Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

Discussione: battesimo dei bambini in pericolo di morte

  1. #1
    Iscritto L'avatar di andrea74
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Trieste
    Età
    47
    Messaggi
    382

    battesimo dei bambini in pericolo di morte

    Nel rito del Battesimo è specificata una cosa molto importante che non so quanto sia conosciuta.

    16. Nel pericolo di morte imminente e soprattutto al momento della morte, se manca un sacerdote o un diacono, non solo ogni cristiano, ma chiunque abbia la debita intenzione di dare il Battesimo, può, e in certi casi deve, conferirlo.

    Se però si tratta soltanto di"pericolo di morte", è preferibile che sia un cristiano a conferire il sacramento, secondo il rito più breve (cfr. nn. 128-136). Conviene che, anche in questo caso, si raduni una piccola comunità; o almeno, se possibile, vi siano uno o due testimoni.

    17. Tutti i laici, come membri del popolo sacerdotale — soprattutto i genitori e, in forza del loro ufficio, i catechisti, le ostetriche, le assistenti familiari e sociali, le infermiere, i medici e i chirurghi — procurino di conoscere il meglio possibile il modo esatto di dare il Battesimo in caso di necessità.

    I parroci, i diaconi e i catechisti s'impegnino a istruirli; i vescovi, nella loro diocesi, predispongano le forme adatte per questa istruzione.

    Come si interpreta "in certi casi deve conferirlo"?

    E ancora:

    135. Se tra i presenti non vi è una persona idonea a guidare la preghiera, ogni fedele può conferire il Battesimo: dopo la recita del Simbolo della fede, infonde l'acqua sul capo del battezzando dicendo la formula consueta (cfr. sopra n. 132).

    Secondo le circostanze, anche il Simbolo della fede si può omettere.

    136. Nell'imminenza della morte, omessi gli altri riti, è sufficiente che il ministro infonda l'acqua sul capo del bambino, dicendo la formula consueta (cfr. sopra n. 132).

    Conviene che oltre al ministro vi siano, se possibile, una o due altre persone come testimoni.

    Se nella bruttissima situazione la persona che conferisce il battesimo è solo senza testimoni come attesta a un sacerdote che il bambino morto, o sarebbe meglio se ancora vivo, è stato battezzato?
    Il rito viene ripetuto dal Sacerdote se il bambino è vivo? Oppure il bambino purtroppo morto ha diritto alle esequie come "bambino battezzato"?
    Scusate per l'argomento particolare, ma credo che sia comunque importante.

  2. #2
    Il battesimo e` un sacramento di cosi` grande importanza per l'umanita` che e` l'unico che puo` avere come ministro anche un non cristiano in un caso particaloare. Il fatto che la persona da battezzare sia bambino o adulto non cambia nulla!
    Riassumiamo i casi:
    1. il soggetto (bambino o adulto) e` in pericolo di morte imminente: tutti gli uomini possono battezzare, anche i mussulmani per intenderci. Bastano l'acqua, la formula "io ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo e abbia l'intenzione di fare quello che fa la chiesa.
    2. Il soggetto (bambino o adulto) e` in pericolo di morte, ma non imminente: Tutti i battezzati possono battezzare, no i mussulmani in questo caso. Bastano l'acqua, la formula "io ti battezzo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo e abbia l'intenzione di fare quello che fa la chiesa.
    3. Il soggetto e` sano o non in pericolo di morte. Solo i ministi Ordinati possono battezzare. Quindi solo vescovi, presbiteri o diaconi.
    Per i casi 1 e 2 e`consigliabile avere dei testimoini, ma se non ci sono il sacramento e` valido lo stesso. Basta la parola, in buona fede, del ministro celebrante.

    Sempre per i casi 1 e 2 e` necessario che sia il battezato o chi ne ha la potesta, sia il ministro, sia gli eventuali testimoni, si rechino al piu` presto nella parrocchia piu` vicina al luogo del battesimo per eseguire la regolare registrazione. Il sacerdote che esegue la registrazione, puo` se ritiene il sacramento non validamente conferito o se ha dei dubbi sulla sua validita` e se il soggetto nel frattempo non e` morto, rieseguire il sacracamento del battesimo in una forma speciale definita "sotto condizione".

    Se la persona invece muore prima di giungere in chiesa e il sacerdote ha un dubbio sulla validita` puo` decidere se registrarlo o non registrarlo a seconda della gravita` del dubbio. Io personalmente ritengo che nel dubbio sia sempre meglio la registrazione.

    ciao
    Piero
    /Piero

  3. #3
    Iscritto L'avatar di papagirl
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    un po' qui e un po' lì
    Messaggi
    197
    Io trovo difficile che un mussulmano voglia conferire il battesimo.

    Però buono a sapersi!

  4. #4
    Veterano di CR L'avatar di Garsel
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Bologna
    Età
    46
    Messaggi
    1,490
    Testimonio che è capitato a una famiglia di miei amici: il papà ha amministrato il battesimo al neonato in gravissimo e imminente pericolo di morte. Successivamente è arrivato il parroco che ha amministrato l'unzione degli infermi.
    Ma poi il bambino è vissuto!

  5. #5
    CierRino d'oro
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Chiavari (GE) e Val di Vara (SP)
    Età
    66
    Messaggi
    10,239
    Un caso famoso di Battesimo amministrato ad un bambino in "imminente pericolo di morte" (poi risultato non così imminente, visto che in realtà l'interessato visse molto a lungo) è quello del piccolo ebreo di famiglia benestante Edgardo Mortara, battezzato in modo credo illecito ma comunque valido da una bambinaia cristiana sedicenne. Sottratto alla famiglia ed educato nella religione cattolica, divenne poi un ottimo sacerdote.

  6. #6
    Veterano di CR L'avatar di Garsel
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    Bologna
    Età
    46
    Messaggi
    1,490
    Ma Mortara era davvero in pericolo di morte? O la bambinaia lo battezzò a prescindere, perché non voleva che finisse all'inferno?

  7. #7
    Fedelissimo di CR L'avatar di ago86
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Jesi
    Età
    34
    Messaggi
    3,468
    Citazione Originariamente Scritto da Garsel Visualizza Messaggio
    Ma Mortara era davvero in pericolo di morte? O la bambinaia lo battezzò a prescindere, perché non voleva che finisse all'inferno?
    Era davvero in pericolo di morte, solo che poi guarì.

  8. #8
    Veterano di CR L'avatar di macridm
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Età
    54
    Messaggi
    1,319
    Quando ebbi bisogno del certificato di Battesimo per la Cresima, mi accorsi del fatto che il Battesimo è registrato nella mia data di nascita, e non quattro giorni dopo (all'epoca era usanza battezzare nella cappella della clinica prima della dimissione) come narrano le cronache familiari.

    Il sacerdote che mi stava facendo il certificato commentò: "o è stato un errore di trascrizione, o sei stata battezzata appena nata dalla levatrice per un'emergenza poi "rientrata" e il sacerdote - nel dubbio sulla validità - ha ripetuto il Battesimo, ma ha registrato la data del primo..."

    M.Cristina

  9. #9
    CierRino d'oro
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Chiavari (GE) e Val di Vara (SP)
    Età
    66
    Messaggi
    10,239
    Se ci sono dei dubbi sulla validità, è sempre possibile togliere l'incertezza facendo celebrare da un Sacerdote autorizzato il Battesimo "sotto condizione".

    Conosco il caso di due bambini russi adottati da famiglie del mio paese:
    - per uno, ora seminarista, è stato possibile reperire in Russia il certificato di Battesimo originale e certamente valido, quindi non è stato ripetuto il Battesimo;
    - per l'altro, non avendo raggiunto la certezza (probabilmente era già battezzato, ma non fu possibile provarlo perchè nella Parrocchia russa di origine i documenti erano andati perduti) il Parroco ha amministrato il Battesimo sotto condizione.

    Va detto comunque che se si ha "l'intenzione di fare ciò che fa la Chiesa" e si usa la formula corretta, il Battesimo è comunque valido anche se talvolta illecito. Nel caso citato del piccolo Mortara, non è affatto certo che il bambino fosse in pericolo di morte imminente senza il tempo di chiamare un Sacerdote, e del resto i genitori, non essendo cristiani, non avrebbero mai chiesto il Battesimo; quindi non è detto che sussistessero i presupposti per un Battesimo lecito da parte di un laico, ma il Sacramento fu comunque ritenuto valido dalle autorità ecclesiastiche dell'epoca, compreso il Beato Papa Pio IX che se ne occupò personalmente.

  10. #10
    Citazione Originariamente Scritto da ITER PARA TUTUM Visualizza Messaggio
    , e del resto i genitori, non essendo cristiani, non avrebbero mai chiesto il Battesimo; quindi non è detto che sussistessero i presupposti per un Battesimo lecito da parte di un laico, ma il Sacramento fu comunque ritenuto valido dalle autorità ecclesiastiche dell'epoca, compreso il Beato Papa Pio IX che se ne occupò personalmente.
    Potrei non aver capito bene, ma per ogni dubbio confermo che in caso di pericolo di morte di un bambino, il battesimo, e` valido anche contro il volere dei genitori. Solo in questo caso, naturalmente, e quindi e` ovvio e giusto che le autorita` ecclesiali lo abbiano ritenuto valido. Se il bambino sta bene e`, invece, necessario il volere dei genitori.

    Can. 868 - §1. Per battezzare lecitamente un bambino si esige: 1) che i genitori o almeno uno di essi o chi tiene legittimamente il loro posto, vi consentano; 2) che vi sia la fondata speranza che sarà educato nella religione cattolica; se tale speranza manca del tutto, il battesimo venga differito, secondo le disposizioni del diritto particolare, dandone ragione ai genitori.

    §2. Il bambino di genitori cattolici e persino di non cattolici, in pericolo di morte è battezzato lecitamente anche contro la volontà dei genitori.
    /Piero

Discussioni Simili

  1. Messa spiegata ai bambini
    Di Veritas et Amor nel forum Catechismo
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 16-12-2009, 19:22

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •