Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 15 di 15 PrimaPrima ... 5131415
Risultati da 141 a 143 di 143

Discussione: La situazione della Chiesa e dei cristiani nel Regno Unito

  1. #141
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    22,861
    Dichiarazione del Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, 16.09.2022


    The Most Reverend Paul R. Gallagher, Secretary for Relations with States and International Organizations, will represent Pope Francis at the Funeral of Her Majesty Queen Elizabeth II at Westminster Abbey on Monday 19 September 2022.

    [01406-EN.01] [Original text: English]

    [B0690-XX.01]


    [Fonte, dal Bollettino quotidiano del: 16.09.2022 della Sala Stampa della Santa Sede].
    «Originális mácula cuncta respérsit sæcula;
    sola post Natum vítiis numquam contácta díceris».




  2. #142

  3. #143
    Cronista di CR L'avatar di Laudato Si’
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Località
    Bergamo.
    Messaggi
    22,861
    Cari amici! Scusandomi per il ritardo, inserisco qui il seguente messaggio papale. Mi rendo conto solamente ora che nessuno lo aveva ancora pubblicato. Grazie.

    ==================

    MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
    IN OCCASIONE DEL XXV° CONGRESSO MONDIALE DI
    "STELLA MARIS" (APOSTOLATO DEL MARE)


    [Glasgow, 2-5 ottobre 2022]


    Ai Delegati del XXV Congresso Mondiale della Stella Maris - Apostolato del mare

    Invio saluti e oranti buoni auspici a tutti coloro che partecipano al XXV Congresso Mondiale della Stella Maris — Apostolato del mare — che si svolge a Glasgow, in Scozia, dal 2 al 5 ottobre 2022. Ora che vi siete riuniti di persona per la prima volta da quando è scoppiata la pandemia da covid-19, è mia speranza che possiate celebrare appieno il centesimo anniversario della fondazione dell’Apostolato del mare, avvenuta il 4 ottobre 1920 proprio nella città in cui è riunito ora il vostro Congresso. Al tempo stesso ricordate il venticinquesimo anniversario della Lettera apostolica Motu proprio Stella Maris, di san Giovanni Paolo II, nella quale venivano aggiornate le norme dell’apostolato per servire meglio i bisogni della comunità marittima attuale.

    In questa gioiosa occasione, mi unisco a voi e a tutte le persone collegate alla Stella Maris nel rendere grazie a Dio Onnipotente per la testimonianza di fede e gli innumerevoli atti di gentilezza e di carità dimostrati da tanti cappellani e volontari durante lo scorso secolo a quanti lavorano duramente sui nostri mari e le nostre acque navigabili a beneficio di tutti noi. Nel 1922 Papa Pio XI inviò i suoi oranti auguri per l’Apostolato appena fondato, fiducioso che avrebbe prodotto un abbondante raccolto di buoni frutti. Possiamo essere tutti grati che tali frutti siano stati abbondanti.

    Di fatto, dai piccoli e umili inizi, la Stella Maris è cresciuta fino a diventare la vasta organizzazione che vediamo oggi, offrendo assistenza spirituale, psicologica e materiale sulle navi e a terra, a miriadi di uomini di mare e personale marittimo di nazionalità e tradizioni religiose diverse. Questa presenza globale rispecchia la vostra risposta particolare al mandato del Signore “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura” (Mc 16,15). A tale riguardo, non si può fare a meno di pensare al fatto che gran parte del ministero di Gesù si è svolto su e intorno a una distesa di acqua piccola e tuttavia vitale — il Mare di Galilea — e che alcuni dei suoi primi discepoli furono pescatori, che a loro volta diventarono pescatori di uomini (cfr. Mt 4,19).

    Il Creato, nostra casa comune, è costituito da una vasta distesa di acqua, che è essenziale per la vita e il commercio umano, per non parlare del turismo. Non deve dunque sorprendere che circa il novanta percento dei beni della Terra vengano trasportati via nave, cosa resa possibile grazie al lavoro quotidiano di oltre un milione e mezzo di persone, molte delle quali rimangono lontane per diversi mesi di seguito dal sostegno delle famiglie, come anche delle loro comunità sociali e religiose.

    Come è ben noto, la pandemia ha aggravato le difficoltà collegate a tale isolamento e ha sottolineato l’importanza vitale del ministero svolto dalla Stella Maris. Vorrei qui ripetere le parole che ho rivolto direttamente a tutti gli uomini di mare sofferenti nel mio videomessaggio in occasione del vostro centenario: «Sappiate che non siete soli e non siete dimenticati. Il vostro lavoro in mare vi tiene spesso lontani, ma voi siete presenti nelle mie preghiere e nei miei pensieri, così come in quelli dei cappellani e dei volontari della “Stella Maris”». Intanto che il mondo poco a poco emerge dalla pandemia, questo Congresso vi offre l’opportunità di trarre ispirazione dalla vostra ricca storia, mentre esaminate insieme come potete continuare a essere utili a coloro la cui vita è sussistenza sono collegate ai nostri mari.

    A tale riguardo, sappiamo tutti fin troppo bene che, malgrado i progressi nella tecnologia, molti lavoratori marittimi sono soggetti non soltanto alle suddette sfide collegate alla separazione dalla loro terra d’origine, ma continuano anche a subire una varietà di condizioni di lavoro ingiuste e altre privazioni, aggravate non ultimo dagli effetti del cambiamento climatico. Inoltre, i danni agli ambienti marini, come agli altri, colpiscono in modo sproporzionato i più poveri e vulnerabili tra i nostri fratelli e sorelle, i cui mezzi di sussistenza sono addirittura minacciati di estinzione (cfr. Laudato si’, nn. 48-52). Confido, dunque, che la Stella Maris non esiti mai ad attirare l’attenzione sulle questioni che privano molti membri della comunità marittima della loro dignità umana donata da Dio. In tal modo, l’Apostolato continuerà il suo nobile servizio di mettere in pratica le parole di Gesù “ero forestiero e mi avete ospitato” (Mt 25,35).

    Con questi sentimenti, rinnovo i miei oranti buoni auspici per il vostro Congresso e il vostro importante apostolato in tutto il mondo e chiedo anche a voi, per favore, di pregare per me. Affidando i cappellani, i volontari e tutte le persone collegate con la Stella Maris all’amorevole protezione di Nostra Signora Stella del Mare, imparto la mia Benedizione come pegno di forza, gioia e pace in Cristo Signore.

    Roma, San Giovanni in Laterano, 2 ottobre 2022

    Francesco

    _________________________

    L'Osservatore Romano, Anno CLXII n. 226, lunedì 3 ottobre 2022, p. 9.


    Copyright © Dicastero per la Comunicazione - Libreria Editrice Vaticana


    (Fonte, dal sito della Santa Sede.
    Citazione biblica:
    La Sacra Bibbia, Conferenza Episcopale Italiana, Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena, 2008).
    «Originális mácula cuncta respérsit sæcula;
    sola post Natum vítiis numquam contácta díceris».




Discussioni Simili

  1. Romania: la situazione della Chiesa e dei cattolici
    Di robdealb91 nel forum Principale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 05-06-2022, 17:19
  2. Chiesa ed essere cristiani secondo voi...
    Di ite missa est nel forum Principale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 12-02-2008, 16:01

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>