Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 12 di 12 PrimaPrima ... 2101112
Risultati da 111 a 114 di 114

Discussione: L'elevazione (ostensione delle specie eucaristiche dopo la consacrazione)

  1. #111
    CierRino di platino L'avatar di Pellegrina
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    a casa mia
    Età
    68
    Messaggi
    12,983
    Io prego con l'invocazione " mio Signore e mio Dio, mio Dio, mio tutto".
    Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla (Salmo 23)

  2. #112
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    30
    Messaggi
    3,432
    Citazione Originariamente Scritto da Verbum Domini Visualizza Messaggio
    Mi sono sempre chiesto: ma il sacerdote quando eleva il Corpo e il Sangue di Cristo dice qualcosa sottovoce? So che, come detto anche in questa discussione, si dovrebbe dire l'esclamazione di San Tommaso otto giorni dopo la Resurrezione di Gesù ma c'è qualche frase "obbligatoria" o può dire quello che vuole? Nella mia parrocchia c'è un frate che si sente che dice altre volte canta qualcosa in latino ma non riesco mai a capirlo.
    E noi fedeli cosa dobbiamo dire? Io personalmente, da come ci hanno insegnato a catechismo, quando si elevano l'Ostia Magna e il Calice, dico: "Mio Signore e mio Dio" mentre quando il sacerdote si genuflette recito il "Gloria al Padre".
    Per rispondere alla domanda: no, il celebrante non è tenuto a dire nulla. Molti di quelli che conosco "dicono" qualcosa in silenzio, le cui formule sono state qui richiamate dagli utenti prima di me.
    Noi fedeli "dobbiamo" dire qualcosa? Non dobbiamo dire nulla, possiamo pregare come meglio crediamo. Chi prega con formule già richiamate, chi nel silenzio..
    Io personalmente prego con la frase di S. Tommaso "Mio Signore e mio Dio", oppure ogni tanto con il Salmo "il tuo volto Signore io cerco".
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  3. #113
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    19,874
    Io normalmente al momento della Consacrazione non dico nulla. Mi inginocchio (se c’è l’inginocchiatoio), inchino il capo e, per distrarmi un po’ di più da rumori vari o altri pensieri e concentrarmi sulla Transustanziazione, a volte (soprattutto ultimamente) chiudo gli occhi.
    Qualche volta ho recitato alcune preghiere, ma raramente.
    Ultima modifica di Laudato Si’; 05-02-2021 alle 21:59
    «Apostolórum pássio diem sacrávit sæculi,
    Petri triúmphum nóbilem, Pauli corónam præferens».




  4. #114
    Cronista di CR L'avatar di Lollo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Caravaggio (Bg)
    Età
    20
    Messaggi
    1,391
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Mi inginocchio, se c’è l’inginocchiatoio
    Personalmente, ti invito a inginocchiarti anche senza inginocchiatoio. È Gesù Cristo che si manifesta davanti a noi, possiamo fare un piccolo sacrificio e inginocchiarci sul pavimento. Non credo che sia chissà che sofferenza stare inginocchiati, se non si hanno disabilità particolari, per un minuto e mezzo (se non di meno).
    Piccola esperienza personale: io ho una leggera disabilità alla gamba sinistra, per cui devo portare fin dall'infanzia un tutore (nulla di che, ormai ci sono abituato, ma sicuramente mi aiuta a camminare meglio). Ebbene, quando ero piccolo, forse per vergogna, non mi inginocchiavo. Da quando mi sono reso conto (o almeno, ho percepito, per quanto possiamo percepirlo noi povere creature umane) cosa stava succedendo a due passi da me, non posso, per mio bisogno interiore, non inginocchiarmi. È Qualcosa di più grande di me, Qualcuno che per un momento annulla, tollit la mia disabilità, ossia la toglie di mezzo per prenderla su di Sé.
    Più volte il mio parroco mi ha detto di non sentirmi obbligato a genuflettere o ad inginocchiarmi, ma a me sembra veramente il minimo per rendere grazie a Colui che ha voluto assumere la nostra natura umana e farsi carico dei nostri peccati per salvarci.
    P.S.: sia chiaro, questo messaggio non vuole in alcun modo criticare il Santo Padre (che ha in tanti modi reso evidente la sua devozione eucaristica) o chi, per motivazioni legate ad età o patologie, non può inginocchiarsi. È semplicemente la mia personale testimonianza.
    "Non quod ego volo, sed quod tu" (Mc 14,36)

Discussioni Simili

  1. Confessione durante la Messa
    Di Caritas nel forum Liturgia
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 02-03-2019, 10:11
  2. Battesimo durante la Quaresima
    Di arcycapa nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 11-01-2008, 11:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>