Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 51 di 132 PrimaPrima ... 41495051525361101 ... UltimaUltima
Risultati da 501 a 510 di 1314

Discussione: Esecuzioni musicali durante le celebrazioni liturgiche pontificie

  1. #501
    utente cancellato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    0
    Citazione Originariamente Scritto da card schuster Visualizza Messaggio
    Oltretutto mi pare anche di percepire tra le righe il grottesco dissenso di alcune prime-donne, che lamentano lo spossessamento dei riflettori.
    Questo è chiarissimo, anche perché alla gente non importa un fico secco delle bischerate di testi, comprensione, partecipazione, melodie semplici, ecumenismo eccetera. La gente vuole essere al centro dell'attenzione e vuole essere elogiata; ecco il motivo per cui le cornacchie vanno a lamentare l'esistenza di qualcuno che sa fare meglio di loro.

  2. #502
    Veterano di CR L'avatar di Lorenzo Perosi
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,541
    Amici, scusate se rompo, ma nessuno avrebbe voglia di commentare direttamente sulla pagina di Gente Veneta? http://www.gvonline.it/public/articolo.php?id=6384
    Basta cliccare su “Aggiungi il tuo commento” in coda all’articolo e si hanno a disposizione al massimo mille caratteri. Non occorre registrarsi e ci si può firmare anche solo con le iniziali. Di solito i commenti vengono poi stampati nell’edizione successiva del settimanale.
    Perché se no a Venezia tutti continuano a credere che i tre signori abbiano fatto bene a scrivere quel che hanno scritto, con il rischio che i sostenitori aumentino…
    Non c'è ancora nessun commento...
    Vi ringrazio

  3. #503
    Iscritto
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Località
    Treviso
    Età
    74
    Messaggi
    375
    Citazione Originariamente Scritto da Lorenzo Perosi Visualizza Messaggio
    Amici, scusate se rompo, ma nessuno avrebbe voglia di commentare direttamente sulla pagina di Gente Veneta? http://www.gvonline.it/public/articolo.php?id=6384
    Basta cliccare su “Aggiungi il tuo commento” in coda all’articolo e si hanno a disposizione al massimo mille caratteri. Non occorre registrarsi e ci si può firmare anche solo con le iniziali. Di solito i commenti vengono poi stampati nell’edizione successiva del settimanale.
    Perché se no a Venezia tutti continuano a credere che i tre signori abbiano fatto bene a scrivere quel che hanno scritto, con il rischio che i sostenitori aumentino…
    Non c'è ancora nessun commento...
    Vi ringrazio
    Non sono veneziano e non mi sembra giusto intervenire in un giornale diocesano, ma desidero esprimere il mio commento a quelle tre lettere.

    Quanto siano pretestuose le affermazioni di quei signori, lo dimostra la semplice lettura del programma di canti scelti per la Messa a S. Giuliano l’8 maggio prossimo.
    Ecco l’elenco di gran parte dei canti da eseguire che sono noti e vengono utilizzati normalmente nelle "normali" celebrazioni in Italia:
    Cristo risusciti
    Vidi aquam
    Alleluia
    Credo III
    Ascoltaci Signore, acclamazione alla consacrazione, dossologia, preghiera del Signore, embolismo,
    Sei Tu, Signore, il pane
    Resta per sempre
    Regina caeli
    Lodate Dio
    Quanto alla gregoriana Lux et origo, solo un ibernato nel "concilio vaticano secondo me" può affermare che essa "non viene eseguita da almeno 50 anni"; faccio notare che 50 anni fa il Concilio (quello vero!) non si era ancora tenuto e non erano ancora arrivati i barbari che poi avrebbero saccheggiato e distrutto il millenario patrimonio religioso, culturale e artistico delle nostre chiese.
    Ad una lettura complessiva, il programma di canti si presenta senza dubbio equilibrato: gregoriano, polifonia e canti di massa (faccio notare che i corali sono nati per essere cantati da tutta l’assemblea) sono equamente distribuiti tra i diversi soggetti protagonisti della celebrazione.
    Si sa che il Papa desidera che le celebrazioni da lui presiedute abbiano valore "esemplare", pedagogico. Lui si adatta, ma vuole, giustamente, che le celebrazioni siano fatte bene. Se i firmatari di quelle lettere vogliono celebrazioni brutte, sciatte, banali, non hanno difficoltà, purtroppo, a trovarne in giro.
    Non conosco i curatori del programma, ma dico che per certi aspetti sono stati davvero coraggiosi nel proporre, ad es., la Missa Lux et origo, che è propria del tempo pasquale, e poi per non aver ceduto alla moda dei canti di Frisina. Personalmente alcuni li giudico belli e liturgicamente validi, ma, siccome si assomigliano tutti, ad eseguirli troppo, si rischia l’overdose. Dalla quale io, fortunatamente, sono sopravissuto.

  4. #504
    Iscritto L'avatar di Teofilus
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    Sicilia
    Età
    31
    Messaggi
    310
    Salve a tutti.
    Di recente ho rivisto la celebrazione del Venerdì Santo e la Missa pro eligendo Romano Pontifice, notando che le letture sono state cantate.
    Sia la I lettura del Venerdì Santo, sia la I della pro eligendo, sono trate dal Libro del profeta Isaia, e sono state antate con la stessa melodia, ugualmente per le II letture, entrambe tratte dalle epistole paoline.
    Qualcuno sa dove sia possibile reperire gli spartiti delle melodie di quelle letture e anche del Passio che si esegue nella Domenica delle Palme ?
    Li cerco disperatamente da tanto tempo, senza alcun risultato, AIUTATEMI !

  5. #505
    Cronista della sezione «Liturgia» L'avatar di salvatore6unmito
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    1,373
    Citazione Originariamente Scritto da Teofilus Visualizza Messaggio
    Salve a tutti.
    Di recente ho rivisto la celebrazione del Venerdì Santo e la Missa pro eligendo Romano Pontifice, notando che le letture sono state cantate.
    Sia la I lettura del Venerdì Santo, sia la I della pro eligendo, sono trate dal Libro del profeta Isaia, e sono state antate con la stessa melodia, ugualmente per le II letture, entrambe tratte dalle epistole paoline.
    Qualcuno sa dove sia possibile reperire gli spartiti delle melodie di quelle letture e anche del Passio che si esegue nella Domenica delle Palme ?
    Li cerco disperatamente da tanto tempo, senza alcun risultato, AIUTATEMI !
    Se ti interessano la melodia delle letture in lingua italiana si trovano in un foglio allegato ai nuovi Lezionari Festivi. Trovi le melodia per la I e la II seconda ed entrambe le melodie per il Vangelo. Per il Passio la cosa è un po' più complicata, almeno su internet si trova solamente quello in latino ed anche abbastanza facilmente.
    La speranza non delude. (Rm 5,5a)

  6. #506
    Iscritto L'avatar di Teofilus
    Data Registrazione
    Jul 2010
    Località
    Sicilia
    Età
    31
    Messaggi
    310
    Citazione Originariamente Scritto da salvatore6unmito Visualizza Messaggio
    Se ti interessano la melodia delle letture in lingua italiana si trovano in un foglio allegato ai nuovi Lezionari Festivi. Trovi le melodia per la I e la II seconda ed entrambe le melodie per il Vangelo. Per il Passio la cosa è un po' più complicata, almeno su internet si trova solamente quello in latino ed anche abbastanza facilmente.
    Grazie della risposta, corro a guardare lo scatolo del nuovo lezionario !
    Per la melodia latina ?
    Forse nel lezionario latino ?
    Il Passio in italiano è davvero introvabile, inoltre se non sbaglio non esiste una edizione tipica per il Passio, anche solo letto, nella nostra lingua.
    Ma quello che viene eseguito la Domenica delle Palme a san Pietro, non dovrebbe essere di mon. Frisina ?

  7. #507
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    31
    Messaggi
    3,566
    Non penso siano caduti così in basso da fare cantare ai diaconi il Passio composto da Marco Frisina
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  8. #508
    Veterano di CR L'avatar di Lorenzo Perosi
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,541
    In seguito alla recente corrispondenza del settimanale del Patriarcato di Venezia “Gente Veneta”, sul programma musicale della Messa che il Papa celebrerà a Mestre Domenica 8 maggio 2011, è stata pubblicata una lettera di tenore diverso.
    Eccola:

    Il Concilio non ha dato un colpo di spugna al Gregoriano

    Rev. Don Sandro In riferimento alla corrispondenza in evidenza dell'ultimo numero di Gente Veneta, concordo perfettamente con la sua risposta ed anzi dirò di più: l'ascolto è maggiormente accetto come forma di partecipazione se il canto favorisce il raccoglimento e la preghiera. Peccato che la maggior parte dei parroci la pensi come i suoi tre interlocutori e, quando con la mia corale di canto gregoriano abbiamo l'avventura di proporre un'animazione diversa dal solito (una tantum!), nicchiano e adducono pretesti come quelli evidenziati, come se il Concilio Vaticano II avesse inteso dare un colpo di spugna ad una cultura millenaria. Spesso il consenso viene "elargito" previo assenso dei loro animatori abituali, dai quali sono molto condizionati e lo si avverte anche dal tono usato dai tre in argomento. Tralasciamo pure ogni giudizio sulla qualità di talune animazioni post conciliari: c'è del buono e meno buono in tutte le espressioni, ma ho la netta sensazione che sovente (come nel caso del Papa) si riproponga la classica metafora della volpe e l'uva, di "esopiana" memoria. Cordialità.
    Plinio Borghi (Corale Gregoriana Corpus Domini "Attilio Scocco" - Mestre)

    Anche in questo caso è possibile commentare direttamente questa lettera sulla pagina di “Gente Veneta”: http://www.gvonline.it/public/articolo.php?id=6395
    Basta cliccare su “Aggiungi il tuo commento” in coda all’articolo e si hanno a disposizione al massimo mille caratteri. Non occorre registrarsi e ci si può firmare anche solo con le iniziali. Di solito i commenti vengono poi stampati nell’edizione successiva del settimanale.
    Vi ringrazio

  9. #509
    Veterano di CR L'avatar di Lorenzo Perosi
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,541
    In seguito alla lettera del Sig. Plinio Borghi riportata nel messaggio precedente, uno dei tre autori delle tre lettere che hanno dato il via alla discussione sul settimanale del Patriarcato di Venezia “Gente Veneta” ha contro-risposto con quanto segue:


    Ai coristi chiediamo l'anima, non la tecnica
    Egregio Direttore,
    leggo la lettera del sig. Plinio Borghi e poiché sono uno "dei tre in argomento", ai quali rivolge il suo messaggio, con tono evidentemente poco rispettoso verso persone che dedicano parte del loro tempo ad un servizio per la parrocchia, mi permetta replicare sul alcuni punti:
    1. innanzitutto abbiamo scritto in tre, ma il disappunto era comune a tutti i partecipanti (oltre cinquantina) alla riunione di Mestre del 6 febbraio, che tuttavia per ragioni personali, non hanno ritenuto di esternare pubblicamente tramite GV;
    2. credo di capire dalle affermazioni del Sig. Borghi che molti parroci sarebbero condizionati nelle scelte liturgiche dalla prevaricazione degli animatori; se così, quindi, un giudizio decisamente mortificante per i suddetti pastori, incapaci di attingere alle molteplici fonti su liturgia e canto (a partire dal "Sacrosantum Concilium) ed avere una formazione adeguata al ruolo svolto;
    3. preciso che oltre agli incontri mestrini seguo anche i corsi on line della CEI diretti da mons. Parisi e assicuro che c'è totale sintonia con le parole di don Franco Gomiero quindi o entrambi sbagliano…;
    4. verissimo il giudizio sulla qualità di alcune animazioni. E' proprio questo il punto centrale sul quale non posso che dissentire dal Sig. Borghi: noi animatori liturgici parrocchiali non chiediamo all'assemblea la tecnica, ma l'anima di tutti, anziani, adulti, giovani e bambini.
    La volpe e l'uva, lasciamola alla favola di Esopo, che nella fattispecie c'entra ben poco; nessuno dei "tre" ha mosso alcun appunto alla presumibile ottima qualità tecnica degli esecutori dell'8 maggio.
    Paolo Vianello, parrocchia SS. Giobbe e Bernardino, Venezia

    La risposta del direttore di “Gente Veneta” don Sandro Vigani:
    Com'era forse prevedibile, le lettere che ho pubblicato nel n. 7 del giornale, nelle quali si critica con una certa foga il programma dei canti proposti per la Messa che il Papa celebrerà l'8 maggio a San Giuliano, hanno dato sfogo a una serie di interventi che pubblico solo in parte.
    Ho espresso il pensiero mio e del giornale nella risposta che ho dato alle lettere del n.7. La sensazione che traggo, leggendo le molte lettere dell'una o dell'altra parte che mi sono giunte in questi giorni, è che quasi tutte non si sottraggano al rischio di un certo pregiudizio ideologico.
    Ci si sente, pur dicendo cose diverso o opposte, tutti egualmente interpreti del Vaticano II, depositari della verità sul significato dell'animazione liturgica e della partecipazione attiva dei fedeli. Personalmente credo che siamo ancora un poco lontani dall'aver trovato il vero equilibrio nell'animazione liturgica. Forse, come scrivevo, ci sfugge ancora il senso autentico della parola "partecipazione".
    Mi permetto di invitare ad evitare la polemica che serve a poco per prepararsi in uno spirito di vera comunione alla Messa del Papa. Grave sarebbe che le proprie opinioni, per quanto rispettabili, diventassero un ostacolo alla partecipazione all'evento (S.V.)

    Anche in questo caso è possibile commentare la seconda lettera del Sig. Paolo Vianello e la risposta di don Sandro direttamente sulla pagina di “Gente Veneta”: http://www.gvonline.it/public/articolo.php?id=6419
    Ultima modifica di Lorenzo Perosi; 07-03-2011 alle 17:41

  10. #510
    utente cancellato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Lorenzo Perosi Visualizza Messaggio
    3. preciso che oltre agli incontri mestrini seguo anche i corsi on line della CEI diretti da mons. Parisi
    E infatti i risultati si vedono.

Discussioni Simili

  1. La Sede del Santo Padre durante le celebrazioni liturgiche
    Di Vox Populi nel forum Liturgie Papali
    Risposte: 2537
    Ultimo Messaggio: 06-11-2022, 22:50
  2. Elenco delle stole indossate da Papa Benedetto XVI
    Di Vox Populi nel forum Elenco dei paramenti e dei paliotti
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-11-2018, 15:38
  3. Risposte: 405
    Ultimo Messaggio: 31-10-2013, 22:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>