Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 13 di 15 PrimaPrima ... 31112131415 UltimaUltima
Risultati da 121 a 130 di 144

Discussione: Messe da campo & co.

  1. #121
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,769
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Beh, in somma… non sapere che cosa sia un paliotto secondo me denota che non si sa nulla di Liturgia, con tutto il rispetto. Nessuno pretende di conoscere il Messale a memoria, ma queste sono le basi!
    Ripeto con qualche esempio più efficace ma reale: quando un cattolico pensa che la Trinità sia la stessa cosa della Triade Capitolina o della Trimurti induista; quando un cattolico ritiene che sulla Croce sia morto solo il corpo di Gesù; quando un cattolico pensa che l'ostia sia un "simbolo"; quando un cattolico sospetta che in realtà Maria e Giuseppe ebbero rapporti prima del matrimonio e così nacque Gesù... (potrei continuare con molti altri esempi reali). Francamente poco importa se sappia o non sappia che cosa è un paliotto, che non mi pare poi sia una cosa così basilare per la fede o anche per la liturgia stessa. Potrei capire se aveste detto altare, Vangelo, ostia; ma proprio le cose da voi citate di basilare non hanno proprio nulla, sono tutte cose secondarie liturgicamente parlando e risibili parlando in generale, non perché non abbiano importanza, ma perché, come dicevo, ci sono più urgenti problemi da risolvere.
    Dobbiamo preoccuparci perché il cattolico medio non conosce le basi della fede, non frequenta i sacramenti, non accetta ampie fette della dottrina morale. E solo dopo aver risolto tutto questo ci preoccuperemo se non sa cosa è un paliotto. Perché quando saremo dinanzi al Signore non ci chiederà di colore era il paliotto il giorno di sant'Agnese...
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  2. #122
    CierRino di platino L'avatar di Pellegrina
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    a casa mia
    Età
    68
    Messaggi
    13,557
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Mi pare doveroso riportarlo di seguito, a vantaggio di chi non utilizza Facebook:


    IL PRETE E LA MESSA.

    .........
    Maurizio Patriciello.


    fonte: https://www.facebook.com/profile.php?id=100044147273942
    Le parole di don Patriciello sono splendide! Quando parla del suo rapporto con Dio mi sono commossa!

    Citazione Originariamente Scritto da sere85 Visualizza Messaggio
    Risposta di Percorri la Pace:
    .....
    I partecipanti a “Per…corri la pace”.
    Questi invece... soliti toni qualunquisti da "ong pietosa"...



    p,s,: Laudato, non sapere cos'è un paliotto, non inficia la fede, se uno ce l'ha... (come al solito parli a sproposito...)
    Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla (Salmo 23)

  3. #123
    Veterano di CR L'avatar di Bessarione
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Nel mondo
    Messaggi
    1,228
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Al di là dello sconcerto, che non c'è neanche bisogno di palesare, e del dispiacere che questo sacrilegio sia avvenuto nella mia terra, rilevo in questa vicenda un segno importante, che non credo debba essere sottovalutato, perché lo riscontro in molti casi simili a questo.
    Nell'introduzione della lettera, infatti, il vescovo sottolinea la "sensibilità per i temi sociali" e l' "attenzione per i più poveri ed emarginati" del sacerdote. Io noto che molto spesso i sacerdoti particolarmente sensibili a questi "temi" si dimostrano poi assai carenti dal punto di vista dottrinale e liturgico, e mi chiedo - penso che tale domanda dovrebbero farsela anche i superiori che discernono - se questi sacerdoti non abbiano un'idea di sacerdozio del tutto sbagliata e, piuttosto che sentirsi ministri del Signore per e con gli uomini, si sentano invece presidenti di un'associazione umanitaria.
    Riporto il caso del mio parroco: è stato missionario, molto sensibile per i temi sociali, vicino ai migranti.
    E' inoltre assai carente di cura e attenzione nei confronti della liturgia: non ha mai commesso sacrilegi (l'unico abuso è l'omissione della stola), ma le sue celebrazioni sono assai sciatte, sembra quasi che celebri solo perchè costretto (forse proprio l'assenza di attenzione e cura per la liturgia gli ha impedito di inventarsi abusi gravi), addirittura non gli piace il modo di celebrare di un sacerdote africano che è stato ospitato nella nostra parrocchia perchè ha molta cura della liturgia (per esempio sposta la pisside con molta riverenza, esegue tutti gli inchini quando sono prescritti, si muove con solennità, eccetera).
    Eppure paradossalmente la liturgia gli sta a cuore, ripete continuamente l'importanza della celebrazione eucaristica, si ricorda tutto ciò che era stato detto in un convegno diocesano di qualche decennio fa sulla liturgia, gli è piaciuta moltissimo la Messa della domenica di Pasqua 2020 perchè abbiamo sfruttato il lockdown e la presenza di sole 6 persone in chiesa (sacerdote compreso) per cantare in gregoriano e in lingua latina (lui stesso ci ha fotocopiato con entusiasmo gli spartiti, però non avrebbe mai autorizzato l'uso del gregoriano se ci fosse stato un numero maggiore di persone in chiesa).

    Credo che questo contrasto derivi proprio dalla formazione che certi sacerdoti hanno: forse il mio parroco preparandosi a diventare missionario gli hanno insegnato che il gesto conta poco e che ciò che importa è solo il messaggio, quindi celebra male pur elogiando l'importanza della liturgia.

    Sono quindi dell'opinione che molti sacerdoti dediti al "sociale" abbiano scarsa cura della liturgia e della dottrina non per colpa loro, ma per colpa di chi li ha formati: immaginate di vivere per anni da seminaristi con un rettore che con entusiasmo organizza in seminario incontri sui migranti e sulla povertà e sembra poi vivere la Messa quotidiana solo come un "mezzo" per fare la comunione ogni giorno, oppure di frequentare sacerdoti che sembrano vivere la celebrazione eucaristica come qualcosa che ruba tempo alle attività destinate a sensibilizzare la comunità all'accoglienza dei migranti o a raccogliere fondi per le missioni.
    Magari tutti costoro, esattamente come il mio parroco, sono ben consapevoli dell'importanza della liturgia, ma l'impressione che danno forma negativamente i seminaristi o giovani sacerdoti.

    Poi, come giustamente ha lasciato intendere Abbas, in molti altri casi il problema è dovuto a un errato discernimento, ragion per cui si confonde il volontariato con il servire Dio.

    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Beh, in somma… non sapere che cosa sia un paliotto secondo me denota che non si sa nulla di Liturgia, con tutto il rispetto. Nessuno pretende di conoscere il Messale a memoria, ma queste sono le basi!
    Se secondo te la basi della liturgia sono sapere cosa sia un paliotto, allora di liturgia non sai proprio nulla, anche qualora conoscessi a memoria tutto il Messale e pure la Liturgia delle Ore.
    Francisco Summo Pontifici et Universali Patri: pax, vita et salus perpetua!

  4. #124
    Iscritto L'avatar di TeIgitur
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Italia (in passato anche U.S.)
    Messaggi
    376
    Fratelli e sorelle, per carità! Abbiate pietà! Questa storia del paliotto sta diventando un feticcio. Dato che l'ho iniziata io, permettetemi di precisare il senso della cosa e poi finiamola qua, vi supplico! Il senso era che a Westminster Abbey per il funerale di QEII l'altare aveva un paliotto nero mentre ormai noi cattolici un paliotto non sappiamo più cos'è. Tutto qua. E ovviamente non c'è nulla di male a non sapere cos'è un paliotto. Casomai è sull'usare come paliotto d'altare una bici da corsa che avrei delle riserve. (fonte: laprovinciadivarese.it)
    Rorate, caeli, desuper, et nubes pluant iustum. Aperiatur terra, et germinet Salvatorem

  5. #125
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    6,515
    Concordo con Bessarione... diciamo che però dipende dal tipo di sacerdozio perchè anche da me ci sono due frati missionari: uno ha 82 anni ed è stato in missione 37 anni sui 55 attuali di sacerdozio ma nonostante questo ha una grande cura liturgica: vuole tutto il più solenne possibile e indossa sempre la stola sotto la Casula anche se ogni anno celebra la Festa del Battesimo con casula bianca e stola azzurra sopra. Il secondo invece è più giovane: a novembre farà 30 anni di sacerdozio e tutt'ora ogni due/tre volte l'anno va in Africa e qui la situazione è un po' diversa dal primo frate perchè la sua cura liturgica è come il tuo parroco anche se dipende da come si sveglia: a volte fa tutto in fretta mentre a volte ti stupisci per come ha cura della liturgia... la stola sotto la casula non la indossa quasi mai: deve essere proprio Natale o Pasqua o qualche grande solennità (o dipende - ripeto - da come si sveglia) oppure la indossa sopra specialmente quando riprende i motivi del decoro della casula.

    Però tutti e due hanno fatto corsi di liturgia e, vedendo cosa faccio e il grande amore che ho per essa (pur non sapendo cosa fosse un paliotto fino a 3 anni fa), me ne parlano con grande rispetto!


    @Te Igitur ma infatti pur non condividendo ciò che hai scritto, la critica è riferita a Laudato che ha sparato una cavolata enorme quanto l'Europa! Tranquillo!
    Maranathà, vieni Signore Gesù!

  6. #126
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    22,746
    Citazione Originariamente Scritto da Pellegrina Visualizza Messaggio
    Laudato, non sapere cos'è un paliotto, non inficia la fede, se uno ce l'ha...
    La fede no, però la conoscenza che uno ha della Liturgia sì. Perché conoscere la Liturgia significa anche conoscerne il lessico specifico. Poi, sia chiaro, non è che per meritare il Paradiso dobbiam sapere che cosa sia un paliotto, così come non dobbiamo studiare la Liturgia. Ma sarebbe come se un elettricista non sapesse cosa sia un circuito.

    Comunque, fine del fuori-tema (oramai surreale), per quanto mi riguarda.
    Ultima modifica di Laudato Si’; 21-09-2022 alle 19:02
    «Vigilate ergo, quia nescitis qua die Dominus vester venturus sit».
    (Matth. 24, 42).



  7. #127
    CierRino L'avatar di Verbum Domini
    Data Registrazione
    Jul 2020
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    6,515
    Ma è comunque una grande cavolata... perchè se non sai cos'è un paliotto puoi benissimo saperne di liturgia e amarla nelle sue forme.
    Maranathà, vieni Signore Gesù!

  8. #128
    Veterano di CR L'avatar di Bessarione
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Nel mondo
    Messaggi
    1,228
    Citazione Originariamente Scritto da Verbum Domini Visualizza Messaggio
    Concordo con Bessarione... diciamo che però dipende dal tipo di sacerdozio perchè anche da me ci sono due frati missionari [...]
    Certo, anche la personalità di ognuno conta molto.
    Ho conosciuto un seminarista di un Istituto missionario che, vestito sempre in modo formale (niente t-shirt da missionario) e che ci tiene alla liturgia ben celebrata, parlare delle zone dell'Africa in cui potrebbe essere mandato in missione.

    Citazione Originariamente Scritto da Verbum Domini Visualizza Messaggio
    @Te Igitur ma infatti pur non condividendo ciò che hai scritto, la critica è riferita a Laudato che ha sparato una cavolata enorme quanto l'Europa! Tranquillo!
    Mi associo a Verbum.



    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    La fede no, però la conoscenza che uno ha della Liturgia sì. Perché conoscere la Liturgia significa anche conoscerne il lessico specifico. Poi, sia chiaro, non è che per meritare il Paradiso dobbiam sapere che cosa sia un paliotto, così come non dobbiamo studiare la Liturgia. Ma sarebbe come se un elettricista non sapesse cosa sia un circuito.
    Ora rigiri la frittata, ma prima hai detto che sapere cosa sia un paliotto è una delle basi della liturgia e non sapere cosa sia significa non sapere nulla di liturgia.
    Ma tranquillo, sappiamo tutti che non sei capace di ammettere di aver detto una castroneria, siamo abituati a queste cose
    Comunque, fine del fuori-tema, anche per quanto riguarda me.
    Francisco Summo Pontifici et Universali Patri: pax, vita et salus perpetua!

  9. #129
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,769
    Citazione Originariamente Scritto da Laudato Si’ Visualizza Messaggio
    Ma sarebbe come se un elettricista non sapesse cosa sia un circuito.
    Questo esempio è sbagliato, perché un circuito è la base di ciò che fa un elettricista. Più esatto sarebbe l'esempio: sarebbe come se un elettricista non sapesse di che metallo/lega è fatto un cacciavite.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  10. #130
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,769
    Citazione Originariamente Scritto da TeIgitur Visualizza Messaggio
    Fratelli e sorelle, per carità! Abbiate pietà! Questa storia del paliotto sta diventando un feticcio. Dato che l'ho iniziata io, permettetemi di precisare il senso della cosa e poi finiamola qua, vi supplico! Il senso era che a Westminster Abbey per il funerale di QEII l'altare aveva un paliotto nero mentre ormai noi cattolici un paliotto non sappiamo più cos'è. Tutto qua. E ovviamente non c'è nulla di male a non sapere cos'è un paliotto. Casomai è sull'usare come paliotto d'altare una bici da corsa che avrei delle riserve.
    Prima un appunto, finora nessuno te lo ha detto, ma è vietato da regolamento utilizzare acronimi come QEII, si può scrivere tranquillamente per intero o dire solo "la regina", tanto sappiamo tutti chi è.
    Per la questione della bici hai certamente ragione, ma non è necessario sapere cosa sia un paliotto per capire l'assurdità di una scelta simile. Sono certo che il 90% dei cattolici non abbiano idea di cosa sia un paliotto o meglio non associano il termine all'oggetto, ma sanno benissimo che una bici o una gigantografia di Lassie non vanno messe davanti a un altare. Poi ci sono altri cattolici a cui sta bene mettere una bici davanti all'altare, ma a quelli andrebbe bene così anche se sapessero cos'è un paliotto.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

Discussioni Simili

  1. Messe votive e per varie necessità
    Di boy83 nel forum Liturgia
    Risposte: 241
    Ultimo Messaggio: 05-10-2022, 16:16
  2. Messe con intenzioni collettive
    Di Card.Luciani nel forum Diritto Canonico
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 04-03-2020, 19:28
  3. Messe parate in Terzo
    Di Almutasin nel forum Liturgia
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 29-07-2015, 11:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>