Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 25 12311 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 241

Discussione: Gravi notizie di bioetica dall'Europa e dal mondo

  1. #1
    Veterano di CR L'avatar di Templar
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Livorno
    Età
    70
    Messaggi
    1,173

    Gravi notizie di bioetica dall'Europa e dal mondo

    Riporto qui di seguito l' articolo apparso su The Times online nonchè il relativo link per chi ne avesse bisogno.
    Dunque finalmente ci siamo, ora è lo stato che decide se e chi puo' vivere e se e chi deve morire a prescindere dalla volontà degli aventi diritto.
    Mi fa veramente orrore ed ancor più mi nausea il fatto che nessuno si scandalizzi o si dia da fare per contrastare questa marea crescente di nefandezze, stiamo tornando ai tempi del T4 di nazista memoria e certamente il dott. Mengele sarebbe fiero di quanto sta accadendo.
    Cattolici diamoci una mossa!!!!

    Quote
    Baby dies after court decision

    David Leppard
    A SERIOUSLY ill baby boy, whose parents lost a High Court battle to keep him alive, died in hospital yesterday after his life support machine was switched off.
    The nine-month-old baby — known only as OT, who cannot be identified for legal reasons died after doctors carried out a judge’s ruling.
    Christopher Cuddihee, a lawyer for the baby’s parents, said the death followed the “withdrawal of life-sustaining treatment” by the unnamed NHS hospital where he was being cared for.
    In a statement, the baby’s parents said: “During his short time with us, OT became the focus of our lives. We were present during his last moments, together with OT’s extended family. He died peacefully. We will miss him greatly and wish to say we are proud to have known our beautiful son for his brief life.”
    Related Links

    · Parents lose fight with doctors to keep baby alive
    · Father of baby Charlotte calls for one last operation
    The parents had fought to keep the child alive despite doctors claiming he had endured a “life of suffering” that should be allowed to end.
    Last week, Mrs Justice Parker ruled the boy did not have the right to life “in all circumstances”.
    After a 10-day hearing, she gave doctors permission to turn off the ventilator that had kept Baby OT alive for eight months. Her decision was upheld late on Friday night by two Court of Appeal judges.
    Yesterday lawyers for the NHS trust which brought the court case to allow Baby OT to die declined to discuss it. The trust, like the parents, cannot be identified under the court’s gagging order. Caroline Harry Thomas QC, its barrister, said: “I do not wish to make any comment on this very sad case.” Cuddihee said it was “a very difficult and emotional time” for his clients. He declined to say more.
    Baby OT suffered from a rare metabolic disease. He had brain damage and respiratory failure. Victims of the disorder cannot process food and oxygen into energy properly, leaving byproducts that poison the body.
    He was born last May and had been in the hospital’s intensive care unit since he was three weeks old. His parents said he smiled and cooed when being cuddled by his mother and kicked his legs when they gave him a bath. They had hoped that he might one day recover as medical standards improved.
    Only one other child with their son’s medical condition had been identified, they said, adding: “We are all in unknown territory.” They remained “deeply distressed” by the court’s decision and said the life of their “beautiful boy” was worth preserving. The case contrasts with that of Charlotte Wyatt who was born in 2003, three months prematurely and weighing only 1lb. She suffered severe brain and lung damage. Her parents won a court battle to ensure she was revived in the event of a collapse. Charlotte survived, although she has severe disabilities.
    Baby OT’s Afghan father, who is from a professional background, speaks English although his mother does not. Their relations with hospital staff became strained at the end of last year after doctors at the hospital first told them they wanted to withdraw treatment.
    The parents insisted they “had to fight to ensure that he is given every possible chance”.
    Professor Sam Leinster of the University of East Anglia school of medicine said: “My heart goes out to the family but also to the medical team. The court is charged with weighing all the evidence that is put before them.
    “There is a belief among us, it’s kind of fed by everyone around us, that medicine has the answer to everything. But unfortunately there are occasions where medicine can’t do anything.”
    A British Medical Association spokesman said: “We are extremely empathetic to the parents at this incredibly difficult time. But . . . when there is disagreement between parents and a child’s clinical team, the only option is for the case to go to court and for the courts to decide what action would be in the interests of the child. The clinical team must be guided by best interest.”
    In her ruling, Mrs Justice Parker accepted that the parents “love him devotedly”, but said the father’s belief that Baby OT would get better and come home and go to school was “sadly, wholly unrealistic”.
    Baby OT died at 10.08am yesterday.
    Link: http://www.timesonline.co.uk/tol/new...cle5950502.ece
    Unquote

  2. #2
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Claudine
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Unione Europea
    Età
    53
    Messaggi
    2,283
    Ho sentito la notizia ieri sera e non ti so descrivere il gelo che è sceso nel cuore...l'Inghilterra si sta consegnando pienamente alle tenebre. Prima la soppressione del Natale, poi il rifiuto delle cure agli anziani, ora l'eutanasia obbligatoria...che il Signore abbia misericordia...

  3. #3
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,287
    Citazione Originariamente Scritto da Claudine Visualizza Messaggio
    Ho sentito la notizia ieri sera e non ti so descrivere il gelo che è sceso nel cuore...l'Inghilterra si sta consegnando pienamente alle tenebre. Prima la soppressione del Natale, poi il rifiuto delle cure agli anziani, ora l'eutanasia obbligatoria...che il Signore abbia misericordia...
    Dimentichi la libertà di commettere atti osceni in pubblico. Detto questo il panorama Britannico è desolante.

  4. #4
    Iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    186
    But unfortunately there are occasions where medicine can’t do anything
    Non è un caso in cui si può parlare di accanimento terapeutico?

  5. #5
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Claudine
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Unione Europea
    Età
    53
    Messaggi
    2,283
    Accanimento terapeutico...forse ma che sia un tribunale a decidere CONTRO il volere dei genitori che è ora di togliere il respiratore è ai miei occhi un crimine puro e semplice. In un forum di genitori qualcuno mi ha detto che non avevo capito niente, che era stato per il bene del bambino che soffriva troppo...ecco come stiamo diventando, privi della scintilla di umanità...dietro il paravento della pietas equipariamo disabili e animali...se non sono perfetti una punturina e via...

  6. #6
    Fedelissimo di CR L'avatar di ago86
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Jesi
    Età
    34
    Messaggi
    3,468
    Effetti del buonismo. Ormai non mi stupisco più di nulla.
    Mea vita pro Veritate

  7. #7
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    italia
    Età
    34
    Messaggi
    274
    La prima cosa che ho pensato è stata: "Orrore! Oggi abbiamo davvero toccato il fondo dell'indecenza"... Poi ho continuato a leggere l'articolo e c'è un passaggio in particolare che mi ha fatto capire con più chiarezza la situazione e che vorrei commentare con voi:
    [quote]
    Baby off topic suffered from a rare metabolic disease. He had brain damage and respiratory failure. Victims of the disorder cannot process food and oxygen into energy properly, leaving byproducts that poison the body.
    [\quote]
    Cosa significano queste parole?
    Dipende... L'articolo non è chiaro, ma stando studiando io tutt'ora una branca della scienza che si accosta molto a queste tematiche (Genetica, biologia dello sviluppo, embriologia, biochimica, etc...), ho un'idea abbastanza chiara dello stato in cui probabilmente si trovava il piccolo...
    Per farvi un paragone era messo peggio (molto peggio) di un malato terminale di cancro, peggio di un vecchio di 100 anni che giunto alla fine della sua lunga vita si sta spegnendo...
    Vi ricordo che con le tecnologie e le macchine che possediamo oggi si potrebbe tranquillamente tenere in vita "artificialmente" una persona ben oltre il suo limite naturale. Ma forse non mi spiego bene per chi non conosce a fondo queste cose... "ben oltre" e "artificialmente" significa che oggi potremmo avere ancora in vita l'amatissimo Giovanni Paolo II... e avremmo potuto tenerlo in vita ancora per qualche anno probabilmente. Probabilmente sarebbe vissuto più lui del bambino in questione (lasciandoli entrambi attaccati alle macchine).
    è una gioia il sapere che questo bambino è nato (anche se probabilmente la madre sapeva già prima della nascita dei problemi e avrebbe potuto abortire) e che ha potuto vivere la sua breve (e dolorosa) vita. Non mi sento però di aggredire i giudici. Secondo me questo era un tipico caso di accanimento terapeutico. "Disordini metabolici" non significa che non può mangiare qualcosa... significa che alcuni degli ingranaggi essenziali del suo corpo non funzionavano e che il corpo stesso produceva (molto probabilmente) veleni per se stesso. Aveva danni ai polmoni e al cervello... Praticamente dalla sua nascita è rimasto in vita solo grazie alle macchine e "costringerlo" a vivere, magari ancora per un anno (le macchine possono molto, ma non fanno i miracoli), sarebbe stato ancora più penoso e innaturale che lasciarlo morire con serenità.
    Detto questo mi sento comunque molto vicino alla madre che ha ovviamente tentato di tenere in vita il figlio il più a lungo possibile, anche se penso che sia stato un atto di egoismo più che altro (egoismo giustificabile dall'immenso amore che una madre può provare per il figlio).
    In casi come questo non c'è molto da fare se non pregare.

  8. #8
    Veterano di CR L'avatar di Templar
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Livorno
    Età
    70
    Messaggi
    1,173
    Il problema consiste fondamentalmente nel far passare il principio in base al quale un medico ed un giudice, ossia lo Stato, puo' decidere chi vive e chi muore. Passato questo principio poi si tratta solo di variare i parametri e dal povero piccolo malato terminale si passerà ai malati mentali, ai disabili gravi, agli ultraottantenni, agli Ebrei, agli Zingari, ai comunisti (ammesso che ve ne siano ancora) e......toh, ma non si tratta di un copione che ho già visto da qualche parte ?????

  9. #9
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    italia
    Età
    34
    Messaggi
    274
    Se io dovessi subire un accanimento terapeutico (sì, subire, perchè in certe situazioni uno non si può opporre) vorrei che qualcuno (un giudice che fa rispettare la legge) venisse in mio soccorso, anche contro i voleri di mia madre... Specie se le mie possibilità di sopravvivenza fossero 0 spaccato (un po' come un vecchio che capisce che è giunta la sua ora e decide di morire a casa sua).
    In questo caso lo stato ha "aiutato" il bambino contro il volere della madre solo perchè l'affetto della madre verso il figlio le impediva di vedere l'accanimento terapeutico.
    Concordo comunque che sia un argomento pericoloso e soprattutto la definizione di accanimento terapeutico potrebbe subire in un futuro prossimo delle modifiche preoccupanti (è l'unica cosa su cui può intervenire lecitamente lo stato). Ma è per quello che siamo in democrazia: i cittadini sono portati a giudicare l'operato di chi li governa e a opporsi a cambiamenti (negativi) di questo tipo.
    Mi sembra ipocrita dire: "non facciamo questa cosa, perchè potrebbe diventare pericolosa." Piuttosto prendiamo atto della pericolosità della faccenda e prepariamoci nel caso in cui le nostre preoccupazioni si avverino, ma nel frattempo lasciamo che chi ne ha davvero bisogno possa sfruttare questa risorsa.

  10. #10
    Vecchia guardia di CR L'avatar di Claudine
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Unione Europea
    Età
    53
    Messaggi
    2,283
    Concordo totalmente con Templar.

Discussioni Simili

  1. Liturgia delle Ore Ufficio dei defunti
    Di Aloisius Gonzaga nel forum Liturgia
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 05-01-2019, 08:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •