Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Canto durante la Comunione

  1. #1
    Iscritto
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Località
    Varese
    Età
    35
    Messaggi
    261

    Canto durante la Comunione

    Nota del Moderatore. L'argomento di questa discussione è nato da "un fuoritema" nella discussione sulla Cappella del Duomo di Milano. Naturalmente però è più generale.

    Ricordo che sia il rito romano che l'ambrosiano prevedono nel proprio della Messa una "Antifona alla Comunione".
    Sull'argomento l'OGMR dice:
    [b]87. Per il canto alla Comunione si può utilizzare o l'antifona del Graduale romanum, con o senza salmo, o l'antifona col salmo del Graduale simplex, oppure un altro canto adatto, approvato dalla Conferenza Episcopale. Può essere cantato o dalla sola schola, o dalla schola o dal cantore insieme col popolo.
    Se invece non si canta, l'antifona alla Comunione proposta dal Messale può essere recitata o dai fedeli, o da alcuni di essi, o dal lettore, altrimenti dallo stesso sacerdote dopo che questi si è comunicato, prima di distribuire la Comunione ai fedeli.
    Il Messale ambrosiano dice su per giù le stesse cose però con una piccola variante che richiama quanto detto per il canto di ingresso:
    57.i) Come canto di comunione si può utilizzare quello dell'antifonale, con o senza salmo, oppure un altro canto adatto, secondo le norme date per il canto d'ingresso (cfr. n. 26). Se non viene cantato sia recitato.
    E il N. 26 citato dice:
    26) 26. Il canto viene eseguito dal popolo o dalla schola, oppure dalla schola e dal popolo a cori alternati. Si può utilizzare sia il canto che si trova nell'antifonale, sia quello del messale, oppure un altro canto adatto all'azione sacra, al carattere del giorno o del tempo, e il cui testo sia stato approvato dalla competente autorità. Se all'ingresso non ha luogo il canto, il testo proposto nel messale viene letta o dai fedeli, o da alcuni di essi, o dal lettore, o dal ministro. A questo scopo ci si preoccupi di preparare convenientemente i fedeli. E' meno opportuno infatti che lo reciti il sacerdote stesso. Questa indicazione vale anche per gli altri canti della messa.
    Faccio notare l'ultima frase (che essendo in corsivo indica una indicazione specifica del Messale ambrosiano). Faccio notare anche che appena prima si dice che il canto di ingresso può esse in tema sia con il carattere del giorno che con l'azione sacra.

    Buona discussione!

    ======================================== ============================

    Citazione Originariamente Scritto da Comasco Visualizza Messaggio
    Commenti dagli ambrosiani sul programma musicale dell'ultimo pontificale del Card.Tettamanzi?

    Qualcuno sa che canto era quello di Offertorio?
    Dallo stile, l'autore sembrava Migliavacca.
    Il Gloria non lo conoscevo.
    I canti alla comunione avrebbero forse dovuto avere carattere mariano (antifona alla Comunione: Beata la donna da cui Cristo è nato! Quanto è gloriosa la Vergine che ha generato il Re del cielo!).
    Ultima modifica di Ambrosiano; 22-03-2012 alle 14:32

  2. #2
    Iscritto L'avatar di andrea56
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Brianza
    Età
    65
    Messaggi
    465
    Citazione Originariamente Scritto da franz1986 Visualizza Messaggio
    Il Gloria non lo conoscevo.
    I canti alla comunione avrebbero forse dovuto avere carattere mariano (antifona alla Comunione: Beata la donna da cui Cristo è nato! Quanto è gloriosa la Vergine che ha generato il Re del cielo!).
    non ho seguito la funzione , ma alla comunione è sempre preferibile un canto adatto di genere eucaristico, casomai un canto di ringraziamnto si potrebbe fare un canto mariano, ma a me hanno sempre detto i sacerdoti che alla comunione anche in una festa mariana il canto deve essere sempre un canto di comunione.
    ciao

  3. #3
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    deserto ambrosiano
    Messaggi
    240
    Citazione Originariamente Scritto da andrea56 Visualizza Messaggio
    ...alla comunione anche in una festa mariana il canto deve essere sempre un canto di comunione.
    ciao
    Concordo pienamente, il canto deve essere sempre in funzione del momento liturgico.

  4. #4
    Iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    diocesi di Milano
    Età
    42
    Messaggi
    150
    Citazione Originariamente Scritto da Ciloster82 Visualizza Messaggio
    Concordo pienamente, il canto deve essere sempre in funzione del momento liturgico.
    Vorrei lanciare un sassolino......
    come mai le antifone allo spezzare del Pane e alla Comunione rimandano molto spesso alle letture della Messa?
    Siamo davvero sicuri che il canto alla Comunione debba richiamare all'Eucarestia?

  5. #5
    CierRino L'avatar di Teofilo89
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Toscana
    Età
    32
    Messaggi
    5,665
    Citazione Originariamente Scritto da sereniense Visualizza Messaggio
    Vorrei lanciare un sassolino......
    come mai le antifone allo spezzare del Pane e alla Comunione rimandano molto spesso alle letture della Messa?
    Siamo davvero sicuri che il canto alla Comunione debba richiamare all'Eucarestia?
    se si chiama "canto alla comunione" non credo possa far riferimento alle antifone del tempo, né tanto meno a altri momenti della celebrazione. Ma qui non è il luogo adatto per parlarne.
    Non licet bovi quod licet Iovi

  6. #6
    Iscritto L'avatar di Orietur
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    a pochi passi da Milano
    Età
    61
    Messaggi
    438
    Interessante nuova discussione.
    Prego i moderatori di aprirne una nuova in merito e spostare tutto lì.

    orietur
    Orietur in diebus ejus justítia: et abundántia pacis, donec extollatur luna.

  7. #7
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    11,841

    Canto durante la Comunione

    Sì, l'argomento è interessante. Ho perciò aperto una discussione.

    In testa al primo post ho pensato di richiamare quanto previsto dal Messale romano o ambrosiano.
    Ultima modifica di Ambrosiano; 22-03-2012 alle 14:33

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Località
    diocesi di Milano
    Età
    42
    Messaggi
    150
    Ho aperto a caso due pagime del MA mistero della Pasqua

    Giovedì della settimana Autentica:

    DOPO IL VANGELO
    Oggi, Figlio dell'Eterno, come amico al banchetto tuo stupendo tu mi accogli. Non affiderò agli indegni il tuo mistero né ti bacerò tradendo come Giuda, ma ti imploro, come il ladro sulla croce,
    di ricevermi, Signore, nel tuo regno.
    ALLO SPEZZARE DEL PANE
    (Cf 1 Cor 11,24-25)
    "Questo è il corpo che è dato per voi; questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue - dice il Signore -. Ogni volta che ve ne cibate, fate questo in memoria di me".
    ALLA COMUNIONE
    (Cf Mt 26,38.56; Gv 16,32)
    Sono triste fino alla morte: rimanete qui e vegliate con me Ora vedrete una folla circondarmi e voi fuggirete, mentre andrò a immolarmi per voi.

    Seconda domenica di Pasqua:
    DOPO IL VANGELO
    (Sal 148,2-3)
    Angeli tutti, lodate il Signore, schiere celesti, lodate il Signore. Lodatelo, sole e luna, lodatelo, stelle del cielo, alleluia.
    ALLO SPEZZARE DEL PANE
    (Cf Gv 20,19-20)
    Gesù risorto, nostro Signore, apparve in mezzo ai suoi discepoli e disse: "Pace a voi", alleluia. Vedendo il Signore, i discepoli furono pieni di gioia, alleluia.
    ALLA COMUNIONE
    (Cf Gv 20,27)
    "Stendi la tua mano - dice Gesù a Tommaso - e riconosci le ferite dei chiodi, alleluia, e non essere incredulo, ma credente". Alleluia, alleluia, alleluia.

    Come vedete le antifone che richiamano alla liturgia della parola sono quelle che fanno parte dei riti di comunione.
    Ho notato che le antifone alla comunione del RR in queste domeniche quaresimali richiamavano i testi evangelici dell'anno A.
    Quantomeno interessante!

  9. #9
    CierRino L'avatar di anacleto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Novae
    Età
    39
    Messaggi
    4,963
    Citazione Originariamente Scritto da andrea56 Visualizza Messaggio
    [...] a me hanno sempre detto i sacerdoti che alla comunione anche in una festa mariana il canto deve essere sempre un canto di comunione.[...]
    Queste sono le cose che, purtroppo, si insegnano in molti istituti diocesani di musica sacra, nonché corsi più o meno di base per laici e non. E sono evidentemente cose che escono fuori non dalla tradizione liturgica o dalla rubriche, ma dalla mente di chi le afferma. Basterebbe aprire il Graduale Romano, ossia il libro che contiene i canti ufficiali per la celebrazione della messa nel rito romano per rendersi conto che è assai più comune che l'Antifona di Comunione con il suo salmo il più delle volte, specie nelle feste e solennità, non sono affatto eucaristici, ma semplicemente insistono sul mistero o sul santo celebrato.
    Quindi, il canto di comunione può certamente essere scelto tra quelli eucaristici, ma -- oserei dire meglio ancora! -- può anche essere semplicemente un canto che celebri il mistero o il santo di cui si celebra la messa.
    CANTABO DOMINO IN VITA MEA

  10. #10
    Iscritto L'avatar di Organetto
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    pozzuoli
    Età
    69
    Messaggi
    191
    Scusa Anacleto puoi spiegare meglio che si intende canto al Santo? grazie

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>