Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 51 di 97 PrimaPrima ... 41495051525361 ... UltimaUltima
Risultati da 501 a 510 di 970

Discussione: Domande varie sulla S.Messa nella Forma Straordinaria del rito romano

  1. #501
    Iscritto L'avatar di JMC
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Sponda "magra" del Lago Maggiore
    Età
    36
    Messaggi
    401
    Mi par di avere visto quest'uso anche nella divina liturgia armena (per quanto io ci sia andato una sola volta)... Sbaglio?
    E se non sbaglio è una "latinizzazione" degli armeni, sono due tradizioni identiche sorte indipendentemente o molto più semplicemente Dom Prosper questa volta ha toppato?

  2. #502
    CierRino L'avatar di S.Stefano
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Estero
    Età
    66
    Messaggi
    5,151
    Citazione Originariamente Scritto da Vox Populi Visualizza Messaggio
    Infatti è vero che, nella S. Messa nella forma extra-ordinaria del Rito Romano, le letture vanno proclamate dal celebrante o dal diacono; tuttavia, come afferma questo responsum della Pontificia Commissione Ecclesia Dei del 20/01/2010, i laici possono comunque proclamare le traduzioni nelle lingue nazionali delle letture, dopo la loro proclamazione in latino da parte di sacerdote o diacono.
    Spero di non sbagliare discussione, ma vorrei domandare una cosa. Premetto che non è una domanda polemica, ma piuttosto una domanda che proviene dalla mia ignoranza in materia.
    Qual'è la ratio soggiacente al fatto che in FS solo il sacerdote o il diacono proclamano la Parola di Dio ?
    Andate in tutto il mondo ad annunziare il Vangelo.

  3. #503
    Fidei Depositum
    visitatore
    Citazione Originariamente Scritto da S.Stefano Visualizza Messaggio
    Spero di non sbagliare discussione, ma vorrei domandare una cosa. Premetto che non è una domanda polemica, ma piuttosto una domanda che proviene dalla mia ignoranza in materia.
    Qual'è la ratio soggiacente al fatto che in FS solo il sacerdote o il diacono proclamano la Parola di Dio ?
    Dunque, la Santa Messa nella FS ha una spiritualità che è diversa da quella della FO: non dico oggettivamente migliore, ma soggettivamente può esserlo. Si tratta di una tradizione liturgica in cui viene accentuato il carattere di sacralità e di verticalità del culto. Per questo, ad esempio, il presbiterio è separato dalla navata tramite balaustre; per questo nel presbiterio non possono prendere posto i laici, tranne nei casi espressamente contemplati. Nelle liturgie, rispetto alla FO, la partecipazione visibile dei fedeli è più ridotta (ma questo non significa che essa sia meno attiva), più "personale" (anche se non manca l'aspetto comunitario); la proclamazione della Parola di Dio è ordinariamente riservata ai ministri ad essa deputati e del resto quest'aspetto non inficia, dal mio punto di vista, l'aspetto principale, che è la ricezione e la comprensione della Parola.
    Opinioni personali, evidentemente.
    Ultima modifica di Fidei Depositum; 17-08-2010 alle 12:11 Motivo: Aggiunta frase finale

  4. #504
    Iscritto L'avatar di JMC
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Sponda "magra" del Lago Maggiore
    Età
    36
    Messaggi
    401
    L'epistola invece spetta al suddiacono alla messa solenne; alla messa in canto può intervenire anche un lettore per cantarla; così anche nelle ferie delle tempora dove le letture sono molte: esse spettano a lettori; in assenza di lettori ordinati spetta al sacerdote (che a suo tempo ha ricevuto il lettorato) cantarle.
    Non esistono ministeri quale il lettore "straordinario"; anche nella forma ordinaria le letture spetterebbero a dei lettori istituiti (e essendocene disponibili le DEVONO fare loro) solo che è possibile che le funzioni di lettori vengano svolte da lettori che compiono questo ministero senza esserlo.

  5. #505
    Nuovo iscritto
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Philadelphia, PA SUA
    Età
    72
    Messaggi
    46
    Anche se i ministri (ordinati o laici) cantano le letture, il celebrante deve recitarle, come deve rcitare tutte le parti cantate.

  6. #506
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,413
    Citazione Originariamente Scritto da ggbellisua Visualizza Messaggio
    Anche se i ministri (ordinati o laici) cantano le letture, il celebrante deve recitarle, come deve rcitare tutte le parti cantate.
    Le Rubricae Generales del Messale del 1962 non prevedono più la lettura silenziosa dell'Epistola da parte del celebrante durante il canto della stessa da parte del suddiacono.

    4. In Missa solemni subdiaconus circa finem ultima orationis accipit ambabus manibus librum Epistolarum, deferens ilium supra pectus, et, facta altari genuflexione in medio, vadit ad partem Epistolae contra altare, et cantat Epistolam, quam celebrans sedens auscultat
    Ultima modifica di Vox Populi; 18-08-2010 alle 12:47
    Venit Ioannes Baptista praedicans in deserto Iudaeae et dicens:
    «Paenitentiam agite; appropinquavit enim regnum caelorum».
    (Matth. 3, 1-2)

  7. #507
    Iscritto L'avatar di JMC
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Sponda "magra" del Lago Maggiore
    Età
    36
    Messaggi
    401
    esatto. Mi pare però si recitino i canti...

  8. #508
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,413
    Citazione Originariamente Scritto da JMC Visualizza Messaggio
    esatto. Mi pare però si recitino i canti...
    Sì, così come il Gloria e il Credo, recitati submissa voce dal celebrante insieme al diacono e al suddiacono durante il canto da parte della schola.
    Venit Ioannes Baptista praedicans in deserto Iudaeae et dicens:
    «Paenitentiam agite; appropinquavit enim regnum caelorum».
    (Matth. 3, 1-2)

  9. #509
    Iscritto L'avatar di JMC
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Sponda "magra" del Lago Maggiore
    Età
    36
    Messaggi
    401
    anche se sono in canto fermo? O solo se in musica?
    Leggucchiavo il Borgonovo l'altro giorno...e, almeno per l'Ambrosiano, faceva la differenza tra il canto fermo per cui non ci si va a sedere e il canto in musica per il quale si siede al presbitero..
    ci sono riflessi anche sulla recitazione?
    Escluso ovviamente il Sanctus per iniziare subito il canone...

  10. #510
    Iscritto
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Anacapri
    Messaggi
    150
    Qual'è il significato del gesto fatto dal suddiacono di conservare la patena con tenendola con il velo omerale dall offertorio al Padre nostro ?

    Grazie.

Discussioni Simili

  1. L'Ufficio Divino (Breviario) nella Forma Straordinaria del Rito Romano
    Di Aloisius Gonzaga nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 289
    Ultimo Messaggio: 29-08-2020, 16:51
  2. Domande sul Calendario e sulle precedenze nella forma straordinaria del Rito Romano
    Di Luciani nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 126
    Ultimo Messaggio: 22-06-2019, 17:14
  3. Esercizi di S. Ignazio e Messa nella Forma Straordinaria del Rito Romano
    Di luigic nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 07-04-2009, 14:29
  4. La mia prima messa nella forma straordinaria del Rito Romano
    Di Fidei Depositum nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 21-01-2009, 09:41
  5. Sussidio per i chierichetti della Messa nella forma straordinaria del Rito Romano
    Di Cyriaco Morelli nel forum Liturgie secondo l'Usus Antiquior dei Riti Romano e Ambrosiano
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 06-07-2007, 14:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>