Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 32 di 33 PrimaPrima ... 2230313233 UltimaUltima
Risultati da 311 a 320 di 328

Discussione: Fraternità Sacerdotale di san Pietro (FSSP) e Confraternitas Sancti Petri

  1. #311
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,639
    Citazione Originariamente Scritto da Fidei Depositum Visualizza Messaggio
    Ipotizzo che la diocesi abbia considerato come l'apostolato della FSSP si discostasse troppo dalla realtà del resto della diocesi. Parrebbe essersi ravvisata una mancata accettazione dello "spirito conciliare" (per riprendere le parole della diocesi).
    a) Hai ragione, ma la FSSP non sono i Lefevriani, la FSSP è in comunione con Roma, quindi accetta pienamente il Concilio Vaticano II, non capisco che problema di accettazione dello spirito conciliare (che è poi concetto vago: i documenti conciliari sono una cosa, ma lo spirito?) possa essere sorto all’improvviso.


    Citazione Originariamente Scritto da Fidei Depositum Visualizza Messaggio
    Peraltro, chi conosce questo tipo di situazioni sa che molto dipende dai sacerdoti che vengono nominati dal vescovo. In alcuni casi sono ottimi pastori, che aiutano e fanno molto bene. In altri casi, vengono nominati sacerdoti controvoglia o persino ostili alla forma straordinaria. Non di rado quest'ultimo esperimento dura poco e, alla fine, la comunità si scioglie da sola o viene semplicemente soppressa.

    b) Hai ragione, sono sicurissima che i sacerdoti che verranno assegnati da S.E. Minnerath a questo apostolato saranno del primo tipo e non del secondo.

  2. #312
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,970
    Citazione Originariamente Scritto da Fidei Depositum Visualizza Messaggio
    Ipotizzo che la diocesi abbia considerato come l'apostolato della FSSP si discostasse troppo dalla realtà del resto della diocesi.
    Forse è più giusto ipotizzare, in base ai dati in nostra conoscenza, che l'apostolato della FSSP si discostasse troppo dalla realtà del resto della Chiesa.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  3. #313
    Vecchia guardia di CR
    Data Registrazione
    May 2011
    Località
    N/D
    Età
    33
    Messaggi
    2,030
    Citazione Originariamente Scritto da Abbas S:Flaviae Visualizza Messaggio
    Forse è più giusto ipotizzare, in base ai dati in nostra conoscenza, che l'apostolato della FSSP si discostasse troppo dalla realtà del resto della Chiesa.
    Che, in concreto, vorrebbe dire?
    "L'anima che si dà tutta a Dio è tutta di Dio" San Filippo Neri

  4. #314
    Moderatore Globale L'avatar di Vox Populi
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    casa mia
    Messaggi
    62,970
    Citazione Originariamente Scritto da San Basilio Visualizza Messaggio
    Il vescovo può addirittura espellere qualcuno dalla diocesi?
    Dipende da cosa si intende per "espellere". Molto probabilmente non significa che il vescovo ha caricato su un furgone i sacerdoti della Fraternità e, dopo averli condotti al confine della Diocesi, li ha scaricati vietando loro di rientrarvi.

    Presumo che la FSSP avesse una convenzione con la diocesi e in base ad essa utilizzasse locali di proprietà della stessa per la propria attività pastorale. Probabilmente, per motivi che non ci è dato di conoscere, la convenzione non è stata rinnovata.
    Ultima modifica di Vox Populi; 09-06-2021 alle 21:47
    Oboedientia et Pax

  5. #315
    Moderatore e Cronista di CR L'avatar di Abbas S:Flaviae
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    Civitas Calatanisiadensis
    Messaggi
    9,970
    Citazione Originariamente Scritto da Card.Petrucci Visualizza Messaggio
    Che, in concreto, vorrebbe dire?
    E' già stato ampiamente spiegato cosa vuol dire e tu lo sai bene e, benché la cosa non ti garbi, è così, sempre stando alle notizie pubblicate.
    vi prego, vi imploro con umiltà e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo.

  6. #316
    Veterano di CR
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Roma
    Età
    52
    Messaggi
    1,639
    https://www.fssp.fr/2021/06/18/a-pro...cese-de-dijon/

    Communiqué

    À propos de l’éviction de la Fraternité Saint-Pierre du diocèse de Dijon

    Vendredi 18 juin 2021


    (traduzione dal francese fatta da google)
    La Fraternité Sacerdotale Saint-Pierre (FSSP) ha preso atto del comunicato stampa pubblicato il 17 giugno 2021 sul sito della Diocesi di Digione. Si rammarica sinceramente che venga utilizzata una tale modalità di comunicazione, ma di fronte all'impossibilità di stabilire un dialogo diretto con l'Arcivescovo di Digione, è ora costretta a utilizzare questa stessa modalità di comunicazione per fornire alcune precisazioni.Informata per posta il 17 maggio, senza previa consultazione o motivazione, che i suoi sacerdoti sono stati espulsi dalla diocesi di Digione, la Fraternità di Saint-Pierre non può capire che il vescovo Roland Minnerath persiste nel suo rifiuto di ricevere i suoi superiori o anche solo di discutere con loro. loro.Il comunicato della diocesi suggerisce che, negli ultimi anni, i sacerdoti della FSSP sono stati imposti alla diocesi dai superiori o che un secondo sacerdote è stato insediato contro la volontà dell'arcivescovo. La Fraternità ricorda che tutti i sacerdoti nominati a Digione dal 1998 sono stati debitamente presentati e accettati, di volta in volta, dall'arcivescovo . Nella sua lettera del 22 marzo 2017, Mons. Minnerath ha scritto al Superiore della FSSP per la Francia: “Vuoi aggiungere a Padre Bruno Stemler un sacerdote della Fraternità per assisterlo nella sua missione e condurre con lui una vita fraterna secondo insieme alle vostre costituzioni. Non posso che approvare la vostra decisione e gioire nel vedere, all'inizio dell'anno scolastico di settembre 2017, un altro sacerdote venire a rafforzare la presenza sacerdotale nella nostra diocesi. "Ogni volta che a un sacerdote è stato proposto di esercitare il suo ministero nella diocesi, Mons. Minnerath lo ha incontrato preventivamente e ha discusso con lui la questione della concelebrazione. Accettando un sacerdote della FSSP nella sua diocesi, l'arcivescovo conosceva e quindi accettava la posizione di questo sacerdote riguardo alla concelebrazione. Così, la FSSP non ha «escluso che i suoi sacerdoti celebrino nel rito ordinario» ma rispetta la volontà dei suoi membri in materia e, per quanto riguarda la concelebrazione della Messa, intende conformarsi al diritto della Chiesa che riconosce che la libertà di ciascuno di celebrarlo individualmente deve essere rispettata. “(Can. 902 CIC)Questa questione della concelebrazione eucaristica, presentata come assolutamente essenziale per marcare l'unità, richiederebbe un lungo sviluppo che esula dal quadro di questo comunicato stampa. Tuttavia, la Fraternité Saint-Pierre è profondamente addolorata quando la celebrazione di un sacramento (in questo caso il Sacrificio della Messa) viene strumentalizzata al punto da diventare una condizione per esercitare un ministero in una diocesi.La diocesi suggerisce anche che la Fraternità non avrebbe rispettato una certa "specifica": purtroppo la FSSP non ha alcun documento di questo tipo, ma solo alcuni scambi scritti con Mons. Minnerath. In una di esse, datata maggio 2019, Monsignore cita addirittura “tutto il servizio pastorale della comunità Ecclesia Dei ” che i sacerdoti della FSSP devono svolgere.Infine, il comunicato sottolinea l'attaccamento dei fedeli ai sacerdoti della Fraternità, comprensibile e perfino auspicabile. Indica il fatto che alcuni fedeli si collocherebbero fuori dalla Chiesa diocesana. La FSSP cerca di lavorare per il bene delle anime, nell'unica Chiesa di Cristo. Desidera ricordare che ha sempre avuto la preoccupazione di servire l'unità ecclesiale, nella sua legittima diversità, e ciò sin dalla sua fondazione voluta da Papa Giovanni Paolo II nel 1988 per servire la comunione dei fedeli attaccata alle antiche forme liturgiche. . Fino a questo comunicato stampa del 17 giugno 2021, da parte della diocesi di Digione non era stata fatta alcuna osservazione per mettere in discussione il servizio di unità svolto localmente dai sacerdoti della FSSP.La Fraternità ringrazia pubblicamente i suoi vari sacerdoti che, da più di vent'anni, si dedicano al servizio dei fedeli nella diocesi di Digione. Contrariamente a quanto vengono accusati, hanno sempre avuto cura di mantenere buoni rapporti con i sacerdoti diocesani, in particolare partecipando ai vari incontri offerti. Come altrove, hanno voluto offrire ai fedeli per i quali hanno ricevuto l'incarico dal vescovo, non solo la Messa, ma anche tutto ciò che da essa scaturisce e li prepara ad accogliere con frutto le grazie. Come nelle altre 146 diocesi del mondo dove i membri della FSSP esercitano un ministero, questi sacerdoti hanno così cercato di essere fedeli al carisma proprio della Fraternità, che la Chiesa ha ufficialmente approvato.Sembra anacronistico, in un momento in cui il numero dei sacerdoti è in costante diminuzione, preferire fare a meno dei servizi di due di loro, perché non sono abbastanza versatili (celebrando una sola forma liturgica), anche se significa sovraccaricare ancor di più i sacerdoti diocesani.La Fraternité Saint-Pierre auspica che le prossime settimane consentano di avviare un confronto con la diocesi di Dijon, al fine di trovare una situazione pacifica.“Ci sono vari doni, ma è lo stesso Spirito; diversità di servizi, ma è lo stesso Signore; diversità di operazioni, ma è lo stesso Dio che agisce in tutti. " (1 Cor 12, 4-6)

  7. #317
    Iscritto L'avatar di Michele Ghislieri
    Data Registrazione
    Nov 2021
    Località
    Taranto
    Messaggi
    154
    Papa Francesco conferma l'identità liturgica della Fraternità Sacerdotale San Pietro:

    Comunicato ufficiale della Fraternità Sacerdotale San Pietro
    Pubblicato il 21 febbraio 2022
    Friburgo, 21 febbraio 2022
    Venerdì 4 febbraio 2022, due membri della FSSP, Fr. Beno ît Paul-Joseph, Superiore del Distretto francese, e Fr. Vincent Ribeton, Rettore del Seminario di San Pietro a Wigratzbad, sono stati ricevuti in udienza privata dal Santo Padre, Papa Francesco, per quasi un'ora.
    Durante il cordialissimo incontro, hanno ricordato le origini della Fraternità. Il Papa ha detto di essere rimasto molto colpito dall'approccio dei suoi fondatori, dal desiderio di rimanere fedeli al Romano Pontefice e dalla fiducia nella Chiesa. Ha detto che ciò va "preservato, protetto e incoraggiato".
    Nel corso dell'udienza, il Papa ha chiarito che gli istituti come la Fraternità Sacerdotale San Pietro non sono interessati dalle disposizioni generali del Motu Proprio Traditionis Custodes, poiché l'uso degli antichi libri liturgici è all'origine della loro esistenza ed è previsto dalle loro costituzioni.
    Successivamente il Santo Padre ha inviato un decreto da lui firmato e datato 11 febbraio, giorno in cui la Fraternità è stata solennemente consacrata al Cuore Immacolato di Maria, confermando per i membri della FSSP il diritto di utilizzare i libri liturgici del 1962, vale a dire: il Messale, il Rituale romano, il Pontificale e il Breviario Romano.
    Grati al Santo Padre, i membri della Fraternità Sacerdotale San Pietro ringraziano per questa conferma della loro missione.
    Invitano tutti i fedeli che si sentono vicini a loro come famiglia spirituale a partecipare o unirsi in preghiera alla Messa di domani, nella festa della Cattedra di San Pietro, e a pregare per il Pontefice.

    Fonte: www.fssp.org
    Vi chiameranno papisti, retrogradi, intransigenti, clericali: siatene fieri! Papa Pio X

  8. #318
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    31
    Messaggi
    3,567
    Bene. Ne siamo felici! Ora sarà il caso di comprendere come TC non fosse nel pensiero del legislatore una uccisione della Liturgia Vetus Ordo?
    Ultima modifica di SantoSubito; 21-02-2022 alle 12:27
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

  9. #319
    Iscritto L'avatar di Michele Ghislieri
    Data Registrazione
    Nov 2021
    Località
    Taranto
    Messaggi
    154
    Citazione Originariamente Scritto da SantoSubito Visualizza Messaggio
    Bene. Ne siamo felici! Ora sarà il caso di comprendere come TC non fosse nel pensiero del legislatore una uccisione della Messa Vetus Ordo?
    Mi sono limitato a riportare una notizia, perché non sono fazioso.
    Ad ogni modo, da qui a dire che nel pensiero del legislatore non ci fosse la volontà di uccidere la Messa Vetus Ordo ce ne vuole. Cerchiamo di essere realisti, per carità.
    Se nel pensiero del legislatore non c'era l'intenzione di sopprimere definitivamente la Messa VO, c'era quantomeno la volontà di limitarla all'osso, e questo è pacifico.
    Vi chiameranno papisti, retrogradi, intransigenti, clericali: siatene fieri! Papa Pio X

  10. #320
    Collaboratore di "Dottrina della Fede" L'avatar di SantoSubito
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Padova
    Età
    31
    Messaggi
    3,567
    Citazione Originariamente Scritto da Michele Ghislieri Visualizza Messaggio
    Mi sono limitato a riportare una notizia, perché non sono fazioso.
    Caro, non mi sono riferito a te nel messaggio precedente. Lo sai che l'ho fatto nei tempi passati, quindi non ti mettere sulla difensiva

    Ad ogni modo, da qui a dire che nel pensiero del legislatore non ci fosse la volontà di uccidere la Messa Vetus Ordo ce ne vuole. Cerchiamo di essere realisti, per carità.
    Se nel pensiero del legislatore non c'era l'intenzione di sopprimere definitivamente la Messa VO, c'era quantomeno la volontà di limitarla all'osso, e questo è pacifico.
    Non vedo dove sia il problema. Se il legislatore ritiene di dover ricordare che esiste un unico Rito ordinario e che lo straordinario appunto deve apparire come straordinario...e ho impostato la frase volutamente come ha fatto* Benedetto XVI in Summorum Pontificum.


    *ndr avevo scritto avrebbe, no. Ha
    Crediamo in un solo Dio, non in un Dio solo!

Discussioni Simili

  1. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 24-12-2015, 13:58
  2. Ordo Divini Sacrificii Sancti Patris Nostri Joannis Chrysostomi
    Di robdealb91 nel forum Liturgie Orientali
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 11-02-2010, 01:06
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-06-2009, 10:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
>