Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 29 di 29 PrimaPrima ... 19272829
Risultati da 281 a 290 di 290

Discussione: L'Ufficio Divino (Breviario) nella Forma Straordinaria del Rito Romano

  1. #281
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2019
    Località
    Udine
    Età
    26
    Messaggi
    11
    Carissimo Traditio Marciana grazie mille per la tua risposta estremamente chiara! Mi permetto di approfittare ancora: nel caso di un blocco di Ore, mettiamo Sesta e Nona, l’orazione conclusiva delle ore è sempre la medesima della domenica precedente o del santo che si celebra; volevo sapere se l’orazione con il Benedicamus Domino la devo ripetere al termine di ogni Ora o semplicemente al termine del blocco di Ore?

  2. #282
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    630
    E' un discorso abbastanza complesso. Formalmente le uniche ora la cui unione è prevista dal Breviario sono queste (con rispettive regole):

    - Mattutino e Lodi: si omette tutta la parte finale del mattutino dall'orazione in giù, e s'inizia subito con le Lodi senza dire Pater e Ave.
    - Lodi e Prima: si omettono Pater, Ave e Credo avanti a Prima; si dicono dunque tutte le lodi fino a Fidelium animae inclusive e poi subito il Deus in adjutorium di Prima
    - Terza e Messa [non è un'ora, lo so]: si omette Fidelium animae alla fine di Terza, e si conclude con Ben. Dno.
    - Vespero del giorno e Vespero dei morti (o votivo): si omette Fidelium animae e, detto Ben. Dno., si inizia subito il Vespro votivo, senza dire Pater e Ave.

    Come vedi la casistica non è del tutto univoca, e non ci sono indicazioni chiare in materia che io conosca... personalmente leggo tutta l'ora canonica fino a Fidelium animae, poi senza Pater e Ave inizio subito quella successiva. So di altri che omettono Fidelium animae (e non è del tutto sbagliato, perché è una sorta di congedo in fondo); alcuni so che omettono anche l'orazione, ma questo mi pare temerario. In fondo, le ripetizioni sono una cosa abbastanza normale nelle liturgie tradizionali.
    Peraltro, l'unico caso in cui si fa così (Mattutino e Lodi) non fa testo, perché le Lodi sono una parte del Mattutino e non un'ora a sé*; la separazione in due blocchi distinti nasce per esigenze della recita privata, essendo molto lungo.

    * il salmo dice infatti "septies in die"; alcuni tardi commentatori hanno postulato che il Mattutino non fosse tra le sette ma rispondesse al versetto "media nocte surgebam", però questo dovrebbe essere il mesonittico...

  3. #283
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2019
    Località
    Udine
    Età
    26
    Messaggi
    11
    Grazie infinitamente per le ottime risposte; sono ancora piuttosto novello alla recita del Breviario e su queste rubriche non del tutto univoche ho ancora bisogno di qualche aiuto di quando in quando

  4. #284
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    genova
    Messaggi
    5
    Citazione Originariamente Scritto da Fidei Depositum Visualizza Messaggio
    Di fatto quella versione monastica di divinumofficium è un'elaborazione dei curatori del sito a partire dal Breviarium monasticum del 1954, ma con molte modifiche (ad esempio non compaiono quasi mai le feste dei santi). Allo stato, inoltre, tra i monaci e laici benedettini (di impronta tradizionale) si tende ad utilizzare quasi sempre il Breviarium monasticum del 1963, che viene ritenuto come maggiormente rispondente alle prescrizioni e alla mens del Motu proprio Summorum Pontificum.
    In commercio non esistono copie in catalogo di questi breviari. Esistono (ovviamente) esemplari d'epoca, ma sono rari e costosi (un Breviarium completo può costare 150/200 euro ed è interamente in latino, senza traduzione). Esistono dei diurnali monastici (che contengono le ore liturgiche da Lodi a Compieta) per circa 30/40 euro (edizioni Le Barroux (latino con traduzione francese) o Farnborough (latino con traduzione inglese); c'è anche una versione semplificata dei benedettini di Norcia in latino con traduzione italiana e inglese).
    Buongiorno, vorrei chiedere dove si può acquistare il breviario dei monaci di Norcia; io ho quello di le Barroux,ma non so il francese,perciò la traduzione in italiano mi farebbe comodo

  5. #285
    Fidei Depositum
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da ravin Visualizza Messaggio
    Buongiorno, vorrei chiedere dove si può acquistare il breviario dei monaci di Norcia; io ho quello di le Barroux,ma non so il francese,perciò la traduzione in italiano mi farebbe comodo
    Sperando di non infrangere alcuna norma del regolamento:
    http://www.lulu.com/it/it/shop/monas...-22602308.html

  6. #286
    Cronista di CR L'avatar di Sursum corda
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    casa
    Età
    30
    Messaggi
    658
    Carissimi, nella recita dell'Ufficio Divino secondo il Breviario del '62 come ci si regolare ad esempio per la ricorrenza di San Pio da Pietrelcina o di altri Santi canonizzati di recente ? Inoltre è possibile recitare l'Ufficio Divino con i testi del '62 come prevede il Summorum Pontificium e seguire la Messa del giorno nella F.O. del Rito Romano ?
    Ultima modifica di Sursum corda; 22-04-2020 alle 16:04
    «Dio è papà; più ancora è madre».

  7. #287
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    630
    Allora, recentemente con il decreto Cum Sanctissima è stato permesso di celebrare la messa secondo l'antico messale in onore dei santi neocanonizzati. In realtà, più correttamente, si dovrebbe dire che tale decreto ha precisato che una rubrica già presente nel codice del 1960 (introdotta ex novo quell'anno, la n. 302 delle Rubricae generales Missalis Romani), che già permette la celebrazione a mo' di festa di qualsiasi santo iscritto nel Martirologio nel suo giorno proprio, si applica anche ai santi presenti nelle edizioni del Martirologio successive a quella in vigore nel 1962. Inoltre, tale messa festiva "latiore sensu" è permessa anche in quasi tutti giorni "di III classe" e non solo in quelli di IV come in precedenza.

    Questo vale solo per la messa, però, non ci sono indicazioni per l'ufficio, non esistendo per esso una simile rubrica da poter sfruttare. Ora, se non hai da adempiere a un obbligo, puoi recitare privatamente anche l'ufficio di san Pio piuttosto che di qualunque altro santo non canonizzato, prendendo tutto ciò che c'è da prendere (cioè tutto tranne antifone, salmi, versi dei Notturni, lezioni e responsori del I Notturno) dal Comune appropriato. Se invece hai un obbligo, dovresti in teoria attenerti al calendario che segui.

    Per quanto riguarda la seconda domanda, se l'ho capita bene, non dovrebbe esserci nessun problema. Come del resto non v'è problema a dire l'ufficio romano e frequentare la liturgia bizantina, o viceversa.

  8. #288
    Cronista di CR L'avatar di Sursum corda
    Data Registrazione
    Aug 2011
    Località
    casa
    Età
    30
    Messaggi
    658
    Citazione Originariamente Scritto da Traditio Marciana Visualizza Messaggio
    Allora, recentemente con il decreto Cum Sanctissima è stato permesso di celebrare la messa secondo l'antico messale in onore dei santi neocanonizzati. In realtà, più correttamente, si dovrebbe dire che tale decreto ha precisato che una rubrica già presente nel codice del 1960 (introdotta ex novo quell'anno, la n. 302 delle Rubricae generales Missalis Romani), che già permette la celebrazione a mo' di festa di qualsiasi santo iscritto nel Martirologio nel suo giorno proprio, si applica anche ai santi presenti nelle edizioni del Martirologio successive a quella in vigore nel 1962. Inoltre, tale messa festiva "latiore sensu" è permessa anche in quasi tutti giorni "di III classe" e non solo in quelli di IV come in precedenza.

    Questo vale solo per la messa, però, non ci sono indicazioni per l'ufficio, non esistendo per esso una simile rubrica da poter sfruttare. Ora, se non hai da adempiere a un obbligo, puoi recitare privatamente anche l'ufficio di san Pio piuttosto che di qualunque altro santo non canonizzato, prendendo tutto ciò che c'è da prendere (cioè tutto tranne antifone, salmi, versi dei Notturni, lezioni e responsori del I Notturno) dal Comune appropriato. Se invece hai un obbligo, dovresti in teoria attenerti al calendario che segui.

    Per quanto riguarda la seconda domanda, se l'ho capita bene, non dovrebbe esserci nessun problema. Come del resto non v'è problema a dire l'ufficio romano e frequentare la liturgia bizantina, o viceversa.
    Grazie per le tue esaustive risposte.
    «Dio è papà; più ancora è madre».

  9. #289
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Oct 2019
    Località
    Udine
    Età
    26
    Messaggi
    11
    Buon pomeriggio a tutti! Nel BR con rubriche della Divino Afflatu l'ant. della BVM con relativo versetto e orazione va recitata al termine delle Lodi (o di un blocco di ore es Lodi-Prima-Terza) oltre che ha Compieta. Essa va recitata anche al termine dei Vespri? (Se sono staccati da Compieta)

  10. #290
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Venezia
    Messaggi
    630
    Certo.

    Eccetto che a Compieta, l'antifona va sempre preceduta da un Pater segreto e dal v. Dominus det nobis suam pacem. R. Et vitam aeternam. Amen. in tono retto

    Teoricamente anche alle piccole ore, cioè ogniqualvolta si esce dal coro (o, in altri termini per noi laici, si chiude il breviario). Al termine di Compieta va cantata subito anche se seguisse, per esempio, Mattutino, poichè fa parte dell'ufficio di compieta, e ripetuta quando si esce dal coro.

Discussioni Simili

  1. Domande sul Calendario e sulle precedenze nella forma straordinaria del Rito Romano
    Di Luciani nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 126
    Ultimo Messaggio: 22-06-2019, 16:14

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>