Lo Staff del Forum dichiara la propria fedeltà al Magistero. Se, per qualche svista o disattenzione, dovessimo incorrere in qualche errore o inesattezza, accettiamo fin da ora, con filiale ubbidienza, quanto la Santa Chiesa giudica e insegna. Le affermazioni dei singoli forumisti non rappresentano in alcun modo la posizione del forum, e quindi dello Staff, che ospita tutti gli interventi non esplicitamente contrari al Regolamento di CR (dalla Magna Charta). O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te.
Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 72

Discussione: Chiesa Cattolica e cattolici in Polonia

  1. #1
    Iscritto L'avatar di Cultor Veritatis
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Toscana
    Età
    43
    Messaggi
    54

    Chiesa Cattolica e cattolici in Polonia

    La situazione della
    CHIESA
    e dei
    CATTOLICI
    in
    POLONIA



    Ciao a tutti, ultimamente mi sono molto interessato e affezionato alla Polonia che sembra essere, almeno parzialmente, un'isola felice nel desolante panorama dell'Europa laicista e secolarizzata.
    C'è qualche polacco tra i frequentatori del forum?
    Quali sono stati nella storia gli ordini religiosi più importanti, presenti e influenti in Polonia?
    E oggi quali sono gli ordini maggiormente rappresentativi in quel paese? E i movimenti ecclesiali?
    Grazie.

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Parigi
    Età
    50
    Messaggi
    238
    Io ho vissuto 13 anni a Varsavia.
    Mi sembra che la risposta si trovi nella fede del popolo. La fede cattolica in Polonia è molto popolare, ad alcuni spirituosi puo sembrare troppo grossolana. Pero c'è là una vera simbiosa tra i fedeli e la Chiesa ierarchica (come tutto il mondo ha potuto vederlo con Giovanni Paolo II). Poi in Polonia non c'è il problema della scelta tra "tradizionali" e "moderni". La differenza non esiste. E ora mi chiedo come la Polonia abbia fatto a riuscire la curva di Vaticano II.

  3. #3
    Nuovo iscritto L'avatar di agnes
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Località
    Polonia
    Età
    37
    Messaggi
    13
    Citazione Originariamente Scritto da Ruggero78 Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti, ultimamente mi sono molto interessato e affezionato alla Polonia che sembra essere, almeno parzialmente, un'isola felice nel desolante panorama dell'Europa laicista e secolarizzata.
    C'è qualche polacco tra i frequentatori del forum?
    Quali sono stati nella storia gli ordini religiosi più importanti, presenti e influenti in Polonia?
    E oggi quali sono gli ordini maggiormente rappresentativi in quel paese? E i movimenti ecclesiali?
    Grazie.
    Benvenuti!
    Grazie per aver aperto questa discussione.

    Infatti, paragonando la situazione della Chiesa in Polonia con quella degli altri paesi europei, Polonia puo' sembrare [almeno parzialmente] un'isola felice: il percentuale dei credenti e' abbastanza alto, le chiese non sono ancora vuote, ci sono molti movimenti, il percentuale delle vocazioni e' il piu' alto in Europa, eccetera... MA attenzione, la secolarizzazione arriva anche qui. Forse non e' ancora cosi forte come nell' Europa occidentale ma ,purtroppo, piano piano diventa sempre piu' forte. Guardando la tv polacca noto come ci e' presente "la catechesi del mondo", p.es. ho sentito poco fa una frase tipo: se non puoi sopportare piu' tuo marito, bisogna dirsi arrivederci e basta. Ci sono molti attacchi (per ora molto sottili) al matrimonio, alla castita' dei promessi sposi, alla santita' della vita umana dalla concezione fino alla morte naturale, ai sacerdoti. Allora come vedete non e' tutto ideale.
    Ma infatti, in Polonia nonostante molte difficolta' la chiesa cattolica e' viva. Mi domando spesso perche la situazione della chiesa polacca e' migliore di quella degli altri paesi europei. Forse e' un frutto delle persecuzioni del regime comunista? Non lo so. Guardate la chiesa in Rep. Ceca, anche la chiesa ceca ha sofferto persecuzioni (anche piu' gavi che in Polonia) e, come sappiamo, e' in grande difficolta'.

    Per quanto riguarda la seconda parte della domanda di Ruggero, vorrei prepararmi un po' per darvi qualche dato riguardante gli ordini e movimenti in Polonia.

    Buona Giornata

  4. #4
    Iscritto
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Località
    Italia
    Messaggi
    306
    Si, fortunatamente la Polonia è un'isola felice anche per le vocazioni, ma anche lì si avvertono i segni della secolarizazione, dato che i seminaristi sono in continua diminuizione dal 1987 e hanno toccato il minimo degli ultimi 30 anni.

    1969: 4.065
    1970: 4.100
    1971: 4.194
    1972: 3.987
    1973: 4.003
    1974: 4.131
    1975: 4.218
    1976: 4.597
    1977: 4.951
    1978: 5.327
    1979: 5.566
    1980: 6.101
    1981: 6.566
    1982: 7.074
    1983: 7.517
    1984: 7.727
    1985: 8.089
    1986: 8.246
    1987: 8.458
    1988: 8.457
    1989: 8.202
    1990: 8.122
    1991: 8.072
    1992: 8.112
    1993: 7.412
    1994: 7.356
    1995: 7.310
    1996: 6.954
    1997: 6.762
    1998: 6.673
    1999: 6.818
    2000: 6.789
    2001: 6.767
    2002: 6.737
    2003: 6.656
    2004: 6.427
    2005: 6.304
    2006: 6.038

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Parigi
    Età
    50
    Messaggi
    238
    Ciao Agnes Di dove sei in Polonia?

  6. #6
    Vice-Decana dei Cronisti di CR
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Genova
    Messaggi
    24,513
    Citazione Originariamente Scritto da Ruggero78 Visualizza Messaggio
    C'è qualche polacco tra i frequentatori del forum?
    Grazie.
    Ho un paio di amiche polacche e cattoliche, ovviamente. Devo dire che sono per me un ottimo esempio di fede, forza e preghiera. Hanno dei figli che sono stati allevati rigorosamente nell'osservanza della Messa e dei Sacramenti e mal sopportano il laicismo imperante in Italia. Hanno lasciato la Polonia molti anni fa ma ci ritornano tutte le estati. A proposito delle tante abitudini che hanno ormai molti cattolici italiani (come quella, per es., di non andare a Messa la domenica nè gli adulti nè i bambini), dicono che se le riferiscono ai polacchi, loro stentano a credere perchè, pensano che qui in Italia, avendo il Papa, siamo cattolici osservanti in tutto e per tutto.


  7. #7
    Iscritto L'avatar di Cultor Veritatis
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Toscana
    Età
    43
    Messaggi
    54
    Grazie a tutti per queste prime risposte.
    Sunshine, se le tue amiche volessero partecipare a questo forum credo che il loro contributo sarebbe senz'altro prezioso.
    Norcid, cosa intendi dicendo che non c'è distinzione in Polonia tra posizioni tradizionali e moderniste? Com'è stato vissuto e interpretato lì il Concilio Vaticano II?
    In effetti credo che le persecuzioni comuniste non siano sufficienti a spiegare la vitalità del cattolicesimo in Polonia. L'esempio della Repubblica Ceca è lampante e anche in ambito ortodosso nei paesi oltre cortina si sono avute reazioni molto differenti.
    Anche la motivazione delle difficoltà economiche si rivela molto semplicistica. Molti paesi economicamente sofferenti (gli stessi cechi a lungo lo sono stati) presentano tassi di secolarizzazione tra i più alti, mentre il caso degli Stati Uniti, pur nella sua particolarità, rivela come non sempre ci sia una proporzione inversa tra benessere e sentimento religioso.
    Forse può aver svolto un certo ruolo l'identificazione fra fede e popolo (inteso come nazione polacca). In Polonia nessuna espressione (sociale, economica, politica, culturale) che abbia voluto o voglia essere autenticamente nazionale e popolare può prescindere dai valori cattolici.
    Questa però è una mia riflessione personale che potrà essere eventualmente smentita da chi vive o ha vissuto la realtà polacca in prima persona.
    Chiunque vorrà contribuire allo sviluppo di questi argomenti, in tutte i loro aspetti, arricchirà questa discussione e farà cosa molto gradita.
    Desidero comunque richiamare anche il quesito che ho posto nel primo messaggio, relativo all'importanza e al ruolo svolto dagli ordini e dai movimenti cattolici in Polonia, nella storia e nell'attualità.

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Parigi
    Età
    50
    Messaggi
    238
    Citazione Originariamente Scritto da Ruggero78 Visualizza Messaggio
    Norcid, cosa intendi dicendo che non c'è distinzione in Polonia tra posizioni tradizionali e moderniste? Com'è stato vissuto e interpretato lì il Concilio Vaticano II?

    Desidero comunque richiamare anche il quesito che ho posto nel primo messaggio, relativo all'importanza e al ruolo svolto dagli ordini e dai movimenti cattolici in Polonia, nella storia e nell'attualità.
    In Polonia non c'è il casino che c'è in Francia, e forse in Italia, a proposito di chi è tradizionale o moderno. Là si puo andare a confessione ogni settimana e nessuno penserà che sei tradizionale, cioè "integrista", anzi ognuno sa che nella confessione si incontra il Signore personalmente, o almeno non lo prende per qualcosa di strano. Lo stesso con la carne il venerdi.
    Per me in Polonia c'è il miracolo che tutto nella Chiesa è "tradizionale" ma tutti sono "moderni", aperti sulla società. In questo senso per me la Polonia sarà un'isola felice, dove non ci sono estremi e pure la gente cattolica è "radicale" nelle sue scelte.

    Il testo più antico in lingua polacca è una canzone religiosa, alla Madonna (Bogurodzica), è anche un inno nazionale, non officiale pero. So che è stato scritto da benedittini nel 13 secolo vicino a Varsavia (Plock). In questo testo è presente la tradizione cattolica e quella ortodossa, ché il testo presenta la "deesis" dell'oriente.

    E infatti nella Chiesa cattolica polacca c'é il "rigorismo" ortodosso insieme all'"apertura" occidentale.

  9. #9
    Bannato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Età
    38
    Messaggi
    43,267
    Una cosa mi sono sempre chiesto, come mai la Polonia è l'unica nazione dell'Europa dell'Est in cui la Chiesa Ortodossa non ha attecchito?

  10. #10
    Iscritto
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    Parigi
    Età
    50
    Messaggi
    238
    Citazione Originariamente Scritto da ******* Visualizza Messaggio
    Una cosa mi sono sempre chiesto, come mai la Polonia è l'unica nazione dell'Europa dell'Est in cui la Chiesa Ortodossa non ha attecchito?

    Che fai degli altri paesi cattolici dell'est europeo?
    E poi ad nord-est della Polonia c'è una grande minoranza di ortodossi!

Discussioni Simili

  1. Romania: la situazione della Chiesa e dei cattolici
    Di robdealb91 nel forum Principale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 02-02-2009, 11:24
  2. Chiesa Cattolica ad Atene
    Di Ecros91 nel forum Principale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-03-2008, 20:09

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •