Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 27 di 27

Discussione: Il Vangelo in lingua latina e in lingua greca nelle Celebrazioni liturgiche papali

  1. #21
    CierRino L'avatar di Teofilo89
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Toscana
    Età
    32
    Messaggi
    5,665
    Fa ancora più specie che tutto ciò ai giorni nostri si sia vergognosamente perso.
    Non licet bovi quod licet Iovi

  2. #22
    Partecipante a CR L'avatar di Hernestus
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    633
    Citazione Originariamente Scritto da GiovanniF Visualizza Messaggio
    Per curiosità riporto dal Moroni: . . .
    Grazie davvero, Giovanni, per queste indicazioni!
    Nell’auspicio di poter avere modo di ringraziarTi, e di conoscerTi, di persona. In occasione dell’anastasin della passata S.Pasqua, a Sant’Atanasio, ho provato a cercarTi, ma ho avuto la delusione di sentirmi dire che non c’eri (*).

    Piuttosto, a proposito del Moroni, guardate tutti qui (non l’avevo mai trovato prima!):
    http://books.google.it/books/about/Dizionario_di_erudizione_storico_ecclesi .html?id=N2YAAAAAMAAJ&redir_esc=y


    E guardate i “libri correlati”, e questo in particolare:

    http://books.google.it/books?id=opMPAAAAIAAJ&printsec=frontcove r&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v= onepage&q&f=false

    (*) Però, in compenso, se posso indulgere ad un secondo di spicciola vanità, sono rimasto iperstralusingatissimo nel vedermi avvicinare da uno studente il quale, mostrandosi ancora memore del mio “intervento” al Defte lavete fos dello scorso anno (quando lo “stesicoro” si avvaleva – incredibilmente – del microfono), gentilissimamente mi diceva che il coro contava sul mio riscontro vocale nel corso della processione.

  3. #23
    CierRino L'avatar di Teofilo89
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Toscana
    Età
    32
    Messaggi
    5,665
    Citazione Originariamente Scritto da Luca Dibova Visualizza Messaggio
    Dimenticavo ...
    non sapete quante risate si fanno i Greci quando sentono quel Vangelo greco, magari in mondovisione,
    dove il diacono “greco” della Cappella Papale – che greco non é –
    confonde sistematicamente k e ch e ci inzeppa qualche bel svarione di lettura,
    per non parlare dell'intonazione non proprio ellenica ...

    Luca
    credo che il problema sia nell'insegnamento della pronuncia, che tende sempre all'erasmiana anziché all'itacista.
    Non licet bovi quod licet Iovi

  4. #24
    Partecipante a CR L'avatar di Hernestus
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    633
    Citazione Originariamente Scritto da Luca Dibova Visualizza Messaggio
    . . . E' un ricordo di quando nella comunità cristiana di Roma c'erano clero e fedeli di lingua greca . . .
    Oppure un ricordo di quando anche a Roma la lingua liturgica era il greco (*), ossia – parrebbe – fino a praticamente tutto il quarto secolo?
    Così come non può a meno di riconoscere la stessa terza edizione del I volume della Storia liturgica del Righetti, pure edita nel 1964 [ossia in epoca in cui il non almeno adombrare “la necessità di usare una lingua nella preghiera liturgica che sia compresa da tutti” comportava, più che la fucilazione, lo sparo a vista (**)], vuoi anche solo in via di citazione di un autore (Klauser, Der Ubergang der röm. Kirche von der griechisten zur lateininschen Liturgiesprache, in Miscellanea Mercati, Roma, 1946, vol. I, p. 467-482).

    Citazione Originariamente Scritto da Luca Dibova Visualizza Messaggio
    Dimenticavo ...
    non sapete quante risate si fanno i Greci quando sentono quel Vangelo greco, magari in mondovisione,
    dove il diacono “greco” della Cappella Papale – che greco non é –
    confonde sistematicamente k e ch e ci inzeppa qualche bel svarione di lettura,
    per non parlare dell'intonazione non proprio ellenica . . . .
    Beh, caro Luca, a dire il vero mi pare si tratti pur sempre di diaconi del Pontificio Collegio Greco, e comunque non mai di diaconi latini “mascherati” da greci. E che l’intonazione sia quella che ho sempre sentito a Sant’Atanasio, al di là delle possibili inesattezze del singolo interprete, che del resto credo si possano molto più di una volta riscontrare anche nella proclamazione latina.

    Citazione Originariamente Scritto da Teofilo89 Visualizza Messaggio
    credo che il problema sia nell'insegnamento della pronuncia, che tende sempre all'erasmiana anziché all'itacista.
    Certo,la pronuncia cui alle nostre latitudini siamo stati tutti avvezzati è quella erasmiana, non quella reuchliniana. E certamente non è facilissimo riavvezzarsi poi a quest’ultima: lo dico per esperienza personale, là dove certi “svarioni” non mancano di sovvenirmi ancora oggi. Però davvero non saprei dire se il problema segnalato da Luca possa ricondursi solo a questo.

    (*) L’inglese di allora”, lo definirebbe la sempre indubbiamente fascinosa S.Em. il Cardinal Ravasi, però forse, anzi sicuramente, dimenticando un poco che allora non esistevano né Internet, né Twitter o Facebook, né televisione o radio, né “auricolari”, né tanti media in genere.
    (**) L’epoca in cui, tanto per darne una minima idea, qui a Roma si abbattevano splendidi villini liberty per fabbricare in loro luogo, con l’entusiastica approvazione generale, “palazzine” che più immonde e squallide non si può. E in cui l’architettura sacra era quella che tutti possiamo, purtroppo, ancora apprezzare, e le illustrazioni del Messalino quotidiano erano quelle, a dir poco inquietanti, del Messale romano quotidiano al momento “In ristampa breve” da parte della Marietti 1820.

  5. #25
    Partecipante a CR L'avatar di Panzer Kardinal
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Roma
    Età
    33
    Messaggi
    657
    La doppia proclamazione del vangelo in latino ed in greco c'è stata anche alla messa d'insediamento di Papa Benedetto XVI nel 2005.

    http://www.youtube.com/watch?v=3R8h6...eature=related


    dal minuto 48 circa comincia la proclamazione in latino segue quella in greco
    Ultima modifica di Panzer Kardinal; 16-10-2012 alle 07:44
    Quaerite primum regnum Dei

  6. #26
    Veterano di CR L'avatar di fames
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Patriarcato di Venezia
    Messaggi
    1,020
    Citazione Originariamente Scritto da Panzer Kardinal Visualizza Messaggio
    La doppia proclamazione del vangelo in latino ed in greco c'è stata anche alla messa d'insediamento di Papa Benedetto XVI nel 2005.

    http://www.youtube.com/watch?v=3R8h6...eature=related


    dal minuto 48 circa comincia la proclamazione in latino segue quella in greco
    Peccato per la qualita` audio.
    " Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza. " Osea 4:6

  7. #27
    CierRino L'avatar di Proculus Ianuarius
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Pozzuoli
    Età
    25
    Messaggi
    5,805
    Citazione Originariamente Scritto da spegaudente Visualizza Messaggio
    O.T. - noto invece che il Vangelo è in Italiano e così è stato nelle altre celebrazioni natalizie... povera "Neo Vulgata" si negletta
    se ben ricordo ci sono state precise disposizioni anche nelle liturgie papali in latino per la proclamazione del Vangelo in lingua volgare
    Ultima modifica di Proculus Ianuarius; 05-01-2022 alle 10:01
    Fedele al Papa!

Discussioni Simili

  1. Risposte: 405
    Ultimo Messaggio: 31-10-2013, 21:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>