Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 3 di 15 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 147

Discussione: Il tradimento di Giuda

  1. #21
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    771
    Citazione Originariamente Scritto da ambrosianodoc Visualizza Messaggio
    Caro Lino,
    ...il cristianesimo non è una "religione del libro", concetto autorevolmente ribadito nel recente Sinodo sulla Parola. Quindi il vangelo va letto "letteralmente" per non farGli dire cose assurde, ma anche "personalmente", in relazione a Dio, che Gesù ci ha rivelato.
    E Giuda ha conosciuto bene Gesù, frequentandolo per anni. Ebbene, ad un certo punto l'ha tradito, per un mese di stipendio... Ripeto: non si fa una cosa del genere di punto in bianco, magicamente... C'è una sfiducia profonda nel cuore di Giuda, uno scarto abissale tra i suoi pensieri e quelli di Gesù...
    Qui sta il punto.
    Perfettamente d'accordo con te e col recente Sinodo, caro Ambrosiano, che il cristianesimo non sia una "religione del libro". E' la religione della Parola, però, ed è la religione dello Spirito. E la Parola e lo Spirito sono in quelle Sacre Scritture al cui cospetto ogni domenica ci alziamo all'in piedi. E quelle Sacre Scritture sono un kerygma, un annuncio, quindi sono nella storia e sono storia, di tutti i tempi ma soprattutto di quel tempo nel quale il Verbo si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi. E la Parola, lo Spirito e la Storia non hanno mai contraddizioni, sono coerenti, perfettamente esplicativi.
    Questo Giuda che tradisce Gesù per qualche mese di stipendio, che odia Gesù – come ha scritto qualcuno – dopo averlo seguito per anni, che non crede nella sua divinità dopo aver assistito a passeggiate sull'acqua, a resurrezioni, a guarigioni di ciechi, zoppi, lebbrosi ed emorroisse proprio non convince nessuno, da secoli. E per questo motivo, forse, che è uno dei personaggi più trattati in letteratura. E non sono certamente le prediche, le quali si sviluppano sul piano della morale o dell'anagogia o dell'allegoria, e mai su quello della Lettera, a sciogliere le contraddizioni. E, quando in un testo si trovano contraddizioni, il suo valore storico viene messo in dubbio. Comunque, in relazione a Giuda, perfino monsignor Gianfranco Ravasi (pur accennando a una disillusione politica) ha ragionato sulla supposizione che Giuda Iscariota possa erroneamente aver visto in Gesù un messia di tipo nazionalistico: questo certamente comporta, come hai scritto, uno scarto abissale tra i suoi pensieri e quelli di Gesù.
    Le Sacre Scritture sono anche storia, Ambrosiano, senza la verità storica non esiste Resurrezione, la base della nostra fede. E Gesù, incarnatosi in quel tempo, non poteva non trovarsi coinvolto negli eventi della storia di quel tempo.
    Certo tu hai ragione: il Vangelo va letto anche "personalmente". Con l'aiuto dello Spirito, però, e con le tribolazioni della mente, ponendosi molte domande alle quali tentare di dare risposte in piena coerenza col corpus testuale, col textus il quale è un divino tessuto composto d'intrecci di parole, ricorrenze, co-occorrenze e repliche tematiche. Tu ti sei mai chiesto perché, nel Getsemani, in presenza di Pietro e Giuda, giusto i due apostoli chiamati "diavolo" e "Satana" nelle pericopi che ho riportato in precedenza, Gesù ripete il concetto - non mettendolo in pratica - della possibilità di ricorrere all'aiuto degli angeli di Dio? Guarda caso: lo stesso concetto espresso da Satana nella seconda tentazione.

  2. #22
    Divinae gratiae
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da ago86 Visualizza Messaggio
    Credo che "il diavolo entrò in lui" possa essere interpretato anche in senso non letterale, nel senso che fu ispirato dal diavolo, non che ne fosse necessariamente posseduto. Personalmente propendo di più per questa ipotesi.
    Anche io la penso così.
    Giuda è stato tentato dal diavolo, ma era libero e cosciente nelle sue azioni.
    Inoltre la colpa più grande di Giuda non è stato il su tradimento, ma la sua disperazione nella Misericordia e nel perdono divino.
    Giuda ha fatto il contrario di Pietro, che benchè forse la sua colpa fosse maggiore, perchè pur essendo stato scelto da Gesù come capo degli apostoli, nonostante si fosse dichiarato disposto ad andare con Gesù sulla Croce, lo rinnegò, ma poi pentito si rivolse a Dio invocando la sua misericordia.
    Giuda invece preferì la disperazione nonostante avesse ascoltato le parole di Gesù.
    Per questo Giuda è stato condannato.
    Perchè altrimenti, se vogliamo anche Giuda rientra nel piano salvifico che Gesù è venuto a realizzare.

  3. #23
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    771
    Citazione Originariamente Scritto da ago86 Visualizza Messaggio
    Credo che "il diavolo entrò in lui" possa essere interpretato anche in senso non letterale, nel senso che fu ispirato dal diavolo, non che ne fosse necessariamente posseduto. Personalmente propendo di più per questa ipotesi.
    Citazione Originariamente Scritto da Divinae gratiae Visualizza Messaggio
    Anche io la penso così.
    "Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui."

    Noto che più di uno vagheggia sul senso da dare alla pericope. Mi spiegate, per favore, la differenza tra l'essere posseduto o l'essere ispirato? Nella sostanza, Giuda agì secondo gli intenti di Satana, o no?
    La domada non è peregrina, siccome più di un eretico e più di uno gnostico hanno affermato che Giuda consegnò Cristo per assecondare il disegno divino della croce.
    La risposta non ammette equivoci, ago86 e Divinae gratiae: Giuda, ispirato o posseduto che fosse, agì (o non agì) secondo gli intenti del diavolo?
    Ultima modifica di lino; 18-01-2009 alle 15:36

  4. #24
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,267
    Citazione Originariamente Scritto da lino Visualizza Messaggio
    La risposta non ammette equivoci, ago86 e Divinae gratiae: Giuda, ispirato o posseduto che fosse, agì (o non agì) secondo gli intenti del diavolo?
    Si e no, perché in un certo senso permise che la Redenzione avvenisse, in un altro commise un peccato grandissimo col suicidio. La cosa migliore era se dopo la consegna, si fosse pentito davvero e inginocchiandosi sotto la croce chiedeva il perdono.

  5. #25
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    771
    Citazione Originariamente Scritto da ******* Visualizza Messaggio
    Si e no, perché in un certo senso permise che la Redenzione avvenisse, in un altro commise un peccato grandissimo col suicidio. La cosa migliore era se dopo la consegna, si fosse pentito davvero e inginocchiandosi sotto la croce chiedeva il perdono.
    Allora, sì e no, in un certo senso, dobbiamo credere che Satana entrato in Giuda (possessore o ispiratore che sia stato dell'Iscariota) abbia permesso che la Redenzione avvenisse?

  6. #26
    Divinae gratiae
    visitatore
    Ma tu credi che la redenzione sia avvenuta per merito di giuda e del suo amico entrato in lui?
    E' Cristo che senza altri meriti umani ha operato la redenzione. Che giuda avesse operato con o senza l'influsso di satana poco apporta alla redenzione.

  7. #27
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    771
    Citazione Originariamente Scritto da Divinae gratiae Visualizza Messaggio
    Ma tu credi che la redenzione sia avvenuta per merito di giuda e del suo amico entrato in lui?
    E' Cristo che senza altri meriti umani ha operato la redenzione. Che giuda avesse operato con o senza l'influsso di satana poco apporta alla redenzione.

    Ma come ragioni, Divinae gratiae? Tu prima scrivi (nel tuo precedente intervento ) "Perchè altrimenti, se vogliamo anche Giuda rientra nel piano salvifico che Gesù è venuto a realizzare", che è giusto la tesi che io sto confutando nel mio post, e poi addebiti il tuo pensiero a me?

  8. #28
    Divinae gratiae
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da lino Visualizza Messaggio
    Ma come ragioni, Divinae gratiae? Tu prima scrivi (nel tuo precedente intervento ) "Perchè altrimenti, se vogliamo anche Giuda rientra nel piano salvifico che Gesù è venuto a realizzare", che è giusto la tesi che io sto confutando nel mio post, e poi addebiti il tuo pensiero a me?
    Scusami se magari mi sono espresso male.
    Chiarisco il mio pensiero:
    Il fatto che giuda rientri come Caifa, come Pilato nel piano salvifico è indubbio anche a loro Dio aveva pensato quando concepì la redenzione.
    Nel secondo post ho espresso questo concetto:
    Il fatto che il demonio abbia o meno posseduto Giuda non cambia ilfatto che la redenzione sarebbe avvenuta comunque.
    Gesù con la sua morte ha redento il mondo non Giuda con il suo tradimento.
    Spero di essere stato più chiaro.

  9. #29
    Fedelissimo di CR L'avatar di ago86
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Jesi
    Età
    34
    Messaggi
    3,468
    Scusa, ma tu non conosci la differenza tra "ispirazione" e "possessione demoniaca"? Nel primo caso si da un assenso della volontà, nel secondo caso essa viene annullata dal diavolo che possiede. E' una differenza enorme.
    Mea vita pro Veritate

  10. #30
    Partecipante a CR
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    771
    Citazione Originariamente Scritto da ago86 Visualizza Messaggio
    Scusa, ma tu non conosci la differenza tra "ispirazione" e "possessione demoniaca"? Nel primo caso si da un assenso della volontà, nel secondo caso essa viene annullata dal diavolo che possiede. E' una differenza enorme.
    Io, per età, sono molto più anziano di tutti voi, carissimi, eppure mi state dando una lezione che non avevo meditato a sufficienza: è molto più difficile leggere che scrivere.
    Una differenza, caro ago86, è enorme oppure è piccola in relazione all'argomentazione che si sta sviluppando. Se la discussione fosse stata incentrata sui peccati di Giuda, allora la differenza tra ispirazione e possessione sarebbe enorme e potremmo giungere a giustificare il tradimento nel caso della possessione. Qui, però, sin dalla pubblicazione, stavo ragionando delle finalità, non della gravità del tradimento. Dal punto di vista delle finalità la differenza è minima: sia nel caso della possessione sia in quello dell'ispirazione, le intenzioni di Giuda diventano le stesse di quelle di Satana. Vale a dire che il disegno perseguito da Giuda diventa quello del diavolo e non quello di Dio, o sbaglio? E questo non è irrilevante, perché fa piazza pulita di tutte le tesi eretiche e gnostiche che affermano la volontà e il contributo di Giuda al disegno divino della redenzione. Non si può, contemporaneamente, contribuire a un disegno divino e a un disegno di Satana, il quale è - anche letteralmente - l’avversario di Dio. O no?
    Due, sono poi le successive argomentazioni logiche da sviluppare.
    1) Satana, nei Vangeli, più che possedere o ispirare, tenta. Satana è il Tentatore sin dall'Antico Testamento. Giuda, quindi, viene tentato e accetta la tentazione di Satana.
    2) Giuda, nei Vangeli, parla poco o niente per rivelare le sue intezioni. Satana, invece, parla abbastanza, tenta moltissimo e le rivela.

    Non voglio, in ogni caso, occupare ancora il forum con questo post. A chi fosse interessato a conoscere il seguito delle argomentazioni segnalo il saggio:

    http://www.cartesio-episteme.net/ep8...a_di_Giuda.pdf

    Un caro saluto e un grazie di cuore a tutti quelli che hanno partecipato alla discussione o l'hanno letta.
    lino

Discussioni Simili

  1. Giuda Iscariota
    Di massimo47 nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 129
    Ultimo Messaggio: 26-02-2017, 12:15
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 30-11-2009, 15:42
  3. Tradimento
    Di robertino nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 06-10-2007, 22:47
  4. Quale versione per Giuda?
    Di franci65 nel forum Sacra Scrittura
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 08-09-2007, 23:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •