Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Comunità di San Galdino (ministranti del Duomo di Milano)

  1. #1
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    .
    Messaggi
    850

    Comunità di San Galdino (ministranti del Duomo di Milano)

    Usando la funzione "cerca" ho trovato alcune informazioni, ma mi piacerebbe aprire una discussione ex novo sui ministranti del Duomo raggruppati nella Comunità di San Galdino (che spesso più brevemente viene chiamata "la S. Galdino").

    Discussione circa la storia, e soprattutto circa l'attuale situazione, magari anche arricchita da qualche esperienza personale di chi ne fà o ne ha fatto parte.

    Ciao a tutti e grazie anticipatamente per i contributi che sono sicuro apporterete!
    Ultima modifica di Ambrosiano; 01-12-2008 alle 22:12

  2. #2
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    .
    Messaggi
    850
    nessuno mi può aiutare nella mia ricerca?

  3. #3
    Moderatore Globale L'avatar di Ambrosiano
    Data Registrazione
    May 2006
    Località
    Milano
    Messaggi
    12,217
    Mah, so che nel forum c'è qualche utente che fa parte di quella comunità (o almeno si era dichiarato tale).
    Devi dare tempo al tempo, sperando che leggano la discussione e poi magari si documentino un po'.

  4. #4
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    .
    Messaggi
    850
    Ah ma allora proprio nessuno mi può aiutare?

    perchè pensavo di portare i miei chierichetti in gita alla nostra cattedrale...e volevo approfondire la tematica del servizio in chiesa magari con un incontro proprio con i chierichetti del Duomo...e ho appunto aperto questa discussione per saperne di più...

  5. #5
    Citazione Originariamente Scritto da fabivs Visualizza Messaggio
    Usando la funzione "cerca" ho trovato alcune informazioni, ma mi piacerebbe aprire una discussione ex novo sui ministranti del Duomo raggruppati nella Comunità di San Galdino (che spesso più brevemente viene chiamata "la S. Galdino").

    Discussione circa la storia, e soprattutto circa l'attuale situazione, magari anche arricchita da qualche esperienza personale di chi ne fà o ne ha fatto parte.

    Ciao a tutti e grazie anticipatamente per i contributi che sono sicuro apporterete!

    Grazie a alla "San Galdino" (chissà cosa ne pensa il Santo), ho potuto fare solo tre volte il chierichetto in Duomo al mio Direttore Spirituale, mentre avrei voluto farlo almeno tutti i sabati e tutte le domeniche per anni.....ma era obbligatorio far parte della "San Galdino".
    Peccato che poi non decidevi tu quali servizi fare e a quale S.Messa fare il chierichetto....(così mi fu detto da un amico).
    Non avendo fatto parte della Comunità non posso aiutarti, ma trovo assurdo che se un ragazzo è legato ad un Monsignore del Duomo non possa fare il chierichetto nelle S.Messe da lui celebrate senza far parte della S.Galdino. (pur essendo perfetteamente capace di servire).

  6. #6
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    63,031
    Duomo di Milano, 18 maggio 2009
    S. Galdino, l'Arcivescovo ha firmato il decreto di riconoscimento diocesano


    Il cardinale Tettamanzi ha firmato l'atto costitutivo dell'associazione “Comunità San Galdino per il servizio liturgico”. Un gruppo di 60 volontari che dal 1988 garantisce l'animazione della liturgia in Duomo

    fonte: http://www.chiesadimilano.it/or4/or?...ex&oid=1790514
    Oboedientia et Pax

  7. #7
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Monza
    Età
    35
    Messaggi
    58
    Ciao a tutti, con un po' di ritardo sono a scrivervi qualcosa sulla associazione "Comunità San Galdino per il Servizio Liturgico".

    Al momento contiamo più di 70 membri, delle più diverse età e provenienze. Tutti quanti prestiamo il nostro servizio gratuitamente, non solo per le belle celebrazioni solenni (la maggior parte delle quali viene comunque servita dal seminario) ma soprattutto per quelle di ogni settimana a cui in pochi, purtroppo, danno credito.

    Mi viene da sorridere leggendo il commento di Rag. Partridge, il quale chiedeva di poter servire "solo ogni sabato e domenica".
    Innanzitutto non credo che qualcuno gli abbia vietato di entrare nella San Galdino, soprattutto visto che conosceva "un monsignore del Duomo" (altrimenti detto Canonico, immagino).
    Poi il suo commento riguardo il "dover fare i turni" lascia trasparire, chiedo venia, un certo egoismo riguardo al servizio: tutti dobbiamo aver la possibilità di servire, di conseguenza vengono organizzati dei turni per darne la possibilità a ciascuno! E comunque è difficile che un turno chiesto non venga assegnato, questa eventualità è propria di celebrazioni in cui in troppi vogliono partecipare.
    Inoltre il servizio in Cattedrale è una cosa molto seria, e sono occasioni "ordinariamente eccezionali" quelle in cui a un chierico non della San Galdino viene permesso di servire (ad esempio alla vespertina del sabato sera, quando partecipano chierichetti in visita, può essere chiesto un aiuto ad uno di questi)

    Se avete altre domande sono felice di rispondere!

  8. #8
    Vecchia guardia di CR L'avatar di westmalle
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,670

    Post

    San Galdino, per la completezza del Mistero celebrato


    Celebrati i 25 anni della Comunità che si occupa del servizio liturgico per le funzioni in Duomo. Una storia importante alle spalle, un presente fecondo che dà speranza



    8.06.2013 Lo scorso 15 giugno la Comunità San Galdino ha celebrato il 25° anniversario della sua fondazione. Era infatti il 1988 quando monsignor Angelo Majo, allora Arciprete della Cattedrale, dopo la sofferta decisione di chiudere il Seminario del Duomo presa dal cardinale Carlo Maria Martini, dovette affrontare il problema di trovare una valida alternativa ai seminaristi che di consueto prestavano il loro servizio durante le celebrazioni liturgiche in Cattedrale. Grazie all’iniziativa di monsignor Vincenzo di Mauro, si venne a creare un gruppo di giovani preparati e disponibili per tale necessità; da allora, chi frequenta il Duomo si è abituato a questa presenza generosa e attenta a far sì che ogni celebrazione liturgica possa svolgersi con quella ricchezza di segni da cui tanto possiamo imparare. Come infatti recita il motto della Comunità - “preso in prestito” dalla Costituzione conciliare Sacrosantum Concilium - è proprio per ritus et preces che il Mistero celebrato ci raggiunge nella sua completezza.
    Il recente aniversario è stato dunque occasione preziosa per tutta la Comunità per guardarsi indietro e riconoscere i numerosi segni di grazia che hanno costellato la sua lunga, ma ancora giovane storia. Innanzitutto, l’aumento degli aderenti nel corso degli anni, fino a raggiungere le attuali 80 unità circa: tra loro si contano ormai giovani e meno giovani, a sottolineare la fedeltà di chi presta il suo servizio da più di 20 anni. Poi ancora: la particolare fecondità di una Comunità attraverso cui sono passati numerosi sacerdoti, consacrati e attuali seminaristi, oltre che tanti esempi di felici vocazioni al matrimonio cristiano. Non ultima, la soddisfazione di vedere il proprio servizio ulteriormente valorizzato dalla decisione del cardinale Tettamanzi, che nel 2009 ha riconosciuto la San Galdino come Associazione di fedeli laici.
    La ragione ultima di tutto ciò? La sintetizza bene il cardinale Angelo Scola che, in una recente udienza concessa alla Comunità, ha definito i suoi membri «uomini che, consapevoli che il cuore della Vocazione cristiana è l’Eucaristia, illuminata dalla Parola di Dio, recepiscono questo compito come una dimensione fondamentale della loro stessa Vocazione». L’augurio per tutti è lo stesso che fece agli esordi monsignor di Mauro: «Ad multos annos». Guardiamo dunque a questa ricorrenza con gratitudine per quanto è stato e con la speranza che possa sempre proseguire e progredire.

    Chi altri volesse aggiungersi al gruppo è ben accetto e può raccogliere un primo contatto presso la Sacrestia del Duomo oppure rivolgersi all’indirizzo cerimoniere@diocesi.milano.it

    .
    fonte

  9. #9
    Veterano di CR L'avatar di Pivialista
    Data Registrazione
    Jun 2015
    Località
    Arcidiocesi di Milano
    Età
    22
    Messaggi
    1,651
    Scrivo questo commento dopo aver partecipato al rito della Nivola in Duomo, ma è una cosa su cui meditavo da tempo. A mio avviso, infatti, il servizio liturgico della Cattedrale ha bisogno di notevoli migliorie. Qualche esempio: i ministri non fanno mai la genuflessione in contemporanea, e non mi riferisco alla colonna di canonici ma al semplice gruppetto Arcivescovo-diaconi-porta insegne; un'altra cosa che non riesco a mandare a giù è la posizione delle mani: sull'altare non si cammina e non si sta mai con le mani dondolanti lungo i fianchi, ma unite!

    Non me ne vogliano i suddetti chierici, sicuramente armati di tanta buona volontà e carità, ma il servizio, specie in una cattedrale, va curato attentamente.

Discussioni Simili

  1. Dignità capitolari / capitolo del Duomo di Milano
    Di chierichetto87 nel forum Liturgia Ambrosiana
    Risposte: 140
    Ultimo Messaggio: 19-12-2022, 21:14
  2. Menorah nel Duomo di Milano? No, un semplice candelabro
    Di Freddi nel forum Liturgia Ambrosiana
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 29-03-2009, 15:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>