Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25

Discussione: Peccato mortale (differenza dal peccato veniale)

  1. #1
    Partecipante a CR L'avatar di Andreas
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Siena
    Età
    50
    Messaggi
    657

    Peccato mortale (differenza dal peccato veniale)

    Sappiamo che per potersi configurare un peccato mortale, è necessario che oltre alla materia grave, vi sia anche deliberato consenso e piena avvertenza.
    Proprio su quest'ultimo apsetto volevo porvi un quesito.
    Se io ho commesso un errore da materia grave, convinto, ma non credendo che fosse realmente grave (da peccato mortale per intenderci), non sono caduto in peccato mortale, giusto?

    Ma se dopo anni che ,magari cresciuto nella fede, e con una maggiore conoscenza di cosa sia o non sia grave agli occhi di Dio, mi torna in mente questo vecchio peccato, ed adesso sono a conoscenza della sua gravità (anche se non lo ero quando l'ho commesso) devo tornare a confessarlo , o si tratta di eccesso di zelo (visto che ultimamente sono sempre più preso dagli scrupoli che non mi fanno godere neanche di una confessione!)?

    In pratica, la piena avvertenza che, se assente, non rende mortale un peccato, deve sussistere nel momento che compio l'atto peccaminoso, o anche anni dopo (sempre riferito però a quel peccato)?

    Non so se sono stato chiaro.

  2. #2
    Fedelissimo di CR L'avatar di arcycapa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    U.S.
    Età
    48
    Messaggi
    4,408
    Deve sussistere al momento del peccato. Quindi, se non ne eri cosciente al momento, non era un peccato mortale. L'unico problema potrebbe essere se la tua "ignoranza" al riguardo era colposa (nel senso che avresti dovuto saperlo). Ma quello sarebbe un altro peccato.

    Ed e` permesso rinnovare il dolore per peccati commessi in passato durante la confessione.

  3. #3
    Partecipante a CR L'avatar di Andreas
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Siena
    Età
    50
    Messaggi
    657
    Citazione Originariamente Scritto da arcycapa Visualizza Messaggio
    Deve sussistere al momento del peccato. Quindi, se non ne eri cosciente al momento, non era un peccato mortale. L'unico problema potrebbe essere se la tua "ignoranza" al riguardo era colposa (nel senso che avresti dovuto saperlo). Ma quello sarebbe un altro peccato..
    Quando è ignoranza colposa?

    Ed e` permesso rinnovare il dolore per peccati commessi in passato durante la confessione
    Si, il guaio è che alla fine mi ritrovo a confessare colpe di anni fa, perchè magari non sono sicuro di averli detti, o detti bene, insomma, alla fine mi rendo conto che rimango invischiato al mio passato.
    La paura di dannarmi l'anima ultimamente mi toglie la serenità e la gioia di avere Cristo mio Salvatore!

  4. #4
    Fedelissimo di CR L'avatar di arcycapa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    U.S.
    Età
    48
    Messaggi
    4,408
    Citazione Originariamente Scritto da Andreas Visualizza Messaggio
    Quando è ignoranza colposa?
    Questo e`, purtroppo, molto difficile da stabilire. La "fortuna", pero`, e` che e` praticamente un peccato solo che copre tutti gli altri. E quindi basta confessarlo una volta dicendo "Ho commesso peccati gravi in passato, anche se non sapevo al momento che fossero gravi. Forse pero` era colpa mia per non aver ben preparato la mia coscienza."

    Citazione Originariamente Scritto da Andreas Visualizza Messaggio
    Si, il guaio è che alla fine mi ritrovo a confessare colpe di anni fa, perchè magari non sono sicuro di averli detti, o detti bene, insomma, alla fine mi rendo conto che rimango invischiato al mio passato.
    La paura di dannarmi l'anima ultimamente mi toglie la serenità e la gioia di avere Cristo mio Salvatore!
    Se non eri cosciente della gravita` di tali peccati, allora non erano mortali, e non devi preoccupartene. Chiedi al Signore la grazia di superare questo periodo "scrupoloso", e vedrai che ti aiutera`. Preghero` per te.

  5. #5
    Partecipante a CR L'avatar di Andreas
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Siena
    Età
    50
    Messaggi
    657
    Citazione Originariamente Scritto da arcycapa Visualizza Messaggio
    Se non eri cosciente della gravita` di tali peccati, allora non erano mortali, e non devi preoccupartene. Chiedi al Signore la grazia di superare questo periodo "scrupoloso", e vedrai che ti aiutera`. Preghero` per te.
    Grazie mille, Arcy, ho proprio bisogno di preghiere!

    Anche io pregherò per te, stanne certo!

  6. #6
    VTR
    visitatore
    Andreas, capitava anche a me la stessa cosa: la coscienza eccessivamente scrupolosa.
    Ho detto tutto? Ho detto bene? ma il sacerdote mi avrà capito? Ma sono stato davvero perdonato? Ma ... questa cosa avrei potuto dirla diversamente?... etc. etc...
    Poi, diversi confessori mi hanno detto che la coscienza eccessivamente scrupolosa la ingenera il demonio che semina il dubbio ovunque, pure al momento della confessione.
    Quindi, se al momento del tuo peccato non avevi contezza di peccato mortale a mio avviso sussistono i requisiti perchè non ci sia peccato.
    Comunque sia: un ottimo confessore ti chiarirà le idee. Confidati a lui.
    Se poi ti devi confessare il peccato passato (nell'incertezza), fallo una volta per tutte e poi dimeticatelo che il Signore lo ha dimenticato pure Lui.
    Ultima modifica di VTR; 01-09-2008 alle 13:29

  7. #7
    ORAPRONOBIS
    visitatore
    Capitano anche a me situazioni del genere.

    Ringrazio voi per tutte le risposte che sono servite anche a me.

  8. #8
    Partecipante a CR L'avatar di Andreas
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Siena
    Età
    50
    Messaggi
    657
    Citazione Originariamente Scritto da Amore Eterno Visualizza Messaggio
    Senza la piena avvertenze non è peccato mortale, anche se ora, a distanza di anni vieni a conoscenza della gravità agli occhi di Dio a tali peccati.
    Quindi come ti è stato già consigliato prega il Signore.
    Volevo aggiungere un'altra cosa, tempo fa mi accinsi a leggere l'infanzia di Don Amorth, e il suo parroco, quand'esso era ancora un ragazzo gli disse: "Gabriele lo conosci l'8°comandamento?" E lui rispose: "8°??Ma i comandamenti sono 7!!" E con tono ironico ma altrettanto veritiero il parroco disse:"L'8°comandamento è l'ingoranza, sai quante anime si salvano con l'ignoranza?" Ed è verissimo, andate in giro guardate intorno a voi la realtà peccaminosa che vi circonda, bestemmia, imprecazioni, gente che commette adulterio....secondo voi sono coscienti di quel che fanno? No! Perchè non hanno piena avvertenza di quel che fanno, quindi rivolgendomi anche a te Andreas, non ti preoccupare perchè il Signore ti ha già perdonato.
    Grazie anche a te per l'esauriente risposta!

  9. #9
    Fedelissimo di CR L'avatar di arcycapa
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    U.S.
    Età
    48
    Messaggi
    4,408
    Citazione Originariamente Scritto da Amore Eterno Visualizza Messaggio
    Volevo aggiungere un'altra cosa, tempo fa mi accinsi a leggere l'infanzia di Don Amorth, e il suo parroco, quand'esso era ancora un ragazzo gli disse: "Gabriele lo conosci l'8°comandamento?" E lui rispose: "8°??Ma i comandamenti sono 7!!" E con tono ironico ma altrettanto veritiero il parroco disse:"L'8°comandamento è l'ingoranza, sai quante anime si salvano con l'ignoranza?"
    Probabilmente parlava dell'8° sacramento, dato che i sacramenti sono 7. Di comandamenti ce ne sono 10, e quindi bisognerebbe parlare dell'ignoranza come 11° comandamento...

  10. #10
    Partecipante a CR L'avatar di Andreas
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Siena
    Età
    50
    Messaggi
    657
    Citazione Originariamente Scritto da Amore Eterno Visualizza Messaggio
    Grazie, ma al posto di comandamento andava Sacramento, ora ho cambiato, scusa.
    Si si, lo avevo capito, anche perchè anche io mi ricordavo questo episodio raccontato da padre Amorth su Radio Maria

Discussioni Simili

  1. Eucarestia e peccato mortale
    Di Freddi nel forum Catechismo
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 11-04-2015, 11:57
  2. Condizioni e caratteri del peccato mortale
    Di quintusfabius nel forum Catechismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18-12-2009, 21:50
  3. Sacerdoti in peccato mortale
    Di agathe nel forum Catechismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 24-09-2009, 16:34
  4. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 08-01-2009, 15:24

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>