amministratore Apostolico). E la domanda che soggiace è: se questa era l'intenzione, perché non lasciarlo fin dall'anno scorso Vescovo di Lanusei affidandogli anche Nuoro, eventualmente nominandolo in quest'ultima sede Amministratore Apostolico se per qualche ragione non poteva essere fatta subito la nomina allo stesso titolo in entrambe le Diocesi? Come è pensabile che Lanusei se lo ritrovi prima per cinque anni e mezzo come Vescovo, poi per nove mesi Amministratore Apostolico, per vederselo infine riassegnato come Vescovo "in comproprietà" con Nuoro?
    O forse che quella di oggi è una soluzione di ripiego, che non era ipotizzabile nove mesi fa? Se così fosse, sarebbe ancora più preoccupante...
    Sì, ma in sostanza cosa cambia ? Di accorpamento graduale di Lanusei e Nuoro si parlava sin dallo scorso anno ... Probabilmente in questo modo si vuol dare il segno che è Nuoro la futura diocesi centrale e non Lanusei ... Proseguono, mi pare, gli accorpamenti nei capoluoghi di provincia ...

  12. Il seguente utente ringrazia Rorate caeli per questo messaggio:

    FurlandiGlesie (09-04-2020)

  13. #349
    Cronista di CR L'avatar di Servus Servorum
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Aggius (SS), Diocesi Tempio - Ampurias
    Età
    46
    Messaggi
    14,534
    Ringraziato
    1415

    Premi

    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Trovo semplicemente scandaloso - in quanto non posso che ritenere che la cosa sia intenzionale - che il profilo biografico non precisi che il 2 luglio 2019 Mons. Mura è stato trasferito da Lanusei a Nuoro (ovvero con cessazione del ministero di Vescovo diocesano a Lanusei, di cui era rimasto Amministratore Apostolico). E la domanda che soggiace è: se questa era l'intenzione, perché non lasciarlo fin dall'anno scorso Vescovo di Lanusei affidandogli anche Nuoro, eventualmente nominandolo in quest'ultima sede Amministratore Apostolico se per qualche ragione non poteva essere fatta subito la nomina allo stesso titolo in entrambe le Diocesi? Come è pensabile che Lanusei se lo ritrovi prima per cinque anni e mezzo come Vescovo, poi per nove mesi Amministratore Apostolico, per vederselo infine riassegnato come Vescovo "in comproprietà" con Nuoro?
    O forse che quella di oggi è una soluzione di ripiego, che non era ipotizzabile nove mesi fa? Se così fosse, sarebbe ancora più preoccupante...
    Si sapeva già che sarebbe finita così. Mons. Mura era già vescovo di Lanusei fino allo scorso anno, poi è stato trasferito nella contigua Nuoro e adesso le due Diocesi vengono unite come già si prevedeva.
    La stessa cosa succederà con Ales-Terralba il cui vescovo, Mons. Carboni, è stato trasferito a Oristano ma mantenendo l'amministrazione della precedente Diocesi (guarda caso contigua!) e lo stesso sta per succedere con Ozieri e Tempio-Ampurias, infatti già si sa che Mons. Melis, vescovo di Ozieri, subentrerà a Tempio a Mons. Sanguinetti che giusto il 29 marzo scorso ha compiuto 75 anni.
    Onestamente sono d'accordo sulla fusione delle Diocesi anche perché in una realtà come la Sardegna, con un totale di un milione e mezzo di abitanti, mantenere dieci Diocesi è impensabile!
    Pace e Bene!

  14. Il seguente utente ringrazia Servus Servorum per questo messaggio:

    FurlandiGlesie (09-04-2020)

  15. #350
    Iscritto L'avatar di MetodioSr
    Data Registrazione
    Dec 2016
    Località
    Siracusa
    Messaggi
    74
    Ringraziato
    3
    Citazione Originariamente Scritto da Laus Deo Visualizza Messaggio
    Trovo semplicemente scandaloso - in quanto non posso che ritenere che la cosa sia intenzionale - che il profilo biografico non precisi che il 2 luglio 2019 Mons. Mura è stato trasferito da Lanusei a Nuoro (ovvero con cessazione del ministero di Vescovo diocesano a Lanusei, di cui era rimasto Amministratore Apostolico). E la domanda che soggiace è: se questa era l'intenzione, perché non lasciarlo fin dall'anno scorso Vescovo di Lanusei affidandogli anche Nuoro, eventualmente nominandolo in quest'ultima sede Amministratore Apostolico se per qualche ragione non poteva essere fatta subito la nomina allo stesso titolo in entrambe le Diocesi? Come è pensabile che Lanusei se lo ritrovi prima per cinque anni e mezzo come Vescovo, poi per nove mesi Amministratore Apostolico, per vederselo infine riassegnato come Vescovo "in comproprietà" con Nuoro?
    O forse che quella di oggi è una soluzione di ripiego, che non era ipotizzabile nove mesi fa? Se così fosse, sarebbe ancora più preoccupante...
    Mi sa che la stessa situazione toccherà anche a noi in sorte qui a Siracusa con Noto...

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •