Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 15 di 15 PrimaPrima ... 5131415
Risultati da 141 a 143 di 143

Discussione: Monache e Suore di clausura

  1. #141
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,396

    Post

    Forlì, dopo 235 anni chiude il monastero delle Clarisse di piazza Ordelaffi Dopo 235 anni di presenza chiude il monastero delle Clarisse Urbaniste del Corpus Domini di piazza Ordelaffi. L’addio è stato annunciato dalle monache stesse con una lettera inviata alle altre suore della Diocesi, agli amici del monastero, ai sacerdoti e ai membri del Consiglio pastorale e delle Consulte diocesane. “Dal 1786 – scrivono le Clarisse Urbaniste – in questo monastero fra il Duomo e la Prefettura, nel cuore della vita ecclesiale e civile, siamo presenti come comunità monastica di Sorelle Clarisse, meglio conosciute come le suore del “Corpus Domini”, per dedicare la vita in primo luogo alla preghiera, alla lode e all’intercessione, nella letizia e testimonianza della vita fraterna”.Il giorno del saluto a Forlì sarà l’11 ottobre durante la messa che il vescovo, mons. Livio Corazza, presiederà alle 7 nella chiesa di piazza Ordelaffi. “Ci accingiamo a lasciare questo monastero tanto amato, nel quale pensavamo di rimanere per sempre – continua la lettera – le sorelle anziane saranno accolte in una comunità religiosa presso le Maestre Pie dell’Addolorata di Rimini: una comunità più numerosa dove potranno continuare la vita di preghiera con un aiuto maggiore e più qualificato per i loro bisogni. Le più giovani si uniranno ad un’altra comunità del nostro ordine di Clarisse Urbaniste”.https://www.corriereromagna.it/forli...zza-ordelaffi/

  2. #142
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,396

    Post

    Sabiona, fine di un’epoca: l’addio delle Benedettine dopo ben 336 anni Il futuro del convento adesso è incerto. Il vescovo Ivo Muser: «Faremo di tutto affinché Sabiona rimanga un luogo di spiritualità»Nel 1996 quando fu eletta badessa Maria Ancilla Hohenegger il convento di Sabiona contava 18 suore benedettine, poi rimaste tre nel maggio scorso, due delle quali hanno preso i voti solenni. Di sicuro, con questi numeri, non avrebbero certo potuto sfruttare al meglio l'ampio complesso né permettersi gli alti costi di manutenzione. A fine novembre, dunque, sarà davvero la fine di un’epoca con l’addio delle ultime due religiose. Nei giorni scorsi il vescovo Ivo Muser ha presieduto l’attesa e commovente celebrazione di commiato. Tra pochi giorni ci sarà l’annunciato passaggio di consegne perché la congregazione benedettina affiderà il convento alla Diocesi e, di fatto, si tratta di un ritorno al passato.Le prime suore.Giunsero a Sabiona nel lontano 1685 da Nonnberg vicino a Salisburgo e l'anno seguente il convento fu formalmente istituito dal vescovo di Bressanone, a cui rimase subordinato per secoli. Per questo motivo le suore avevano deciso già alcuni anni fa di affidare questo luogo alla Diocesi in caso di scioglimento dell'abbazia.La badessa ha consegnato le chiavi del Monastero al vescovo.«Questo luogo simbolo della nostra terra rimarrà segnato dall'ora et labora tipico delle suore benedettine. Spero che ci sia continuità nella discontinuità, faremo di tutto affinché Sabiona rimanga un luogo di spiritualità che infonde speranza», ha sottolineato monsignor Ivo Muser. La badessa Ancilla Hohenegger ha consegnato direttamente nelle mani del vescovo le chiavi del monastero.Una «storia» durata 336 anni.La prossima domenica, che è la prima di Avvento, inizia il nuovo anno liturgico, e quello che sta per finire «si associa oggi a un altro finale, che dal punto di vista umano è triste e doloroso. Avremmo voluto che andasse diversamente», ha detto il vescovo Ivo Muser nella chiesa del monastero di Sabiona durante la celebrazione solenne. Il presule ha ricordato che esattamente 336 anni fa fu istituito il monastero di Santa Croce a Sabiona.Un anno prima cinque suore benedettine del convento di Salisburgo si erano trasferite sulla rocca e nel 1699 il monastero fu elevato al rango di abbazia con la prima badessa, Maria Agnes von Zeiller di Campo Tures.Incertezza sul futuro di Sabiona.Il vescovo ha ribadito il massimo impegno «affinché la culla della nostra Diocesi rimanga un luogo spirituale animato da persone che vivono, lavorano, pregano e in tal modo infondono speranza. Questo perché - ha aggiunto Muser - abbiamo bisogno di qualcosa di più del funzionale, dell’esteriore, del materiale. Abbiamo bisogno di persone che ricordino a Chiesa e società che l'essere viene prima del fare, che il fare deve crescere dall'essere». Contatti e colloqui sul futuro di Sabiona sono in corso, al momento non si è ancora arrivati a un risultato concreto. In attesa di trovare un’adeguata soluzione, la Diocesi si occuperà della cura, manutenzione e gestione dell’areale del monastero.Le ultime due suore rimaste andranno a San Paolo.Durante l’omelia il vescovo ha lasciato spazio ai ricordi personali – come la scelta di Sabiona, dieci anni fa, per il ritiro alla vigilia della sua ordinazione a vescovo – e ha detto grazie a tutte le suore «che hanno vissuto silenziosamente, consapevolmente e con i piedi per terra la loro ricerca benedettina di Dio». Muser si è rivolto alle ultime due rimaste, che ora si trasferiscono nell’abbazia Mariengarten a San Paolo di Appiano: «Cara madre Ancilla e cara suor Elisabeth, grazie per la vostra presenza e la vostra opera. Oggi siete all’altare della chiesa idealmente insieme a tutte le consorelle che nei 336 anni hanno fatto di questo sacro monte un luogo di benedizione».La badessa: «Conservate sempre questo gioiello».La badessa si è augurata che il contributo pubblico possa continuare anche in futuro, «perché questa terra e l’Europa sono segnate dalle radici cristiane». Suor Ancilla ha detto di affidare con fiducia il monastero alla Diocesi, con la preghiera al vescovo «di conservare sempre questo gioiello». https://www.altoadige.it/cronaca/bre...anni-1.3064379

  3. #143
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,396

    Post

    Squillace, il monastero chiude il settore “clausura”
    Le suore tornano in Brasile ma restano le quattro monache che curano il servizio apostolico

    La Comunità contemplativa dedicata a Santa Teresa di Gesù Bambino, che nei locali dell’ex seminario diocesano squillacese ospita le monache carmelitane “Messaggere dello Spirito Santo”, chiuderà a breve. La triste notizia è stata resa nota in cattedrale, al termine della celebrazione eucaristica del giorno di Santo Stefano. La madre superiora della comunità squillacese, suor Antonina Crapisi, ha dato lettura della comunicazione ufficiale inviata dal Brasile dalla superiora generale madre Raquel Canoas. L’istituzione del monastero, avvenuta il 14 maggio 2014, è stata voluta dall’ex arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone. Attualmente nella struttura, che si trova accanto alla basilica cattedrale, vi sono sette monache di clausura e quattro che svolgono servizio pastorale esterno. In particolare, la chiusura decisa dalla superiora generale riguarda la sola comunità contemplativa, cioè il settore delle suore di clausura, mentre le sorelle apostoliche continueranno la loro missione a Squillace e faranno di tutto, come reso noto, per colmare il vuoto lasciato dalle altre suore.


    fonte

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •