Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 30 di 47 PrimaPrima ... 20282930313240 ... UltimaUltima
Risultati da 291 a 300 di 462

Discussione: Cappella Musicale del Duomo di Milano

  1. #291
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Cassano d'Adda
    Età
    32
    Messaggi
    272
    Ho guardato il video: l'ars celebrandi del cardinale era davvero buona, direi proprio da pontefice nell'incedere e nella gestualità. Ma una domanda? Martini, anche solitamente, non cantava nulla o si trattò di una scelta dovuta alla mestizia della celebrazione?

  2. #292
    Cronista di CR L'avatar di Venegonese
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Varese
    Età
    32
    Messaggi
    1,527
    https://www.youtube.com/watch?v=txc3mBUQ08M Potete trovare al link la registrazione dell'intero concerto in onore dell'Arcivescovo Delpini.
    Io non me ne intendo di musica, ma, ad orecchio, penso che la Cappella musicale del Duomo sia una spanna sopra all'attuale Cappella Sistina.

  3. #293
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    13
    Citazione Originariamente Scritto da Gregorio Magnus Visualizza Messaggio
    Ho guardato il video: l'ars celebrandi del cardinale era davvero buona, direi proprio da pontefice nell'incedere e nella gestualità. Ma una domanda? Martini, anche solitamente, non cantava nulla o si trattò di una scelta dovuta alla mestizia della celebrazione?
    Il cardinal Martini cantava alle messe pontificali ma bisogna ammettere che non cantasse molto bene... Non era molto portato per la musica. :-) Arrivato in diocesi, Mons. Ernesto Moneta Caglio (che all'epoca forse era ancora Preside dell'ormai quasi estinto Pontificio Istituto ambrosiano di Musica sacra) gli fece delle registrazioni e delle lezioni perché imparasse a cantare i toni ambrosiani... arrivando lui da Roma. Imparò i toni ma spesso Mellera o lo stesso mons. Majo (che era arciprete del Duomo e ai pontificali presenziava sempre come "assistente in piviale") gli suggerivano le note... :-)

  4. #294
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,081

    Aggiungo che , pian piano i toni ambrosiani li ha più o meno metabolizzati.
    Non è però mai riuscito a imparare del tutto il tono del canto del Prefazio, limitandosi ad un canto semplificato.

    .... comunque: così averne!

  5. #295
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,302
    Tra gli Arcivescovi di Milano che ho avuto modo di vedere/sentire mi sa che l'unico a cantare bene i toni ambrosiani era il Card. Tettamanzi. Mons. Delpini però pare promettere bene.
    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24,42)

  6. #296
    Partecipante a CR L'avatar di Cornetto
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    provincia di Cuneo
    Età
    50
    Messaggi
    834
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Tra gli Arcivescovi di Milano che ho avuto modo di vedere/sentire mi sa che l'unico a cantare bene i toni ambrosiani era il Card. Tettamanzi.
    Apro una piccola parentesi: il card. Tettamanzi era un musicista e soprattutto un organista, molti questo non lo sanno (Il "Santo" n.° 83 del CD è suo)
    Iin questa lunga intervista (al fondo) il M.° Giancarlo Parodi ne parla anche della sua amicizia.
    Anche in un'intervista mons. Boretti parla della attività di organista del card. tettamanzi.
    Chiusa la parentesi.

  7. #297
    Partecipante a CR L'avatar di Cornetto
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    provincia di Cuneo
    Età
    50
    Messaggi
    834
    Ho seguito la diretta del Pontificale di san carlo. Tra le varie cose mi ha stupito la prestazione dell'organista Alessandro la Ciacera: mi erano già note le sue doti di ottimo improvvisatore, soprattutto nel saper improvvisare in qualsiasi stile ma oggi ne ha dato ampio sfoggio: il postludio al canto al Vangelo con l'ampio sfoggio della meravigliosa Tuba mirabilis di Giovanni Tamburini, il "Tuba tune" improvvisato prima dell'omelia dell'arcivescovo, il preludio ed il postludio al brano offertoriale.
    Complimenti!!!

  8. #298
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,081
    Da quest'anno la "Cappella musicale del Duomo" si è trasferita dalla sede di viale Gorizia 5 (finalmente oggetto di restauri radicali) nel locali della vicina parrocchia di Santa Maria delle Grazie al Naviglio.

    L'Arcivescovo l'ha visitata nei giorni scorsi ed ha celebrato una Messa per i pueri cantores.

    Riporto qui l'articolo pubblicato dal sito della Diocesi.

    -------------------------------------
    L'Arcivescovo ai Pueri Cantores: "Nel vostro canto bellezza, giovinezza e allegria"


    Messa in Santa Maria delle Grazie al Naviglio e visita alla nuova sede della Cantoria: «L’opera di Dio si compie nella storia e la nostra partecipazione è necessaria»

    di Annamaria Braccini



    «O giorno che lieto», il canto eseguito della quarantina dei Pueri cantores della Cappella musicale del Duomo accompagna l’inizio della celebrazione che l’Arcivescovo presiede nella parrocchia di Santa Maria delle Grazie al Naviglio, prima di visitare i locali della nuova sede della scuola. Una realtà di alto profilo educativo, da quest’anno negli ariosi spazi parrocchiali, frequentata dai ragazzini impegnati nella formazione canora e musicale, ma anche nei programmi scolastici statali previsti dal Ministero, dalla IV elementare alla III media. «Questo è veramente un giorno lieto, felice, per la presenza dell’Arcivescovo e perché torniamo a cantare in una celebrazione», dice in apertura il direttore della Cappella, don Claudio Burgio.

    Di fronte ai ragazzi, qualche genitore, la dirigente scolastica dell’Istituto, l’Arcivescovo – cui sono accanto in altare lo stesso don Burgio e il parroco, don Marcello Barlassina – a sua volta osserva: «Sento un dovere di gratitudine per lo studio in cui vi state impegnando e per il servizio che certamente tornerete a svolgere in Cattedrale». Un augurio, quest’ultimo, particolarmente sentito dai Pueri che hanno cantato in Duomo l’ultima volta lo scorso 23 febbraio, mentre normalmente accompagnano ogni domenica la Messa capitolare delle 11. E sentendoli cantare, accompagnati al piccolo organo parrocchiale dal maestro Emanuele Carlo Vianelli, organista titolare del Duomo, e diretti dal maestro Claudio Riva, si capisce facilmente quanto grande sia il desiderio condiviso di tornare tra le navate della Cattedrale.
    L’omelia

    Dai numeri ricorrenti nelle Letture del giorno, prende spunto l’omelia dell’Arcivescovo. «Non voglio fare una lezione di matematica o di magia, ma i numeri hanno a che fare anche con il vivere la fede e la vocazione. La prima Lettura (dal primo capitolo dell’Apocalisse) insiste sul numero 7 – 7 chiese, 7 candelabri – perché questo è il numero della pienezza, del compimento. Pensiamo al Giubileo che si fa nel cinquantesimo anno, dopo 7 volte 7 anni di lavoro o ai 7 giorni della creazione. Il tempo non scorre un giorno dopo l’altro, ma nel tempo si compie l’opera di Dio».

    Poi, il “12” del Vangelo di Marco con la chiamata degli Apostoli, 12, appunto, e le 12 tribù di Israele. «12 dice la completezza del gruppo, e l’importanza di sentirsi in un insieme e di partecipare».

    Da qui la conclusione: «Questi due numeri dicono il tempo come tempo della grazia di Dio, che dà un senso alla storia, e il gruppo come luogo di appartenenza e di partecipazione responsabile. Vogliamo imparare questo: la fiducia che l’opera di Dio si compia nella storia e che la nostra partecipazione sia necessaria perché il gruppo sia completo. 7 e 12 dicono il modo con cui le Scritture aiutano a vivere il gruppo e l’appartenenza».

    Infine, dopo le parole conclusive di don Barlassina che indica nella presenza dell’Arcivescovo «un incoraggiamento nella fede, un invito all’unità dei piccoli cantori e un punto di riferimento per l’intera comunità», la consegna di coloratissimi fascicoli con la storia di tanti Santi diversi. «Ognuno di voi ne conoscerà uno e si impegnerà a raccontarlo agli altri», sottolinea l’Arcivescovo, prima della visita ai locali della nuova scuola, arricchiti anche da spazi all’aperto, come i campi di calcio e di basket.

    «Date un tono di bellezza, giovinezza e allegria», aggiunge l’Arcivescovo, che in dono porta anche vassoi di meringhe molto apprezzate dai ragazzini, eredi di una storia gloriosa, avviatasi nel 1402 e configurata come Schola dal grande maestro rinascimentale Franchino Gaffurio, a cui è intitolata ancora oggi la Cantoria. Fu lui, infatti, a fine Quattrocento, a definire la figura del Magister, come maestro attento anche dell’educazione generale dei Pueri. Così come è ancora oggi, con una vicenda ininterrotta, che lascia un segno preciso nella vita, come testimonia l’Associazione degli ex alunni, che oggi conta circa 400 iscritti.

    da: Chiesadimilano.it



    A questo link una breve intervista al Maestro di Cappella don Claudio Burgio.

  9. #299
    Iscritto L'avatar di Sacro Collegio
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Monza
    Età
    34
    Messaggi
    234
    Sabato 11 settembre, ai Vespri della nivola, sono tornati a cantare i pueri cantores, assenti dal Marzo 2020.
    Si dice che non sarà l'unica novità...

  10. #300
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,081
    Citazione Originariamente Scritto da Sacro Collegio Visualizza Messaggio
    Sabato 11 settembre, ai Vespri della nivola, sono tornati a cantare i pueri cantores, assenti dal Marzo 2020.
    Si dice che non sarà l'unica novità...
    No, non si dice, si è già detto!

    Vedi e senti qui, proprio all'inizio:
    https://www.youtube.com/watch?v=i4ZZGHy7FsQ

    Dice il proverbio: Chi vive sperando, muore cantando.
    Speriamo dunque in meglio per poter cantare bene, meglio di quanto si facesse a Roma......

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>