Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 27

Discussione: Il Vangelo in lingua latina e in lingua greca nelle Celebrazioni liturgiche papali

  1. #11
    Iscritto L'avatar di starshine1983
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Torino
    Età
    38
    Messaggi
    131
    se torna il latino,allora ci manca il greco...

  2. #12
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,943
    Citazione Originariamente Scritto da starshine1983 Visualizza Messaggio
    se torna il latino,allora ci manca il greco...
    non l'ho capita
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  3. #13
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,943
    Secondo me, data la presenza alla celebrazione odierna dei Patriarchi cattolici di rito orientale (nonché del Patriarca ortodosso di Costantinopoli), sarebbe stato molto opportuno cantare il Vangelo non solo in latino da parte del diacono "romano" ma anche in greco da parte di un diacono orientale.
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  4. #14
    CierRino L'avatar di Teofilo89
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Toscana
    Età
    32
    Messaggi
    5,665
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Secondo me, data la presenza alla celebrazione odierna dei Patriarchi cattolici di rito orientale (nonché del Patriarca ortodosso di Costantinopoli), sarebbe stato molto opportuno cantare il Vangelo non solo in latino da parte del diacono "romano" ma anche in greco da parte di un diacono orientale.
    se non sbaglio questa è una prassi che ho visto applicata a non so quale Messa celebrata da Giovanni XXIII (incoronazione?).
    Non licet bovi quod licet Iovi

  5. #15
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,943
    Citazione Originariamente Scritto da Teofilo89 Visualizza Messaggio
    se non sbaglio questa è una prassi che ho visto applicata a non so quale Messa celebrata da Giovanni XXIII (incoronazione?).
    Prima della riforma liturgica la doppia proclamazione del Vangelo era una prassi fissa della Messa solenne papale. Attualmente lo si fa in pochissime circostanze (Messa in Coena Domini, Canonizzazioni e mi sa nient'altro, neppure nelle grandi solennità quali Pasqua e Natale...)
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  6. #16
    Saggio del Forum L'avatar di Pikachu
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    6,631
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Prima della riforma liturgica la doppia proclamazione del Vangelo era una prassi fissa della Messa solenne papale. Attualmente lo si fa in pochissime circostanze (Messa in Coena Domini, Canonizzazioni e mi sa nient'altro, neppure nelle grandi solennità quali Pasqua e Natale...)
    Il Vangelo è cantato in greco anche alla Messa del Giorno di Pasqua.


  7. #17
    CierRino L'avatar di Teofilo89
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Toscana
    Età
    32
    Messaggi
    5,665
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Prima della riforma liturgica la doppia proclamazione del Vangelo era una prassi fissa della Messa solenne papale. Attualmente lo si fa in pochissime circostanze (Messa in Coena Domini, Canonizzazioni e mi sa nient'altro, neppure nelle grandi solennità quali Pasqua e Natale...)
    possiamo dire: "peccato"? A me sembrerebbe una modalità veramente ecumenica, nobilitante per la figura del Papa, che non è legato all'Est o all'Ovest ma è del mondo. Va be', tanto sono parole buttate al vento.
    Non licet bovi quod licet Iovi

  8. #18
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    60,943
    Citazione Originariamente Scritto da Pikachu Visualizza Messaggio
    Il Vangelo è cantato in greco anche alla Messa del Giorno di Pasqua.
    Hai ragione, effettivamente quest'anno è stato cantato anche in greco ma, guardando i libretti degli anni precedenti, si nota che fino al 2011 compreso era stato cantato solo in latino. Ecco perché mi ero confuso
    «Sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem».
    (Io. 13,34)

  9. #19
    Partecipante a CR L'avatar di Hernestus
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    633
    Posso sbagliare, ma mi pare di ricordare che, fin tanto che durò il “magistrato” di Mons. Noé (peraltro, a quanto riportatomi, non fatto oggetto vuoi pure di un solo cenno di memoria da parte di S.Em. il Cardinal Decano nell’omelia pronunciata in occasione della di lui S.Messa esequiale), la doppia proclamazione rimase prassi comune nelle celebrazioni “solenni”. Come rimase prassi comune l’assegnazione delle prime due letture, e del salmo responsoriale, a lettori istituiti, e regolarmente parati in amitto, camice e cingolo, anziché . . . ma lasciamo perdere!
    E lo rimarco non certo da fan a oltranza di S.Em. Noé, ma da miserrimo laico che pure, per la sua ignoranza, non riesce a “perdonare” alla stessa Eminenza la “distruzione” (come mi pare ebbe a definirla Vox in un suo vetusto messaggio del quale non so se conserverà memoria) che seppe operare del Caeremoniale Episcoporum.

  10. #20
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    990
    Per curiosità riporto dal Moroni:

    "...Nello stesso venerdì santo, secondo l’antico rito, Benedetto XIII nel 1725 nella cappella pontificia dopo il Passio, fece dire il vangelo in greco, come avea fatto della Lezione, da due alunni del Collegio greco. E siccome anticamente nella stessa cappella pontificia la prima profezia del sabbato santo pronunziavasi in greco, e ripetevasi in latino, lo stesso Benedetto XIII nella prima funzione del sabbato santo da lui celebrata, volle che un alunno del Collegio greco leggesse la prima profezia in lingua greca, dopo di essere stata pronunziata in latino da un cantore della medesima cappella. Su di che è a consultarsi il Rodotà, Origine del rito greco in Italia pag. 240. A due alunni poi di questo Collegio stabilì Sisto V, con sua costituzione del primo settembre 1586, che appartenesse l’onorevole uffizio del diacono, e del suddiacono greco nei pontificali solenni, cui celebra il sommo Pontefice per la sua coronazione, per la canonizzazione, per le feste di Natale, Pasqua, e s. Pietro, non che per circostanze straordinarie, permettendo Sisto V colla stessa costituzione, che la loro ordinazione si potesse eseguire anco da un vescovo latino, affinché non debbano mai mancare al servigio della cappella pontificia, come si legge nel t. V, parte I, pag. 160, del Bull. Rom. Fu Clemente VIII che nel 1595 destinò il vescovo greco a conferire gli ordini sagri agli alunni greci d’Italia. V. il Mortene De antiquitate Eccl. etc., t. I, p. 378, e 380; il Giorgi Liturgia Rom. Pont. t. Il, p. 140, ed il p. Gattico Acta Caerem. p. 99.

    Pompilio Totti nel Ritratto di Roma moderna a pag. 452, dice che nel 1638 si cantava l’evangelo in greco da uno scrittore greco della biblioteca vaticana, e l’epistola da un alunno del Collegio greco. (lo stesso autore poche righe prima dice che in precedenza erano cantati da due monaci di Grottaferrata) Fu poi Benedetto XIII, che introdusse l’uso di vestire cogli abiti della chiesa greca il diacono e suddiacono, i quali debbono cantare nella messa pontificale del Papa, e nel greco idioma il vangelo, e l’epistola, che presso la chiesa greca cantasi dall’Anagnoste con un abito suddiaconale, di nuova foggia, diverso dalla tonicella latina, che prima si usava, non avendo il suddiacono presso i greci abito proprio, e non accostandosi neppure all’altare, peraché non è di un ordine sagro. Forse Benedetto XIII avrà voluto seguire l’esempio dei concilio di Lione, celebrato da Gregorio X, nella cui messa solenne celebrata dal Papa alla presenza di Michele Paleologo imperatore greco, in argomento di sincera unione della Chiesa latina alla greca, furono cantati il vangelo e l’epistola greca in abiti sagri, e dai Cardinali e prelati latini venne cantato il simbolo della fede, in latino, il quale fu recitato in greco dal patriarca di Costantinopoli, e dai vescovi greci della Calabria, come racconta il citato Rodotà, Origine del rito greco in Italia, t. III, p. 243. Non sono poi nella messa del Papa comunicati il diacono, e suddiacono greci, perché molte volte sono sacerdoti, e per non farli variare nel rito senza bisogno, comunicandosi i greci in fermentato. V. Jo. Gottfr. Hermanni, Historia concertationum de pane azymo et fermentato in Coena Domini, Lipsiae :737. V. CAPPELLE PONTIFICIE.
    (Gaetano Moroni: Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica. vol. XV pag 166 e segg.)

Discussioni Simili

  1. Risposte: 405
    Ultimo Messaggio: 31-10-2013, 21:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>