Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 15 di 15 PrimaPrima ... 5131415
Risultati da 141 a 147 di 147

Discussione: Il tradimento di Giuda

  1. #141
    Iscritto L'avatar di Macchia Nera
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Località
    Diocesi Pinerolo
    Messaggi
    178
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Non definirei quella di At 1,18 una tradizione differente circa la morte di Giuda, la frase, infatti, ha tutto un sapore poetico/apocalittico per cui non credo la si possa leggere come riferita a un fatto reale, quanto piuttosto come un racconto simbolico, che indica la morte spirituale di Giuda, non per nulla si parla di "squarcio nel mezzo" e spargimento delle viscere. Se fosse stato scritto qualche secolo dopo avremmo, probabilmente, letto che il cuore fu strappato via dal suo petto.
    Sicuramente è simbolica, ma è altrettanto certo che è diversa da quella matteana, dove si parla apertamente di suicidio, in At invece sembra più, un fatto accidentale, o meglio una punizione divina.

    Alcuni studiosi hanno provato a riconciliare i due racconti, ma secondo molti studiosi e anche secondo me (parere che ovviamente vale molto meno di quello degli studiosi), le motivazioni che hanno apportato sono un po' deboli.
    Ad esempio sul fatto di chi avesse effettivamente comprato il campo, alcuni dicono che siccome è Giuda che dato i soldi ai capi dei sacerdoti, quindi i mezzi per compiere l'azione, e come se lo avesse fatto lui.
    Invece per la diversa narrazione della morte, alcuni dicono che dopo essersi impiccato, per qualche motivo (e.g. la rottura della corda o il cedimento del ramo) fosse poi caduto sulle rocce sfracellandosi.
    A me sembrano un po' entrambe un po' forzate.

    Mi fermo a quello che leggo, due narrazioni differenti, anche se con qualche punto di contatto.
    Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto.

  2. #142
    Iscritto L'avatar di PIER_PAOLO
    Data Registrazione
    Dec 2020
    Località
    Reggio Emilia
    Età
    35
    Messaggi
    206
    Matteo 26:54

    Come dunque si adempirebbero le Scritture, secondo le quali bisogna che così avvenga?»

    Matteo 26:24

    Certo, il Figlio dell'uomo se ne va, come è scritto di lui; ma guai a quell'uomo dal quale il Figlio dell'uomo è tradito! Meglio sarebbe per quell'uomo se non fosse mai nato».

    Non è stato un evento accidentale, la Croce non è un evento accidentale.
    Giuda ha creduto per un tempo è stato abbandonato nella sua iniquità.



    Bisogna pregare con santo e pio timore che la Grazia del Signore non venga meno e il Padre celeste non ci abbandoni alle tentazioni e ci liberi dalla nostra iniquità fino alla fine.
    Ultima modifica di PIER_PAOLO; 16-07-2021 alle 15:55

  3. #143
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Località
    Prato
    Messaggi
    32
    Io per pentimento, comunque, lo intendevo in un altro modo. Forse la parola più corretta era: "rimorso".
    Non giustifico di certo il traditore per antonomasia, anche perché quello che dite riguardo al non avere avuto fede nel perdono che il Signore gli avrebbe dato è vero.
    Stavo solo pensando che se a lui fosse importato solo dei soldi perché si sarebbe suicidato? Avrebbe avuto quello che voleva. Sarebbe potuto andarsene dove voleva oppure stare dove stava. Il suo suicidio mi fa venire a mente quei casi di quelli che ammazzano la moglie e i figli e poi si ammazzano. Ho cercato di ricavare un profilo psicologico da quello che avevo, ed è poco. Riguardo al fatto che lui fosse in quel modo fino all'inizio non mi convince. Giuda Iscariota fu uno dei 12 che Gesù mandò. Gesù mandò a 2 a 2 gli apostoli per evangelizzare e guarire persone. Quindi le cose sono due: o Giuda in un primo momento aveva Fede come gli altri così da rendere possibile la guarigione di malati oppure lui delegava quel compito all'altro apostolo con cui era andato ad evangelizzare.
    Gli apostoli riuscivano a guarire la gente in base a quanta Fede essi possedevano. Per quanto riguarda la sua domanda all'Ultima Cena, potrebbe volere dire ogni cosa. Alcuni criminali negano l'evidenza fino all'ultimo.
    Ultimamente guardo troppo polizieschi 😆😅

  4. #144
    Gran CierRino
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    vinci
    Età
    61
    Messaggi
    8,042
    Mi sa di si.
    Limitiamoci a ciò che dice di Giuda Nostro Signore. Senza voli pindarici.

  5. #145
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Località
    Prato
    Messaggi
    32
    Citazione Originariamente Scritto da Ultimitempi Visualizza Messaggio
    Mi sa di si.
    Limitiamoci a ciò che dice di Giuda Nostro Signore. Senza voli pindarici.
    Quello non l'ho mai messo in dubbio. Era ovviamente incluso.
    Comunque fare ragionamenti su determinate persone non è mai sbagliato, basta che si apra un discorso dicendo che sia una teoria e non come fanno alcuni pseudogiornalisti. A Pasqua, fra i diversi film su Gesù, ce n'era uno che aveva come titolo "Giuda" (fa parte della collana "Gli amici di Gesù" di cui fa parte anche il film "San Tommaso" con Tognazzi) e in questo film Giuda ha questa idea del Messia come ho scritto nel mio messaggio di giorni fa. Non ho visto questo film ma mi è stato raccontato da mia madre e io ho aggiunto dei ragionamenti in più. Indipendentemente da quello che pensasse Giuda ha accettato il male ad un certo punto perché ha rubato e questo è stato terreno fertile per Satana e Giuda si è macchiato poi della colpa più grande della storia dove per questo “sarebbe stato meglio per lui se non fosse mai nato”

  6. #146
    Iscritto L'avatar di PIER_PAOLO
    Data Registrazione
    Dec 2020
    Località
    Reggio Emilia
    Età
    35
    Messaggi
    206
    Citazione Originariamente Scritto da AMDTRA3 Visualizza Messaggio
    Quello non l'ho mai messo in dubbio. Era ovviamente incluso.
    Comunque fare ragionamenti su determinate persone non è mai sbagliato, basta che si apra un discorso dicendo che sia una teoria e non come fanno alcuni pseudogiornalisti. A Pasqua, fra i diversi film su Gesù, ce n'era uno che aveva come titolo "Giuda" (fa parte della collana "Gli amici di Gesù" di cui fa parte anche il film "San Tommaso" con Tognazzi) e in questo film Giuda ha questa idea del Messia come ho scritto nel mio messaggio di giorni fa. Non ho visto questo film ma mi è stato raccontato da mia madre e io ho aggiunto dei ragionamenti in più. Indipendentemente da quello che pensasse Giuda ha accettato il male ad un certo punto perché ha rubato e questo è stato terreno fertile per Satana e Giuda si è macchiato poi della colpa più grande della storia dove per questo “sarebbe stato meglio per lui se non fosse mai nato”
    Luca (22, 21-23) non nomina Giuda, ma riporta le parole di Gesù: «Ma ecco, la mano di chi mi tradisce è con me, sulla tavola. Il Figlio dell’uomo se ne va, secondo quanto è stabilito; ma guai a quell’uomo dal quale è tradito!».

    Anche Giovanni parla di tradimento, ma riporta anche le parole di Gesù, che definisce Giuda un diavolo (6, 64-70): «
    Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E continuò: “Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre mio“. Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: “Forse anche voi volete andarvene?”. Gli rispose Simon Pietro: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”. Rispose Gesù: “Non ho forse scelto io voi, i Dodici? Eppure uno di voi è un diavolo!“. Egli parlava di Giuda, figlio di Simone Iscariota: questi infatti stava per tradirlo, uno dei Dodici».

    In Gv 13, 2, Giuda viene indicato come colui che è nelle mani del diavolo: «Mentre cenavano, quando già il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo (…)».

  7. #147
    Iscritto L'avatar di Macchia Nera
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Località
    Diocesi Pinerolo
    Messaggi
    178
    Premessa importante: quanto segue non sono pronunciamenti magisteriali, ma solo speculazioni, supposizioni per quanto ragionevoli e plausibili.

    Allora la questione di Giuda nasce dalla sua connotazione come zelota. In realtà non c'è nessun passo della scrittura che dica esplicitamente che Giuda fosse uno zelota, il problema nasce dal termine Iscariota, che non si sa cosa voglia dire con certezza.
    Alcuni studiosi lo fanno risalire a sicarius, che era uno dei nomi con cui i latini identificano gli zeloti, da cui ne consegue che Giuda fosse uno zelota.
    Gli zeloti erano una setta, o se preferite gruppo politico-religioso, che perseguivano con tutti i mezzi l'indipendenza politica di Israele, e non volevano che si scendesse a compromessi con gli invasori. Venivano considerati dai romani come pericolosi criminali e terroristi.

    In quest'ottica, Giuda sperava, come anche altri dei 12 (vedi passo della madre di Giacomo e Giovanni), che Gesù restaurasse il regno di Israele politicamente, scacciando i romani.
    Se accettiamo questo assunto, è plausibile che Giuda, vedendo Gesù "temporeggiare", abbia voluto "forzargli la mano" e spingerlo all'azione, consegnandolo ai capi dei sacerdoti, probabilmente pensava che messo alle strette si sarebbe finalmente manifestato come messia politico e iniziato la rivolta contro i Romani.
    Ovviamente non è andata così, e Giuda, capito il suo sbaglio, si sarebbe pentito e suicidato.
    Giuda così non sarebbe un traditore, ma qualcuno che non aveva compreso appieno la missione di Gesù e di quale natura fosse il regno di Dio.

    Come scritto, questo è solo una ipotesi con appoggi sulla Scrittura piuttosto incerti.
    Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto.

Discussioni Simili

  1. Giuda Iscariota
    Di massimo47 nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 129
    Ultimo Messaggio: 26-02-2017, 12:15
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 30-11-2009, 15:42
  3. Tradimento
    Di robertino nel forum Dottrina della Fede
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 06-10-2007, 22:47
  4. Quale versione per Giuda?
    Di franci65 nel forum Sacra Scrittura
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 08-09-2007, 23:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •