Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 36 di 36

Discussione: Venerabile Servo di Dio Cardinale Francois Xavier Van Thuan

  1. #31
    CierRino L'avatar di Vaticanista
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Reggio Emilia e Bologna
    Età
    32
    Messaggi
    7,089
    Papa Francesco: il cardinale Van Thuan, testimone della speranza e ministro della misericordia di Dio

    Il cardinale François Xavier Nguyen Van Thuan: un uomo “profondamente unito a Colui che lo aveva chiamato ad essere ministro della sua misericordia e del suo amore”. Così Papa Francesco ricorda la figura del porporato vietnamita nell’udienza, stamani, ai circa 400 partecipanti alla sessione di chiusura della fase diocesana del processo di beatificazione del Servo di Dio. L'inchiesta diocesana sulle sue virtù eroiche si è infatti chiusa ieri. Il servizio di Debora Donnini:

    “Sono molte le persone che possono testimoniare di essere state edificate dall’incontro con il Servo di Dio Francesco Saverio Nguyên Van Thuân, nei diversi momenti della sua vita”. Lo afferma Papa Francesco al discorso pronunciato il giorno dopo la conclusione della fase diocesana del processo di beatificazione del cardinale vietnamita. Van Thuan era già arcivescovo di Saigon quando nel 1975, sotto il regime comunista del Vietnam, venne imprigionato per la sua fede e restò 13 anni in carcere, di cui 9 in totale isolamento. E’ morto il 16 settembre del 2002. Papa Francesco sottolinea, dunque, come “sia stato un testimone della speranza" e abbia colpito chi lo incontrava:

    L’esperienza dimostra che la sua fama di santità si è diffusa proprio attraverso la testimonianza di tante persone che lo hanno incontrato e conservano nel cuore il suo sorriso mite e la grandezza del suo animo”.

    Nel 2000 predicò gli esercizi spirituali per la Quaresima al Papa e alla Curia e nel 1998 Giovanni Paolo II lo nominò presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace. Papa Francesco rileva, infatti, come presso lo stesso Pontificio Consiglio il ricordo del cardinale Van Thuan sia “sempre vivo” e che, più che un ricordo, “è una presenza spirituale – afferma – che continua a portare la sua benedizione”. Ma il cardinale Van Thuan, “figlio dell’Oriente” è stato conosciuto anche tramite i suoi scritti:

    “Molti lo hanno conosciuto anche attraverso i suoi scritti, semplici e profondi, che mostrano il suo animo sacerdotale, profondamente unito a Colui che lo aveva chiamato ad essere ministro della sua misericordia e del suo amore”.

    Infine il Papa affida a Maria il proseguimento di questa causa e di tutte le altre attualmente in corso.

    Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013...a_e/it1-708055
    del sito Radio Vaticana

  2. #32
    CierRino L'avatar di Vaticanista
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Reggio Emilia e Bologna
    Età
    32
    Messaggi
    7,089
    Vietnam: a Saigon in migliaia rendono omaggio alla memoria del card. Van Thuan

    In attesa che il cammino di beatificazione giunga a conclusione, i cattolici vietnamiti continuano a rendere omaggio alla memoria del card. Francis Xavier Nguyễn Văn Thuận. Il 16 settembre scorso - riferisce l'agenzia AsiaNews - nella cattedrale di Saigon almeno 3mila fedeli hanno partecipato alla messa di suffragio per gli 11 anni dalla morte della figura più carismatica nella storia recente della Chiesa vietnamita. Prima della Messa, i partecipanti hanno potuto osservare una serie di immagini della vita del porporato - morto a Roma, dopo lunga malattia, il 16 settembre 2002 - proiettate sui muri della chiesa. Anche il card. Agostino Vallini, vicario generale della diocesi di Roma, ha reso omaggio "al card Văn Thuận, che ha praticato le virtù cattoliche in modo eroico". Durante la funzione commemorativa, padre Agostino Nguyễn Văn Dụ ha raccontato alcuni aneddoti inerenti la vita del cardinale, in particolare durante gli anni trascorsi a Roma e caratterizzati dal progredire della malattia. Il sacerdote ha inoltre ricordato la definizione data da Benedetto XVI del porporato vietnamita, definito "una persona foriera di speranza. Da vivo ha saputo infondere fiducia a tutti e proprio grazie a questa innata speranza, ha saputo superare le difficoltà... in particolare durante gli anni di isolamento" nelle carceri comuniste del Paese. Il card. François-Xavier Nguyen Van Thuân è nato il 17 aprile 1928, nella parte centrale del Vietnam, in una famiglia che aveva tra i suoi antenati i primi martiri vietnamiti del 1698. L'11 giugno 1953 venne ordinato sacerdote e a Roma si è laureato in Diritto canonico alla Pontificia università urbaniana. Ritornato in Vietnam fu professore e poi rettore del seminario di Huê. Il 24 aprile 1975, Paolo VI lo nominò coadiutore della arcidiocesi di Saigon. Pochi mesi dopo, il 15 agosto 1975, venne arrestato e imprigionato. Fu rilasciato il 21 novembre 1988 dopo aver trascorso oltre 13 anni in carcere. E il suo essere "fonte di speranza" emerge sin dal motto episcopale scelto - "Gaudium et Spes" - a conferma che il tempo trascorso nelle prigioni del regime non lo ha privato della gioia della fede e della speranza in Cristo. Un esempio valido ancora oggi, per tutti i cattolici vietnamiti che vivono in condizioni di difficoltà e persecuzioni da parte delle autorità. Quanti gli sono stati vicino testimoniano il suo profondo "ottimismo" che derivava dalla fiducia nella Provvidenza di Dio, che non lo ha mai abbandonato nemmeno nei Centri detentivi comunisti di Vinh Quang e Vinh Phu. I cattolici vietnamiti hanno colto appieno la lezione del porporato, che parla di "speranza" quale risultato di "fede e carità" in previsione della "vita eterna". Anche Giovanni Paolo II ha reso omaggio alla figura del cardinale vietnamita, che "negli abissi delle sofferenze", non ha mai smesso di "amare gli altri". E che ha saputo morire in pace, senza provare "risentimento" per alcuno a testimonianza che egli gode "della vita eterna, dove il sole non tramonta mai". Un esempio fra i tanti che rendono onore alla grandezza dell'uomo, prima ancora del sacerdote, è contenuto in questo aneddoto che risale ai tempi della prigionia. Dopo sei anni di isolamento, il card Van Thuân riceve una lettera da una delle guardie della prigione; il soldato gli confessa di aver mantenuto la "promessa" di recarsi "ogni mattina" presso l'altare della Madonna di La Vang - sede di un famoso santuario mariano - e recitare "una preghiera per il mio caro fratello Thuân". (R.P.)

    Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013...rd./it1-732523
    del sito Radio Vaticana

  3. #33
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,005
    Promulgazione di Decreti della Congregazione delle Cause dei Santi, 04.05.2017


    Alle ore 10.30 di questa mattina, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

    Durante l’Udienza, il Santo Padre ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i Decreti riguardanti:


    (...)

    - le virtù eroiche del Servo di Dio Francesco Saverio Nguyên Van Thuân, Cardinale di Santa Romana Chiesa; nato il 17 aprile 1928 e morto il 16 settembre 2002;

    (...)


    [00670-IT.01] [Testo originale: Italiano]

    [B0295-XX.01]


    fonte: Sala Stampa della Santa Sede
    «Parate viam Domini, rectas facite semitas eius»
    (Luc. 3, 4)

  4. #34
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,005
    Decreto sulle virtù del card. Van Thuân: Servo di Dio invita alla santità collettiva

    di Gabriella Ceraso

    Una Santa Messa Solenne di ringraziamento ha celebrato oggi a Roma presso la Chiesa di Santa Maria della Scala, il Decreto che riconosce le virtù eroiche del cardinale François-Xavier Nguyên Van Thuân e ne autorizza la venerabilità
    . Il testo è stato reso pubblico e ne è stata data lettura in italiano e in vietnamita nella cerimonia presieduta dal card. Peter K. A. Turkson, prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, che è attore della causa di beatificazione.

    "Cadere in terra e morire, non è solo la via per portare frutto, ma anche per salvare la propria vita, cioè per continuare a vivere! Questa consegna, assunta dal Servo di Dio François Xavier Nguyên Van Thuân, esprime con efficacia il percorso della sua vita". Così nell'introduzione al Decreto il cardinale Turkson, che ha ricordato la vita del porporato, la sua scelta del sacerdozio, i modelli di santi assunti nella propria esistenza: Santa Teresa di Lisieux, dalla quale apprese “la via dell’infanzia spirituale”, San Giovanni Maria Vianney, che "gli insegnò le virtù dell’umiltà, della pazienza e il valore dello sforzo tenace" e San Francesco Saverio," il grande apostolo dell’Asia, da cui imparò l’indifferenza davanti al successo o al fallimento".

    Quindi in primo piano l'apostoloato del Servo di Dio continuato con l’avvento del regime comunista. Poi l'arresto con l’accusa di “complotto tra il Vaticano e gli imperialisti” il 15 agosto 1975, Solennità dell’Assunta. Il cardinale Turkson ripercorre dunque la dura prigionia e l'isolamento, in tutto tredici anni, fino al 21 novembre 1988. Cercò di vivere la prigionia "colmandola di amore", ricorda il porporato: la "testimonianza di fede, speranza e carità del Servo di Dio, che si è profusa, giorno dopo giorno, con umiltà e discrezione, è un costante invito alla santità collettiva, che trova la sua massima espressione nella fedeltà a Dio e nell’aiuto reciproco nel percorrere il cammino di santità".

    Il cardinale Turkson seguendo la vicenda personale del Servo di Dio fino all'odierno Decreto, sottolinea anche il suo atteggiamento di mitezza, pazienza e amore verso il prossimo "che rese i suoi carcerieri anche suoi scolari nell'ascolto della Parola di Dio" e "rilancia a modello per tutta la comunità cristiana" quanto François Xavier Nguyên Van Thuân ebbe a dire, cioè che "la chiave di volta di tutto il periodo delle prigionia fu l’amore per Gesù crocifisso e abbandonato".


    fonte: Radio Vaticana
    «Parate viam Domini, rectas facite semitas eius»
    (Luc. 3, 4)

  5. #35

  6. #36

Discussioni Simili

  1. San PAOLO VI, Papa (26/09/1897 - 06/08/1978)
    Di adelmo77 nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 591
    Ultimo Messaggio: 08-08-2021, 22:57
  2. Venerabile Servo di Dio PIO XII, Papa (02/03/1876 - 09/10/1958)
    Di Vox Populi nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 547
    Ultimo Messaggio: 16-07-2021, 08:37
  3. Servo di Dio cardinal Rafael Merry del Val
    Di Freddi nel forum Storia della Chiesa e Agiografia
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 02-10-2015, 16:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •