Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 4 di 25 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 244

Discussione: Canto gregoriano: riflessioni ed esperienze nelle nostre comunità

  1. #31
    CierRino L'avatar di anacleto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Novae
    Età
    38
    Messaggi
    4,966
    Citazione Originariamente Scritto da (vtr) Visualizza Messaggio
    Beh, mi pare ovvio.
    Ci sarebbe solo da ridere se ad un campo scuola per giovani 18enni ci si mettesse a cantare il gregoriano.




    :msn4:













    Non vedo proprio che cosa ci sia da ridere. Io ne sarei positivamente meravigliato.
    Da piangere di gioia e commozione! Altro che ridere!

  2. #32
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    .
    Messaggi
    850
    Ringrazio di cuore tutti coloro che sono intervenuti...e che più o meno hanno espresso il loro parere favorevole alla valorizazione del canto gregoriano, e assolutamente contrario alla sua soppressione.

    Sono rimasto particolarmete colpito dalle parole dei primi post, che definiscono questo tipo di canto come il fondamentale della Chiesa, che trasmette solennità ma soprattutto riflessione del Cuore, tutte qualità importantissime ed il cui valore dovrebbe essere più valorizzato.



    Circa l'ultima parte della discussione, sono d'accordo che il Gregoriano non possa essere realizzato in un campeggio/ campo scuola, per il semplice motivo che questo tipo di canto è difficile sia per quanto riguarda la esecuzione (in un campeggio è alquanto difficile trovare 20 coristi istruiti in modo adatto) e la sua comprensione (senò si rischia di essere solo noiosi, di fronte ad un'assemblea di giovani che non sanno apprezzare questo canto).

    Citazione Originariamente Scritto da don Maurizio Visualizza Messaggio
    Alcuni sostengono cosa?... Non esiste "sostenere" nella liturgia della Chiesa, a meno che non si sia esperti liturgisti e con l'incarico della conferenza episcopale locale per la revisione dei canti.
    La muscia sacra è l'architettura dell'edificio "chiesa", nessuno si sognerebbe di far progettare la struttura portante al primo arrivato (rischio crollo), lo stesso è per la musica (colonna vertebrale della liturgia).
    La Sacrosanctum Concilium parla chiaro come la valanga di documenti magisteriali precedenti e successivi a questa costituzione: gli esperimenti devono finire.
    All'interno di una discussione composta ed un franco confronto, ciascuno dei partecipanti sostiene una sua opinione, che si adatta ai tempi ed ai luoghi!!!
    Ultima modifica di anacleto; 29-04-2009 alle 19:42 Motivo: uniti messaggi

  3. #33
    CierRino L'avatar di anacleto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Novae
    Età
    38
    Messaggi
    4,966
    Citazione Originariamente Scritto da fabivs Visualizza Messaggio
    Circa l'ultima parte della discussione, sono daccordo che il Gregoriano non possa essere realizzato in un campeggio/ campo scuola, per il semplice motivo che questo tipo di canto è difficile sia per quanto riguarda la esecuzione (in un campeggio è alquanto difficile trovare 20 coristi istruiti in modo adatto) e la sua comprensione (senò si rischia di essere solo noiosi, di fronte ad un'assemblea di giovani che non sanno apprezzare questo canto).
    Su questo concordo. Purtroppo è così.

  4. #34
    Iscritto L'avatar di Francesco Scrima
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    palermo
    Età
    79
    Messaggi
    244
    A Palermo nella Parrocchia di S. Basilio, abbiamo formato un gruppo di fedeli amanti del canto gregoriano. Attualmente stiamo studiando in contemporanea sia il canto che la teoria.

  5. #35
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Alfar
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Crema
    Età
    60
    Messaggi
    2,742
    questa presunzione che i giovani siano in grado di digerire solo le canzonette e la cultura pop... non la condivido, se non si propongono alternative come possono valutare?

  6. #36
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    2,356
    Citazione Originariamente Scritto da Alfar Visualizza Messaggio
    questa presunzione che i giovani siano in grado di digerire solo le canzonette e la cultura pop... non la condivido, se non si propongono alternative come possono valutare?
    Pop viene dall'inglese e significa popolare, di gradimento della massa.
    E' ovvio che se io propongo una sonorità orecchiabile è più gradita di una che pretende più preparazione e impegno nell'ascolto, in questo paese dove il popolino è inerme e prende le cose già belle e pronte (idee, concetti, ragionamenti ecc...) sarà difficile che scelga la strada dell'impegno e del sacrificio.

  7. #37
    Veterano di CR L'avatar di macridm
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Età
    54
    Messaggi
    1,319
    Citazione Originariamente Scritto da mariacarla Visualizza Messaggio
    Certo, in tempi di disimpegno assoluto, si trovano facili sostenitori di canti liturgici, tipo "Nè bianco nè nero ma soltanto vero..." (), che sono più immediatamente comprensibili di "Tantum ergo Sacramentum.." ()
    ... non la sento da anni, questa perla di musica liturgica moderna!

    Comunque, ogni cosa ha un senso nel giusto contesto. Se tu porti in camposcuola un gruppo di ragazzini alle prime esperienze, che "torna all'ovile" dopo aver abbandonato la parrocchia subito dopo il catechismo per la Comunione, non li accogli con il Tantum ergo. Se invece porti in una baita di montagna un gruppo di giovani che ha un cammino alle spalle e che cerca un ritiro spirituale vero, anche sì. Se fai un incontro di preghiera in oratorio con i bambini di terza elementare non scegli gli stessi canti della Veglia Pasquale... e così via.

    M.Cristina

  8. #38
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    2,356
    Infatti si parla di canti per i bambini senza che essi cadano nel mieloso sentimentalismo da favola o il fideismo di canti come 'tu al centro del mio cuore'.

  9. #39
    CierRino L'avatar di anacleto
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Novae
    Età
    38
    Messaggi
    4,966
    Citazione Originariamente Scritto da macridm Visualizza Messaggio
    ... non la sento da anni, questa perla di musica liturgica moderna!

    Comunque, ogni cosa ha un senso nel giusto contesto. Se tu porti in camposcuola un gruppo di ragazzini alle prime esperienze, che "torna all'ovile" dopo aver abbandonato la parrocchia subito dopo il catechismo per la Comunione, non li accogli con il Tantum ergo. Se invece porti in una baita di montagna un gruppo di giovani che ha un cammino alle spalle e che cerca un ritiro spirituale vero, anche sì. Se fai un incontro di preghiera in oratorio con i bambini di terza elementare non scegli gli stessi canti della Veglia Pasquale... e così via.

    M.Cristina
    Il tuo ragionamento è diffuso e condiviso da molti. Non da me.
    Mi spiego meglio: se vogliamo fare distinzione di contesti, la liturgia (sia delle ore, sia, soprattutto, dei sacramenti e dei sacramentali) è un contesto preciso che non può ammettere troppi adattamenti. Altrimenti detto, per la liturgia, che ci siano figli prodighi o figli assidui e devoti, non cambia molto: il modello del canto non può che rimanere il gregoriano. Se vogliamo distinguere, ammettiamo, invece, volentieri che, per una preghiera intorno al fuoco con bambini più o meno esagitati, possano andare canti, che, con il modello gregoriano, abbiano poco o nulla a che fare: quella preghiera non è liturgia della Chiesa.
    Da musicista, devo però auspicare che anche questi canti siano degni di tal nome.
    Ultima modifica di anacleto; 29-04-2009 alle 19:44 Motivo: piccole correzioni ortografiche e di interpunzione

  10. #40
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Voce mea
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Friuli
    Età
    31
    Messaggi
    2,378
    Citazione Originariamente Scritto da anacleto Visualizza Messaggio
    Il tuo ragionamento è diffuso e condiviso da molti. Non da me. Mi spiego meglio: se vogliamo fare distinzione di contesti, la liturgia (sia delle ore, sia, soprattutto, dei sacramenti e dei sacramentali) è un contesto preciso che non può ammettere troppi adattamenti. Altrimenti detto, per la liturgia, che ci siano figli prodighi o figli assidui e devoti, non cambia molto: il modello del canto non può che rimanere il gregoriano. Se vogliamo distinguere, ammettiamo, invece, volentieri che, per una preghiera intorno al fuoco con bambini più o meno esagitati, possano andare canti, che con il modello gregoriano non abbiano poco nulla a che fare: quella preghiera non è liturgia della Chiesa. Da musicista, devo però auspicare che anche questi canti siano degni di tal nome.
    Assolutamente d'accordo.

Discussioni Simili

  1. Canto gregoriano: articoli, manuali, cori celebri, audio e video in Rete
    Di OrganistaPavese nel forum Musica ed Arte Sacra
    Risposte: 114
    Ultimo Messaggio: 18-07-2021, 14:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •