Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 45

Discussione: Lo sbattezzo di un cattolico per entrare nell'Ortodossia è tecnicamente un'apostasia?

  1. #1
    CierRino d'oro L'avatar di Stefano79
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    10,750

    Lo sbattezzo di un cattolico per entrare nell'Ortodossia è tecnicamente un'apostasia?

    Mi chiedevo in questi giorni come viene qualificato dalla Chiesa latina il comportamento di chi, battezzato in essa, decide di partecipare al rito di ammissione ad una Chiesa Ortodossa, per entrare nella quale è richiesto di rinnegare ai "presunti" errori della Chiesa latina.
    Siccome parliamo di Chiese considerate scismatiche, e siccome la persona è battezzata nella Chiesa di Roma, e siccome ancora la Chiesa di Roma è a quasi tutti gli effetti anche il Patriarcato di Roma, l'atto si considera apostasia o scisma?
    Perchè è vero che uno rinnega la Verità cattolica, ma allo stesso tempo entra a far parte di una comunità "solo" scismatica e non eretica in senso tecnico. No??
    "E' morto fra Tommaso d'Aquino, figlio mio in Cristo, luce della Chiesa"

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    -
    Messaggi
    76
    semplicemente non è uno "sbattezzo", sia perchè non ha senso sbattezzarsi, sia perchè nella chiesa oprtodossa comunque riconosceranno che il battesimo cattolico che ha ricevuto è battesimo a tutti gli effetti. Inoltre non essendo gli ortodossi eretici ma solo scismatici non credo che si possa parlare di apostasia...

  3. #3
    CierRino d'oro L'avatar di Stefano79
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    10,750
    Citazione Originariamente Scritto da sardonico Visualizza Messaggio
    semplicemente non è uno "sbattezzo", sia perchè non ha senso sbattezzarsi, sia perchè nella chiesa oprtodossa comunque riconosceranno che il battesimo cattolico che ha ricevuto è battesimo a tutti gli effetti. Inoltre non essendo gli ortodossi eretici ma solo scismatici non credo che si possa parlare di apostasia...


    Eppure, parlando con persone che hanno fatto questo percorso, perchè volevano poi sposarsi nella Chiesa Ortodossa, mi pare che passi il messaggio più o meno velato che loro non risconoscono valore al battesimo latino. Sarebbe come dire che possono riconoscerlo ma solo per il principio di "economia", 'na roba analoga alla nostra "equità" canonica (ma che secondo me ne dista parecchio). Altrimenti perchè rinnegare gli errori della Chiesa latina?
    Come possono poi accettare il valore del battesimo latino, se sono scismatici?
    "E' morto fra Tommaso d'Aquino, figlio mio in Cristo, luce della Chiesa"

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    8,375
    Di per sè l'atto è scismatico, poichè la Chiesa Ortodossa è considerata scismatica ma non eretica (nè tantomeno apostata).

    Se però si compie un atto formale di sbattezzo credo si incappi nell'apostasia non tanto per il passaggio alla Chiesa Ortodossa quanto per lo sbattezzo in sè.
    Non so se sono riuscito a spiegarmi.

    Inoltre non conosco la situazione a livello di diritto canonico, per cui non so se sia davvero necessario "ri-battezzarsi". Nel passaggio inverso, ad esempio, a un Ortodosso che diventa Cattolico non è assolutamente richiesto poichè la Chiesa Latina considera valido il Battesimo della Chiesa Ortodossa.
    Addirittura, se non sbaglio, è considerato valido anche quello di molte Chiese Protestanti, benchè non solo scismatiche ma anche eretiche: mi pare che sia considerato valido il Battesimo di qualsiasi confessione cristiana che riconosca la Trinità e battezzi nel suo nome.

  5. #5
    Fedelissimo di CR L'avatar di Amatrixian
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Nella provincia dei 7 laghi
    Età
    48
    Messaggi
    4,187
    Citazione Originariamente Scritto da Carbonate Visualizza Messaggio
    Addirittura, se non sbaglio, è considerato valido anche quello di molte Chiese Protestanti, benchè non solo scismatiche ma anche eretiche: mi pare che sia considerato valido il Battesimo di qualsiasi confessione cristiana che riconosca la Trinità e battezzi nel suo nome.

    Di sicuro è reciprocamente valido il battesimo tra cattolici e luterani
    "Che vuol ch'io faccia del suo latinorum?"

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    8,375
    Citazione Originariamente Scritto da sardonico Visualizza Messaggio
    Inoltre non essendo gli ortodossi eretici ma solo scismatici non credo che si possa parlare di apostasia...
    P.S. Eresia ed apostasia sono due cose diverse. Mi sembra di averlo già letto altrove nel forum comunque: convertirsi ad una Chiesa Protestante è eresia, diventare ateo con atto formale e pubblico (il cosidetto "sbattezzo" appunto) o convertirsi a una qualsiasi altra religione non cristiana è apostasia.

  7. #7
    Iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Località
    Ravenna
    Età
    43
    Messaggi
    204
    Citazione Originariamente Scritto da sardonico Visualizza Messaggio
    semplicemente non è uno "sbattezzo", sia perchè non ha senso sbattezzarsi, sia perchè nella chiesa oprtodossa comunque riconosceranno che il battesimo cattolico che ha ricevuto è battesimo a tutti gli effetti. Inoltre non essendo gli ortodossi eretici ma solo scismatici non credo che si possa parlare di apostasia...
    Come dice Stefano79, possono accettarlo per "ecOnomia", ma possono anche prevedere che vada ribattezzato. Dipende da che Chiesa ortodossa é, ogni chiesa autocefala fa a sé, a volte dipende anche solo dal sacerdote.
    L'atto é quantomeno scismatico. C'é da sperare che non sia eretico.

  8. #8
    Fedelissimo di CR L'avatar di Amatrixian
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Nella provincia dei 7 laghi
    Età
    48
    Messaggi
    4,187
    Citazione Originariamente Scritto da Carbonate Visualizza Messaggio
    P.S. Eresia ed apostasia sono due cose diverse. Mi sembra di averlo già letto altrove nel forum comunque: convertirsi ad una Chiesa Protestante è eresia, diventare ateo con atto formale e pubblico (il cosidetto "sbattezzo" appunto) o convertirsi a una qualsiasi altra religione non cristiana è apostasia.
    Resta fuori il caso delle chiese scismatiche (ortodossi, lefebriani, sedevacantisti, non so se c'è altro..)
    "Che vuol ch'io faccia del suo latinorum?"

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Carbonate
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Carbonate
    Messaggi
    8,375
    Citazione Originariamente Scritto da Amatrixian Visualizza Messaggio
    Resta fuori il caso delle chiese scismatiche (ortodossi, lefebriani, sedevacantisti, non so se c'è altro..)
    Da Chiesa Cattolica a Chiesa Ortodossa o FSSPX --> Scisma
    Da Chiesa Cattolica a Chiesa Protestante --> Eresia
    Da Chiesa Cattolica a qualsiasi altra cosa non Cristiana --> Apostasia

    Il caso dei sedevacantisti è ambiguo: non so se sono classificabili come scismatici oppure come eretici visto che le loro teorie fanno a pugni con il dogma dell'infallibilità (in realtà, tecnicamente, non lo negano ma lo usano per dimostrare che il Papa non è un vero Papa essendosi dimostrato non-infallibile... boh: la loro situazione canonica è più complessa)

  10. #10
    CierRino d'oro L'avatar di Stefano79
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    10,750
    Mi pare di capire, quindi, che:
    - gli ortodossi teoricamente non possono essere eretici, a maggior ragione se la Chiesa latina li considera scismatici;
    - non c'è differenza tra uno che è ortodosso di "nascita" (ovviamente nel senso che fin da piccolo fa parte di un Patriarcato) e chi, invece, con atto volontario, esce dal Patriarcato di Roma per entrare in un altro Patriarcato che gli fa più comodo (anche perchè non vedo altre ragioni);
    - il "ribattesimo" in una Chiesa Ortodossa dipende dalla singola comunità, che può prevederlo o meno (mi pare che al Monte Athos lo pretendano, altrove no);
    - non vi è chiarezza sul fatto che l'atto con cui si rinnegano volontariamente gli errori della Chiesa latina (presunti, ovviamente), sia o meno un atto di apostasia (sembra di no, quindi), scisma (cioè uno ripercorre lo stesso scisma storico, ma questa volta a livello personale), ovvero eretico (si rinnegano le verità di fede).
    "E' morto fra Tommaso d'Aquino, figlio mio in Cristo, luce della Chiesa"

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •